Linee guida per la diagnosi e il trattamento della sciatica a El Paso, TX

Condividi

La cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativa ben nota comunemente utilizzata per trattare i sintomi della sciatica. Sciatica è caratterizzato come dolore radiante che ha origine nella parte bassa della schiena che poi viaggia lungo i glutei e le anche nella gamba e nel piede a seguito della compressione del nervo sciatico. I sintomi si sviluppano generalmente su un singolo lato del corpo, tuttavia, la sciatica può verificarsi su entrambi i lati del corpo umano. Il dolore del nervo sciatico può variare in frequenza ed intensità da persona a persona ed è comunemente descritto come una sensazione opaca, acuta, di spilli e aghi simile alle scosse elettriche.

Altri sintomi includono, bruciore, intorpidimento e sensazioni di formicolio. Disturbi comuni noti per causare dolore al nervo sciatico includono: sindrome piriforme o compressione causata dall'infiammazione del muscolo piriforme, sublussazioni o disallineamenti della colonna vertebrale lombare, rigonfiamenti o ernie discali, gravidanza, tumori e disturbi non spinali come il diabete e la stitichezza. Poiché molti disturbi possono causare sciatica, la corretta diagnosi della fonte dei sintomi di ciascun individuo è essenziale per le esigenze di trattamento di ogni paziente. I test diagnostici per il dolore del nervo sciatico comprendono esami a raggi X, MRI, TAC e / o elettrodiagnostici. Questi esami possono aiutare a determinare possibili controindicazioni alla cura chiropratica.

La cura chiropratica si concentra sulla diagnosi, il trattamento e la prevenzione di una varietà di lesioni e / o condizioni che influenzano il sistema muscolo-scheletrico e nervoso ripristinando attentamente l'allineamento originale della colonna vertebrale attraverso l'uso di regolazioni spinali e manipolazioni manuali, tra gli altri tipi di metodi di trattamento . Lo scopo della cura chiropratica è quello di aumentare naturalmente la capacità del corpo umano di guarire se stesso senza la necessità di farmaci / farmaci e / o interventi chirurgici. Un chiropratico può fornire una varietà di metodi di trattamento a seconda della fonte del dolore del nervo sciatico di un paziente. Un piano di trattamento comune per dolore nervoso sciatico eseguiti da un chiropratico possono includere aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, terapie ghiaccio / freddo per ridurre l'infiammazione, ultrasuoni per aumentare la circolazione, TENS o stimolazione nervosa elettrica transcutanea e modifiche dello stile di vita, come consigli nutrizionali, consigli di fitness e programmazione del sonno. Altri metodi di trattamento comunemente utilizzati da un chiropratico per il trattamento della sciatica includono la terapia di flessione-distrazione, la terapia di decompressione spinale e la terapia McKenzie.

La terapia di distrazione della flessione è una procedura delicata utilizzata per il dolore al collo e alla schiena che aumenta l'altezza del disco intervertebrale, consentendo ad ogni disco di assumere la sua posizione centrale al fine di diminuire la tensione, alleviare l'irritazione del nervo spinale e migliorare la circolazione. La terapia di distrazione della flessione può ripristinare le funzioni del corpo e alleviare il dolore. La terapia di decompressione spinale comporta uno stiramento intermittente della colonna vertebrale in modo controllato utilizzando un tavolo di trazione o un dispositivo motorizzato simile per creare una pressione intradiscale negativa al fine di alleviare il dolore alla schiena e / o irradiare dolore promuovendo il passaggio di nutrienti curativi nel disco e fornendo un ambiente di guarigione migliore per dischi sporgenti o erniati. E infine, la terapia McKenzie è un approccio standardizzato per la valutazione e il trattamento della sciatica. Il metodo di trattamento richiede che un paziente partecipi a una serie di attività fisiche al fine di valutare la risposta al dolore del paziente e determinare il problema di salute. La terapia McKenzie utilizza quindi tali informazioni per sviluppare una routine di fitness con un focus sull'alleviare i sintomi dolorosi.

Sebbene la cura chiropratica sia un'opzione di trattamento alternativa sicura ed efficace comunemente utilizzata per trattare i sintomi della sciatica, la sciatica può essere causata da disturbi oltre il limite della cura chiropratica. Se un medico chiropratico o chiropratico determina che il disturbo di un paziente richiede un trattamento da un altro tipo di specialista, può riferire l'individuo a un altro operatore sanitario per ulteriori trattamenti. In molti casi, il chiropratico che fa riferimento può continuare la cura chiropratica mentre co-gestisce il trattamento del paziente con l'altro specialista. Inoltre, lo scopo del seguente articolo è di dimostrare una varietà di linee guida di trattamento sulla diagnosi e il trattamento della sciatica. Tuttavia, poiché mancano le informazioni riguardanti la prevalenza della fonte di sciatica e la sua risposta a specifici metodi di trattamento, ulteriori studi di ricerca sono ancora necessari per determinare l'efficacia delle linee guida sul trattamento menzionate di seguito.

Diagnosi e trattamento della sciatica

La sciatica colpisce molte persone. I sintomi più importanti sono l'irradiazione del dolore alle gambe e le relative disabilità. I pazienti vengono comunemente trattati nell'assistenza primaria, ma una piccola parte è riferita all'assistenza secondaria e può eventualmente essere sottoposta ad intervento chirurgico. Molti sinonimi di sciatica appaiono in letteratura, come la sindrome radicolare lombosacrale, le ischemie, i dolori alle radici nervose e l'intrappolamento delle radici nervose.

Punti di sintesi

  • La maggior parte dei pazienti con sciatica acuta ha una prognosi favorevole ma circa 20% -30% ha problemi persistenti dopo uno o due anni
  • La diagnosi si basa sull'assunzione della storia e sull'esame fisico
  • L'imaging è indicato solo in pazienti con condizioni di "bandiera rossa" o in cui viene considerata la chirurgia del disco
  • I trattamenti passivi (riposo a letto) sono stati sostituiti con trattamenti più attivi
  • Il consenso è che il trattamento iniziale è conservativo per circa 6-8 settimane
  • La chirurgia del disco può fornire un sollievo più rapido del dolore alle gambe rispetto alla cura conservativa, ma non sono state riscontrate chiare differenze dopo uno o due anni

In circa 90% dei casi la sciatica è causata da un'ernia del disco con compressione delle radici nervose, ma le stenosi lombari e (meno spesso) i tumori sono possibili cause. La diagnosi di sciatica e la sua gestione variano considerevolmente all'interno e tra i paesi - ad esempio, i tassi di chirurgia per discectomia lombare variano ampiamente tra i paesi. [W1] Una recente pubblicazione ha confermato questa grande variazione nella chirurgia del disco, anche all'interno dei paesi. [1] può in parte essere causato da una scarsità di evidenze sul valore degli interventi diagnostici e terapeutici e una mancanza di linee guida cliniche chiare o riflettere le differenze nei sistemi sanitari e assicurativi. Questa recensione presenta lo stato attuale della scienza per la diagnosi e il trattamento della sciatica.

Fonti e criteri di selezione

Abbiamo identificato revisioni sistematiche nella Biblioteca Cochrane valutando l'efficacia degli interventi conservativi e chirurgici per la sciatica. Le ricerche di Medline fino a dicembre 2006 sono state effettuate per trovare altre revisioni sistematiche rilevanti sulla diagnosi e il trattamento della lombalgia. Le parole chiave erano sciatica, ernia nuclei pulposi, ischemie, intrappolamento delle radici nervose, revisione sistematica, meta-analisi, diagnosi e trattamento. Inoltre, abbiamo utilizzato i nostri file personali per altri riferimenti, incluse pubblicazioni di recenti studi clinici randomizzati. Infine abbiamo controllato la disponibilità delle linee guida cliniche.

Insight di Dr. Alex Jimenez

La sciatica è definita clinicamente come un gruppo collettivo di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione, comunemente caratterizzata da dolore radiante lungo il nervo sciatico nella parte bassa della schiena, che scorre lungo i glutei e in entrambe le gambe e i piedi. La sciatica generalmente si presenta lungo un singolo lato del corpo sebbene possa raramente interessare entrambi i lati del corpo umano. Il dolore del nervo sciatico può manifestarsi a seguito di una varietà di lesioni e / o condizioni, come un disco sporgente o erniato, che spesso può rendere difficile per il personale sanitario curarlo adeguatamente. Il ruolo di un chiropratico è quello di determinare la fonte di sciatica di un paziente al fine di utilizzare il miglior metodo di trattamento per il loro problema di salute specifico. Un chiropratico, o dottore in chiropratica, userà comunemente aggiustamenti spinali e manipolazioni manuali, tra gli altri metodi di trattamento, per ripristinare attentamente l'integrità originale della colonna vertebrale e migliorare i sintomi della sciatica. La cura chiropratica può aumentare il potenziale del corpo umano di guarire naturalmente da solo.

Chi ottiene Sciatica?

Mancano dati esatti sull'incidenza e sulla prevalenza della sciatica. In generale si stima che il 5% -10% di pazienti con lombalgia abbia sciatica, mentre la prevalenza una tantum del dolore lombare varia da 49% a 70%. [W2] La prevalenza annuale di sciatica correlata al disco nella popolazione generale è stimato a 2.2%. [2] Sono stati segnalati alcuni fattori di rischio personali e professionali per la sciatica, tra cui età, altezza, stress mentale, fumo di sigaretta ed esposizione a vibrazioni dei veicoli. [2, 3, w2] Evidenza per un'associazione tra sciatica e sesso o forma fisica è in conflitto. [2, 3, w2]

Fattori di rischio per la sciatica acuta [3, w2]

Fattori personali

  • Età (picco 45-64 anni)
  • Aumentare il rischio con l'altezza
  • fumo
  • Stress mentale

Fattori occupazionali

  • Attività fisica intensa, ad esempio il sollevamento frequente, in particolare durante la piegatura e la torsione
  • Guida, compresa la vibrazione di tutto il corpo

Come viene diagnosticata la Sciatica?

La sciatica è principalmente diagnosticata attraverso l'anamnesi e l'esame obiettivo. Per definizione i pazienti riferiscono dolore irradiante alla gamba. Potrebbe essere richiesto di riferire la distribuzione del dolore e se si irradia sotto il ginocchio e i disegni possono essere utilizzati per valutare la distribuzione. La sciatica è caratterizzata da dolore radiante che segue un pattern dermatomale. I pazienti possono anche segnalare sintomi sensoriali.

L'esame fisico dipende in gran parte dai test neurologici. L'indagine più applicata è la prova di innalzamento della gamba tesa o il segno di Lasègue. I pazienti con sciatica possono anche avere lombalgia, ma di solito è meno grave del dolore alle gambe. Il valore diagnostico della storia e dell'esame obiettivo non è stato ben studiato. [4] Nessun articolo di storia o test di esame fisico hanno sia un'elevata sensibilità che un'elevata specificità. La sensibilità aggregata del test di sollevamento della gamba dritta è stimata in 91%, con una specificità aggregata corrispondente di 26%. [5] L'unico test con un'elevata specificità è il test di innalzamento della gamba tesa incrociata, con una specificità aggregata di 88% ma la sensibilità di solo 29%. [5] Complessivamente, se un paziente riferisce il tipico dolore radiante in una gamba combinato con un risultato positivo su uno o più test neurologici che indicano tensione della radice nervosa o deficit neurologico, la diagnosi di sciatica sembra giustificata. Di seguito sono riportati i segni e i sintomi che aiutano a distinguere tra sciatica e lombalgia aspecifica.

Indicatori per Sciatica [w5]

  • Dolore alle gambe unilaterale superiore alla lombalgia
  • Dolore che si irradia a piedi o dita dei piedi
  • Intorpidimento e parestesia nella stessa distribuzione
  • Il test di sollevamento della gamba dritta induce più dolore alle gambe
  • Neurologia localizzata, cioè limitata a una radice nervosa

Qual è il valore dell'imaging?

L'imaging diagnostico è utile solo se i risultati influenzano l'ulteriore gestione. Nella sciatica acuta la diagnosi si basa sull'assunzione della storia e l'esame obiettivo e il trattamento è conservativo (non chirurgico). L'imaging può essere indicato in questa fase solo se vi sono indicazioni o "segnali rossi" che la sciatica può essere causata da una malattia di base (infezioni, tumori maligni) piuttosto che da ernia del disco.

L'imaging diagnostico può anche essere indicato in pazienti con sintomi gravi che non rispondono alle cure conservative per le settimane 6-8. In questi casi si può prendere in considerazione la chirurgia e l'imaging utilizzato per identificare se è presente un'ernia del disco con compressione della radice nervosa e la sua posizione ed estensione. È importante come parte della decisione di operare che i risultati clinici e i sintomi corrispondano bene con i risultati della scansione. Ciò è particolarmente rilevante perché le ernie del disco identificate dalla tomografia computerizzata o dalla risonanza magnetica sono altamente prevalenti (20% -36%) in persone senza sintomi che non hanno sciatica. [6, w3] In molte persone con sintomi clinici di sciatica non lombare le ernie del disco sono presenti nelle scansioni. [7, 8] Al momento nessun tipo di metodo di imaging mostra un netto vantaggio rispetto ad altri. Sebbene alcuni autori preferiscano la risonanza magnetica al di sopra di altre tecniche di imaging perché la tomografia computerizzata ha una dose di radiazioni più alta o perché i tessuti molli sono meglio visualizzati, [9, 10] dimostra che entrambi sono ugualmente precisi nella diagnosi dell'ernia del disco lombare. [11] Radiografia per la diagnosi di ernia del disco lombare non è raccomandata in quanto i dischi non possono essere visualizzati dai raggi X. [11]

Qual è la prognosi?

In generale, il decorso clinico della sciatica acuta è favorevole e la maggior parte del dolore e della relativa disabilità si risolve entro due settimane. Ad esempio, in uno studio randomizzato che ha confrontato farmaci antinfiammatori non steroidei con placebo per sciatica acuta in cure primarie 60% dei pazienti recuperati entro tre mesi e 70% entro 12 mesi. [12] Informazioni su 50% di pazienti con acuta la sciatica inclusa nei gruppi placebo in studi randomizzati di interventi non chirurgici ha riportato un miglioramento nei giorni 10 e il miglioramento di 75% dopo quattro settimane. [13] Nella maggior parte dei pazienti la prognosi è buona, ma allo stesso tempo una proporzione sostanziale (fino a 30%) continua ad avere dolore per un anno o più. [12, 13]

Qual è l'efficacia dei trattamenti conservativi per la sciatica?

Il trattamento conservativo per la sciatica è principalmente finalizzato alla riduzione del dolore, sia con analgesici o riducendo la pressione sulla radice del nervo. Una recente revisione sistematica ha rilevato che i trattamenti conservativi non migliorano chiaramente il decorso naturale della sciatica nella maggior parte dei pazienti o riducono i sintomi. [14] Informare opportunamente i pazienti sulle cause e sulla prognosi attesa può essere una parte importante della strategia di gestione. Tuttavia, educare i pazienti sulla sciatica non è stato specificamente studiato in studi randomizzati controllati.

Le informazioni di seguito riepilogano le prove di efficacia per i trattamenti conservativi comunemente disponibili per la sciatica, inclusa la terapia iniettiva. Per la maggior parte degli interventi disponibili manca una forte evidenza di efficacia. È stata mostrata una piccola differenza nel dolore e nello stato funzionale tra il riposo a letto e il consiglio di rimanere attivi. [15] Come risultato di questo risultato, il riposo a letto - per molto tempo il cardine del trattamento per la sciatica - non è più ampiamente raccomandato . [w2, w4] Analgesici, farmaci antinfiammatori non steroidei e rilassanti muscolari non sembrano essere più efficaci del placebo nel ridurre i sintomi. Mancano prove di oppioidi e vari farmaci composti. Una revisione sistematica ha riportato che non esistono prove di trazione, farmaci antinfiammatori non steroidei, steroidi intramuscolari o tizanidina superiore al placebo. [13] Questa revisione ha suggerito che le iniezioni epidurali di steroidi potrebbero essere efficaci nei pazienti con sciatica acuta [ 13] Tuttavia, una revisione sistematica più recente di un numero maggiore di studi randomizzati ha riportato che non vi erano evidenze di effetti a breve termine positivi delle iniezioni di corticosteroidi e che gli effetti a lungo termine erano sconosciuti. [14] La stessa revisione sistematica ha riferito che la terapia fisica attiva (esercizi) non sembra essere migliore del trattamento inattivo (riposo a letto) e di altri trattamenti conservativi, come trazione, manipolazione, impacchi caldi o corsetti). [14]

Livelli di evidenza per i trattamenti conservativi per la sciatica

  • Riposo a letto (trade-off)
  • Rimanere attivo, in contrasto con il riposo a letto (probabilmente utile)
  • Analgesici o farmaci antinfiammatori non steroidei, agopuntura, iniezioni di steroidi epidurali, manipolazione spinale, terapia di trazione, terapia fisica, trattamento comportamentale, trattamento multidisciplinare (efficacia sconosciuta)

Qual è il ruolo della chirurgia in Sciatica?

L'intervento chirurgico per la sciatica si concentra sulla rimozione dell'ernia del disco e alla fine su parte del disco o sulla stenosi del foraminal, allo scopo di eliminare la causa sospetta della sciatica. Il trattamento ha lo scopo di alleviare il dolore alle gambe e i sintomi corrispondenti e non a ridurre il mal di schiena. Il consenso è che una sindrome di cauda equina è un'indicazione assoluta per un intervento chirurgico immediato. La chirurgia elettiva è la scelta per la sciatica monolaterale. Fino a poco tempo fa era disponibile solo uno studio randomizzato relativamente vecchio che confrontava l'intervento chirurgico con il trattamento conservativo per i pazienti con sciatica. [16] Questo studio ha dimostrato che l'intervento chirurgico ha avuto risultati migliori dopo un anno, mentre dopo quattro e 10 anni di follow-up non significativi le differenze sono state trovate. [16]

Una revisione Cochrane riassume gli studi clinici randomizzati disponibili che valutano la chirurgia del disco e la chemonucleolisi. [17] Nella chemonucleolisi l'enzima chimopapaina viene iniettato nel disco con lo scopo di restringere il nucleo polposo. La revisione ha riportato risultati migliori con la chirurgia del disco rispetto alla chemonucleolisi in pazienti con sciatica grave di durata relativamente lunga che varia da più di quattro settimane a più di quattro mesi. Chemonucleolysis era più efficace del placebo. Pertanto, indirettamente, la revisione ha suggerito che la chirurgia del disco è più efficace del placebo. Sulla base di dati provenienti da tre studi, gli autori hanno concluso che l'evidenza è considerevole che la discectomia chirurgica fornisce un sollievo clinico efficace per pazienti accuratamente selezionati con sciatica a seguito del prolasso del disco lombare che non riesce a risolversi con cura conservativa. Una recente recensione è giunta alla stessa conclusione. [18] La revisione Cochrane ha inoltre concluso che gli effetti a lungo termine dell'intervento chirurgico non sono chiari e che mancano anche prove sul timing ottimale della chirurgia. [17]

Prove controllate randomizzate non ancora incluse nelle revisioni sistematiche

Sono stati pubblicati altri due studi randomizzati controllati che confrontano la chirurgia discale con un trattamento conservativo. Uno studio (n = 56) ha confrontato la microdiscectomia con il trattamento conservativo in pazienti che avevano avuto sciatica da sei a settimane 12. [19] Nel complesso, non sono state riscontrate differenze significative per dolore alle gambe, mal di schiena e disabilità soggettiva in due anni di follow-up su. Il dolore alle gambe, tuttavia, sembrava inizialmente migliorare più rapidamente nei pazienti nel gruppo discectomia. Gli studi clinici condotti su vasta scala sono stati condotti negli Stati Uniti. [20, 21] I pazienti con sciatica per almeno sei settimane e confermata ernia del disco sono stati invitati a partecipare a uno studio randomizzato o randomizzato. prova o uno studio di coorte osservativo. I pazienti nello studio sono stati randomizzati alla chirurgia discale o alle cure conservative. I pazienti nello studio di coorte hanno ricevuto un intervento chirurgico discale o una terapia conservativa in base alle loro preferenze. Nello studio randomizzato (n = 501) entrambi i gruppi di trattamento sono migliorati sostanzialmente nell'arco di due anni per tutte le misure di outcome primarie e secondarie. Piccole differenze sono state riscontrate a favore del gruppo operatorio, ma queste non erano statisticamente significative per le misure di outcome primario. Solo il 50% dei pazienti randomizzati alla chirurgia ha ricevuto un intervento chirurgico entro tre mesi dall'inclusione rispetto al 30% randomizzato a terapia conservativa. Dopo due anni di follow-up, 45% dei pazienti nel gruppo di terapia conservativa è stato sottoposto a intervento chirurgico rispetto a 60% nel gruppo operatorio. [20]

La coorte osservazionale includeva i pazienti 743. Entrambi i gruppi sono migliorati sostanzialmente nel tempo, ma il gruppo operatorio ha mostrato risultati significativamente migliori per il dolore e la funzionalità rispetto al gruppo conservatore. Gli autori hanno menzionato cautela nell'interpretazione dei risultati a causa del potenziale confondimento mediante indicazione e perché le misure di outcome sono state riportate spontaneamente. [21]

I risultati indicano che sia la cura conservativa che la chirurgia discale sono opzioni terapeutiche rilevanti per i pazienti con sciatica della durata di almeno sei settimane. L'intervento chirurgico può fornire un sollievo più rapido dei sintomi rispetto all'assistenza conservativa, ma non sono state riscontrate grandi differenze nella percentuale di successo dopo uno o due anni di follow-up. Pazienti e medici possono quindi valutare i benefici e i rischi di entrambe le opzioni per fare scelte individuali. Ciò è particolarmente rilevante perché la preferenza dei pazienti per il trattamento può avere un'influenza positiva diretta sull'entità dell'effetto del trattamento.

Quali sono le raccomandazioni nelle linee guida cliniche?

Sebbene in molti paesi siano disponibili linee guida cliniche per la gestione della lombalgia non specifica, questo non è il caso della sciatica. [22] Di seguito sono riportate le raccomandazioni per la sciatica (sindrome radicolare lombo-sacrale) nelle linee guida cliniche recentemente emesse dal College olandese di Pratica generale. [W4] Dopo aver escluso malattie specifiche sulla base di bandiere rosse, la sciatica viene diagnosticata sulla base della presa della storia e dell'esame obiettivo. Il trattamento iniziale è conservativo, con una forte attenzione all'educazione del paziente, consigli per rimanere attivi, attività quotidiane continuative e trattamento adeguato per il dolore. In questa fase l'imaging non ha alcun ruolo. Il riferimento a un medico specialista, ad esempio neurologo, reumatologo, chirurgo della colonna vertebrale, è indicato nei pazienti i cui sintomi non migliorano dopo il trattamento conservativo per almeno 6-8 settimane. In questi casi riferiti si può prendere in considerazione la chirurgia. Il riferimento immediato è indicato nei casi con sindrome di cauda equina. Paresi acuta grave o paresi progressiva sono anche ragioni per il rinvio (entro pochi giorni).

Linee guida cliniche per la diagnosi e il trattamento della sciatica dal college olandese di pratica generale [w4]

Diagnosi

  • Verifica le condizioni della bandiera rossa, come tumori maligni, fratture osteoporotiche, radicolite e sindrome di cauda equina
  • Fai una cronologia per determinare la localizzazione; gravità; perdita di forza; disturbi della sensibilità; durata; corso; influenza della tosse, del riposo o del movimento; e conseguenze per le attività quotidiane
  • Effettuare un esame obiettivo, inclusi test neurologici, ad esempio test di sollevamento della gamba tesa (segno di Lasègue)
  • Effettuare i seguenti test in caso di dermatomal pattern, o risultato positivo su test di innalzamento della gamba tesa, o perdita di disturbi di forza o sensibilità: riflessi (tendine del ginocchio o di Achille), sensibilità dei lati laterali e mediali dei piedi e dei piedi, forza di Alluce durante l'estensione, camminando sulle dita dei piedi e sul tallone (differenze sinistra-destra), ha incrociato il segno di Lasègue
  • I test diagnostici di laboratorio o di imaging sono indicati solo in condizioni di bandiera rossa, ma non sono utili nei casi di sospetta ernia del disco

Trattamento

  • Spiegare la causa dei sintomi e rassicurare i pazienti che i sintomi di solito diminuiscono nel tempo senza misure specifiche
  • Consiglia di rimanere attivo e continuare le attività quotidiane; poche ore di riposo a letto possono fornire un sollievo sintomatico, ma non comportano un recupero più rapido
  • Prescrivere i farmaci, se necessario, secondo quattro passaggi: (1) paracetamolo; (2) farmaci antinfiammatori non steroidei; (3) tramadolo, paracetamolo o farmaco antinfiammatorio non steroideo in combinazione con codeina; e (4) morfina
  • Fare riferimento al neurochirurgo immediatamente nei casi di sindrome di cauda equina o paresi acuta grave o paresi progressiva (entro pochi giorni)
  • Fare riferimento a neurologo, neurochirurgo o chirurgo ortopedico per l'esame della chirurgia in caso di dolore radicolare intrattabile (che non risponde alla morfina) o se il dolore non diminuisce dopo 6-8 settimane di terapia conservativa

Sviluppi promettenti

Ulteriori informazioni basate sull'evidenza sono diventate disponibili sull'efficacia della cura chirurgica rispetto all'assistenza conservativa per i pazienti con sciatica. Sebbene le prove siano limitate, i risultati iniziali non suggeriscono importanti differenze a lungo termine (uno o due anni) tra questi due approcci. Questo risultato può essere parzialmente spiegato da pazienti che inizialmente hanno ricevuto cure conservative in seguito sottoposti a chirurgia del disco. In tutti gli studi disponibili sembra che una percentuale sostanziale di pazienti migliori nel tempo. Ciò vale per i pazienti sottoposti a chirurgia o che ricevono cure conservative. I pazienti sottoposti a chirurgia del disco hanno maggiori probabilità di ottenere un sollievo più rapido dei sintomi alle gambe rispetto ai pazienti che ricevono cure conservative. Se i sintomi non migliorano dopo 6-8 i pazienti di settimane possono optare per la chirurgia del disco. Coloro che sono titubanti sulla chirurgia e possono far fronte ai loro sintomi possono optare per una continua cura conservativa. La preferenza del paziente è quindi una caratteristica importante nel processo decisionale.

Dal momento che il mid-1990s si è verificato un passaggio nella gestione della sciatica da trattamenti passivi, come il riposo a letto, ad un approccio più attivo, con i pazienti viene consigliato di continuare le loro attività quotidiane il più possibile.

Ricerca futura

Sono necessarie ulteriori informazioni sull'importanza dei segni e dei sintomi clinici per la prognosi della sciatica e la risposta al trattamento. Ciò include il valore delle dimensioni e la posizione dell'ernia del disco, la compressione della radice nervosa visibile, il sequestro e i risultati della presa della storia e degli esami fisici e neurologici. L'analisi per sottogruppi in uno studio finlandese ha dimostrato che la discectomia era superiore al trattamento conservativo nei pazienti con ernia del disco a L4-5. [23] Nessuna prova forte esiste a favore o contro l'efficacia di molti dei trattamenti conservativi disponibili. Molti progressi possono essere raggiunti qui. Rimangono delle domande sull'efficacia degli analgesici per la sciatica e sul valore della terapia fisica e dell'istruzione e della consulenza del paziente. Nessuno studio ha ancora valutato l'efficacia del trattamento comportamentale e dei programmi di trattamento multidisciplinare.

Il fattore di necrosi tumorale α è stato identificato negli studi sugli animali e sull'uomo come un fattore nello sviluppo della sciatica. [23, 24] Il primo studio randomizzato che valutava un antagonista del fattore di necrosi tumorale nei pazienti con sciatica non ha trovato un risultato positivo. [25 ]

Risorse didattiche aggiuntive

  • BMJ Clinical Evidence (www.clinicalevidence.org)-Sostanze aggiornate fino a data per i medici sui benefici e i danni dei trattamenti per una varietà di disturbi
  • Cochrane Back Review Group (www.cochrane.iwh.on.ca)-Attività del gruppo di revisione incaricato di scrivere revisioni sistematiche di Cochrane sull'efficacia dei trattamenti per la lombalgia e la sciatica
  • Lombalgia: linee guida per la sua gestione (www.backpaineurope.org)- Linee guida recentemente pubblicate per la gestione della lombalgia e della sciatica da parte della direzione generale della Ricerca della Commissione europea

Prospettiva del paziente (A)

Dopo un episodio di lombaggine durante una vacanza ho continuato a soffrire di lombalgia e formicolio per circa nove mesi. Poi improvvisamente il mio piede destro ha iniziato a fare male male e dopo un po 'il dolore è diventato così grave che non sono riuscito a lasciare la mia casa. Lo specialista ordinò una risonanza magnetica (MRI) e rivelò una grande ernia del disco lombare. Dal momento che è peggiorato dopo che ho deciso di fare un intervento chirurgico.

Dopo l'operazione ho recuperato rapidamente e il dolore alla schiena e alle gambe erano completamente scomparsi. Presto sono stato in grado di tornare al lavoro e ricostruire la mia vita sociale. Sfortunatamente dopo un paio di mesi la lombalgia e gli altri sintomi sono tornati, anche se non così gravi come prima dell'intervento. Una nuova scansione MRI ha ora rivelato due piccole ernie del disco e due dischi intervertebrali difettosi. Lo specialista mi ha detto che era troppo presto per una seconda operazione.

Ora non è chiaro per me cosa può fare il medico e non so nemmeno quali misure posso prendere. Il dolore costante alla schiena e alle gambe interferisce enormemente con il mio lavoro e la mia vita sociale. A volte mi sento come una persona anziana a causa dei miei limiti fisici. Cerco di rimanere positivo, ma è difficile far fronte all'incertezza.

C Penning, invecchiato 32, Rotterdam

Prospettiva del paziente (B)

Le mie lamentele sono iniziate circa quattro mesi fa con dolore nella parte bassa della schiena. Poco dopo il dolore si irradiò nelle mie gambe, per le quali andai dal mio medico di famiglia. La sua analisi non era un'ernia discale. Un rilassante muscolare in combinazione con un rinvio ad un fisioterapista ridurrebbe i sintomi. Tre settimane di fisioterapia seguite da diversi trattamenti da un chiropratico non hanno fornito alcun sollievo dai sintomi. In realtà i sintomi sono peggiorati, specialmente durante il cammino e la posizione eretta. Sdraiarsi e pedalare erano molto meglio tollerati. Ulteriori lamentele sono state la riduzione della forza nella gamba sinistra, non essere in grado di stare in piedi sul tallone o sui piedi, una sensazione di freddo nella parte inferiore della gamba alla fine della giornata, mentre al mattino sembrava di stare in piedi in un gruppo di aghi.

Circa un mese fa un neurologo diagnosticò un'ernia discale sul lato destro basata su una risonanza magnetica. Tuttavia, questo non ha potuto spiegare i sintomi della gamba sinistra. I sintomi nella gamba sinistra potrebbero essere dovuti alla stenosi spinale. I reclami non erano abbastanza gravi da consigliare un intervento chirurgico e il neurologo mi ha detto che ci si aspettava un miglioramento sostanziale entro un periodo di 3-4 mesi. Il suo consiglio era di continuare il più possibile le normali attività quotidiane. Allo stato attuale (un mese dopo) sento un miglioramento dei miei sintomi.

J Vreuls, invecchiato 49, L'Aia

Materiale supplementare

Riferimenti Web: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1895638/bin/bmj_334_7607_1313__index.html

Note

  • Collaboratori: BWK ha scritto la prima bozza. MWvT e WCP hanno valutato criticamente e migliorato il manoscritto. BWK è garante.
  • Interessi conflittuali: Nessuno dichiarato.
  • Provenienza e revisione tra pari: commissionato; peer reviewed.

In conclusione, la cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativa popolare comunemente utilizzata per trattare i sintomi della sciatica. Mentre il dolore del nervo sciatico può verificarsi a causa di una varietà di lesioni e / o condizioni, lo scopo della cura chiropratica è quello di determinare la fonte della sciatica di un paziente al fine di trattare adeguatamente i loro sintomi utilizzando una varietà di metodi di trattamento. L'articolo sopra mostra diverse linee guida di trattamento per la sciatica, tuttavia, sono necessari ulteriori studi di ricerca. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Weinstein JN, Lurie JD, Olson PR, Bronner KK, Fisher ES. Tendenze degli Stati Uniti e variazioni regionali nella chirurgia della colonna lombare: 1992-2003. Spine 2006; 31: 2707-14. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
2. Younes M, Bejia I, Aguir Z, Letaief M, Hassen-Zroer S, Touzi M, et al. Prevalenza e fattori di rischio di sciatica legata al disco in una popolazione urbana in Tunisia. Giunto osseo articolare 2006; 73: 538-42. [PubMed]
3. Miranda H, Viikari-Juntera E, Martikainen R, Takala E, Riihimaki H. Fattori individuali, carico professionale ed esercizio fisico come predittori del dolore sciatico. Spine 2002; 27: 1102-9. [PubMed]
4. Vroomen PCAJ, Krom MCTFM de, Knottnerus JA. Valore diagnostico della storia e dell'esame obiettivo in pazienti con sospetto di sciatica a causa di ernia del disco: una revisione sistematica. J Neurol 1999; 246: 899-906. [PubMed]
5. Deville WLJM, Windt DAWM, van der Dzaferagic A, Bezemer PD, Bouter LM. Il test di Lasegue: revisione sistematica dell'accuratezza nella diagnosi dei dischi erniati. Spine 2000; 25: 1140-7. [PubMed]
6. Jensen MC, Brant-Zawadzki MN, Obuchowski N, Modic MT, Malkasian D, Ross JS. Imaging a risonanza magnetica della colonna lombare in persone senza dolore alla schiena. N Engl J Med 1994; 331: 69-73. [PubMed]
7. Modic MT, Ross JS, Obuchowski NA, Browning KH, Cianflocco AJ, Mazanec DJ. Imaging RM potenziato dal contrasto nella radicolopatia lombare acuta: uno studio pilota della storia naturale. Radiologia 1995; 195: 429-35. [PubMed]
8. Modic MT, Obuchowski NA, Ross J, Brant-Zawadzki MN, Grooff PN, Mazanec DJ, et al. Lombalgia acuta e radicolopatia: reperti di imaging RM e loro ruolo prognostico ed effetto sul risultato. Radiologia 2005; 237: 597-604. [PubMed]
9. Govind J. Lombare dolore radicolare. Aus Fam Phys 2004; 33: 409-12. [PubMed]
10. Awad JN, Moskovich R. ernia del disco lombare: trattamento chirurgico contro trattamento non chirurgico. Clin Orthop Relat Res 2006; 443: 183-97. [PubMed]
11. Jarvik JG, Deyo RA. Valutazione diagnostica della lombalgia con enfasi sull'imaging. Ann Intern Med 2002. 137: 586-97. [PubMed]
12. Weber H, Holme I, Amlie E. Il decorso naturale della sciatica acuta con sintomi delle radici nervose in uno studio in doppio cieco controllato con placebo per valutare l'effetto del piroxicam (NSAID). Spine 1993; 18: 1433-8. [PubMed]
13. Vroomen PCAJ, Krom MCTFM de, Slofstra PD, Knottnerus JA. Trattamento conservativo della sciatica: una revisione sistematica. J Spinal Dis 2000; 13: 463-9. [PubMed]
14. Luijsterburg PAJ, Verhagen AP, Ostelo RWJG, van Os TAG, Peul WC, Koes BW. Efficacia dei trattamenti conservativi per la sindrome radicolare lombosacrale: una revisione sistematica. Eur Spine J 2007. Apr 6; (Epub in anticipo rispetto alla stampa). [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
15. Hagen KB, Jamtvedt G, Hilde G, Winnem MF. La revisione Cochrane aggiornata di bedrest per lombalgia e sciatica. Spine 2005; 30: 542-6. [PubMed]
16. Ernia del disco di Weber H. Lumbar. Uno studio prospettico controllato con dieci anni di osservazione. Spine 1983; 8: 131-40. [PubMed]
17. Gibson JN, Waddell G. Interventi chirurgici per il prolasso del disco lombare. Database Cochrane Syst Rev 2007. Jan 24; (1): CD001350. [PubMed]
18. Van Tulder MW, Koes B, Seitsalo S, Malmivaara A. Esito delle modalità di trattamento invasive sul mal di schiena e sulla sciatica: una revisione basata sull'evidenza. Eur Spine J 2006; 15: S82-92. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
19. Osterman H, Seitsalo S, Karppinen J, Malmivaara A. Efficacia della microdiscectomia per ernia del disco lombare. Spine 2006; 31: 2409-14. [PubMed]
20. Weinstein JN, Tosteson TD, Lurie JD, Tosteson ANA, Hanscom B, Skinner JS, et al. Trattamento chirurgico vs non chirurgico per ernia del disco lombare: la sperimentazione del trial sulla colonna vertebrale (SPORT): uno studio randomizzato. JAMA 2006; 296: 2441-50. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
21. Weinstein JN, Lurie JD, Tosteson TD, Skinner JS, Hanscom B, Tosteson ANA, et al. Trattamento chirurgico vs non operatorio per ernia del disco lombare: il paziente vertebrale valuta la coorte osservativa del trial di ricerca (SPORT). JAMA 2006; 296: 2451-9. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
22. Koes BW, Tulder MW van, Ostelo R, Burton AK, Waddell G. Linee guida cliniche per la gestione della lombalgia nelle cure primarie: un confronto internazionale. Spine 2001; 26: 2504-13. [PubMed]
23. Mulleman D, Mammou S, Griffoul I, Watier H, Goupille P. Fisiopatologia della sciatica legata al disco. I. Prove che supportano una componente chimica. Giunto osseo articolare 2006; 73: 151-8. [PubMed]
24. Mulleman D, Mammou S, Griffoul I, Watier H, Goupille P. Fisiopatologia della lombalgia e della sciatica legata al disco. II. Evidenza a supporto del trattamento con antagonisti del TNF-alfa. Giunto osseo articolare 2006; 73: 270-7. [PubMed]
25. Korhonen T, Karppinen J, Paimela L, Malmivaara A, Lindgren KA, Bowman C, et al. Il trattamento della sciatica indotta da ernia del disco con infliximab: risultati di follow-up a un anno di FIRST II, ​​uno studio controllato randomizzato. Spine 2006; 31: 2759-66. [PubMed]

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Mal di schiena è un reclamo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

ARGOMENTO EXTRA IMPORTANTE: trattamento del dolore da emicrania

ALTRI TEMI: EXTRA EXTRA: El Paso, Tx | Atleti

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘