Condividi

La depressione è abbastanza comune, infatti l'11% degli americani è attualmente in trattamento con un antidepressivo. Gli antidepressivi sono il terzo farmaco più comunemente prescritto e molte persone assumono un antidepressivo per diversi anni. La depressione ha più sintomi che imitano l'infiammazione come fatica, mancanza di sonno e mal di testa.

Un approccio tradizionale alla depressione

A partire da ora, la depressione può essere classificata clinicamente come una carenza di serotonina a livello sinaptico. Tuttavia, i professionisti olistici mettono in discussione questa classificazione. Se è così, perché un antidepressivo impiega 6-8 settimane per avere effetto quando il farmaco viene assolto chimicamente entro poche ore dall'ingestione? Man mano che emergono ulteriori ricerche sull'intestino, sulla barriera emato-encefalica e sulla depressione, sorgono ulteriori domande considerando l'utilità degli antidepressivi.

In uno studio condotto, ai partecipanti è stata somministrata una pillola depressiva o una pillola placebo. Questo studio è stato condotto alla cieca, quindi i partecipanti non erano a conoscenza della forma di trattamento ricevuta. Il risultato finale ha concluso che c'era a malapena una differenza tra il gruppo placebo e il gruppo pillola anti-depressione. Dimostrando che gli antidepressivi non hanno alcun effetto reale sul cervello e sui sintomi della depressione.

Questo studio dimostra che gli antidepressivi sono più una dipendenza e gli individui sono fatti pensare che siano più utili di quanto non siano realmente. I pazienti diventano dipendenti dagli antidepressivi e lo svezzamento di un paziente da loro ha dimostrato di essere simile a un individuo che si ritira dall'uso intenso di oppioidi.

Una visione olistica

Come accennato in precedenza, i nuovi studi rappresentano una forte connessione clinica tra l'intestino e il cervello e hanno operatori sanitari funzionali che mettono in discussione la vera efficacia degli antidepressivi. Ciò che i professionisti funzionali sanno è che la depressione significa che il corpo è sbilanciato e il ripristino dell'equilibrio inizia valutando la flora del corpo. Proprio come molte altre condizioni di salute, il fattore sottostante e trainante è infiammazione.

Ora sappiamo che il 95% della serotonina del corpo viene creata e immagazzinata nell'intestino. Se la depressione è una mancanza di serotonina, allora perché l'intestino non è il primo posto in cui guardiamo? Lo stress cronico e i fattori ambientali svolgono un ruolo significativo nella microflora intestinale e nei batteri che si trovano all'interno. L'intestino dovrebbe contenere un equilibrio di batteri sani e patogeni per funzionare correttamente. Quando questi batteri diventano sbilanciati, l'intestino inizia a causare problemi, causando alla fine sintomi come affaticamento, gonfiore, allergie, mal di testa, riduzione della libido, squilibrio ormonale e altro ancora.

Modi per aiutare il tuo intestino

Per migliorare naturalmente la salute dell'intestino, una dieta equilibrata è la chiave. Sbarazzarsi degli alimenti trasformati e ricchi di carboidrati riduce l'infiammazione. L'aumento di fibre, omega salutari e fitonutrienti fornisce all'intestino più energia per nutrire i batteri sani all'interno. Anche integratori naturali come zinco, curcumina, vitamina D, NAC, probiotici e glicina hanno dimostrato di avere un impatto positivo sull'intestino. Infine, tre minuti di meditazione e respirazione profonda della pancia al giorno possono aiutare la positività a influenzare la microflora intestinale e l'umore.

Ecco un rapporto di esempio del test Profilo completo effetti GI di Genova usiamo sui nostri pazienti per valutare la loro salute intestinale:

Personalmente, ci sono un certo numero di persone che conosco che sono state o sono su un antidepressivo. L'approccio di guardare all'intestino prima di dare una pillola mostra più promesse nella guarigione rispetto ai farmaci a prescrizione a lungo termine. Incoraggio vivamente a mangiare cibi integrali locali, cibi fermentati e stare lontano dai cibi infiammatori come primo passo per aiutare la nostra salute mentale. -Kenna Vaughn, Senior Health Coach

Riferimenti:

Brogan, Kelly. "Spostare il paradigma della depressione: la psiconeuroimmunologia." Università di medicina funzionale. 2020, www. Functionalmedicineuniversity. com / soci / 1048.cfm.

Lo scopo delle nostre informazioni è limitato a problemi di chiropratica, muscoloscheletrici e di salute nervosa o articoli, argomenti e discussioni di medicina funzionale. Utilizziamo protocolli sanitari funzionali per il trattamento di lesioni o disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico. Il nostro ufficio ha fatto un ragionevole tentativo di fornire citazioni di supporto e ha identificato gli studi di ricerca pertinenti o studi a supporto dei nostri posti. Facciamo anche copie degli studi di ricerca di supporto disponibili al consiglio e / o al pubblico su richiesta. Per discutere ulteriormente l'argomento sopra, non esitate a chiedere Il dottor Alex Jimenez o contattaci al 915-850-0900.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘