Confronto tra chiropratica e cure ambulatoriali ospedaliere per il mal di schiena | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Confronto tra la cura chiropratica e ospedaliera per il mal di schiena

Mal di schiena è una delle cause più comuni che le persone visitano il proprio medico ogni anno. Un medico di base è spesso il primo medico che può fornire un trattamento per una varietà di lesioni e / o condizioni, tuttavia, tra quelle persone che cercano opzioni di trattamento complementari e alternative per il mal di schiena, la maggior parte delle persone sceglie la cura chiropratica. La cura chiropratica si concentra sulla diagnosi, il trattamento e la prevenzione del trauma e della malattia del sistema muscolo-scheletrico e nervoso, correggendo i disallineamenti della colonna vertebrale attraverso l'uso di regolazioni spinali e manipolazioni manuali.

Approssimativamente il 35% di individui cerca trattamento chiropratico per il mal di schiena causato da incidenti automobilistici, lesioni sportive e una varietà di tensioni muscolari. Tuttavia, quando le persone subiscono un trauma o un infortunio a causa di un incidente, possono prima ricevere un trattamento per i loro sintomi di mal di schiena in un ospedale. L'assistenza ambulatoriale ospedaliera descrive un trattamento che non richiede un pernottamento in una struttura medica. Uno studio di ricerca ha condotto un'analisi comparativa degli effetti della cura chiropratica e della gestione ambulatoriale ospedaliera per il mal di schiena. I risultati sono descritti in dettaglio di seguito.

astratto

Obbiettivo: Per confrontare l'efficacia in tre anni di gestione ambulatoriale chiropratica e ospedaliera per la lombalgia.

Design: Assegnazione randomizzata dei pazienti alla gestione ambulatoriale chiropratica o ospedaliera.

Ambito: Cliniche chiropratiche e ambulatori ospedalieri a una ragionevole distanza di viaggio l'una dall'altra nei centri II.

Soggetti: 741 uomini e donne di età 18-64 con lombalgia in cui la manipolazione non era controindicata.

Misure di risultato: Cambiamenti nel punteggio totale del questionario 0swestry e nel punteggio per il dolore e la soddisfazione del paziente con il trattamento assegnato.

risultati: Secondo il punteggio totale di 0swestry, il miglioramento di tutti i pazienti a tre anni è stato di circa 291 / 6 in più rispetto a quelli trattati dai chiropratici rispetto a quelli trattati dagli ospedali. L'effetto benefico della chiropratica sul dolore era particolarmente chiaro. Quelli trattati da chiropratici hanno avuto ulteriori trattamenti per il mal di schiena dopo il completamento del trattamento di prova. Tra entrambi quelli inizialmente citati da chiropratici e da ospedali più votati chiropratici utili a tre anni rispetto alla gestione ospedaliera.

Conclusioni: A tre anni i risultati confermano i risultati di un precedente rapporto che quando i terapisti chiropratici o ospedalieri trattano i pazienti con lombalgia come nella pratica quotidiana, quelli trattati dalla chiropratica traggono più beneficio e soddisfazione a lungo termine rispetto a quelli trattati dagli ospedali.

Introduzione

In 1990 abbiamo riportato un miglioramento maggiore nei pazienti con lombalgia trattata dalla chiropratica rispetto a quelli in terapia ospedaliera ospedaliera. Lo studio era "pragmatico" nel permettere ai terapisti di trattare i pazienti come farebbero nella pratica quotidiana. Al momento del nostro primo rapporto, non tutti i pazienti erano stati sottoposti al processo per più di sei mesi. Questo documento presenta i risultati completi fino a tre anni per tutti i pazienti per i quali sono state fornite informazioni di follow-up dai questionari Oswestry e per altri risultati era disponibile per l'analisi. Presentiamo anche i dati sul dolore del questionario, che è per definizione la lamentela principale che richiede il rinvio o l'auto-segnalazione.

Immagine di un chiropratico che usa le regolazioni spinali per trattare un paziente per la lombalgia.

Metodi

I metodi sono stati completamente descritti nel nostro primo rapporto. I pazienti inizialmente indirizzati o che presentavano o in una clinica chiropratica o in ospedale venivano assegnati in modo casuale per essere curati sia in chiropratica che in ospedale. Un totale di pazienti 741 ha iniziato il trattamento. I progressi sono stati misurati con il questionario Oswestry sul mal di schiena, che fornisce punteggi per le sezioni I 0, ad esempio intensità del dolore e difficoltà nel sollevamento, nella camminata e nel viaggio. Il risultato è espresso su una scala che va da 0 (senza dolore o difficoltà) a 100 (punteggio più alto per dolore e maggiore difficoltà su tutti gli articoli). Per un singolo oggetto, come il dolore, i punteggi vanno da 0 a 10. Le principali misure di outcome sono i cambiamenti nel punteggio di Oswestry da prima del trattamento ad ogni follow up. A uno, due e tre anni è stato anche chiesto ai pazienti un ulteriore trattamento dal completamento del loro trattamento di prova o dal precedente questionario annuale. Al follow-up triennale è stato chiesto ai pazienti se pensavano che il loro trattamento di prova assegnato aveva aiutato il loro mal di schiena.

Nell'assegnazione casuale della minimizzazione del trattamento è stato utilizzato all'interno di ciascun centro per stabilire gruppi per l'analisi dei risultati secondo la clinica iniziale di riferimento, la durata dell'episodio corrente (più o meno di un mese), la presenza o l'assenza di una storia di mal di schiena, e un punteggio Oswestry all'ingresso di> 40 o <= 40%.

I risultati sono stati analizzati su base intention-to-treat (in base alla disponibilità di dati al follow-up e all'ingresso per i singoli pazienti). Le differenze tra i cambiamenti medi sono state testate da binomio t test e sono stati utilizzati i test X2 per verificare le differenze nelle proporzioni tra i due gruppi di trattamento.

Insight di Dr. Alex Jimenez

La chiropratica è una forma naturale di assistenza sanitaria che ha lo scopo di ripristinare e mantenere la funzione del sistema muscolo-scheletrico e nervoso, promuovendo la salute spinale e permettendo al corpo di guarire se stesso in modo naturale. La nostra filosofia pone l'accento sul trattamento del corpo umano nel suo complesso, piuttosto che sul trattamento di una singola lesione e / o condizione. Come chiropratico esperto, il mio obiettivo è quello di valutare correttamente i pazienti al fine di determinare quale tipo di trattamento guarirà più efficacemente il loro singolo tipo di problema di salute. Dalle regolazioni spinali e dalle manipolazioni manuali all'attività fisica, la cura chiropratica può aiutare a correggere i disallineamenti spinali che causano mal di schiena.

risultati

Follow-up I questionari Oswestry sono stati restituiti da una proporzione sempre maggiore di pazienti assegnati alla chiropratica rispetto al trattamento ospedaliero. A sei settimane, ad esempio, sono stati restituiti da 95% e 89% di pazienti chiropratici e ospedalieri, rispettivamente a tre anni da 77% e 70%.

I punteggi medi (SD) prima del trattamento erano 29-8 (14-2) e 28-5 (14-1) rispettivamente nei gruppi di trattamento chiropratico e ospedaliero. La tabella I mostra le differenze tra le variazioni medie dei punteggi totali di Oswestry in base al gruppo di trattamento assegnato casualmente. La differenza ad ogni follow up è il cambiamento medio per il gruppo chiropratico meno il cambiamento medio per il gruppo ospedaliero.

Tabella 1 Differenze tra le variazioni medie nei punteggi Oswestry

Le differenze positive riflettono quindi un miglioramento maggiore (dovuto ad un maggiore cambiamento nel punteggio) in quelli trattati dalla chiropratica che in ospedale (differenze negative al contrario). La differenza di punto percentuale 3-18 a tre anni nella tabella I rappresenta un miglioramento maggiore di 29% nei pazienti trattati con chiropratica rispetto al trattamento ospedaliero, il miglioramento assoluto nei due gruppi in questo momento è 14-1 e 10-9 punti percentuali, rispettivamente. Come nel primo rapporto quelli con brevi episodi attuali, una storia di mal di schiena e inizialmente alti punteggi Oswestry tendevano a trarre maggior beneficio dalla chiropratica. Quelli riferiti dai chiropratici derivarono in modo consistente più benefici dalla chiropratica di quelli riferiti dagli ospedali.

La tabella II mostra i cambiamenti tra i punteggi sull'intensità del dolore prima del trattamento e i punteggi corrispondenti ai vari intervalli di follow-up. Tutti questi cambiamenti erano positivi, il miglioramento indicato, ma erano tutti significativamente maggiori in quelli trattati dalla chiropratica, compresi i cambiamenti iniziali, cioè a sei settimane e sei mesi, quando le percentuali di ritorno dei questionari erano alte. Come con i risultati basati sul punteggio completo di Oswestry, il miglioramento dovuto alla chiropratica era maggiore in quelli inizialmente riferiti dai chiropratici, sebbene vi fosse anche un miglioramento non significativo (che varia da 9% a sei mesi a 34% a tre anni) a causa di chiropratica ad ogni intervallo di follow-up in quelli indicati dagli ospedali.

Tabella 2 Variazioni nei punteggi dalla sezione sull'intensità del dolore nel questionario Oswestry

Altri punteggi per singoli articoli sull'indice di Oswestry per mostrare un miglioramento significativo attribuibile alla chiropratica erano la capacità di sedersi per più di breve tempo e dormire (P = 0'004 e 0 03, rispettivamente, a tre anni), anche se le differenze non erano coerente come per il dolore. Anche altri punteggi (cura personale, sollevamento, camminata, posizione eretta, vita sessuale, vita sociale e viaggi) sono quasi tutti migliorati nei pazienti trattati con la chiropratica, sebbene la maggior parte delle differenze fosse piccola rispetto alle differenze per il dolore.

Percentuali più elevate di pazienti assegnati alla chiropratica hanno cercato un ulteriore trattamento (di qualsiasi tipo) per il mal di schiena dopo il completamento del trattamento di prova rispetto a quelli gestiti in ospedale. Per esempio, tra uno e due anni dopo l'entrata in prova i pazienti trattati con chiropratica 122 / 292 (42 80%) di 258 / 3 (1 6%) dei pazienti ospedalizzati lo hanno fatto (Xl = 8 0, P = 0 1 XNUMX) .

La Tabella III mostra le proporzioni dei pazienti a tre anni che ritenevano che il loro trattamento di prova assegnato avesse aiutato il loro mal di schiena. Tra quelli inizialmente riferiti dagli ospedali e tra quelli inizialmente indicati dai chiropratici, le proporzioni più elevate trattate dalla chiropratica consideravano che il trattamento aveva aiutato rispetto a quelli trattati in ospedale.

Tabella 3 Numero di pazienti al follow-up a tre anni

Messaggi chiave

  • Il mal di schiena spesso si risolve spontaneamente
  • I trattamenti efficaci per gli episodi non remissivi devono essere identificati più chiaramente
  • La chiropratica sembra essere più efficace della gestione ospedaliera, probabilmente perché più trattamenti sono distribuiti su periodi di tempo più lunghi
  • Un numero crescente di acquirenti di NHS sta rendendo disponibili trattamenti complementari, inclusa la chiropratica
  • Sono necessari ulteriori studi per identificare i componenti efficaci della chiropratica

Discussione

I risultati a sei settimane e sei mesi riportati nella tabella I sono identici a quelli del nostro primo rapporto, poiché tutti i pazienti erano stati seguiti per sei mesi. I risultati a un anno sono simili, poiché molti pazienti sono stati seguiti anche in quel momento. Il numero considerevolmente maggiore di pazienti con dati ora disponibili a due e tre anni mostra benefici minori a questi intervalli rispetto a prima, anche se questi ancora favoriscono in modo significativo la chiropratica. Il beneficio sostanziale della chiropratica sull'intensità del dolore è evidente all'inizio e quindi persiste. Le proporzioni sempre più grandi perse a seguire durante lo studio in quelle trattate in ospedale rispetto a quelle trattate dalla chiropratica suggeriscono una maggiore soddisfazione con la chiropratica. Questa conclusione è supportata (tabella III) dalle proporzioni più elevate in ciascun gruppo di riferimento considerando l'utilità chiropratica rispetto al trattamento ospedaliero.

Immagine di ricercatori medici che registrano risultati clinici sui risultati del trattamento della lombalgia.

La critica principale del processo dopo la nostra prima relazione si è incentrata sulla sua natura "pragmatica", in particolare il maggior numero di chiropratica rispetto ai trattamenti ospedalieri e il periodo più lungo in cui i trattamenti chiropratici sono stati diffusi e che sono stati deliberatamente consentiti. Queste considerazioni e le eventuali conseguenze delle percentuali più alte di pazienti assegnati alla chiropratica che hanno ricevuto ulteriori trattamenti nelle fasi successive del follow-up, tuttavia, non si applicano ai risultati a sei settimane e si applicano solo in misura limitata a sei mesi, quando il le proporzioni seguite erano alte e il trattamento extra non si era verificato o non era ancora completo. I benefici attribuibili alla chiropratica erano già evidenti (specialmente sul dolore, tabella II) a questi intervalli più brevi.

Crediamo che ora ci sia più supporto per la necessità di studi "fastidiosi" che si concentrano su componenti specifici della gestione e sulla loro fattibilità. Nel frattempo, i risultati del nostro studio dimostrano che la chiropratica ha un ruolo importante nella gestione della lombalgia.

Ringraziamo il dott. Iain Chalmers per aver commentato una precedente bozza del documento. Ringraziamo i coordinatori infermieri, lo staff medico, i fisioterapisti ei chiropratici nei centri 11 per il loro lavoro, e il dott. Alan Breen della British Chiropractic Association per il suo aiuto. I centri erano ad Harrow Taunton, Plymouth, Bournemouth e Poole, Oswestry, Chertsey, Liverpool, Chelmsford, Birmingham, Exeter e Leeds. Senza l'assistenza di molti membri dello staff in ciascuno, il processo non poteva essere completato.

finanziamento: Consiglio di ricerca medica, National Back Pain Association, European Chiropractors Union e King Edward's Hospital Fund per Londra.

Conflitto d'interesse: Nessuno.

In conclusione, dopo tre anni, i risultati dello studio di ricerca che confrontava la cura chiropratica e la gestione ambulatoriale ospedaliera per la lombalgia determinarono che le persone trattate con la chiropratica sperimentarono maggiori benefici e soddisfazione a lungo termine rispetto a quelle trattate dagli ospedali. Poiché il mal di schiena è una delle cause più comuni che le persone visitano ogni anno dal proprio operatore sanitario, è essenziale per cercare il tipo più efficace di assistenza sanitaria. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Referenze

  1. Meade TW, Dyer S, Browne W, Townsend J, Frank AO. Lombalgia di origine meccanica: confronto randomizzato tra trattamento ambulatoriale chiropratico e ospedaliero. BMJ. 1990 Jun 2;300(6737): 1431-1437. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
  2. Fairbank JC, Couper J, Davies JB, O'Brien JP. Il questionario sulla disabilità lombare di Oswestry. Fisioterapia. 1980 ago;66(8): 271-273. [PubMed]
  3. Pocock SJ, Simon R. Assegnazione del trattamento sequenziale con bilanciamento dei fattori prognostici nella sperimentazione clinica controllata. Biometrica. 1975 Mar;31(1): 103-115. [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

La sciatica è indicata come una raccolta di sintomi piuttosto che un singolo tipo di lesione o condizione. I sintomi sono caratterizzati da dolore radiante, intorpidimento e sensazioni di formicolio dal nervo sciatico nella parte bassa della schiena, giù per i glutei e le cosce e attraverso una o entrambe le gambe e nei piedi. La sciatica è comunemente il risultato di irritazione, infiammazione o compressione del nervo più grande del corpo umano, generalmente a causa di un'ernia del disco o dello sperone osseo.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: Trattamento del dolore della sciatica