Terapia cognitivo-comportamentale per lesioni da incidente automobilistico a El Paso, TX
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Terapia cognitivo-comportamentale per lesioni da incidente automobilistico a El Paso, TX

Essere coinvolti in un incidente automobilistico è una situazione indesiderabile che può comportare una serie di traumi fisici o lesioni e portare allo sviluppo di una serie di condizioni aggravanti. Lesioni da incidenti automobilistici, come il colpo di frusta, possono essere caratterizzati da sintomi dolorosi, tra cui il dolore al collo cronico, tuttavia, recenti studi hanno scoperto che il disagio emotivo derivante da una collisione automobilistica potrebbe manifestarsi in sintomi fisici. Stress, ansia, depressione e disturbo post traumatico da stress, o PTSD, sono problemi psicologici comuni che possono verificarsi a seguito di un incidente automobilistico.

I ricercatori degli studi di ricerca hanno inoltre stabilito che la terapia cognitivo-comportamentale può essere un trattamento efficace per il disagio emotivo e problemi psicologici che potrebbero essersi sviluppati a seguito delle lesioni da incidente automobilistico. Inoltre, le lesioni da incidente d'auto possono anche causare stress, ansia, depressione e persino PTSD se non trattate per un lungo periodo di tempo. Lo scopo di questo articolo è dimostrare gli effetti della terapia cognitivo-comportamentale, insieme a opzioni di trattamento alternative come la cura chiropratica e la terapia fisica. per incidenti automobilistici, come il colpo di frusta.

Esercizi sul collo, attività fisica e cognitiva comportamentale come trattamento per i pazienti adulti con colpo di frusta con dolore cronico al collo: progettazione di una sperimentazione controllata randomizzata

astratto

sfondo

Molti pazienti soffrono di dolore al collo cronico dopo un infortunio al colpo di frusta. Una combinazione di terapia cognitiva e comportamentale con interventi di fisioterapia è stata indicata per essere efficace nella gestione di pazienti con disturbi cronici associati a colpo di frusta. L'obiettivo è presentare il progetto di uno studio randomizzato controllato (RCT) volto a valutare l'efficacia di un programma combinato individuale di attività fisica e cognitiva sulla funzione fisica generale riferita, oltre alla funzione del collo, al dolore, alla disabilità e qualità della vita nei pazienti con dolore al collo cronico dopo lesione da colpo di frusta rispetto a un gruppo di controllo corrispondente misurato al basale e 4 e 12 mesi dopo il basale.

Metodi / Design

Il design è uno studio RCT a due centri con un design a gruppi paralleli. Inclusi sono i pazienti di colpo di frusta con dolore al collo cronico per più di 6 mesi, reclutati da cliniche di fisioterapia e un reparto ospedaliero ambulatoriale in Danimarca. I pazienti saranno randomizzati a un gruppo di gestione del dolore (controllo) oa un gruppo di gestione del dolore e di formazione (intervento) combinato. Il gruppo di controllo riceverà quattro sessioni educative sulla gestione del dolore, mentre il gruppo di intervento riceverà le stesse sessioni educative sulla gestione del dolore più sessioni di allenamento individuali 8 per i mesi 4, compresa la guida in esercizi specifici del collo e un programma di allenamento aerobico. I pazienti e i fisioterapisti sono consapevoli dell'allocazione e del trattamento, mentre i valutatori dei risultati e gli analisti dei dati sono in cieco. Le misure primarie di esito saranno lo 36 dello Short Outses dello studio dei risultati medici (SF36), Physical Component Summary (PCS). Gli esiti secondari saranno Effetto Percezionale Globale (-5 a + 5), Indice Disabilità del collo (0-50), Scala di funzionamento specifico del paziente (0-10), scala di valutazione numerica per il dolore meno grave (0-10), SF-36 mentale Component Summary (MCS), scala TAMPA di Kinesiofobia (17-68), Impatto della scala degli eventi (0-45), EuroQol (0-1), test di flessione craniocervicale (22 mmHg - 30 mmHg), test di errore della posizione articolare e cervicale raggio di movimento Le scale SF36 vengono valutate utilizzando metodi basati su norme con PCS e MCS aventi un punteggio medio di 50 con una deviazione standard di 10.

Discussione

Vengono discusse le prospettive di questo studio, oltre ai punti di forza e di debolezza.

Registrazione di prova

Lo studio è registrato in http://www.ClinicalTrials.gov identificatore NCT01431261.

sfondo

Il Consiglio nazionale della sanità danese stima che i soggetti 5-6,000 all'anno in Danimarca siano coinvolti in un incidente stradale che evoca il dolore al collo indotto da colpo di frusta. A proposito di 43% di quelli avrà ancora problemi fisici e sintomi 6 mesi dopo l'incidente [1]. Per la società svedese, comprese le compagnie assicurative svedesi, l'onere economico è di circa 320 milioni di euro [2], e questo onere dovrebbe essere paragonabile a quello della Danimarca. La maggior parte degli studi suggerisce che i pazienti affetti da Whiplash-Associated Disorders (WAD) riportano sintomi cronici del collo a un anno dalla lesione [3]. I principali problemi nei pazienti con colpo di frusta con dolore cronico al collo sono disfunzione cervicale e anormale elaborazione sensoriale, ridotta mobilità del collo e stabilità, compromissione del senso cervico-nervoso cervico-nervoso, oltre al dolore locale e probabilmente generalizzato [4,5]. La disfunzione cervicale è caratterizzata da una ridotta funzione dei muscoli di stabilizzazione profonda del collo.

Oltre al dolore cronico al collo, i pazienti con WAD possono soffrire di inattività fisica come conseguenza del dolore prolungato [6,7]. Ciò influenza la funzione fisica e la salute generale e può comportare una scarsa qualità della vita. Inoltre, i pazienti con WAD possono sviluppare dolore cronico seguito da sensibilizzazione del sistema nervoso [8,9], un abbassamento della soglia per diversi input sensoriali (pressione, freddo, caldo, vibrazioni ed impulsi elettrici) [10]. Questo può essere causato da un'inibizione del dolore centrale compromessa [11] - una riorganizzazione corticale [12]. Oltre alla sensibilizzazione centrale, il gruppo con WAD può avere strategie di coping più povere e funzioni cognitive, rispetto ai pazienti con dolore cronico al collo in generale [13-15].

Gli studi hanno dimostrato che l'allenamento fisico, compresi esercizi specifici rivolti ai muscoli posturali profondi della colonna cervicale, è efficace nel ridurre il dolore al collo [16-18] per i pazienti con dolore cronico al collo, sebbene vi sia una variabilità nella risposta all'allenamento con ogni paziente mostra un cambiamento importante. L'attività fisica comportamentale è un approccio terapeutico focalizzato sull'aumento della forma fisica generale, riducendo la paura del movimento e aumentando la funzione psicologica [19,20]. Non vi sono prove sufficienti per l'effetto a lungo termine del trattamento dell'attività fisica e cognitiva comportamentale, in particolare nei pazienti con dolore al collo cronico. Le sessioni educative, in cui l'attenzione si concentra sulla comprensione dei complessi meccanismi del dolore cronico e sullo sviluppo di appropriate strategie di coping del dolore e / o cognitivo comportamentali, hanno mostrato una riduzione del dolore generale [6,21-26]. Una revisione ha indicato che gli interventi con una combinazione di terapia cognitiva, comportamentale e fisioterapica, compresi gli esercizi del collo, sono efficaci nella gestione dei pazienti affetti da WAD con dolore cronico al collo [27], come raccomandato anche dalle linee guida cliniche olandesi per WAD [28]. Tuttavia, le conclusioni relative alle linee guida si basano in gran parte su studi condotti su pazienti con WAD acuto o subacuto [29]. Una conclusione più rigorosa è stata fatta per i pazienti affetti da WAD con dolore cronico nella Task Force 2000-2010 di Bone e Joint Decade, affermando che "a causa di prove contrastanti e pochi studi di alta qualità, non è stato possibile trarre conclusioni definitive sul non -invasivi interventi per pazienti con WAD cronico "[29,30]. Il concetto di trattamento combinato per pazienti affetti da WAD con dolore cronico è stato utilizzato in un precedente studio controllato randomizzato [31]. I risultati hanno indicato che una combinazione di esercizi aerobici non specifici e consigli contenenti educazione al dolore standardizzata e rassicurazione e incoraggiamento a riprendere l'attività leggera, ha prodotto risultati migliori rispetto alla sola consulenza per i pazienti con WAD 3 mesi dopo l'incidente. I pazienti hanno mostrato miglioramenti nell'intensità del dolore, nella penosopatia e nelle funzioni nelle attività quotidiane del gruppo che riceve esercizio e consulenza, rispetto alla sola consulenza. Tuttavia, i miglioramenti erano piccoli e solo apparenti nel breve periodo.

Questo progetto è formulato sull'aspettativa che la riabilitazione dei pazienti affetti da WAD con dolore cronico al collo debba colpire disfunzioni cervicali, allenamento della funzione fisica e comprensione e gestione del dolore cronico in un approccio di terapia combinata. Ogni singolo intervento si basa su studi precedenti che hanno dimostrato efficacia [6,18,20,32]. Questo studio è il primo a includere anche l'effetto a lungo termine dell'approccio combinato nei pazienti con dolore al collo cronico dopo trauma da colpo di frusta. Come illustrato nella Figura Figura1,1, il modello concettuale di questo studio si basa sull'ipotesi che l'allenamento (inclusi sia esercizi specifici del collo guidati individualmente sia un allenamento aerobico graduato) e l'educazione nella gestione del dolore (basata su un approccio cognitivo comportamentale) sia migliore per aumentando la qualità della vita fisica dei pazienti, rispetto all'educazione nella sola gestione del dolore. L'aumento della qualità della vita fisica include l'aumento della funzione fisica generale e del livello dell'attività fisica, la riduzione della paura del movimento, la riduzione dei sintomi post-traumatici da stress, la riduzione del dolore al collo e l'aumento della funzionalità del collo. Si prevede che l'effetto si verifichi immediatamente dopo il trattamento (ad es. 4 mesi, effetto a breve termine) e dopo un anno (effetto a lungo termine).

Figura 1 Ipotesi dell'effetto d'intervento
Figura 1: Ipotesi dell'effetto di intervento per i pazienti con dolore cronico al collo dopo un incidente di frusta.

Utilizzando uno studio randomizzato controllato (RCT), lo scopo di questo studio è di valutare l'efficacia di: allenamento fisico graduale, inclusi esercizi specifici del collo e allenamento aerobico generale, combinato con l'educazione alla gestione del dolore (basato su un approccio cognitivo comportamentale) rispetto a educazione alla gestione del dolore (basata su un approccio cognitivo comportamentale), misurata sulla qualità fisica della vita, sulla funzione fisica, sul dolore al collo e sul collo, paura del movimento, sintomi post-traumatici e qualità mentale della vita, in pazienti con dolore cronico al collo dopo una ferita da colpo di frusta.

Metodi / Design

Progetto di prova

Lo studio è condotto in Danimarca come RCT con un progetto di gruppo parallelo. Sarà uno studio a due centri, stratificato per posizione di reclutamento. I pazienti saranno randomizzati al gruppo di gestione del dolore (controllo) o al gruppo di gestione e allenamento del dolore (intervento). Come illustrato nella Figura Figura2,2, lo studio è progettato per includere una valutazione dei dati secondari 12 mesi dopo la baseline; la valutazione dell'esito primario verrà eseguita immediatamente dopo il programma di intervento 4 mesi dopo il basale. Lo studio utilizza un processo di dissimulazione dell'assegnazione, assicurando che il gruppo a cui è assegnato il paziente non sia noto prima che il paziente sia entrato nello studio. I valutatori dei risultati e i dati analisti saranno tenuti all'oscuro dell'assegnazione all'intervento o al gruppo di controllo.

Figura Diagramma di flusso 2 dei pazienti nello studio
Figura 2: Diagramma di flusso dei pazienti nello studio.

Impostazioni

I partecipanti saranno reclutati da cliniche di fisioterapia in Danimarca e dal Centro Spinale della Danimarca meridionale, dall'ospedale Lillebælt tramite un annuncio presso le cliniche e l'ospedale. Utilizzando cliniche di fisioterapia distribuite in tutta la Danimarca, i pazienti riceveranno l'intervento a livello locale. Le cliniche di fisioterapia in Danimarca ricevono i pazienti tramite referral dai loro medici generici. Il Centro Spinale, un'unità specializzata nel trattamento di pazienti con disfunzioni muscoloscheletriche e che trattano solo i pazienti, riceve pazienti indirizzati da medici generici e / o chiropratici.

Popolazione di studio

Saranno reclutati duecento adulti con un'età minima di anni 18, sottoposti a trattamento fisioterapico o sottoposti a trattamento fisioterapico. Affinché i pazienti siano eleggibili, devono avere: dolore al collo cronico per almeno 6 mesi dopo un infortunio a colpo di frusta, ridotta funzione fisica del collo (punteggio del Neck Disability Index, NDI, di un minimo di 10), dolore principalmente nella regione del collo, finito eventuali esami medici / radiologici, la capacità di leggere e comprendere il danese e la capacità di partecipare al programma di esercizi. I criteri di esclusione includono: neuropatie / radicolopatie (clinicamente testate da: test di Spurling positivo, trazione cervicale e plesso brachiale) [33], deficit neurologici (testati come nella normale pratica clinica attraverso un processo di esame per patologia sconosciuta), coinvolgimento in medicina sperimentale trattamento, in una situazione sociale e / o lavorativa instabile, gravidanza, fratture note, depressione secondo l'indice di depressione di Beck (punteggio> 29) [18,34,35], o altre condizioni mediche coesistenti note che potrebbero limitare gravemente la partecipazione al programma di esercizi. Ai partecipanti verrà chiesto di non cercare altri trattamenti fisioterapici o cognitivi durante il periodo di studio.

Intervento

Control

Il gruppo di gestione del dolore (controllo) riceverà un'istruzione nelle strategie di gestione del dolore. Ci saranno sessioni 4 di 11 / 2 ore, che coprono argomenti riguardanti i meccanismi del dolore, l'accettazione del dolore, le strategie di coping e l'impostazione degli obiettivi, sulla base dei concetti di gestione del dolore e terapia cognitiva [21,26,36].

Intervento

Il gruppo di gestione del dolore più formazione (intervento) riceverà la stessa formazione nella gestione del dolore di quelli nel gruppo di controllo più sessioni di trattamento 8 (istruzioni in esercizi del collo e allenamento aerobico) con lo stesso periodo di 4 mesi di lunghezza. Se il fisioterapista curante ritiene che siano necessari ulteriori trattamenti, il trattamento può essere esteso con più sessioni di 2. Allenamento del collo: il trattamento degli esercizi specifici del collo sarà effettuato attraverso diverse fasi, definite da livelli stabiliti di funzione del collo. Alla prima sessione di trattamento, i pazienti sono testati per la funzione neuromuscolare cervicale per identificare il livello specifico in cui iniziare l'allenamento del collo. Uno specifico programma di allenamento personalizzato verrà utilizzato per colpire i muscoli del flessore del collo e degli estensori. La capacità di attivare i muscoli flessori cervicali profondi della regione cervicale superiore per aumentare la forza, la resistenza e la funzione di stabilità viene allenata progressivamente tramite il metodo di allenamento craniocervicale utilizzando un trasduttore di feedback biopressione [18,37]. Verranno inclusi esercizi per la coordinazione collo-occhio, il posizionamento del collo, l'equilibrio e l'allenamento di resistenza dei muscoli del collo, poiché è stato dimostrato che riduce il dolore e migliora il controllo sensomotorio in pazienti con dolore al collo insidioso [17,38]. Allenamento aerobico: i grandi muscoli del tronco e delle gambe verranno allenati con un programma di allenamento fisico progressivamente crescente. I pazienti saranno autorizzati a selezionare attività come camminare, andare in bicicletta, camminare, nuotare e fare jogging. La linea base per la durata dell'allenamento viene impostata esercitando i tempi 3 a un livello confortevole, che non esacerba il dolore e punta a un livello di sforzo percepito percepito (RPE) tra 11 e 14 su una scala Borg [39]. La durata iniziale dell'allenamento è impostata su 20% al di sotto del tempo medio delle tre prove. Le sessioni di allenamento vengono svolte ogni due giorni con il presupposto che il dolore non sia peggiorato e che RPE si trovi tra 9 e 14. Viene utilizzato un diario di allenamento. Se i pazienti non presentano una recidiva e riportano un valore medio di RPE pari o inferiore a 14, la durata dell'allenamento per il periodo successivo (1 o 2 settimane) aumenta di 2-5 minuti, fino ad un massimo di 30 minuti. Se il livello RPE è 15 o superiore, la durata dell'allenamento verrà ridotta a un punteggio RPE medio da 11 a 14 ogni quindici giorni [20,40]. Utilizzando questi principi di stimolazione, l'allenamento verrà valutato individualmente dal paziente, con particolare attenzione allo sforzo percepito, al fine di aumentare il livello generale di attività fisica del paziente e la sua idoneità.

La compliance dei pazienti sarà amministrata dalla registrazione della loro partecipazione al gruppo di controllo e di intervento. Si riterrà che i pazienti nel gruppo di controllo abbiano completato la gestione del dolore se hanno partecipato a 3 da sessioni 4. Le pazienti nel gruppo di intervento saranno considerate completate se il paziente ha frequentato un minimo di 3 dalle sessioni di gestione del dolore 4 e un minimo di 5 dalle sessioni di formazione 8. L'addestramento domiciliare di ciascun paziente con esercizi al collo e allenamento aerobico sarà registrato da lui / lei in un diario di bordo. La conformità con 75% della formazione a casa pianificata sarà considerata come se avesse completato l'intervento.

Fisioterapisti

I fisioterapisti partecipanti saranno reclutati tramite un annuncio nel Journal di fisioterapia danese. I criteri di inclusione consistono in: essere un fisioterapista qualificato, lavorare in una clinica e avere almeno due anni di esperienza lavorativa come fisioterapista, aver frequentato un corso nell'intervento descritto e aver superato l'esame correlato.

Misure di uscita

Al basale saranno registrate le informazioni dei partecipanti su età, sesso, altezza e peso, tipo di incidente, farmaci, sviluppo dei sintomi negli ultimi due mesi (status quo, miglioramento, peggioramento), aspettativa di trattamento, occupazione e stato educativo. Come misura di esito primaria, verrà utilizzato lo 36 di Short Outeses Study (SF36) - Physical Component Summary (PCS) [41,42]. Le scale PCS vengono valutate utilizzando metodi basati su norme [43,44] con un punteggio medio di 50 con una deviazione standard di 10. L'esito primario rispetto ad avere un effetto, sarà calcolato come un cambiamento rispetto al basale [45]. Gli esiti secondari contengono dati su entrambi i test clinici e sui risultati riferiti dal paziente. Table Table11 presenta test clinici per misurare l'effetto dell'intervento sul controllo neuromuscolare dei muscoli cervicali, della funzione cervicale e dell'allodinia meccanica. Tabella Tabella22 presenta i risultati relativi al paziente tratti dai questionari utilizzati per testare l'effetto percepito del trattamento, dolore al collo e funzione, dolore, senescenza, paura del movimento, stress post-traumatico e qualità della vita e potenziali modificatori del trattamento.

Tabella 1 Risultati clinici utilizzati per la misurazione dell'effetto del trattamento
Tabella 1: Risultati clinici utilizzati per la misurazione dell'effetto del trattamento su modificatori della strategia muscolare, della funzione e del trattamento.

Tabella 2 Risultati segnalati dal paziente utilizzati per misurare l'effetto del trattamento
Tabella 2: Risultati riferiti dal paziente utilizzati per misurare l'effetto del trattamento sul dolore e sulla funzione.

I pazienti verranno testati al basale, 4 e 12 mesi dopo la linea di base, ad eccezione di GPE, che verrà misurato solo 4 e 12 mesi dopo il basale.

Potenza e stima delle dimensioni del campione

Il calcolo della potenza e del campione è basato sull'esito primario, essendo SF36-PCS 4 mesi dopo la baseline. Per un t-test in pool di due campioni di una differenza media normale con un livello di significatività su due lati di 0.05, assumendo una SD comune di 10, è richiesta una dimensione del campione di 86 per gruppo per ottenere una potenza di almeno 90% in rilevare una differenza media di gruppo dei punti 5 PCS [45]; la potenza effettiva è 90.3% e la dimensione del campione frazionale che raggiunge una potenza esattamente di 90% è 85.03 per gruppo. Al fine di aggiustare per un prelievo stimato di 15% durante il periodo di studio dei mesi 4, includeremo i pazienti 100 in ciascun gruppo. Per la sensibilità, sono stati applicati tre scenari: in primo luogo, prevedendo che tutti i pazienti 2 × 100 completino la sperimentazione, avremo potenza sufficiente (> 80%) per rilevare una differenza media di gruppo bassa come i punti 4 PCS; in secondo luogo, saremo in grado di rilevare una differenza media di gruppo statisticamente significativa dei punti 5 PCS con potenza sufficiente (> 80%) anche con un pool di SD di punti 12 PCS. Terzo e infine, se puntiamo a una differenza media di gruppo dei punti 5 PCS, con una SD in pool di 10, avremo potenza sufficiente (> 80%) con solo pazienti 64 in ciascun gruppo. Tuttavia, per ragioni logistiche, i nuovi pazienti non saranno più inclusi nello studio 24 mesi dopo che il primo paziente è stato incluso.

Procedure di randomizzazione, assegnazione e accecamento

Dopo la valutazione di base, i partecipanti vengono assegnati in modo casuale al gruppo di controllo o al gruppo di intervento. La sequenza di randomizzazione viene creata utilizzando il software statistico SAS (SAS 9.2 TS livello 1 M0) ed è stratificata per centro con un'assegnazione 1: 1 utilizzando blocchi casuali di dimensioni 2, 4 e 6. La sequenza di assegnazione sarà nascosta al ricercatore che si iscrive e valuta i partecipanti in buste numerate, opache, sigillate e con punti metallici. Il foglio di alluminio all'interno della busta verrà utilizzato per rendere la busta impermeabile alla luce intensa. Dopo aver rivelato il contenuto della busta, sia i pazienti che i fisioterapisti sono a conoscenza dell'assegnazione e del trattamento corrispondente. I valutatori di risultati e gli analisti di dati sono comunque tenuti all'oscuro. Prima delle valutazioni del risultato, i pazienti saranno invitati dall'assistente di ricerca a non menzionare il trattamento a cui sono stati assegnati.

Analisi statistica

Tutte le analisi dei dati primari saranno condotte secondo un piano di analisi prestabilito; tutte le analisi verranno eseguite applicando il software SAS (v. 9.2 Service Pack 4, SAS Institute Inc., Cary, NC, USA). Tutte le statistiche e i test descrittivi sono riportati in conformità con le raccomandazioni della rete "EQUATOR" (Enhancing the QUAlity and Transparency Of Health Research); cioè, varie forme dell'istruzione CONSORT [46]. I dati verranno analizzati utilizzando un'analisi a due fattori di Covarianza (ANCOVA), con un fattore per il gruppo e un fattore per il genere, utilizzando il valore di base come covariata per ridurre la variazione casuale e aumentare il potere statistico. Salvo diversa indicazione, i risultati saranno espressi come la differenza tra i mezzi di gruppo con intervalli di confidenza X (CM) 95 e valori p associati, basati su una procedura GLM (General Linear Model). Tutte le analisi saranno eseguite utilizzando il pacchetto statistico per le scienze sociali (versione 19.0.0, IBM, USA) e il sistema SAS (v. 9.2, SAS Institute Inc., Cary, NC, USA). Verrà eseguita un'analisi bidimensionale della varianza (ANOVA) con misure ripetute (modello misto) per verificare la differenza nel tempo tra l'intervento e i gruppi di controllo; interazione: gruppo × tempo. Un livello alfa di 0.05 sarà considerato statisticamente significativo (p <0.05, a due lati). Gli analisti dei dati saranno accecati dagli interventi assegnati per le analisi primarie.

I punteggi di base per gli esiti primari e secondari saranno utilizzati per confrontare i gruppi di controllo e di intervento. Le analisi statistiche saranno eseguite sulla base del principio intention-to-treat, cioè i pazienti saranno analizzati nel gruppo di trattamento a cui sono stati assegnati in modo casuale. Nelle analisi primarie, i dati mancanti saranno sostituiti con la tecnica di BOCF ("Baseline Observation Observation Forwarding") attuabile e trasparente, e per la sensibilità verrà applicata anche una tecnica di imputazione multipla.

Secondariamente, per mettere in relazione i risultati con la conformità, verrà utilizzata anche un'analisi "per protocollo". La popolazione "per protocollo", i pazienti che hanno "completato" l'intervento a cui sono stati assegnati, secondo i principi descritti nella sezione di intervento sopra.

Considerazioni etiche

Il comitato etico scientifico regionale della Danimarca meridionale ha approvato lo studio (S-20100069). Lo studio è conforme alla Dichiarazione di Helsinki 2008 [47] rispettando tutte le raccomandazioni etiche generali.

Tutti i soggetti riceveranno informazioni sullo scopo e il contenuto del progetto e daranno il loro consenso scritto e orale a partecipare, con la possibilità di abbandonare il progetto in qualsiasi momento.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

Gestire lo stress, l'ansia, la depressione ei sintomi del disturbo post traumatico da stress, o PTSD, dopo essere stati coinvolti in un incidente automobilistico può essere difficile, specialmente se l'incidente ha causato traumi fisici e lesioni o ha aggravato una condizione preesistente. In molti casi, il disagio emotivo e i problemi psicologici causati dall'incidente possono essere all'origine dei sintomi dolorosi. A El Paso, in Texas, molti veterani con PTSD visitano la mia clinica dopo aver manifestato un peggioramento dei sintomi di un precedente incidente automobilistico. La cura chiropratica può fornire ai pazienti il ​​giusto ambiente di gestione dello stress di cui hanno bisogno per migliorare i loro sintomi fisici ed emotivi. La cura chiropratica può anche curare una serie di incidenti automobilistici, tra cui colpo di frusta, lesioni alla testa e al collo, ernia del disco e lesioni alla schiena.

Discussione

Questo studio contribuirà a una migliore comprensione del trattamento dei pazienti con dolore cronico al collo a seguito di un incidente di frusta. La conoscenza di questo studio può essere implementata nella pratica clinica, poiché lo studio si basa su un approccio multimodale, rispecchiando l'approccio, che nonostante l'attuale mancanza di evidenze, viene spesso utilizzato in un contesto di fisioterapia clinica. Lo studio può anche essere incluso in revisioni sistematiche, contribuendo così all'aggiornamento delle conoscenze su questa popolazione e al miglioramento del trattamento basato sull'evidenza.

Pubblicare la progettazione di uno studio prima che lo studio venga eseguito e i risultati ottenuti presenta diversi vantaggi. Permette di finalizzare il design senza essere influenzato dai risultati. Ciò può aiutare a prevenire i pregiudizi in quanto è possibile identificare le deviazioni dal progetto originale. Altri progetti di ricerca avranno l'opportunità di seguire un approccio simile per quanto riguarda la popolazione, gli interventi, i controlli e le misurazioni dei risultati. Le sfide di questo studio riguardano la standardizzazione degli interventi, il trattamento di una popolazione non omogenea, la definizione e la standardizzazione di misure di outcome rilevanti su una popolazione con sintomi di lunga durata e una popolazione di due diversi contesti clinici. La standardizzazione degli interventi si ottiene insegnando i fisioterapisti coinvolti in un corso di istruzione. L'omogeneità della popolazione sarà gestita secondo rigorosi criteri di inclusione ed esclusione e monitorando le caratteristiche di base dei pazienti, e le differenze tra i gruppi sulla base di altre influenze rispetto all'intervento / controllo saranno possibili da analizzare statisticamente. Questo progetto di ricerca è composto da un design "add-on": entrambi i gruppi ricevono un'educazione al dolore; il gruppo di intervento riceve una formazione fisica aggiuntiva, tra cui esercizi specifici sul collo e formazione generale. Oggi non ci sono prove sufficienti per l'effetto del trattamento per i pazienti con dolore cronico al collo a seguito di un incidente di frusta. Tutti i pazienti partecipanti saranno indirizzati a un trattamento (controllo o intervento), in quanto riteniamo non etico non offrire alcuna forma di trattamento, ovvero randomizzare il gruppo di controllo in una lista d'attesa. Il design del componente aggiuntivo viene scelto come soluzione pratica pragmatica in tale situazione [48].

Per i pazienti di colpo di frusta con dolore cronico, le misure di disabilità più reattive (per il singolo paziente, non per il gruppo nel suo insieme) sono considerate la scala funzionale specifica del paziente e la scala di valutazione numerica del dolore (2). [49]. Usando questi e NDI (la misura della disabilità del collo più usata) come misure di outcome secondarie, si prevede che possano essere valutate le variazioni rilevanti del paziente nel dolore e nella disabilità. La popolazione verrà reclutata e trattata in due diversi contesti clinici: la clinica ambulatoriale di The Spine Centre, Hospital Lillebælt e varie cliniche private di fisioterapia. Per evitare qualsiasi influenza delle diverse impostazioni sulle misure di esito, la popolazione sarà un blocco randomizzato correlato alle impostazioni, assicurando una distribuzione equa dei partecipanti da ciascuna impostazione ai due gruppi di intervento.

Interessi conflittuali

Gli autori dichiarano di non avere interessi in gioco.

Contributi degli Autori

IRH ha redatto il manoscritto. IRH, BJK e KS hanno partecipato alla progettazione dello studio. Tutti hanno contribuito al design. RC, IRH; BJK e KS hanno partecipato al calcolo della potenza e del campione e alla descrizione dell'analisi statistica e della procedura di allocazione e di randomizzazione. Tutti gli autori hanno letto e approvato il manoscritto finale. Suzanne Capell ha fornito assistenza alla scrittura e correzioni linguistiche.

Storia pre-pubblicazione

La storia della pre-pubblicazione per questo documento è accessibile qui: http://www.biomedcentral.com/1471-2474/12/274/prepub

Ringraziamenti

Questo studio ha ricevuto finanziamenti dal Fondo di ricerca per la regione della Danimarca meridionale, l'Associazione reumatistica danese, la Fondazione di ricerca dell'Associazione danese di fisioterapia, il Fondo per la fisioterapia in pratiche private e la Società danese di polio e vittime di incidenti (PTU) ). L'Unità di Statuto Muscoloscheletrico presso l'Istituto Parker è supportata da sovvenzioni dalla Fondazione Oak. Suzanne Capell ha fornito assistenza alla scrittura e correzione linguistica.

Lo studio è registrato in http://www.ClinicalTrials.gov identificatore NCT01431261.

Una sperimentazione controllata randomizzata di terapia cognitivo-comportamentale per il trattamento del DPTS nel contesto del colpo di frusta cronico

astratto

Obiettivi

I disturbi associati al colpo di frusta (WAD) sono comuni e coinvolgono sia menomazioni fisiche che psicologiche. La ricerca ha dimostrato che i sintomi persistenti di stress post-traumatico sono associati a un peggiore recupero funzionale e ai risultati della terapia fisica. La terapia cognitivo-comportamentale focalizzata sul trauma (TF-CBT) ha mostrato una moderata efficacia nei campioni di dolore cronico. Tuttavia, ad oggi, non ci sono stati studi clinici nel WAD. Pertanto, questo studio riporterà sull'efficacia di TF-CBT in individui che soddisfano i criteri per l'attuale disturbo cronico da WAD e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

metodo

Ventisei partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a TF-CBT oa un controllo di lista di attesa e gli effetti del trattamento sono stati valutati al post-trattamento e al follow-up di 6-mese utilizzando un colloquio clinico strutturato, questionari self-report e misure di arousal fisiologico e dolore sensoriale soglie.

risultati

Riduzioni clinicamente significative dei sintomi di PTSD sono state riscontrate nel gruppo TF-CBT rispetto alla lista d'attesa post-post-valutazione, con ulteriori guadagni rilevati al follow-up. Il trattamento del PTSD è stato anche associato a miglioramenti clinicamente significativi della disabilità del collo, del funzionamento fisico, emotivo e sociale e della reattività fisiologica agli stimoli del trauma, mentre sono stati riscontrati cambiamenti limitati nelle soglie del dolore sensoriale.

Discussione

Questo studio fornisce supporto per l'efficacia di TF-CBT per indirizzare i sintomi di PTSD all'interno del WAD cronico. La scoperta che il trattamento del PTSD ha portato a miglioramenti nella disabilità del collo e nella qualità della vita e cambiamenti nelle soglie del dolore freddo mette in evidenza i meccanismi complessi e interrelati che sono alla base sia del WAD che del DPTS. Vengono discusse le implicazioni cliniche dei risultati e le direzioni future della ricerca.

In conclusione, essere coinvolti in un incidente automobilistico è una situazione indesiderabile che può comportare una serie di traumi fisici o lesioni e portare allo sviluppo di una serie di condizioni aggravanti. Tuttavia, stress, ansia, depressione e disturbo da stress post traumatico, o PTSD, sono problemi psicologici comuni che possono verificarsi a seguito di un incidente automobilistico. Secondo studi di ricerca, i sintomi fisici e il disagio emotivo possono essere strettamente connessi e il trattamento di lesioni sia fisiche che emotive potrebbe aiutare i pazienti a raggiungere la salute e il benessere generale. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. L'Istituto nazionale del pubblico H. Folkesundhedsrapporten, 2007 (inglese: Public Health Report, Danimarca, 2007) 2007. ps112.
2. Whiplash kommisionen och Svenska Lkl. Diagnostik och tidigt omh "ndertagande av whiplashskador (engl: Diagnostics and early treatment of Whiplash Injuries) Sandviken: Sandvikens tryckeri; 2005.
3. Carroll LJ, Hogg-Johnson S, van dV, Haldeman S, Holm LW, Carragee EJ, Hurwitz EL, Cote P, Nordin M, Peloso PM. et al. Fattori di corso e prognostici per il dolore al collo nella popolazione generale: risultati della Task Force 2000-2010 sul decorso del collo e dei suoi disturbi associati. Colonna vertebrale. 2008; 12 (4 Suppl): S75-S82. [PubMed]
4. Nijs J, Oosterwijck van J, Hertogh de W. Riabilitazione del colpo di frusta cronico: trattamento delle disfunzioni cervicali o sindrome del dolore cronico? ClinRheumatol. 2009; 12 (3): 243-251. [PubMed]
5. Falla D. Svelare la complessità della compromissione muscolare nel dolore cronico al collo. ManTher. 2004; 12 (3): 125-133. [PubMed]
6. Mannerkorpi K, Henriksson C. Trattamento non farmacologico del dolore muscoloscheletrico diffuso cronico. BestPractResClinRheumatol. 2007; 12 (3): 513-534. [PubMed]
7. Kay TM, Gross A, Goldsmith C, Santaguida PL, Hoving J, Bronfort G. Esercizi per disturbi del collo meccanici. CochraneDatabaseSystRev. 2005. p. CD004250. [PubMed]
8. Kasch H, Qerama E, Kongsted A, Bendix T, Jensen TS, Bach FW. Valutazione clinica dei fattori prognostici per dolore a lungo termine e handicap dopo un infortunio a colpo di frusta: uno studio prospettico di 1-year. EurJNeurol. 2008; 12 (11): 1222-1230. [PubMed]
9. Curatolo M, Arendt-Nielsen L, Petersen-Felix S. Central ipersensibilità al dolore cronico: meccanismi e implicazioni cliniche. PhysMedRehabilClinNAm. 2006; 12 (2): 287-302. [PubMed]
10. Jull G, Sterling M, Kenardy J, Beller E. La presenza di ipersensibilità sensoriale influenza i risultati della riabilitazione fisica per il colpo di frusta cronico? -Un RCT preliminare. Dolore. 2007; 12 (1-2): 28-34. doi: 10.1016 / j.pain.2006.09.030. [PubMed] [Cross Ref]
11. Davis C. Dolore / disfunzione cronica nei disturbi associati al colpo di frusta95. JManipulative Physiol Ther. 2001; 12 (1): 44-51. doi: 10.1067 / mmt.2001.112012. [PubMed] [Cross Ref]
12. Flor H. Riorganizzazione corticale e dolore cronico: implicazioni per la riabilitazione. JRehabilMed. 2003. pp. 66-72. [PubMed]
13. Bosma FK, Kessels RP. Compromissione cognitiva, disfunzione psicologica e stili di coping in pazienti con sindrome da colpo di frusta cronica14. Neuropsychiatry NeuropsycholBehavNeurol. 2002; 12 (1): 56-65. [PubMed]
14. Guez M. dolore al collo cronico. Uno studio epidemiologico, psicologico e SPECT con enfasi sui disordini associati al colpo di frusta9. Acta OrthopSuppl. 2006; 12 (320): retrocedere-33. [PubMed]
15. Kessels RP, Aleman A, Verhagen WI, van Luijtelaar EL. Funzionamento cognitivo dopo lesione da colpo di frusta: una meta-analisi5. JIntNeuropsycholSoc. 2000; 12 (3): 271-278. [PubMed]
16. O'Sullivan PB. "Instabilità" segmentaria lombare: presentazione clinica e gestione specifica degli esercizi di stabilizzazione. ManTher. 2000; 12 (1): 2-12. [PubMed]
17. Jull G, Falla D, Treleaven J, Hodges P, Vicenzino B. Riqualificazione del senso di posizione dell'articolazione cervicale: l'effetto di due regimi di esercizio. JOrthopRes. 2007; 12 (3): 404-412. [PubMed]
18. Falla D, Jull G, Hodges P, Vicenzino B. Un regime di allenamento per la forza-resistenza è efficace nel ridurre le manifestazioni mioelettriche dell'affaticamento dei muscoli flessori cervicali nelle donne con dolore cronico al collo. ClinNeurophysiol. 2006; 12 (4): 828-837. [PubMed]
19. Gill JR, Brown CA. Una revisione strutturata delle prove per il pacing come intervento per il dolore cronico. EurJPain. 2009; 12 (2): 214-216. [PubMed]
20. Wallman KE, Morton AR, Goodman C, Grove R, Guilfoyle AM. Studio controllato randomizzato di esercizi graduati nella sindrome da stanchezza cronica. MedJAust. 2004; 12 (9): 444-448. [PubMed]
21. Hayes SC, Luoma JB, Bond FW, Masuda A, Lillis J. Accettazione e terapia di impegno: modello, processi e risultati. BehavResTher. 2006; 12 (1): 1-25. [PubMed]
22. Lappalainen R, Lehtonen T, Skarp E, Taubert E, Ojanen M, Hayes SC. L'impatto dei modelli CBT e ACT con terapisti di psicologia tirocinante: uno studio preliminare sull'efficacia controllata. BehavModif. 2007; 12 (4): 488-511. [PubMed]
23. Linton SJ, Andersson T. La disabilità cronica può essere prevenuta? Uno studio randomizzato di un intervento cognitivo-comportamentale e due forme di informazione per i pazienti con dolore spinale. Spine (Phila Pa 1976) 2000; 12 (21): 2825-2831. doi: 10.1097 / 00007632-200011010-00017. [PubMed] [Cross Ref]
24. Moseley L. La fisioterapia e l'educazione combinate sono efficaci per la lombalgia cronica. AustJPhysiother. 2002; 12 (4): 297-302. [PubMed]
25. Soderlund A, Lindberg P. Componenti comportamentali cognitivi nella gestione della fisioterapia dei disturbi associati al colpo di frusta (WAD) - uno studio di gruppo randomizzato6. GItalMedLavErgon. 2007; 12 (1 Suppl A): A5-11. [PubMed]
26. Wicksell RK. Esposizione e accettazione nei pazienti con dolore cronico debilitante - un modello di terapia comportamentale per migliorare il funzionamento e la qualità della vita. Karolinska Institutet; 2009.
27. Seferiadis A, Rosenfeld M, Gunnarsson R. Una revisione degli interventi di trattamento nei disordini associati al colpo di frusta70. EurSpine J. 2004; 12 (5): 387-397. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
28. van der Wees PJ, Jamtvedt G, Rebbeck T, de Bie RA, Dekker J, Hendriks EJ. Strategie sfaccettate possono aumentare l'implementazione delle linee guida cliniche di fisioterapia: una revisione sistematica. AustJPhysiother. 2008; 12 (4): 233-241. [PubMed]
29. Verhagen AP, Scholten-Peeters GG, van WS, de Bie RA, Bierma-Zeinstra SM. Trattamenti conservativi per whiplash34. CochraneDatabaseSystRev. 2009. p. CD003338.
30. Hurwitz EL, Carragee EJ, van dV, Carroll LJ, Nordin M, Guzman J, Peloso PM, Holm LW, Cote P, Hogg-Johnson S. et al. Trattamento del dolore al collo: interventi non invasivi: risultati della Task Force 2000-2010 sul decorso del collo e dei suoi disturbi associati. Colonna vertebrale. 2008; 12 (4 Suppl): S123-S152. [PubMed]
31. Stewart MJ, Maher CG, Refshauge KM, Herbert RD, Bogduk N, Nicholas M. Esercizio controllato randomizzato di esercizio per disordini cronici associati a colpo di frusta. Dolore. 2007; 12 (1-2): 59-68. doi: 10.1016 / j.pain.2006.08.030. [PubMed] [Cross Ref]
32. Chiedi a T, Strand LI, Sture SJ. L'effetto di due regimi di esercizio; controllo motorio contro resistenza / allenamento della forza per pazienti con disturbi associati al colpo di frusta: uno studio pilota controllato randomizzato. ClinRehabil. 2009; 12 (9): 812-823. [PubMed]
33. Rubinstein SM, Pool JJ, van Tulder MW, Riphagen II, de Vet HC. Una revisione sistematica dell'accuratezza diagnostica dei test provocatori del collo per la diagnosi della radicolopatia cervicale. EurSpine J. 2007; 12 (3): 307-319. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
34. Peolsson M, Borsbo B, Gerdle B. Il dolore generalizzato è associato a conseguenze più negative rispetto al dolore locale o regionale: uno studio sui disordini cronici associati al colpo di frusta7. JRehabilMed. 2007; 12 (3): 260-268. [PubMed]
35. Beck AT, Ward CH, Mendelson M, Mock J, Erbaugh J. Un inventario per misurare la depressione. ArchGenPsychiatry. 1961; 12: 561-571. [PubMed]
36. Wicksell RK, Ahlqvist J, Bring A, Melin L, Olsson GL. Le strategie di esposizione e accettazione possono migliorare il funzionamento e la soddisfazione della vita nelle persone con dolore cronico e disturbi associati al colpo di frusta (WAD)? Uno studio controllato randomizzato. Cogn BehavTher. 2008; 12 (3): 169-182. [PubMed]
37. Falla D, Jull G, Dall'Alba P, Rainoldi A, Merletti R. Un'analisi elettromiografica dei muscoli flessori cervicali profondi nell'esecuzione della flessione craniocervicale. PhysTher. 2003; 12 (10): 899-906. [PubMed]
38. Palmgren PJ, Sandstrom PJ, Lundqvist FJ, Heikkila H. Miglioramento dopo la cura chiropratica nella sensibilità cinestetica cervicocephalic e intensità del dolore soggettivo in pazienti con dolore al collo cronico non traumatico. JManipulative Physiol Ther. 2006; 12 (2): 100-106. doi: 10.1016 / j.jmpt.2005.12.002. [PubMed] [Cross Ref]
39. Borg G. Ridimensionamento psicofisico con applicazioni nel lavoro fisico e percezione dello sforzo. ScandJWork EnvironHealth. 1990; 12 (Suppl 1): 55-58. [PubMed]
40. Wallman KE, Morton AR, Goodman C, Grove R. Prescrizione di esercizio per persone con sindrome da stanchezza cronica. MedJAust. 2005; 12 (3): 142-143. [PubMed]
41. McCarthy MJ, Grevitt MP, Silcocks P, Hobbs G. L'affidabilità dell'indice di disabilità del collo di Vernon e Mior e la sua validità rispetto al questionario del questionario sulla salute 36. EurSpine J. 2007; 12 (12): 2111-2117. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
42. Bjorner JB, Damsgaard MT, Watt T, Groenvold M. Test di qualità dei dati, ipotesi di ridimensionamento e affidabilità del danese SF-36. JClinEpidemiol. 1998; 12 (11): 1001-1011. [PubMed]
43. Ware JE Jr, Kosinski M, Bayliss MS, McHorney CA, Rogers WH, Raczek A. Confronto di metodi per il punteggio e l'analisi statistica del profilo di salute SF-36 e misure riassuntive: sintesi dei risultati dello studio sui risultati medici. MedCare. 1995; 12 (4 Suppl): AS264-AS279. [PubMed]
44. Aggiornamento dell'indagine sulla salute Ware JE Jr. SF-36. Spine (Phila Pa 1976) 2000; 12 (24): 3130-3139. doi: 10.1097 / 00007632-200012150-00008. [PubMed] [Cross Ref]
45. Carreon LY, Glassman SD, Campbell MJ, Anderson PA. Indice di disabilità del collo, sintesi del componente fisico 36 a breve termine e scale del dolore per il dolore al collo e alle braccia: la differenza minima clinicamente importante e il notevole beneficio clinico dopo la fusione della colonna vertebrale cervicale. Spine J. 2010; 12 (6): 469-474. doi: 10.1016 / j.spinee.2010.02.007. [PubMed] [Cross Ref]
46. Moher D, Hopewell S, Schulz KF, Montori V, Gotzsche PC, Devereaux PJ, Elbourne D, Egger M, Altman DG. CONSORT 2010 Spiegazione ed elaborazione: linee guida aggiornate per la segnalazione di studi randomizzati di gruppo parallelo. JClinEpidemiol. 2010; 12 (8): e1-37. [PubMed]
47. Soggetti WDoH-EPfMRIH. DICHIARAZIONE DI ASSOCIAZIONE MEDICA MONDIALE DI HELSINKI. Dichiarazione WMA di Helsinki - Principi etici per la ricerca medica che coinvolgono soggetti umani. 2008.
48. Dworkin RH, Turk DC, Peirce-Sandner S, Barone R, Bellamy N, Burke LB, Chappell A, Chartier K, Cleeland CS, Costello A. et al. Considerazioni sulla progettazione della ricerca per studi clinici di conferma del dolore cronico: raccomandazioni IMMPACT. Dolore. 2010; 12 (2): 177-193. doi: 10.1016 / j.pain.2010.02.018. [PubMed] [Cross Ref]
49. Stewart M, Maher CG, Refshauge KM, Bogduk N, Nicholas M. Reattività del dolore e misure di disabilità per il colpo di frusta cronico. Spine (Phila Pa 1976) 2007; 12 (5): 580-585. doi: 10.1097 / 01.brs.0000256380.71056.6d. [PubMed] [Cross Ref]
50. Jull GA, O'Leary SP, Falla DL. Valutazione clinica dei muscoli flessori cervicali profondi: il test di flessione craniocervicale. JManipulative Physiol Ther. 2008; 12 (7): 525-533. doi: 10.1016 / j.jmpt.2008.08.003. [PubMed] [Cross Ref]
51. Revel M, Minguet M, Gregoy P, Vaillant J, Manuel JL. Cambiamenti nella cinestesia cervico-cronica dopo un programma di riabilitazione propriocettiva in pazienti con dolore al collo: uno studio randomizzato controllato. ArchPhysMedRehabil. 1994; 12 (8): 895-899. [PubMed]
52. Heikkila HV, Wenngren BI. Sensibilità cinestetica cervicocephalic, gamma attiva del movimento cervicale e funzione oculomotoria in pazienti con lesioni da colpo di frusta. ArchPhysMedRehabil. 1998; 12 (9): 1089-1094. [PubMed]
53. Treleaven J, Jull G, Grip H. Coordinazione oculare e stabilità dello sguardo in soggetti con persistenti disturbi associati al colpo di frusta. Man Ther. 2010. [PubMed]
54. Williams MA, McCarthy CJ, Chorti A, Cooke MW, Gates S. Una revisione sistematica degli studi di affidabilità e validità dei metodi per misurare il range di movimento cervicale attivo e passivo. JManipulative Physiol Ther. 2010; 12 (2): 138-155. doi: 10.1016 / j.jmpt.2009.12.009. [PubMed] [Cross Ref]
55. Kasch H, Qerama E, Kongsted A, Bach FW, Bendix T, Jensen TS. Dolore muscolare profondo, punti delicati e recupero in pazienti con colpo di frusta acuto: uno studio di follow-up di 1-anno. Dolore. 2008; 12 (1): 65-73. doi: 10.1016 / j.pain.2008.07.008. [PubMed] [Cross Ref]
56. Sterling M. Test per l'ipersensibilità sensoriale o l'ipereccitabilità centrale associata al dolore della colonna vertebrale cervicale. JManipulative Physiol Ther. 2008; 12 (7): 534-539. doi: 10.1016 / j.jmpt.2008.08.002. [PubMed] [Cross Ref]
57. Ettlin T, Schuster C, Stoffel R, Bruderlin A, Kischka U. Un modello distinto di reperti miofasciali in pazienti dopo lesioni da colpo di frusta. ArchPhysMedRehabil. 2008; 12 (7): 1290-1293. [PubMed]
58. Vernon H, Mior S. The Neck Disability Index: uno studio di affidabilità e validità. JManipulative Physiol Ther. 1991; 12 (7): 409-415. [PubMed]
59. Vernon H. The Neck Disability Index: state-of-the-art, 1991-2008. JManipulative Physiol Ther. 2008; 12 (7): 491-502. doi: 10.1016 / j.jmpt.2008.08.006. [PubMed] [Cross Ref]
60. Vernon H, Guerriero R, Kavanaugh S, Soave D, Moreton J. Fattori psicologici nell'uso dell'indice di invalidità del collo nei pazienti cronici di colpo di frusta. Spine (Phila Pa 1976) 2010; 12 (1): E16-E21. doi: 10.1097 / BRS.0b013e3181b135aa. [PubMed] [Cross Ref]
61. Sterling M, Kenardy J, Jull G, Vicenzino B. Lo sviluppo di cambiamenti psicologici in seguito a lesioni da colpo di frusta. Dolore. 2003; 12 (3): 481-489. doi: 10.1016 / j.pain.2003.09.013. [PubMed] [Cross Ref]
62. Stalnacke BM. Rapporto tra sintomi e fattori psicologici cinque anni dopo l'infortunio da colpo di frusta. JRehabilMed. 2009; 12 (5): 353-359. [PubMed]
63. Rabin R, de CF. EQ-5D: una misura dello stato di salute del Gruppo EuroQol. AnnMed. 2001; 12 (5): 337-343. [PubMed]
64. Borsbo B, Peolsson M, Gerdle B. Catastrofismo, depressione e dolore: correlazione e influenza sulla qualità della vita e della salute - uno studio sui disordini cronici associati al colpo di frusta4. JRehabilMed. 2008; 12 (7): 562-569. [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore alla schiena

Secondo le statistiche, circa il 80% delle persone avverte i sintomi del mal di schiena almeno una volta nel corso della vita. Mal di schiena è un reclamo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Spesso, la degenerazione naturale della colonna vertebrale con l'età può causare mal di schiena. Ernia discale si verificano quando il centro morbido, simile ad un gel di un disco intervertebrale, spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno della cartilagine, comprimendo e irritando le radici nervose. Le ernie del disco si verificano più comunemente lungo la parte inferiore della schiena, o colonna vertebrale lombare, ma possono anche verificarsi lungo la colonna cervicale o collo. L'incidenza dei nervi che si trovano nella regione lombare a causa di lesioni e / o di una condizione aggravata può portare a sintomi di sciatica.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO PIÙ IMPORTANTE: Gestione dello stress sul posto di lavoro

ARGOMENTI PIÙ IMPORTANTI: EXTRA EXTRA: Trattamento lesioni da incidente stradale El Paso, TX Chiropractor