Terapia manipolativa spinale chiropratica per emicrania | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Terapia manipolativa spinale chiropratica per emicrania

Il mal di testa può essere un vero problema aggravante, specialmente se questi iniziano a verificarsi più frequentemente. Ancor di più, il mal di testa può diventare un problema più grande quando il comune tipo di mal di testa diventa un'emicrania. Il dolore alla testa è spesso un sintomo derivante da una lesione e / o condizione sottostante lungo la colonna cervicale, la parte superiore della schiena e il collo. Fortunatamente, una varietà di metodi di trattamento sono disponibili per aiutare a curare il mal di testa. La cura chiropratica è un'opzione di trattamento alternativa ben nota che è comunemente raccomandata per il dolore al collo, mal di testa ed emicrania. Lo scopo del seguente studio di ricerca è determinare l'efficacia della terapia manipolativa spinale chiropratica per l'emicrania.

Terapia manipolativa spinale chiropratica per emicrania: un protocollo di studio di uno studio clinico randomizzato controllato con placebo e cieco

astratto

Introduzione

L'emicrania colpisce 15% della popolazione e presenta notevoli costi sanitari e socioeconomici. La gestione farmacologica è un trattamento di prima linea. Tuttavia, la medicina acuta e / o profilattica potrebbe non essere tollerata a causa di effetti collaterali o controindicazioni. Pertanto, miriamo a valutare l'efficacia della terapia manipolativa spinale chiropratica (CSMT) per gli emicranici in uno studio clinico randomizzato controllato con placebo a singolo cieco (RCT).

Metodo e analisi

Secondo i calcoli di potenza, i partecipanti 90 sono necessari nell'RCT. I partecipanti saranno randomizzati in uno di tre gruppi: CSMT, placebo (manipolazione fittizia) e controllo (usuale gestione non manuale). L'RCT consiste di tre fasi: 1 mese di rodaggio, 3 mesi di intervento e analisi di follow-up al termine dell'intervento e 3, 6 e 12 mesi. L'endpoint primario è la frequenza dell'emicrania, mentre la durata dell'emicrania, l'intensità dell'emicrania, l'indice di cefalea (frequenza x durata x intensità) e il consumo di farmaci sono endpoint secondari. L'analisi primaria valuterà un cambiamento nella frequenza dell'emicrania dal basale alla fine dell'intervento e il follow-up, in cui saranno confrontati i gruppi CSMT e placebo e CSMT e controllo. A causa di due confronti di gruppo, i valori di p sotto 0.025 saranno considerati statisticamente significativi. Per tutti i punti finali e le analisi secondarie, verrà utilizzato il valore ap sotto 0.05. I risultati verranno presentati con i corrispondenti valori p e gli EC 95%.

Etica e divulgazione

L'RCT seguirà le linee guida sulla sperimentazione clinica della International Headache Society. Il Comitato regionale norvegese per l'etica della ricerca medica e i servizi dati norvegesi per le scienze sociali hanno approvato il progetto. La procedura sarà condotta secondo la dichiarazione di Helsinki. I risultati saranno pubblicati in riunioni scientifiche e in riviste peer-reviewed.

Numero di registrazione di prova

NCT01741714.

parole chiave: Statistiche e metodi di ricerca

Punti di forza e limiti di questo studio

  • Lo studio sarà il primo trial clinico randomizzato con tre terapie manuali (RCT) che valuta l'efficacia della terapia manipolatoria spinale chiropratica rispetto al placebo (manipolazione fittizia) e il controllo (continua la gestione farmacologica abituale senza ricevere un intervento manuale) per gli emicranici.
  • Forte validità interna, dal momento che un singolo chiropratico condurrà tutti gli interventi.
  • L'RCT ha il potenziale per fornire un'opzione di trattamento non farmacologico per gli emicranici.
  • Il rischio di abbandoni è aumentato a causa dei severi criteri di esclusione e della durata dei mesi 17 del RCT.
  • Un placebo generalmente accettato non è stato stabilito per la terapia manuale; quindi, c'è il rischio di accecamento infruttuoso, mentre l'investigatore che fornisce gli interventi non può essere accecato per ovvi motivi.

sfondo

L'emicrania è un problema di salute comune con notevoli costi sanitari e socioeconomici. Nel recente studio Global Burden of Disease, l'emicrania è stata classificata come la terza condizione più comune. [1]

Immagine di una donna con un'emicrania dimostrata da un fulmine che esce dalla sua testa.

Circa 15% della popolazione generale ha emicrania. [2, 3] L'emicrania è solitamente unilaterale con emicrania pulsante e moderata / grave che è aggravata dall'attività fisica di routine ed è accompagnata da fotofobia e fonofobia, nausea e talvolta vomito. [4] L'emicrania esiste in due forme principali, emicrania senza aura ed emicrania con aura (sotto). L'aura è disturbi neurologici reversibili della vista, della funzione sensoriale e / o del linguaggio, che si verificano prima del mal di testa. Tuttavia, le variazioni intraindividuali dall'attacco all'attacco sono comuni. [5, 6] L'origine dell'emicrania è discussa. Gli impulsi dolorosi possono originarsi dal nervo trigemino, dai meccanismi centrali e / o periferici. [7, 8] Le strutture extracraniche sensibili al dolore comprendono la pelle, i muscoli, le arterie, il periostio e le articolazioni. La pelle è sensibile a tutte le forme usuali di stimoli dolorosi, mentre i muscoli temporali e del collo possono essere soprattutto fonti di dolore e di tenerezza nell'emicrania. [9-11] Allo stesso modo, il sovraorbitario frontale, le arterie superficiali temporali, posteriori e occipitali sono sensibili al dolore . [9, 12]

Note

La classificazione internazionale dei disturbi emicranici-II Criteri diagnostici per l'emicrania

Emicrania senza Aura

  • A. Almeno cinque attacchi che soddisfano i criteri B-D
  • B. Attacchi di cefalea che durano 4-72 h (non trattati o trattati senza successo)
  • C. Il mal di testa ha almeno due delle seguenti caratteristiche:
  • 1. Posizione unilaterale
  • 2. Qualità pulsante
  • 3. Intensità del dolore moderata o severa
  • 4. Aggravato da o provocando l'evitamento dell'attività fisica di routine
  • D. Durante il mal di testa, almeno uno dei seguenti:
  • 1. Nausea e / o vomito
  • 2. Fotofobia e fonofobia
  • E. Non attribuito a un altro disturbo
  • Emicrania con aura
  • A. Almeno due attacchi che soddisfano i criteri B-D
  • B. Aura costituita da almeno uno dei seguenti, ma senza debolezza motoria:
  • 1. Sintomi visivi completamente reversibili incluse caratteristiche positive (ad es. Luci intermittenti, punti o linee) e / o caratteristiche negative (cioè perdita della vista). Intensità del dolore moderata o severa
  • 2. Sintomi sensoriali completamente reversibili incluse caratteristiche positive (ad es. Spilli e aghi) e / o caratteristiche negative (ad esempio, intorpidimento)
  • 3. Disturbo del linguaggio disfasico completamente reversibile
  • C. Almeno due dei seguenti:
  • 1. Sintomi visivi omonimi e / o sintomi sensoriali unilaterali
  • 2. Almeno un sintomo di aura si sviluppa gradualmente su ≥5 min e / o diversi sintomi dell'aura si verificano in successione su ≥5 min
  • 3. Ogni sintomo dura ≥5 e ≤60 min
  • D. Mal di testa che soddisfa i criteri BD per 1.1 L'emicrania senza aura inizia durante l'aura o segue l'aura entro 60 min
  • E. Non attribuito a un altro disturbo

La gestione farmacologica è la prima opzione di trattamento per gli emicranici. Tuttavia, alcuni pazienti non tollerano la medicina acuta e / o profilattica a causa di effetti collaterali o controindicazioni dovute alla comorbilità di altre malattie o al desiderio di evitare farmaci per altri motivi. Il rischio di uso eccessivo di farmaci a causa di frequenti attacchi di emicrania rappresenta un grave rischio per la salute con problemi di costo diretti e indiretti. La prevalenza della cefalea da uso eccessivo di farmaci (MOH) è 1-2% nella popolazione generale, [13-15] cioè, circa la metà della popolazione che soffre di cefalea cronica (giorni di cefalea 15 o più al mese) ha MOH. [16] Emicrania causa la perdita di 270 giorni lavorativi all'anno per le persone 1000 dalla popolazione generale. [17] Ciò corrisponde a circa 3700 anni di lavoro persi all'anno in Norvegia a causa dell'emicrania. Il costo economico per emicrania era stimato in $ 655 negli Stati Uniti e € 579 in Europa all'anno [18, 19] A causa dell'elevata prevalenza dell'emicrania, il costo totale per anno è stato stimato in $ 14.4 miliardi negli Stati Uniti e € 27 miliardi nei paesi dell'UE, Islanda, Norvegia e Svizzera in quel momento. L'emicrania costa di più dei disturbi neurologici come la demenza, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson e l'ictus. [20] Pertanto, le opzioni di trattamento non farmacologico sono giustificate.

La tecnica diversificata e il metodo Gonstead sono le due modalità di trattamento manipolativo chiropratico più comunemente utilizzate nella professione, utilizzate da 91% e 59%, rispettivamente, [21, 22] insieme ad altri interventi manuali e non manuali, cioè soft tecniche tissutali, mobilizzazione spinale e periferica, riabilitazione, correzioni posturali ed esercizi, nonché alimentazione generale e consulenza dietetica.

Sono stati condotti alcuni studi randomizzati controllati (SMT) randomizzati controllati (RCT) utilizzando la tecnica Diversificata per l'emicrania, suggerendo un effetto sulla frequenza dell'emicrania, sulla durata dell'emicrania, sull'intensità dell'emicrania e sul consumo di farmaci. [23-26] Tuttavia, comune per precedenti Gli RCT sono le carenze metodologiche come la diagnosi imprecisa della cefalea, ovvero le diagnosi dei questionari utilizzate sono imprecise, [27] procedura inadeguata o non randomizzata, mancanza di gruppo placebo e endpoint primari e secondari non prespecificati. [28-31] Inoltre precedenti studi randomizzati non seguivano le linee guida cliniche raccomandate dall'International Headache Society (IHS). [32, 33] Allo stato attuale, nessun RCT ha applicato il metodo Gonstead chiropratica SMT (CSMT). Quindi, considerando le carenze metodologiche in precedenti studi randomizzati, un RCT clinico controllato con placebo con una migliore qualità metodologica deve ancora essere condotto per l'emicrania.

Il meccanismo d'azione SMT sull'emicrania è sconosciuto. Si sostiene che l'emicrania potrebbe derivare da una complessità di risposte affettive a carico della corteccia superiore cervicale (C1, C2 e C3), che porta a uno stato di ipersensibilità della via del trigemino che trasmette informazioni sensoriali per il viso e gran parte della testa. [34 , 35] La ricerca ha quindi suggerito che la SMT può stimolare i sistemi neurali inibitori a diversi livelli del midollo spinale e potrebbe attivare vari percorsi inibitori discendenti centrali. [36-40] Tuttavia, anche se i meccanismi fisiologici proposti non sono completamente compresi, ci sono probabilmente ulteriori meccanismi inesplorati che potrebbero spiegare l'effetto della SMT sulla sensibilizzazione al dolore meccanico.

Doppia immagine di una donna con un'emicrania e un diagramma che mostra il cervello umano durante l'emicrania.

L'obiettivo di questo studio è di valutare l'efficacia di CSMT rispetto a placebo (manipolazione sham) e controlli (continuare la gestione farmacologica abituale senza ricevere un intervento manuale) per gli emicranici in un RCT.

Metodo e design

Questo è un RCT controllato in placebo a singolo cieco con tre gruppi paralleli (CSMT, placebo e controllo). La nostra ipotesi principale è che la CSMT dia almeno una riduzione di 25% nel numero medio di giorni di emicrania al mese (30 giorni / mese) rispetto al placebo e il controllo dal basale alla fine dell'intervento, e ci aspettiamo che la stessa riduzione sia mantenuta a 3, 6 e 12 mesi di follow-up. Se il trattamento con CSMT è efficace, sarà offerto ai partecipanti che hanno ricevuto il placebo o il controllo dopo il completamento dello studio, cioè dopo il follow-up di 12 mesi. Lo studio si atterrà alle linee guida per la sperimentazione clinica raccomandate da IHS, 32 33 e le linee guida metodologiche CONSORT e SPIRIT. [41, 42]

Popolazione del paziente

I partecipanti saranno reclutati nel periodo da gennaio a settembre 2013 attraverso l'ospedale universitario di Akershus, attraverso i medici generici e la pubblicità sui media, cioè i poster con le informazioni generali saranno sistemati presso gli uffici dei medici generici insieme alle informazioni orali nelle contee di Akershus e Oslo , Norvegia. I partecipanti riceveranno informazioni postate sul progetto seguite da un breve colloquio telefonico. Quelli reclutati dagli uffici dei medici generici dovranno contattare lo sperimentatore clinico i cui dettagli di contatto sono stati forniti sui manifesti al fine di ottenere ampie informazioni sullo studio.

I partecipanti eleggibili sono tra 18 e 70 di anni e hanno almeno un attacco di emicrania al mese. I partecipanti vengono diagnosticati in base ai criteri diagnostici della Classificazione internazionale dei disturbi dell'emicrania (ICHD-II) da un neurologo dell'ospedale universitario di Akershus. [43] Sono ammessi solo in concomitanza di cefalea di tipo tensivo e non di altri mal di testa.

I criteri di esclusione sono controindicazioni a SMT, radicolopatia spinale, gravidanza, depressione e CSMT nei precedenti mesi 12. I partecipanti che durante il RCT ricevono interventi manuali da parte di fisioterapisti, chiropratici, osteopati o altri operatori sanitari per il trattamento del dolore muscolo-scheletrico e della disabilità, tra cui la terapia di massaggio, la mobilizzazione e la manipolazione articolare, 44 hanno cambiato il loro farmaco di mal di testa profilattico o la gravidanza sarà ritirata dal studiare in quel momento ed essere considerati come abbandoni. Sono autorizzati a continuare e modificare i loro soliti farmaci per l'emicrania acuta durante tutto lo studio.

In risposta al contatto iniziale, i partecipanti che soddisfano i criteri di inclusione saranno invitati a un'ulteriore valutazione da parte del ricercatore chiropratico. La valutazione comprende un colloquio e un esame fisico con particolare attenzione all'intera colonna vertebrale. Le informazioni orali e scritte sul progetto saranno fornite in anticipo e il consenso orale e scritto sarà ottenuto da tutti i partecipanti accettati durante l'intervista e dallo sperimentatore clinico. In accordo con la buona pratica clinica, tutti i pazienti saranno informati sui danni e i benefici, nonché sulle possibili reazioni avverse dell'intervento che includono principalmente la tenerezza e la stanchezza locali nel giorno del trattamento. Non sono stati segnalati eventi avversi gravi per il metodo chironomico Gonstead. [45, 46] I partecipanti randomizzati in interventi attivi o placebo subiranno un esame radiografico completo della colonna vertebrale e saranno programmati per le sessioni di intervento 12. Il gruppo di controllo non sarà esposto a questa valutazione.

RCT clinico

Il RCT clinico consiste in un rodaggio di mese 1 e un intervento di 3 mesi. Il profilo temporale sarà valutato dalla linea di base alla fine del follow-up per tutti i punti finali (Figura 1).

Figura Diagramma di flusso dello studio 1
Figura 1: Studiare il diagramma di flusso CSMT, terapia manipolativa spinale chiropratica; Placebo, manipolazione fittizia; Controllo, continua la gestione farmacologica abituale senza ricevere l'intervento manuale.

Correre in

I partecipanti compileranno un diario di cefalea diagnostico diagnosticato 1 mese prima dell'intervento che sarà utilizzato come dati di riferimento per tutti i partecipanti. [47, 48] L'agenda convalidata include domande direttamente correlate agli endpoint primari e secondari. I raggi X saranno presi in posizione eretta nei piani anteroposteriore e laterale dell'intera colonna vertebrale. I raggi X saranno valutati dal ricercatore chiropratico.

randomizzazione

I lotti sigillati preparati con i tre interventi, cioè il trattamento attivo, il placebo e il gruppo di controllo, saranno suddivisi in quattro sottogruppi per età e sesso, cioè 18-39 e 40-70 di anni e uomini e donne, rispettivamente . I partecipanti saranno equamente assegnati ai tre gruppi consentendo al partecipante di disegnare solo un lotto. La randomizzazione a blocchi sarà gestita da una parte esterna addestrata senza alcun coinvolgimento da parte dello sperimentatore clinico.

Intervento

Il trattamento attivo consiste in CSMT utilizzando il metodo Gonstead, [21] cioè, un contatto specifico, ad alta velocità, a bassa ampiezza, spinale a leva corta senza rinculo postposizione diretto alla disfunzione biomeccanica spinale (approccio a colonna vertebrale completa) come diagnosticato dallo standard test di chiropratica.

L'intervento del placebo consiste nella manipolazione fittizia, cioè una vasta manovra di spinta fittizia a contatto non specifico, a bassa velocità e bassa ampiezza in una linea direzionale non intenzionale e non terapeutica. Tutti i contatti non terapeutici saranno eseguiti al di fuori della colonna vertebrale con un adeguato allentamento dell'articolazione e senza pretensione dei tessuti molli in modo che non si verifichino cavitazioni articolari. In alcune sessioni, il partecipante giaceva prono su una panca Zenith 2010 HYLO con l'investigatore in piedi al lato destro del partecipante con il palmo sinistro posizionato sul lato scapolare laterale destro del partecipante con l'altra mano rinforzante. In altre sessioni, l'investigatore si posiziona sul lato sinistro del partecipante e posiziona il palmo della mano destra sul bordo scapolare sinistro del partecipante con la mano sinistra che si rinforza, erogando una manovra di spinta laterale non intenzionale. In alternativa, il partecipante si trova nella stessa postura laterale del gruppo di trattamento attivo con la gamba in basso e la gamba in alto flessa con la caviglia della gamba in alto appoggiata sulla gamba del ginocchio della gamba in basso, in preparazione di una mossa di spinta postura laterale, che essere consegnato come spinta non intenzionale nella regione glutea. Le alternative di manipolazione di sham saranno ugualmente intercambiate tra i partecipanti al placebo in base al protocollo durante il periodo di trattamento 12-settimana per rafforzare la validità dello studio. I gruppi attivi e quelli placebo riceveranno la stessa valutazione strutturale e di movimento prima e dopo ciascun intervento. Durante il periodo di prova non verranno fornite ulteriori cointervenze o consigli ai partecipanti. Il periodo di trattamento includerà le consultazioni con 12, ovvero due volte a settimana nelle prime settimane 3 seguite da una volta alla settimana nelle prossime settimane 2 e una volta ogni due settimane fino al raggiungimento delle settimane 12. Quindici minuti saranno assegnati per consultazione per ogni partecipante. Tutti gli interventi saranno condotti presso l'Akershus University Hospital e gestiti da un chiropratico esperto (AC).

Immagine di un uomo anziano che riceve cure chiropratiche per alleviare l'emicrania.

La dott.ssa Jimenez lavora sul neck_preview del wrestler

Il gruppo di controllo continuerà la cura abituale, cioè la gestione farmacologica senza ricevere l'intervento manuale dello sperimentatore clinico. Gli stessi criteri di esclusione si applicano per il gruppo di controllo durante l'intero periodo di studio.

Blinding

Dopo ogni sessione di trattamento, i partecipanti che ricevono un intervento attivo o placebo completeranno un questionario abboccante gestito da una parte indipendente addestrata esterna senza alcun coinvolgimento da parte dello sperimentatore clinico, ovvero fornendo una risposta dicotomica "sì" o "no" come se è stato ricevuto un trattamento attivo. Questa risposta è stata seguita da una seconda domanda su quanto fossero certi che il trattamento attivo è stato ricevuto su una scala di valutazione numerica 0-10 (NRS), dove 0 rappresenta assolutamente incerto e 10 rappresenta assolutamente la certezza. Il gruppo di controllo e l'investigatore clinico possono, per ovvi motivi, non essere accecati. [49, 50]

Seguito

Le analisi di follow-up saranno condotte sui punti finali misurati dopo la fine dell'intervento e al follow-up di 3, 6 e 12. Durante questo periodo, tutti i partecipanti continueranno a compilare un diario di cefalea diagnostico e restituirlo mensilmente. In caso di diario non restituito o di valori mancanti nel diario, i partecipanti verranno immediatamente contattati al momento del rilevamento per ridurre al minimo il bias di richiamo. I partecipanti saranno contattati telefonicamente per garantire la conformità.

Punti finali primari e secondari

Gli endpoint primari e secondari sono elencati di seguito. Gli end point aderiscono alle linee guida IHS per lo studio clinico raccomandate. [32, 33] Definiamo il numero di giorni di emicrania come endpoint primario e prevediamo almeno una riduzione di 25% in un numero medio di giorni dal basale alla fine dell'intervento, con lo stesso livello di riduzione viene mantenuto al follow-up. Sulla base delle precedenti revisioni sull'emicrania, una riduzione di 25% è considerata una stima prudente. [30] Si prevede anche una riduzione di 25% negli endpoint secondari dal basale alla fine dell'intervento, mantenendo al follow-up l'emicrania durata, intensità dell'emicrania e indice di cefalea, dove l'indice è calcolato come numero di giorni di emicrania (30 giorni) × durata media dell'emicrania (ore al giorno) × intensità media (0-10 NRS). Si prevede una riduzione del 50% del consumo di farmaci dal basale alla fine dell'intervento e al follow-up.

Note

Punti finali primari e secondari

Punti finali primari

  • 1. Numero di giorni di emicrania in trattamento attivo rispetto al gruppo placebo.
  • 2. Numero di giorni di emicrania in trattamento attivo rispetto al gruppo di controllo.

Punti finali secondari

  • 3. Durata dell'emicrania in ore in trattamento attivo rispetto al gruppo placebo.
  • 4. Durata dell'emicrania in ore in trattamento attivo rispetto al gruppo di controllo.
  • 5. VAS auto-riferito in trattamento attivo rispetto al gruppo placebo.
  • 6. VAS auto-riferito in trattamento attivo rispetto al gruppo di controllo.
  • 7. Indice di cefalea (frequenza x durata x intensità) in trattamento attivo rispetto a gruppo placebo.
  • 8. Indice di cefalea in trattamento attivo rispetto al gruppo di controllo.
  • 9. Dosaggio del farmaco per la cefalea in trattamento attivo rispetto al gruppo placebo.
  • 10. Dosaggio del farmaco per la cefalea in trattamento attivo rispetto al gruppo di controllo.

* L'analisi dei dati si basa sul periodo di rodaggio rispetto alla fine dell'intervento. Punto 11-40 sarà duplicato del punto 1-10 sopra al follow-up di mesi 3, 6 e 12, rispettivamente.

Elaborazione dati

Un diagramma di flusso dei partecipanti è mostrato in Figura 2. Le caratteristiche demografiche e cliniche della linea di base saranno tabulate come medie e SD per variabili continue e proporzioni e percentuali per variabili categoriali. Ciascuno dei tre gruppi verrà descritto separatamente. Gli endpoint primari e secondari saranno presentati da appropriate statistiche descrittive in ciascun gruppo e per ciascun punto temporale. La normalità dei punti finali sarà valutata graficamente e la trasformazione sarà considerata se necessario.

Figura Diagramma di flusso del partecipante previsto 2
Figura 2: Diagramma di flusso del partecipante previsto. CSMT, terapia manipolativa spinale chiropratica; Placebo, manipolazione fittizia; Controllo, continua la gestione farmacologica abituale senza ricevere l'intervento manuale.

Il cambiamento degli endpoint primari e secondari dalla baseline alla fine dell'intervento e al follow-up sarà confrontato tra i gruppi attivi e placebo e i gruppi attivi e di controllo. L'ipotesi nulla afferma che non vi è alcuna differenza significativa tra i gruppi nel cambiamento medio, mentre l'ipotesi alternativa afferma che esiste una differenza di almeno 25%.

A causa del periodo di follow-up, saranno disponibili registrazioni ripetute di punti finali primari e secondari e le analisi dell'andamento degli endpoint primari e secondari saranno di interesse principale. Le correlazioni intra-individuali (effetto cluster) sono probabilmente presenti nei dati con misurazioni ripetute. L'effetto cluster sarà quindi valutato calcolando il coefficiente di correlazione intraclasse quantificando la proporzione della variazione totale attribuibile alle variazioni intraindividuali. L'andamento degli endpoint verrà valutato mediante un modello di regressione lineare per dati longitudinali (modello lineare misto) per tenere conto correttamente del possibile effetto cluster. Il modello lineare misto gestisce i dati sbilanciati, consentendo di includere tutte le informazioni disponibili da pazienti randomizzati, nonché da eventuali abbandoni. Saranno stimati modelli di regressione con effetti fissi per la componente temporale e l'allocazione di gruppo, nonché l'interazione tra i due. L'interazione quantificherà le possibili differenze tra i gruppi riguardo l'andamento del tempo nei punti finali e fungerà da test omnibus. Verranno inclusi effetti casuali per i pazienti per adeguare le stime per le correlazioni intraindividuali. Verranno considerate piste casuali. I modelli misti lineari saranno stimati con la procedura SAS PROC MIXED. I due confronti a coppie verranno eseguiti derivando i singoli contrasti del punto temporale all'interno di ciascun gruppo con i corrispondenti valori p e gli IC 95%.

Se del caso, saranno condotte analisi per-protocollo e intention-to-treat. Tutte le analisi saranno eseguite da uno statistico, cieco per l'assegnazione del gruppo e i partecipanti. Verranno registrati e presentati anche tutti gli effetti avversi. I partecipanti che hanno avuto effetti collaterali durante il periodo di prova avranno il diritto di chiamare l'investigatore clinico sul telefono cellulare del progetto. I dati verranno analizzati con SPSS V.22 e SAS V.9.3. A causa di due confronti di gruppo nel punto finale primario, i valori di p sotto 0.025 saranno considerati statisticamente significativi. Per tutti gli end point e le analisi secondarie, verrà utilizzato un livello di significatività di 0.05. I valori mancanti potrebbero apparire in questionari di interviste incompleti, diari di cefalea incompleti, sessioni di intervento mancate e / o a causa di abbandoni. Il modello di mancanza verrà valutato e i valori mancanti verranno gestiti adeguatamente.

Calcolo della potenza

I calcoli sulla dimensione del campione si basano sui risultati di uno studio comparativo di gruppo recentemente pubblicato sul topiramato. [51] Si ipotizza che la differenza media nella riduzione del numero di giorni con emicrania al mese tra i gruppi attivi e quelli trattati con placebo sia 2.5 giorni. La stessa differenza viene assunta tra i gruppi attivi e di controllo. Si presume che la SD per riduzione in ciascun gruppo sia uguale a 2.5. Nell'ipotesi di, in media, giorni di emicrania 10 al mese al basale in ciascun gruppo e nessuna variazione nel gruppo placebo o nel gruppo di controllo durante lo studio, la riduzione dei giorni 2.5 corrisponde a una riduzione di 25%. Poiché l'analisi primaria include due confronti di gruppo, impostiamo un livello di significatività su 0.025. È richiesta una dimensione del campione di pazienti 20 in ciascun gruppo per rilevare una differenza media statisticamente significativa nella riduzione di 25% con il potere di 80%. Per consentire gli abbandoni, gli investigatori pianificano di reclutare partecipanti 120.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

"Mi è stato consigliato di cercare cure chiropratiche per i miei mal di testa di tipo emicranico. La terapia chiropratica spinale manipolativa è efficace per l'emicrania? " Molti tipi diversi di opzioni di trattamento possono essere utilizzati per trattare efficacemente l'emicrania, tuttavia, la cura chiropratica è uno degli approcci terapeutici più popolari per il trattamento naturale dell'emicrania. La terapia manipolativa spinale chiropratica è la tradizionale spinta ad alta velocità di bassa ampiezza (HVLA). Conosciuto anche come manipolazione spinale, un chiropratico esegue questa tecnica chiropratica applicando una forza improvvisa controllata a un'articolazione mentre il corpo è posizionato in un modo specifico. Secondo il seguente articolo, la terapia manipolativa spinale chiropratica può aiutare efficacemente a trattare l'emicrania.

Discussione

Considerazioni metodologiche

Gli attuali RCT SMT sull'emicrania suggeriscono l'efficacia del trattamento per quanto riguarda la frequenza, la durata e l'intensità dell'emicrania. Tuttavia, una conclusione definitiva richiede studi clinici clinici controllati con placebo a singolo cieco con pochi difetti metodologici. [30] Tali studi devono attenersi alle linee guida IHS raccomandate per lo studio clinico con frequenza dell'emicrania come endpoint primario e durata dell'emicrania, intensità dell'emicrania, indice di cefalea e consumo di farmaci come punti finali secondari. [32, 33] L'indice di cefalea, oltre a una combinazione di frequenza, durata e intensità, fornisce un'indicazione del livello totale di sofferenza. Nonostante la mancanza di consenso, l'indice di cefalea è stato raccomandato come endpoint secondario standard accettato. [33, 52, 53] Gli endpoint primari e secondari saranno raccolti in modo prospettico in un diario di cefalea diagnostico convalidato per tutti i partecipanti al fine di ridurre al minimo bias di richiamo. [47, 48] Per quanto ne sappiamo, questa è la prima terapia prospettica manuale in un RCT a tre bracci con controllo placebo a singolo cieco da condurre per l'emicrania. Il disegno dello studio aderisce per quanto possibile alle raccomandazioni per RCT farmacologici. Gli RCT che includono un gruppo placebo e un gruppo di controllo sono vantaggiosi per gli RCT pragmatici che mettono a confronto due bracci di trattamento attivi. Gli RCT forniscono anche l'approccio migliore per produrre dati sulla sicurezza e sull'efficacia.

Immagine di una donna con un'emicrania che tiene la testa.

L'abbagliamento non riuscito è un possibile rischio per il RCT. L'accecamento è spesso difficile in quanto non esiste un unico intervento sham chiropratico standardizzato convalidato che possa essere utilizzato come gruppo di controllo per questa data. È tuttavia necessario includere un gruppo placebo per produrre un vero effetto netto dell'intervento attivo. Il consenso su un placebo appropriato per uno studio clinico della SMT tra esperti che rappresentano clinici e accademici non è stato tuttavia raggiunto. [54] Nessun precedente studio ha confermato, per quanto a nostra conoscenza, un accecamento riuscito di uno studio clinico CSMT con più sessioni di trattamento. Intendiamo minimizzare questo rischio seguendo il protocollo proposto per il gruppo placebo.

La risposta al placebo è inoltre elevata in farmacologia e assume valori altrettanto elevati per gli studi clinici non farmacologici; tuttavia, potrebbe anche essere più alto nella terapia manuale. Gli RCT erano l'attenzione e il contatto fisico è coinvolto. [55] Allo stesso modo, sarà coinvolta una preoccupazione naturale per quanto riguarda l'attenzione per il gruppo di controllo in quanto non viene vista da nessuno o non vista tanto dal ricercatore clinico quanto dagli altri due gruppi.

Ci sono sempre rischi di abbandono a causa di vari motivi. Poiché la durata della prova è di 17 mesi con un periodo di follow-up di 12 mese, il rischio di perdita del follow-up viene così aumentato. La co-occorrenza di altri interventi manuali durante il periodo di prova è un altro possibile rischio, poiché coloro che ricevono manipolazione o altri trattamenti fisici manuali altrove durante il periodo di prova saranno ritirati dallo studio e considerati come abbandoni al momento della violazione.

La validità esterna del RCT potrebbe essere un punto debole in quanto vi è un solo investigatore. Tuttavia, abbiamo riscontrato che è vantaggioso per più investigatori, al fine di fornire informazioni simili ai partecipanti in tutti e tre i gruppi e all'intervento manuale nel CSMT e nei gruppi placebo. Quindi, intendiamo eliminare la variabilità inter-investigatore che potrebbe essere presente se ci sono due o più investigatori. Anche se il metodo Gonstead è la seconda tecnica più comunemente utilizzata tra i chiropratici, non vediamo un problema di preoccupazione quando si tratta di generalizzabilità e validità esterna. Inoltre, la procedura di randomizzazione a blocchi fornirà un campione omogeneo tra i tre gruppi.

La validità interna è, tuttavia, forte avendo un medico curante. Riduce il rischio di potenziali selezioni, informazioni e pregiudizi sperimentali. Inoltre, la diagnosi di tutti i partecipanti viene eseguita da neurologi esperti e non da questionari. Un colloquio diretto ha una maggiore sensibilità e specificità rispetto a un questionario. [27] I fattori motivazionali individuali che possono influenzare la percezione di un partecipante e le preferenze personali durante il trattamento sono entrambi ridotti da un solo investigatore. Inoltre, la validità interna è ulteriormente rafforzata da una procedura di randomizzazione convalidata nascosta. Poiché l'età e i sessi possono giocare un ruolo nell'emicrania, è stata ritenuta necessaria la randomizzazione a blocchi per bilanciare le braccia per età e sesso al fine di ridurre possibili pregiudizi legati all'età e / o al genere.

Immagine di raggi X che dimostrano la perdita di lordosi cervicale come possibile causa di emicrania.
Raggi X che dimostrano la perdita di lordosi cervicale come possibile causa di emicrania.

La conduzione di raggi X prima dell'intervento attivo e del placebo è risultata applicabile per visualizzare la postura, l'articolazione e l'integrità del disco. [56, 57] Poiché la dose totale di radiazioni da raggi X varia da 0.2-0.8 mSv, l'esposizione alle radiazioni è stato considerato basso. [58, 59] Le valutazioni a raggi X sono state anche ritenute necessarie per determinare se i raggi X della colonna vertebrale sono utili in studi futuri o meno.

Poiché non siamo a conoscenza dei meccanismi di possibile efficacia, e sono stati postulati sia il midollo spinale sia i percorsi inibitori discendenti centrali, non vediamo ragioni per escludere un approccio di trattamento della colonna vertebrale completo per il gruppo di intervento. È stato inoltre postulato che il dolore in diverse regioni spinali non dovrebbe essere considerato come un disturbo separato ma piuttosto come una singola entità. [60] Allo stesso modo, incluso un approccio completo della colonna vertebrale limita le differenziazioni tra CSMT e gruppi placebo. Pertanto, potrebbe rafforzare la probabilità di un accecamento efficace nel gruppo placebo. Inoltre, tutti i contatti placebo saranno eseguiti al di fuori della colonna vertebrale, riducendo al minimo un possibile input afferente del midollo spinale.

Valore innovativo e scientifico

Questo RCT evidenzierà e convaliderà Gonstead CSMT per gli emicranici, che non è stato precedentemente studiato. Se CSMT si dimostra efficace, fornirà un'opzione di trattamento non farmacologico. Ciò è particolarmente importante in quanto alcuni emicranici non hanno l'efficacia di prescrizione di farmaci acuti e / o profilattici, mentre altri hanno effetti collaterali non tollerabili o comorbilità di altre malattie che contraddicono i farmaci mentre altri desiderano evitare i farmaci per vari motivi. Quindi, se CSMT funziona, può davvero avere un impatto sul trattamento dell'emicrania. Lo studio collega anche la cooperazione tra chiropratici e medici, che è importante per rendere l'assistenza sanitaria più efficiente. Infine, il nostro metodo potrebbe essere applicato in futuro RCT per la terapia chiropratica e di altro tipo sul mal di testa.

Etica e divulgazione

Etica

Lo studio è stato approvato dal Comitato regionale norvegese per l'etica della ricerca medica (REK) (2010 / 1639 / REK) e dai servizi norvegesi di dati sulle scienze sociali (11-77). La dichiarazione di Helsinki è altrimenti seguita. Tutti i dati saranno resi anonimi mentre i partecipanti dovranno fornire il consenso informato orale e scritto. L'assicurazione è fornita attraverso il "Sistema norvegese di risarcimento ai pazienti" (NPE), che è un organismo nazionale indipendente istituito per elaborare richieste di risarcimento da parte di pazienti che hanno subito un infortunio a seguito di un trattamento nell'ambito del servizio sanitario norvegese. Una regola di arresto è stata definita per il ritiro dei partecipanti da questo studio in conformità con le raccomandazioni nell'estensione CONSORT per Better Reporting of Harms. [61] Se un partecipante segnala al proprio chiropratico o al personale di ricerca un evento avverso grave, verrà ritirato dal lo studio e riferito al proprio medico di base o al pronto soccorso dell'ospedale in base alla natura dell'evento. Il set di dati finale sarà disponibile per lo sperimentatore clinico (AC), lo statistico indipendente e in cieco (JSB) e Direttore dello studio (MBR). I dati saranno archiviati in un armadietto chiuso al Centro di ricerca dell'ospedale universitario di Akershus, in Norvegia, per gli anni 5.

diffusione

Questo progetto deve essere completato 3 anni dopo l'inizio. I risultati saranno pubblicati su riviste scientifiche internazionali sottoposte a revisione paritaria secondo la Dichiarazione CONSORZIO 2010. Verranno pubblicati risultati positivi, negativi e inconcludenti. Inoltre, una sintesi scritta dei risultati sarà disponibile per studiare i partecipanti su richiesta. Tutti gli autori dovrebbero qualificarsi per la paternità secondo il Comitato internazionale di redattori di riviste mediche, 1997. Ogni autore dovrebbe aver partecipato sufficientemente al lavoro per assumersi la responsabilità pubblica del contenuto. La decisione finale sull'ordine di paternità sarà decisa quando il progetto sarà stato finalizzato. I risultati dello studio possono inoltre essere presentati come poster o presentazioni orali a conferenze nazionali e / o internazionali.

Ringraziamenti

L'ospedale universitario di Akershus ha gentilmente fornito servizi di ricerca. Chiropratico Clinic1, Oslo, Norvegia, ha effettuato valutazioni a raggi X.

Le note

Collaboratori: AC e PJT hanno avuto l'idea originale per lo studio. AC e MBR hanno ottenuto finanziamenti. MBR ha pianificato la progettazione generale. AC ha preparato la bozza iniziale e PJT ha commentato la versione finale del protocollo di ricerca. JSB ha eseguito tutte le analisi statistiche. AC, JSB, PJT e MBR sono stati coinvolti nell'interpretazione e hanno contribuito alla revisione e alla preparazione del manoscritto. Tutti gli autori hanno letto e approvato il manoscritto finale.

finanziamento: Lo studio ha ricevuto finanziamenti da Extrastiftelsen (numero di concessione: 2829002), dalla Norwegian Chiropractic Association (numero di concessione: 2829001), dall'ospedale universitario di Akershus (numero di borsa: N / A) e dall'Università di Oslo in Norvegia (numero di concessione: N / A) .

Interessi conflittuali: Nessuno dichiarato.

Consenso del paziente: Ottenuto.

Approvazione etica: Il Comitato regionale norvegese per l'etica della ricerca medica ha approvato il progetto (ID dell'approvazione: 2010 / 1639 / REK).

Provenienza e revisione tra pari: Non commissionato; peer esterni revisionati.

Una sperimentazione controllata randomizzata di terapia manipolativa spinale chiropratica per l'emicrania

astratto

Obbiettivo: Per valutare l'efficacia della terapia manipolativa spinale chiropratica (SMT) nel trattamento dell'emicrania.

Design: Uno studio controllato randomizzato della durata di 6 mesi. Lo studio consisteva in stadi 3: 2 mesi di raccolta dati (prima del trattamento), 2 mesi di trattamento e altri 2 mesi di raccolta dati (dopo il trattamento). Il confronto dei risultati con i fattori di base iniziali è stato effettuato alla fine dei mesi 6 sia per un gruppo SMT che per un gruppo di controllo.

Ambito: Centro di ricerca chiropratica dell'Università Macquarie.

partecipanti: Centoventisette volontari di età compresa tra 10 e 70 sono stati reclutati attraverso la pubblicità dei media. La diagnosi di emicrania è stata fatta sulla base dello standard International Headache Society, con almeno un minimo di emicrania al mese.

interventi: Due mesi di SMT chiropratica (tecnica diversificata) a fissazione vertebrale determinata dal professionista (massimo di trattamenti 16).

Principali misure di esito: I partecipanti hanno completato diari di emicrania standard durante l'intera prova, rilevando la frequenza, l'intensità (punteggio analogico visivo), la durata, la disabilità, i sintomi associati e l'uso di farmaci per ciascun episodio di emicrania.

risultati: La risposta media del gruppo di trattamento (n = 83) ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo della frequenza dell'emicrania (P <.005), della durata (P <.01), della disabilità (P <.05) e dell'uso di farmaci (P <.001 ) se confrontato con il gruppo di controllo (n = 40). Quattro persone non hanno completato il processo a causa di una serie di cause, tra cui il cambio di residenza, un incidente automobilistico e una maggiore frequenza di emicrania. In altri termini, 22% dei partecipanti ha riportato più di una riduzione dell'90% dell'emicrania in conseguenza dei mesi 2 di SMT. Approssimativamente il numero di partecipanti 50% ha riportato un miglioramento significativo nella morbilità di ciascun episodio.

Conclusione: I risultati di questo studio supportano i risultati precedenti che mostrano che alcune persone segnalano un miglioramento significativo nell'emicrania dopo SMT chiropratica. Un'alta percentuale (> 80%) dei partecipanti ha riportato lo stress come un fattore importante per le loro emicranie. Sembra probabile che la cura chiropratica abbia un effetto sulle condizioni fisiche legate allo stress e che in queste persone si riducano gli effetti dell'emicrania.

In conclusione, la terapia manipolativa spinale chiropratica può essere utilizzata efficacemente per aiutare a trattare l'emicrania, secondo lo studio di ricerca. Inoltre, la cura chiropratica ha migliorato la salute e il benessere generale dell'individuo. Si ritiene che il benessere del corpo umano nel suo insieme sia uno dei maggiori fattori sul perché la cura chiropratica sia efficace per l'emicrania. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Vos T, Flaxman AD, Naghavi M et al. Anni vissuti con disabilità (YLD) per sequele di 1160 di 289 malattie e lesioni 1990-2010: un'analisi sistematica per lo studio Global Burden of Disease 2010. Lancet 2012; 380: 2163-96. doi: 10.1016 / S0140-6736 (12) 61729-2 [PubMed]
2. Russell MB, Kristiansen HA, Saltyte-Benth J et al. Un sondaggio cross-sectional basato sulla popolazione di emicrania e mal di testa nei norvegesi 21,177: il progetto Akershus per l'apnea del sonno. J Mal di testa dolore 2008; 9: 339-47. doi: 10.1007 / s10194-008-0077-z [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
3. Steiner TJ, Stovner LJ, Katsarava Z et al. L'impatto del mal di testa in Europa: principali risultati del progetto Eurolight. J Dolore al mal di testa 2014; 15: 31 doi: 10.1186 / 1129-2377-15-31 [Articolo gratuito PMC] [PubMed]
4. Sottotitolo di classificazione di cefalea dell'International Headache Society. The International Classification of Headache Disorders, edizione 3rd (versione beta). Cefalalgia 2013; 33: 629-808. doi: 10.1177 / 0333102413485658 [PubMed]
5. Russell MB, Iversen HK, Olesen J. Descrizione migliorata dell'aura emicranica da un diario dell'auto diagnostica. Cefalalgia 1994; 14: 107-17. doi: 10.1046 / j.1468-2982.1994.1402107.x [PubMed]
6. Russell MB, Olesen J. Un'analisi nosografica dell'aura emicranica in una popolazione generale. Cervello 1996; 119 (Pt 2): 355-61. doi: 10.1093 / brain / 119.2.355 [PubMed]
7. Olesen J, Burstein R, Ashina M et al. Origine del dolore nell'emicrania: evidenza di sensibilizzazione periferica. Lancet Neurol 2009; 8: 679-90. doi: 10.1016 / S1474-4422 (09) 70090-0 [PubMed]
8. Amin FM, Asghar MS, Hougaard A et al. Angiografia a risonanza magnetica delle arterie intracraniche ed extracraniche in pazienti con emicrania spontanea senza aura: uno studio trasversale. Lancet Neurol 2013; 12: 454-61. doi: 10.1016 / S1474-4422 (13) 70067-X [PubMed]
9. Wolff HGF. Mal di testa e altri mal di testa. 2nd ed Oxford: Oxford University Press, 1963.
10. Jensen K. Flusso sanguigno extracranico, dolore e tenerezza nell'emicrania. Studi clinici e sperimentali. Acta Neurol Scand Suppl 1993; 147: 1-8. doi: 10.1111 / j.1748-1716.1993.tb09466.x [PubMed]
11. Svensson P, Ashina M. Studi sull'uomo del dolore sperimentale da muscoli. In: Olesen J, Tfelt-Hansen P, Welch KMA et al., Eds Mal di testa. 3rd edn Lippincott Williams & Wilkins, 2006: 627-35.
12. Ray BS, Wolff HG. Studi sperimentali sul mal di testa. Strutture sensibili al dolore della testa e il loro significato nel mal di testa. Arch Surg 1940; 41: 813-56. doi: 10.1001 / archsurg.1940.01210040002001
13. Grande RB, Aaseth K, Gulbrandsen P et al. Prevalenza del mal di testa cronico primario in un campione basato sulla popolazione di persone di 30- a 44-year-old. Lo studio di Akershus del mal di testa cronico. Neuroepidemiologia 2008; 30: 76-83. doi: 10.1159 / 000116244 [PubMed]
14. Aaseth K, Grande RB, Kvaerner KJ et al. Prevalenza di cefalea cronica secondaria in un campione di persone di 30-44 anni di popolazione. Lo studio di Akershus del mal di testa cronico. Cefalalgia 2008; 28: 705-13. doi: 10.1111 / j.1468-2982.2008.01577.x [PubMed]
15. Jensen R, Stovner LJ. Epidemiologia e comorbidità del mal di testa. Lancet Neurol 2008; 7: 354-61. doi: 10.1016 / S1474-4422 (08) 70062-0 [PubMed]
16. Lundqvist C, Grande RB, Aaseth K et al. I punteggi di dipendenza predicono la prognosi del mal di testa da uso eccessivo di farmaci: una coorte prospettica dallo studio di Akershus sul mal di testa cronico. Dolore 2012; 153: 682-6. doi: 10.1016 / j.pain.2011.12.008 [PubMed]
17. Rasmussen BK, Jensen R, Olesen J. Impatto del mal di testa per assenza di malattia e utilizzo di servizi medici: uno studio demografico danese. J Epidemiol Community Health 1992; 46: 443-6. doi: 10.1136 / jech.46.4.443 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
18. Hu XH, Markson LE, Lipton RB et al. Onere di emicrania negli Stati Uniti: disabilità e costi economici. Arch Intern Med 1999; 159: 813-18. doi: 10.1001 / archinte.159.8.813 [PubMed]
19. Berg J, Stovner LJ. Costo dell'emicrania e di altri mal di testa in Europa. Eur J Neurol 2005; 12 (Suppl 1): 59-62. doi: 10.1111 / j.1468-1331.2005.01192.x [PubMed]
20. Andlin-Sobocki P, Jonsson B, Wittchen HU et al. Costo dei disturbi del cervello in Europa. Eur J Neurol 2005; 12 (Suppl 1): 1-27. doi: 10.1111 / j.1468-1331.2005.01202.x [PubMed]
21. Cooperstein R. Gonstead Chiropractic Technique (GCT). J Chiropr Med 2003; 2: 16-24. doi: 10.1016 / S0899-3467 (07) 60069-X [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
22. Cooperstein R, Gleberson BJ. Sistemi di tecnica in chiropratica. 1st edn New York: Churchill Livingston, 2004.
23. Parker GB, Tupling H, Pryor DS. Una prova controllata di manipolazione cervicale dell'emicrania. Aust NZ J Med 1978; 8: 589-93. doi: 10.1111 / j.1445-5994.1978.tb04845.x [PubMed]
24. Parker GB, Pryor DS, Tupling H. Perché l'emicrania migliora durante una sperimentazione clinica? Ulteriori risultati da una prova di manipolazione cervicale per l'emicrania. Aust NZ J Med 1980; 10: 192-8. doi: 10.1111 / j.1445-5994.1980.tb03712.x [PubMed]
25. Nelson CF, Bronfort G, Evans R et al. L'efficacia della manipolazione spinale, l'amitriptilina e la combinazione di entrambe le terapie per la profilassi dell'emicrania. J Manipolative Physiol Ther 1998; 21: 511-19. [PubMed]
26. Tuchin PJ, Pollard H, Bonello R. Uno studio randomizzato controllato di terapia manipolatoria spinale chiropratica per l'emicrania. J Manipolative Physiol Ther 2000; 23: 91-5. doi: 10.1016 / S0161-4754 (00) 90073-3 [PubMed]
27. Rasmussen BK, Jensen R, Olesen J. Questionario versus colloquio clinico nella diagnosi di cefalea. Mal di testa 1991; 31: 290-5. doi: 10.1111 / j.1526-4610.1991.hed3105290.x [PubMed]
28. Vernon HT. L'efficacia della manipolazione chiropratica nel trattamento del mal di testa: un'esplorazione in letteratura. J Manipolative Physiol Ther 1995; 18: 611-17. [PubMed]
29. Fernandez-de-las-Penas C, Alonso-Blanco C, San-Roman J et al. Qualità metodologica di studi randomizzati e controllati di manipolazione e mobilizzazione spinali in cefalea di tipo tensivo, emicrania e cefalea cervicogenica. J Orthop Sports Phys Ther 2006; 36: 160-9. doi: 10.2519 / jospt.2006.36.3.160 [PubMed]
30. Chaibi A, Tuchin PJ, Russell MB. Terapie manuali per l'emicrania: una revisione sistematica. J Mal di testa dolore 2011; 12: 127-33. doi: 10.1007 / s10194-011-0296-6 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
31. Chaibi A, Russell MB. Terapie manuali per cefalee croniche primarie: una revisione sistematica di studi randomizzati controllati. J Dolore al mal di testa 2014; 15: 67 doi: 10.1186 / 1129-2377-15-67 [Articolo gratuito PMC] [PubMed]
32. Tfelt-Hansen P, Block G, Dahlof C et al. Sottocomitato di sperimentazione clinica della International Headache Society. Linee guida per prove controllate di farmaci in emicrania: seconda edizione. Cefalalgia 2000; 20: 765-86. doi: 10.1046 / j.1468-2982.2000.00117.x [PubMed]
33. Silberstein S, Tfelt-Hansen P, Dodick DW et al. , Task Force della sottocommissione per la sperimentazione clinica della International Headache Society. Linee guida per studi controllati sul trattamento profilattico dell'emicrania cronica negli adulti. Cefalalgia 2008; 28: 484-95. doi: 10.1111 / j.1468-2982.2008.01555.x [PubMed]
34. Kerr FW. Relazioni centrali tra afferenze primarie del trigemino e del collo dell'utero nel midollo spinale e nel midollo. Brain Res 1972; 43: 561-72. doi: 10.1016 / 0006-8993 (72) 90408-8 [PubMed]
35. Bogduk N. Il collo e mal di testa. Neurol Clin 2004; 22: 151-71, vii doi: 10.1016 / S0733-8619 (03) 00100-2 [PubMed]
36. McLain RF, Pickar JG. Terminazioni dei meccanocettori nelle faccette articolari toraciche e lombari. Spine (Phila Pa 1976) 1998; 23: 168-73. doi: 10.1097 / 00007632-199801150-00004 [PubMed]
37. Vernon H. Revisione qualitativa degli studi di ipoalgesia indotta da manipolazione. J Manipolative Physiol Ther 2000; 23: 134-8. doi: 10.1016 / S0161-4754 (00) 90084-8 [PubMed]
38. Vicenzino B, Paungmali A, Buratowski S et al. La terapia manipolativa specifica per l'epicondilalgia laterale cronica produce una ipoalgesia unica e caratteristica. Man Ther 2001; 6: 205-12. doi: 10.1054 / math.2001.0411 [PubMed]
39. Boal RW, Gillette RG. Plasticità centrale neuronale, lombalgia e terapia manipolativa spinale. J Manipolative Physiol Ther 2004; 27: 314-26. doi: 10.1016 / j.jmpt.2004.04.005 [PubMed]
40. De Camargo VM, Alburquerque-Sendin F, Berzin F et al. Effetti immediati sull'attività elettromiografica e sulle soglie del dolore pressorio dopo una manipolazione cervicale nel dolore cervico meccanico: uno studio controllato randomizzato. J Manipolative Physiol Ther 2011; 34: 211-20. doi: 10.1016 / j.jmpt.2011.02.002 [PubMed]
41. Moher D, Hopewell S, Schulz KF et al. Spiegazione ed elaborazione di CONSORT 2010: linee guida aggiornate per la segnalazione di studi randomizzati di gruppo parallelo. BMJ 2010; 340: c869 doi: 10.1136 / bmj.c869 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
42. Hoffmann TC, Glasziou PP, Boutron I et al. Migliore reportistica degli interventi: modello per la descrizione e la guida dell'intervento di descrizione e replica (TIDieR). BMJ 2014; 348: g1687 doi: 10.1136 / bmj.g1687 [PubMed]
43. Sottotitolo di classificazione di cefalea dell'International Headache Society. Classificazione internazionale dei disturbi dell'emicrania: 2nd edition. Cefalalgia 2004; 24 (Suppl 1): 9-10. doi: 10.1111 / j.1468-2982.2003.00824.x [PubMed]
44. HP francese, Brennan A, White B et al. Terapia manuale per l'osteoartrosi dell'anca o del ginocchio - una revisione sistematica. Man Ther 2011; 16: 109-17. doi: 10.1016 / j.math.2010.10.011 [PubMed]
45. Cassidy JD, Boyle E, Cote P et al. Rischio di ictus vertebro-basilare e cura chiropratica: risultati di uno studio caso-controllo e caso-crossover basato sulla popolazione. Spine (Phila Pa 1976) 2008; 33 (4Suppl): S176-S83. doi: 10.1097 / BRS.0b013e3181644600 [PubMed]
46. Tuchin P. Una replica dello studio "Effetti avversi della manipolazione spinale: una revisione sistematica". Chiropr Man Therap 2012; 20: 30 doi: 10.1186 / 2045-709X-20-30 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
47. Russell MB, Rasmussen BK, Brennum J et al. Presentazione di un nuovo strumento: il diario della cefalea diagnostica. Cefalalgia 1992; 12: 369-74. doi: 10.1111 / j.1468-2982.1992.00369.x [PubMed]
48. Lundqvist C, Benth JS, Grande RB et al. Un VAS verticale è uno strumento valido per il monitoraggio dell'intensità del dolore alla cefalea. Cefalalgia 2009; 29: 1034-41. doi: 10.1111 / j.1468-2982.2008.01833.x [PubMed]
49. Bang H, Ni L, Davis CE. Valutazione dell'accecamento negli studi clinici. Control Clin Trial 2004; 25: 143-56. doi: 10.1016 / j.cct.2003.10.016 [PubMed]
50. Johnson C. Misurazione del dolore. Scala analogica visiva contro scala numerica del dolore: qual è la differenza? J Chiropr Med 2005; 4: 43-4. doi: 10.1016 / S0899-3467 (07) 60112-8 [articolo gratuito PMC] [PubMed]
51. Silberstein SD, Neto W, Schmitt J et al. Topiramato nella prevenzione dell'emicrania: risultati di un ampio studio controllato. Arch Neurol 2004; 61: 490-5. doi: 10.1001 / archneur.61.4.490 [PubMed]
52. Bendtsen L, Jensen R, Olesen J. Un inibitore del reuptake della serotonina non selettivo (amitriptilina), ma non selettivo (citalopram) è efficace nel trattamento profilattico della cefalea cronica di tipo tensivo. J Neurol Neurosurg Psychiatry 1996; 61: 285-90. doi: 10.1136 / jnnp.61.3.285 [articolo gratuito di PMC] [PubMed]
53. Hagen K, Albretsen C, Vilming ST et al. Gestione del mal di testa da uso eccessivo di farmaci: studio multicentrico randomizzato di 1 in aperto. Cefalalgia 2009; 29: 221-32. doi: 10.1111 / j.1468-2982.2008.01711.x [PubMed]
54. Hancock MJ, Maher CG, Latimer J et al. Selezione di un placebo appropriato per una sperimentazione di terapia manipolativa spinale. Aust J Physiother 2006; 52: 135-8. doi: 10.1016 / S0004-9514 (06) 70049-6 [PubMed]
55. Meissner K, Fassler M, Rucker G et al. Efficacia differenziale dei trattamenti placebo: una revisione sistematica della profilassi dell'emicrania. JAMA Inter Med 2013; 173: 1941-51. doi: 10.1001 / jamainternmed.2013.10391 [PubMed]
56. Taylor JA. Radiografia a colonna vertebrale completa: una revisione. J Manipolative Physiol Ther 1993; 16: 460-74. [PubMed]
57. International Chiropractic Assocoation Practising Chiropractors 'Committee on Radiology Protocols (PCCRP) per la valutazione biomeccanica della sublussazione spinale nella pratica clinica chiropratica. Assunzione internazionale chiropratica secondaria Praticare il comitato chiropratico sui protocolli di radiologia (PCCRP) per la valutazione biomeccanica della sublussazione spinale nella pratica clinica chiropratica 2009. http://www.pccrp.org/
58. Cracknell DM, Bull PW. Dosimetria d'organo nella radiografia spinale: un confronto tra le tecniche di sezione e di colonna vertebrale a regione 3. Chiropr J Austr 2006; 36: 33-9.
59. Borretzen I, Lysdahl KB, Olerud HM. Radiologia diagnostica nelle tendenze norvegesi in frequenza di esame e dose efficace collettiva. Dosimetria Radiat Prot 2007; 124: 339-47. doi: 10.1093 / rpd / ncm204 [PubMed]
60. Leboeuf-Yde C, Fejer R, Nielsen J et al. Dolore nelle tre regioni spinali: lo stesso disturbo? Dati da un campione di popolazione di adulti danesi 34,902. Chiropr Man Ther 2012; 20: 11 doi: 10.1186 / 2045-709X-20-11 [articolo gratuito PMC] [PubMed]
61. Ioannidis JP, Evans SJ, Gotzsche PC et al. Migliore segnalazione dei danni negli studi randomizzati: un'estensione della dichiarazione CONSORT. Ann Intern Med 2004; 141: 781-8. doi: 10.7326 / 0003-4819-141-10-200411160-00009 [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Dolore al collo

Il dolore al collo è un disturbo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Secondo le statistiche, le lesioni da incidente automobilistico e le lesioni da colpo di frusta sono alcune delle cause più frequenti per il dolore al collo tra la popolazione generale. Durante un incidente automobilistico, l'impatto improvviso dall'incidente può far sobbalzare bruscamente la testa e il collo in qualsiasi direzione, danneggiando le complesse strutture che circondano il rachide cervicale. Il trauma ai tendini e ai legamenti, così come quello di altri tessuti del collo, può causare dolore al collo e irradia sintomi in tutto il corpo umano.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: A Healt You!