I flavonoidi possono ridurre la malattia cardiovascolare? | Clinica del benessere | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

I flavonoidi possono ridurre la malattia cardiovascolare? | Clinica del benessere

Le diete ricche di flavonoidi sono state associate a uno stile di vita, poiché spesso fa parte di molte raccomandazioni nutrizionali dei professionisti sanitari associati alla prevenzione delle malattie croniche. Tuttavia, l'identificazione di effetti benefici da flavonoidi e alimenti ricchi di flavonoidi è diventata una zona difficile da discutere a causa di un ruolo condizionale o non essenziale di flavonoidi nel nutrimento umano, secondo alcune ricerche.

 

I flavonoidi aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari?

 

Tuttavia, i recenti tentativi di dimostrare altrimenti questo nel campo medico che circonda le malattie cardiovascolari, nonché gli sforzi nell'area di alimenti ricchi di flavonoidi, hanno iniziato a fornire dimostrazioni di effetti e meccanismi d'azione in studi di ricerca ben controllati. Ulteriori studi sono essenziali per la conferma degli effetti e per la corretta identificazione dei flavonoidi bioattivi in ​​relazione alle malattie cardiovascolari.

 

Flavonoidi e malattie cardiovascolari

 

Studi epidemiologici, studi clinici e scienze di base hanno trovato una correlazione inversa tra l'assunzione di flavonoidi e una diminuzione della mortalità dalla prevalenza di ictus e malattia coronarica, compreso il miglioramento dei rischi di ipertensione e malattia cardiovascolare.

 

Più di 4000 sono stati identificati i flavonoidi presenti in natura, tra cui frutta, verdura, vino rosso, tè, soia e liquirizia. I flavonoidi (flavonoli, flavoni e isoflavoni) sono potenti spazzini di radicali liberi che inibiscono la perossidazione lipidica, prevengono l'aterosclerosi, promuovono il rilassamento vascolare e hanno anche proprietà anti-ipertensive. Insieme a ridurre l'ictus e fornire effetti che riducono la mortalità e la morbilità di CHD, come accennato.

 

Molti meccanismi sono stati suggeriti per spiegare gli effetti protettivi dei flavonoidi in relazione alle malattie cardiovascolari:

 

Effetti antiaterogeni I flavonoidi insieme ad altri antiossidanti, comprendono due linee di difesa nel proteggere le cellule dai danni a causa dell'ossidazione del colesterolo LDL; Innanzitutto, nel livello di colesterolo nel sangue LDL, inibendo l'ossidazione delle LDL a causa della loro attività di scavenger dei radicali liberi, e secondo, a livello cellulare, schermando le cellule di conseguenza, aumentando la loro resistenza contro l'effetto citotossico delle LDL ossidate. Recenti studi di ricerca suggeriscono che i flavonoidi possono anche aiutare a fermare l'espressione di molecole di adesione e chemoattrattive.

 

Effetti antiaggreganti. I flavonoidi evitano l'aggregazione piastrinica innescata da numerosi stimoli pro-aggreganti anche se sono richieste alte dosi. L'inibizione delle fosfodiesterasi piastriniche, l'inibizione del metabolismo degli acidi arachidonici e gli effetti antiossidanti sono stati suggeriti come potenziali meccanismi d'azione.

 

Effetti diretti sulla muscolatura liscia vascolare. Gli effetti vasodilatatori dei flavonoidi in vitro sono indipendenti dall'endotelio. Il meccanismo più importante sembra essere correlato ai loro effetti inibitori sulle protein chinasi. Alcuni flavonoidi, tuttavia, possono produrre reazioni contrattili dipendenti dall'endotelio a causa dell'aumentata produzione di TXA2 o tromboxane A2.

 

Risultati antiipertensivi. Sono state ottenute solo piccole quantità di informazioni riguardanti gli effetti dei flavonoidi sulla pressione sanguigna. Tuttavia, recentemente, la somministrazione orale di quercetina ha dimostrato di esercitare potenti effetti anti-ipertensivi

 

Il resveratrolo è un potente antiossidante e anti-ipertensivo, si trova nel vino rosso e nella buccia dell'uva. La somministrazione agli individui migliora la compliance, riduce l'indicatore di potenziamento e aumenta la pressione sanguigna quando somministrata come 250 ml di vino rosso normale o de-alcolizzato. C'è stata una sostanziale riduzione dell'indice di aumento aortico del 6.1% insieme a tutto il vino rosso disalcolizzato e del 10.5% con vino rosso normale. La pressione sanguigna centrale è stata significativamente ridotta dal vino rosso disalcolizzato in 7.4 mmHg e 5.4 mmHg dal vino rosso di routine. Il resveratrolo migliora la vasodilatazione mediata dalla circolazione ED in modo dose-dipendente, previene il disaccoppiamento di eNOS, aumenta l'adiponec-tin, abbassa l'HS-CRP e blocca gli effetti dell'angiotensina II. La dose consigliata è di 250 mg / die di transresveratrolo.

 

Ricerca su CVD e flavonoidi

 

La scienza di base, il monitoraggio clinico e una varietà di studi di ricerca hanno portato a un corpo emergente di prove sul ruolo dei flavonoidi nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Tuttavia, gli studi esistenti sui flavonoidi o sulle sue risorse alimentari hanno fornito risultati contraddittori, generalmente sulla prevenzione primaria della mortalità per malattia coronarica. Lo studio ha utilizzato il meccanismo di sovvenzione per analizzare i dati raccolti in precedenza.

 

I ricercatori hanno esaminato se l'assunzione di flavonoidi fosse associata al rischio di malattia cardiovascolare incidente e se specifiche fonti alimentari di flavonoidi, tra cui cipolle, tè, mele, vino rosso e altri alimenti, fossero correlati al rischio di CVD e ipertensione. I ricercatori hanno elaborato ed esaminato le statistiche raccolte in precedenza sulle ragazze 39,876 di mezza età e anziane prive di CVD; lo studio cardiovascolare antiossidante delle donne (WACS), uno studio prospettico sulle donne di mezza età e anziane 8,171 con CVD preesistente o su tre fattori di rischio coronarico; il Normative Aging Study (NAS), uno studio prospettico di 2,280 uomini di mezza età e anziani; insieme al Boston Health Care Study (BAHS), uno studio caso-controllo del primo infarto miocardico non fatale in donne e uomini di età inferiore ai decenni 76. Utilizzando dati provenienti da questionari semiquantitativi di frequenza alimentare somministrati in ogni studio, i ricercatori hanno determinato l'assunzione individuale di flavonoidi e delle sue fonti alimentari.

 

A differenza degli studi precedenti, i ricercatori hanno esaminato i flavonoidi in relazione alla prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari, comprendendo casi verificati di infarto miocardico non fatale (Ml), ictus non fatale, procedure di rivascolarizzazione e morte. Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alle lesioni e alle condizioni chiropratiche e spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

Dott. Alex Jimenez

 

Ulteriori argomenti: Benessere

 

La salute generale e il benessere sono essenziali per mantenere il giusto equilibrio mentale e fisico nel corpo. Dando una nutrizione equilibrata, esercitando e partecipando alle attività fisiche, a dormire regolarmente una sana quantità di tempo, seguendo i migliori suggerimenti per la salute e il benessere può in ultima analisi contribuire a mantenere il benessere complessivo. Mangiare un sacco di frutta e verdura può andare un lungo cammino per aiutare le persone a diventare sane.

 

foto di blog di cartone animato grande notizie

 

TEMPO DI TRENDING: EXTRA EXTRA: Chiropratica

 

 

Everbright Wellness El Paso
WEBINAR di eventbrite®

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 • 7

COMODAMENTE ONLINE 24 • 7