Valutazione della composizione del corpo: uno strumento di pratica clinica

Condividi

Composizione del corpo: parole chiave

  • Massa senza grassi
  • Massa grassa
  • La denutrizione
  • Analisi dell'impedenza bioelettrica
  • Obesità sarcopenica
  • Tossicità per il farmaco

Astratto

La malnutrizione viene rilevata in modo insufficiente nei pazienti ambulatoriali e ambulatoriali e questo probabilmente peggiorerà nei prossimi decenni. La maggiore prevalenza dell'obesità insieme alle malattie croniche associate alla perdita di massa magra (FFM) comporterà una maggiore prevalenza dell'obesità sarcopenica. Nei pazienti con obesità sarcopenica, la perdita di peso e l'indice di massa corporea mancano di precisione per rilevare la perdita di FFM. La perdita di FFM è correlata all'aumento della mortalità, ai peggiori risultati clinici e alla qualità della vita compromessa. Nell'obesità sarcopenica e nelle malattie croniche, la misurazione della composizione corporea con l'assorbtiometria a raggi X a doppia energia, l'analisi dell'impedenza bioelettrica o la tomografia computerizzata quantifica la perdita di FFM. Permette un supporto nutrizionale su misura e una terapia specifica per le malattie e riduce il rischio di tossicità dei farmaci. La valutazione della composizione corporea dovrebbe essere integrata nella pratica clinica di routine per la valutazione iniziale e il follow-up sequenziale dello stato nutrizionale. Potrebbe consentire uno screening obiettivo, sistematico e precoce della malnutrizione e promuovere l'avvio razionale e precoce di un supporto nutrizionale ottimale, contribuendo in tal modo a ridurre la morbilità, la mortalità, il peggioramento della qualità della vita indotta dalla malnutrizione e i costi globali dell'assistenza sanitaria.

Introduzione

La malnutrizione cronica è caratterizzata da una progressiva riduzione del massa senza grassi (FFM) e massa grassa (FM) e che ha conseguenze deleterie sulla salute. La denutrizione non è sufficientemente controllata e trattata in pazienti ospedalizzati oa rischio, nonostante la sua alta prevalenza e l'impatto negativo su mortalità, morbilità, durata del soggiorno (LOS), qualità della vita e costi [1-4]. Il rischio di sottostimare la malnutrizione ospedaliera è destinato a peggiorare nei prossimi decenni a causa della crescente prevalenza di sovrappeso, obesità e malattie croniche e dell'aumento del numero di soggetti anziani. Queste condizioni cliniche sono associate alla perdita di FFM (sarcopenia). Pertanto, un numero maggiore di pazienti con perdita di FFM e obesità sarcopenica sarà visto in futuro.

L'obesità sarcopenica è associata a una diminuzione della sopravvivenza e ad una maggiore tossicità di terapia nei pazienti affetti da tumore [5-10], mentre la perdita di FFM è legata alla ridotta sopravvivenza, a un esito negativo clinico, a maggiori costi sanitari [2] e alla salute generale complessiva, e la qualità della vita [4-11]. Pertanto, l'individuazione e il trattamento della perdita di FFM è un problema importante dei costi sanitari e sanitari pubblici [12].

La perdita di peso e l'indice di massa corporea (BMI) non hanno sensibilità per rilevare la perdita di FFM [13]. In questa recensione, sosteniamo la valutazione sistematica di FFM con un metodo di valutazione della composizione corporea per migliorare il detecla gestione e il follow-up della sottoutilizzazione. Un tale approccio dovrebbe, a sua volta, ridurre le conseguenze cliniche e funzionali delle malattie nell'impostazione di un approccio medico-economico conveniente (fig. 1). Discutiamo le principali applicazioni della valutazione della composizione corporea nella pratica clinica (fig. 2).

Fig. 1. Concettualizzazione dell'impatto atteso dell'uso precoce della composizione corporea per lo screening della perdita senza grasso e sotto-nutrizione in soggetti sovrappeso sarcopenici e soggetti obesi. Un aumento della prevalenza del sovrappeso e dell'obesità è osservato in tutti i paesi occidentali e emergenti. Contemporaneamente, l'invecchiamento della popolazione, la riduzione del livello di attività fisica e la maggiore prevalenza delle malattie croniche e del cancro hanno aumentato il numero di pazienti con oa rischio di compromissione della FFM, ossia della sarcopenia. Pertanto, più pazienti presentano con "sovrappeso sarcopenico o obesità". In questi pazienti, la valutazione dello stato nutrizionale utilizzando metodi antropometrici, cioè la perdita di peso e il calcolo del BMI, non è sufficientemente sensibile per rilevare la disfunzione di FFM. Di conseguenza, la sottovalutazione non viene rilevata, peggiora e influenza negativamente la morbilità, la mortalità, la LOS, la durata del recupero, la qualità della vita ei costi di assistenza sanitaria. Al contrario, nei pazienti con 'sovrappeso sarcopenico o obesità', la screening iniziale della sottovalutazione con un metodo dedicato di valutazione della composizione corporea consentirebbe l'avvio iniziale del supporto nutrizionale e, a sua volta, miglioramenti dello stato nutrizionale e dell'esito clinico.

Motivazione per una nuova strategia per lo screening della sottorubricazione

La screening della sottovalutazione è insufficiente

Le società accademiche incoraggiano uno screening sistematico della denutrizione al ricovero ospedaliero e durante la degenza ospedaliera [14]. Il rilevamento della sottonutrizione si basa generalmente su misurazioni di peso e altezza, calcoli del BMI e percentuale di perdita di peso. Tuttavia, lo screening della sottonutrizione è raro nei pazienti in degenza ospedalizzati o nutrizionalmente a rischio. Ad esempio, in Francia, le indagini eseguite dall'autorità sanitaria francese [15] indicano che: (i) peso da solo, (ii) peso con BMI o percentuale di perdita di peso e (iii) peso, indice di massa corporea, e la percentuale di perdita di peso sono riportati rispettivamente in 55, 30 e 8% dei record dei pazienti ricoverati. Numerosi temi, che potrebbero essere migliorati da specifici programmi educativi, spiegano la mancanza di implementazione dello screening nutrizionale negli ospedali (tabella 1). Inoltre, l'accuratezza dello screening clinico della sottovalutazione potrebbe essere limitata all'ammissione ospedaliera. Infatti, i pazienti con la sottovalutazione possono avere gli stessi valori BMI come i controlli sani e quelli adatti all'età, ma un FFM significativamente diminuito nascosto da un'espansione dell' FM e dell'acqua totale che può essere misurata mediante l'analisi dell'impedenza bioelettrica (BIA) [13] . Questo esempio illustra che la valutazione della composizione del corpo consente un'identificazione più precisa della perdita di FFM rispetto alla perdita di peso corporeo o alla diminuzione del BMI. La mancanza di sensibilità e specificità del peso, del BMI e della percentuale di perdita di peso sostengono la necessità di altri metodi per valutare lo stato nutrizionale.

Cambiamenti nei profili dei pazienti

In 2008, il 12 e il 30 percento della popolazione adulta in tutto il mondo era obeso o sovrappeso; questo è due volte superiore rispetto a 1980 [16]. La prevalenza di sovrappeso e obesità è in aumento anche nei pazienti ospedalizzati. Un'indagine comparativa 10-anno eseguita in un ospedale europeo ha mostrato un aumento del BMI dei pazienti, insieme a una LOS più breve [17]. Il BMI aumenta la malnutrizione delle maschere e la perdita di FFM al ricovero ospedaliero. L'aumento della prevalenza dell'obesità in una popolazione che invecchia ha portato al riconoscimento di una nuova entità nutrizionale: "obesità sarcopenica" [18]. L'obesità sarcopenica è caratterizzata da un aumento della FM e una riduzione della FFM con un peso corporeo normale o elevato. L'emergere del concetto di obesità sarcopenica aumenterà il numero di situazioni associate a una mancanza di sensibilità dei calcoli dell'IMC e del cambiamento di peso corporeo per la diagnosi precoce della perdita di FFM. Ciò supporta un più ampio uso della valutazione della composizione corporea per la valutazione e il follow-up dello stato nutrizionale nella pratica clinica (figura 1).

Fig. 2. Applicazioni attuali e potenziali della valutazione della composizione corporea nella pratica clinica. Le applicazioni sono indicate nelle caselle e i metodi di composizione corporea che potrebbero essere utilizzati per ciascuna applicazione sono indicati all'interno dei cerchi. L'applicazione più utilizzata della valutazione della composizione corporea è la misurazione della densità minerale ossea da parte di DEXA per la diagnosi e la gestione dell'osteoporosi. Sebbene una FFM bassa sia associata a peggiori esiti clinici, la valutazione della FFM non è ancora sufficientemente implementata nella pratica clinica. Tuttavia, consentendo la diagnosi precoce della sottonutrizione, la valutazione della composizione corporea potrebbe migliorare l'esito clinico. La valutazione della composizione corporea potrebbe anche essere utilizzata per monitorare lo stato nutrizionale, calcolare il fabbisogno energetico, personalizzare il supporto nutrizionale e valutare i cambiamenti dei fluidi durante il periodo perioperatorio e l'insufficienza renale. Prove recenti indicano che un basso livello di FFM è associato a una maggiore tossicità di alcuni farmaci chemioterapici nei pazienti oncologici. Pertanto, consentendo la personalizzazione delle dosi chemioterapiche alla FFM nei pazienti oncologici, la valutazione della composizione corporea dovrebbe migliorare la tolleranza e l'efficacia della chemioterapia. BIA, CT con L3 e DEXA potrebbero essere utilizzati per la valutazione dello stato nutrizionale, il calcolo del fabbisogno energetico e la personalizzazione del supporto nutrizionale e della terapia. Ulteriori studi sono garantiti per convalidare la BIA come metodo accurato per la misurazione del bilancio idrico. Integrando la valutazione della composizione corporea nella gestione delle diverse condizioni cliniche, tutte queste potenziali applicazioni porterebbero a un migliore riconoscimento dell'assistenza nutrizionale da parte della comunità medica, delle strutture sanitarie e delle autorità sanitarie, nonché a un aumento della benefici medico-economici della valutazione nutrizionale.

Valutazione della composizione corporea per la valutazione dello stato nutrizionale

La valutazione della composizione corporea è una tecnica preziosa per valutare lo stato nutrizionale. In primo luogo, fornisce una valutazione dello stato nutrizionale attraverso la valutazione del FFM. secondoaccidentalmente, misurando la FFM e l'angolo di fase con BIA, consente di valutare la prognosi e l'esito della malattia.

Tecniche di composizione del corpo per la misura FFM

La valutazione della composizione corporea consente di misurare i compartimenti principali del corpo: FFM (compresi i tessuti minerali ossee), FM e acqua corporea totale. Tabella 2 mostra i valori indicativi della composizione corporea di un soggetto sano che pesano 70 kg. In diverse situazioni cliniche, ad esempio l'ammissione ospedaliera, la malattia ostruttiva cronica ostruttiva (COPD) [21-23], la dialisi [24-26], l'insufficienza cardiaca cronica [27], la sclerosi laterale amyotrofica [28], il cancro [5, 29 ], il trapianto di fegato [30], la residenza domestica di cura [31] e la malattia di Alzheimer [32], le modifiche nel compart testvengono rilevate le tecniche di valutazione della composizione corporea. Al ricovero ospedaliero, la valutazione della composizione corporea potrebbe essere utilizzata per l'individuazione della perdita di FFM e della denutrizione. Infatti, la FFM e l'indice FFM (FFMI) [FFM (kg) / altezza (m2)] misurati da BIA sono significativamente inferiori nei pazienti ospedalizzati (n = 995) rispetto ai controlli per età, altezza e sesso (n = 995) [3]. Viceversa, gli strumenti clinici di valutazione dello stato nutrizionale, come l'IMC, la valutazione soggettiva globale o la valutazione mini-nutrizionale, non sono sufficientemente accurati per stimare la perdita di FFM e lo stato nutrizionale [30, 32-34]. Nei pazienti 441 con carcinoma polmonare non a piccole cellule, la perdita di FFM determinata dalla tomografia computerizzata (TC) è stata osservata in ciascuna categoria di BMI [7] e nei giovani adulti con tutti tipi di cancro, un aumento FM e una diminuzione della FFM sono stati riportati [29]. Questi risultati rivelano la mancanza di sensibilità del BMI per rilevare la perdita di FFM. Inoltre, il FFMI è un determinante più sensibile del LOS che una perdita di peso rispetto a 10% o un BMI inferiore a 20 [3]. Nella BPCO, la valutazione di FFM da parte di BIA è un metodo più sensibile per rilevare la sub-nutrizione che l'antropometria [33, 35]. BIA è anche più precisa nella valutazione dello stato nutrizionale nei bambini con grave compromissione neurologica rispetto alla misura dello spessore della pelle (36).

Composizione corporea per la valutazione di prognosi e risultati clinici

La perdita di FFM è correlata alla sopravvivenza in diversi contesti clinici [5, 21-28, 37]. Nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica, un aumento di FM, ma non un aumento della FFM, misurato da BIA, è stato correlato con la sopravvivenza durante il decorso della malattia [28]. La relazione tra composizione corporea e mortalità non è stata ancora dimostrata nell'unità di terapia intensiva. La relazione tra composizione corporea e mortalità è stata dimostrata con metodi antropometrici, BIA e CT. La misurazione della circonferenza del muscolo medio-braccio è uno strumento facile per diagnosticare la sarcopenia [38]. È stato dimostrato che la circonferenza del muscolo del braccio medio è correlata alla sopravvivenza in pazienti con cirrosi [39, 40], infezione da HIV [41] e BPCO in modo più forte rispetto al BMI [42]. La relazione tra perdita di FFM e mortalità è stata ampiamente dimostrata con BIA [21-28, 31, 37], che è il metodo più utilizzato. Recentemente, dati molto interessanti suggeriscono che la TC potrebbe valutare la prognosi della malattia in relazione allo spreco muscolare. Nei pazienti con tumore obeso, la sarcopenia valutata mediante misurazione TC dell'area totale della sezione trasversale del muscolo scheletrico è un predittore indipendente della sopravvivenza dei pazienti con tumore broncopolmonare [5, 7], gastrointestinale [5] e del pancreas [6]. La FFM valutata mediante misurazione della sezione trasversale del muscolo a metà coscia mediante CT è anche predittiva della mortalità nei pazienti con BPCO con insufficienza respiratoria cronica grave [43]. Oltre alla mortalità, un basso FFMI all'ammissione ospedaliera è significativamente associato a un aumento della LOS [3, 44]. Uno studio di popolazione controllato bicentricamente eseguito su pazienti ospedalizzati 1,717 indica che sia la perdita di FFM che l'eccesso di FM influiscono negativamente sulla LOS [44]. I pazienti con obesità sarcopenica sono maggiormente a rischio di aumento della LOS. Questo studio ha anche scoperto che l'FM in eccesso riduce la sensibilità del BMI per rilevare la deplezione nutrizionale [44]. Insieme all'osservazione che il BMI dei pazienti ospedalizzati è aumentato nell'ultimo decennio [17], questi risultati suggeriscono che FFM e La misurazione FFMI deve essere utilizzata per valutare lo stato nutrizionale in pazienti ricoverati.

BIA misura l'angolo di fase [45]. Un angolo di bassa fase è legato alla sopravvivenza in oncologia [46-50], infezione da HIV / AIDS [51], sclerosi laterale amyotrofica [52], geriatria [53], dialisi peritoneale [54] e cirrosi [55]. La soglia dell'angolo di fase associata alla ridotta sopravvivenza è variabile: meno di 2.5 gradi nei pazienti con sclerosi laterale amyotrofica [52], 3.5 gradi nei pazienti geriatrici [53], da gradi inferiori a 1.65 a 5.6 nei pazienti oncologici [47-50]; Gradi 5.4 nei pazienti cirrotici [55]. L'angolo di fase è associato anche alla gravità della linfopenia nell'AIDS [56] e al rischio di complicanze postoperatorie tra i pazienti chirurgici gastrointestinali [57]. La relazione dell'angolo di fase con la prognosi e la gravità della malattia rafforza l'interesse nell'utilizzo di BIA per la gestione clinica di pazienti con malattie croniche ad alto rischio di submutazione e perdita di FFM.

In sintesi, la perdita di FFM o un angolo di bassa fase è correlata alla mortalità nei pazienti con malattie croniche, cancro (compresi i pazienti affetti da tumore all'obesità) e pazienti anziani in strutture di lunga permanenza. Un FFM basso e un aumentato FM sono associati ad un aumentato LOS nei pazienti adulti ricoverati. La relazione tra perdita di FFM e outcome clinica è chiaramente mostrata nei pazienti con obesità sarcopenica. In questi pazienti, poiché la sensibilità del BMI per la rilevazione della perdita di FFM è fortemente ridotta, la valutazione della composizione corporea sembra essere il metodo di scelta per individuare la sottoutilizzazione nella pratica di routine. Nel complesso, l'associazione tra la composizione corporea, l'angolo di fase e l'esito clinico rafforza la pertinenza dell'utilizzo di una valutazione della comunità organica nella pratica clinica.

Quali tecniche di valutazione della composizione corporea dovrebbero essere utilizzate per la valutazione dello stato nutrizionale?

Sono stati sviluppati numerosi metodi di valutazione della composizione corporea: l'antropometria, incluso il metodo 4-skinfold [58], l'idrodensitometria [58], l'analisi dell'attivazione di neutroni in vivo [59], l'antropogammametria del potassio totale 40 [60], la risonanza magnetica nucleare [61], l'assorbimento di raggi X a doppia energia (DEXA) [62, 63], BIA [45, 64-66] e, più recentemente, CT [7, 43, 67]. DEXA, BIA e CT sembrano essere i metodi più convenienti per la pratica clinica (fig. 2), mentre gli altri metodi sono riservati all'uso scientifico.

Rispetto ad altre tecniche di valutazione della composizione corporea, la mancanza di riproducibilità e sensibilità del metodo 4-skinfold ne limita l'uso per la misurazione accurata della composizione corporea nella pratica clinica [33, 34]. Tuttavia, nei pazienti con cirrosi [39, 40], COPD [34] e infezione da HIV [41], la misurazione della circonferenza del muscolo medio-braccio potrebbe essere utilizzata per valutare la sarcopenia e la prognosi correlata alla malattia. DEXA consente la misurazione diretta non invasiva dei tre componenti principali della composizione corporea. La misurazione del tessuto minerale osseo mediante DEXA è utilizzata nella pratica clinica per la diagnosi e il follow-up dell'osteoporosi. Poiché le condizioni cliniche complicate dall'osteoporosi sono spesso associate a malnutrizione, cioè donne anziane, pazienti con insufficienza d'organo, COPD [68], malattie infiammatorie intestinali e celiachia, il DEXA potrebbe essere di estremo interesse per il follow-up di entrambe le forme di osteoporosi e stato nutrizionale. Tuttavia, la valutazione combinata della densità minerale ossea e dello stato nutrizionale è difficile da attuare nella pratica clinica perché la ridotta accessibilità di DEXA rende impossibile l'esecuzione in tutti i pazienti a rischio nutrizionale o malnutriti. I principi e l'utilizzo clinico della BIA sono stati ampiamente descritti in due documenti di posizione ESPEN [45, 66]. La BIA si basa sulla capacità dei tessuti idratati di condurre energia elettrica. La misurazione dell'impedenza totale del corpo consente di stimare l'acqua corporea totale assumendo che l'acqua corporea totale sia costante. Dall'acqua corporea totale, le equazioni convalidate consentono il calcolo di FFM e FM [69], che vengono interpretati in base ai valori di riferimento [70]. La BIA è l'unica tecnica che consente il calcolo dell'angolo di fase, che è correlato alla prognosi di varie malattie. Le equazioni BIA sono valide per: COPD [65]; Aids wasting [71]; trapianto di cuore, polmone e fegato [72]; anoressia nervosa [73] pazienti e soggetti anziani [74]. Tuttavia, nessuna equazione specifica BIA è stata convalidata in pazienti con BMI estremo (inferiore a 17 e superiore a 33.8) e disidratazione o sovraccarico di liquidi [45, 66]. Tuttavia, a causa della sua semplicità, basso costo, rapidità di utilizzo al capezzale e alta riproducibilità dell'interoperatro, la BIA sembra essere la tecnica di scelta per la valutazione sistematica e ripetuta della FFM nella pratica clinica, in particolare al ricovero ospedaliero e nelle malattie croniche. Infine, attraverso relazioni scritte e obiettive, l'uso più ampio della BIA dovrebbe consentire un miglioramento della tracciabilità della valutazione nutrizionale e un aumento del riconoscimento delle cure nutrizionali da parte delle autorità sanitarie. Recentemente, diversi dati hanno suggerito che le immagini TC mirate alla vertebra lombare 3rd (L3) potrebbero prevedere fortemente grasso corporeo e FFM in pazienti oncologici, rispetto a DEXA [7, 67]. È interessante notare che la valutazione della composizione corporea di CT presenta un grande significato pratico dovuto al suo uso di routine nella diagnosi, nella stadiazione e nel follow-up dei pazienti. Immagini CT con targeting L3 valutare FFM misurando la sezione trasversale muscolare da L3 alla cresta iliaca usando le soglie dell'unità Hounsfield (-29 a + 150) [5, 7]. I muscoli inclusi nel calcolo della zona trasversale muscolare sono i psoas, i muscoli paraspinali (spinae erettile, quadratus lumborum) e muscoli della parete addominale (trasversus abdominis, obliqui esterni e interni, abusivi retto) [6]. CT forniva inoltre dettagli sui muscoli specifici, sui tessuti adiposi e sugli organi non forniti da DEXA o BIA. Le immagini CT mirate con L3 potrebbero essere teoricamente eseguite solo perché risultano esposte a raggi X simili a quelli di una radiografia del torace.

In sintesi, le immagini CT mirate di DEXA, BIA e L3 potrebbero misurare con precisione la composizione corporea. La selezione della tecnica dipenderà dal contesto clinico, dal materiale e dalla disponibilità della conoscenza. La valutazione della composizione corporea da parte di DEXA dovrebbe essere effettuata nei pazienti che hanno una valutazione di routine della densità minerale ossea. Inoltre, l'analisi di L3-targeted CT è il metodo di scelta per la valutazione della composizione corporea nei pazienti affetti da tumore. La valutazione della composizione corporea dovrebbe essere effettuata anche per ogni CT addominale eseguita in pazienti che sono nutrizionalmente a rischio o sottraendosi. A causa della sua semplicità d'impiego, la BIA potrebbe essere ampiamente implementata come metodo di valutazione e follow-up della comunità di corpo in un gran numero di pazienti ricoverati e ambulatoriali. La ricerca futura mira a determinare se una valutazione di routine della composizione del corpo permetterebbe di individuare in anticipo il catabolismo del FFM relativo alla malattia critica [75].

Valutazione della composizione del corpo per il calcolo delle necessità energetiche

La valutazione della FFM potrebbe essere utilizzata per il calcolo del fabbisogno energetico, consentendo in tal modo l'ottimizzazione delle assunzioni nutrizionali in base alle esigenze nutrizionali. Questo potrebbe essere di grande interesse in situazioni specifiche, come grave disabilità neurologica, sovrappeso e obesità. Nei bambini 61 con grave compromissione neurologica e disabilità intellettiva, un'equazione che integrava la composizione corporea aveva un buon accordo con il metodo dell'acqua doppiamente etichettato. Ha fornito una stima migliore del dispendio energetico rispetto all'equazione predittiva di Schofield [36]. Tuttavia, nei pazienti con anoressia nervosa 9 con un BMI medio di 13.7, le formule di pre-dizione del dispendio energetico a riposo inclusa la FFM non consentivano una previsione accurata del dispendio energetico a riposo misurato mediante calorimetria indiretta [76]. Nei pazienti in sovrappeso o obesi, il catabolismo muscolare in risposta all'infiammazione era uguale a quello osservato nei pazienti con BMI normale. Infatti, nonostante un BMI più elevato, il FFM di individui in sovrappeso o obesi è simile (o leggermente aumentato) a quello dei pazienti con BMI normale. Pertanto, l'uso di peso effettivo per la valutazione delle esigenze energetiche dei pazienti obesi avrebbe provocato l'eccesso di alimentazione e le relative complicanze. Pertanto, gli esperti raccomandano l'uso di calorimetria indiretta o il calcolo delle necessità energetiche di pazienti in sovrappeso o obesi come segue: 15 kcal / kg peso effettivo / giorno o 20-25 kcal / kg peso ideale al giorno [77, 78] , anche se queste formule di previsione potrebbero essere imprecise in alcune condizioni cliniche [79]. In uno studio prospettico statunitense condotto nei pazienti ICU ventilati medici e chirurgici 33 ICU, è stata utilizzata la misurazione giornaliera della massa cellulare attiva (tabella 2) da parte di BIA per valutare l'adeguatezza tra l'assunzione di energia e proteine ​​e le necessità. In questo studio, il supporto nutrizionale con 30 kcal / kg effettiva peso corporeo / giorno e la proteina 1.5 g / kg / giorno hanno permesso la stabilizzazione della massa cellulare attiva [75]. Pertanto, il follow-up di FFM da parte della BIA potrebbe contribuire ad ottimizzare l'assunzione nutrizionale quando la calorimetria indiretta non può essere eseguita.

In sintesi, la misura di FFM dovrebbe aiutare adattare il calcolo delle esigenze energetiche (espresse come kcal / kg FFM) e ottimizzare il supporto nutrizionale in casi critici diversi dall'anoressia nervosa.

Valutazione della composizione del corpo per il follow-up e la personalizzazione del supporto nutrizionale

La valutazione della composizione corporea consente una valutazione qualitativa delle variazioni del peso corporeo. La valutazione della composizione corporea può contribuire a documentare l'efficacia del supporto nutrizionale durante il follow-up di un paziente in numerose condizioni cliniche quali chirurgia [59], anoressia nervosa [76, 80], trapianto di cellule staminali ematopoietiche [81], BPCO [ 82], il colon ulcerativo [83], la malattia di Crohn [84], il cancro [59, 85], l'HIV / AIDS [86] e l'ictus acuto nei pazienti anziani [87]. La valutazione della composizione corporea potrebbe essere utilizzata per il follow-up di soggetti sani e anziani [88]. La valutazione della composizione corporea consente di caratterizzare l'aumento della massa corporea in termini di FFM e FM [89, 90]. Dopo il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, l'aumento del BMI è il risultato dell'incremento FM, ma non dell'incremento di FFM [81]. Inoltre, durante il recupero dopo una malattia acuta, l'aumento di peso 91 mesi dopo la scarica ICU potrebbe essere correlato principalmente ad un aumento di FM (+ 81 kg) mentre FFM è aumentato solo di 6 kg; DEXA e pletismografia di spostamento dell'aria sono stati utilizzati per misurare l'FM e il FFM [7]. Questi due esempi suggeriscono che la composizione corporea evalpotrebbe essere utile per decidere la modifica e / o il rinnovo del sostegno nutrizionale. Identificando i pazienti che guadagnano peso, ma non segnalano alcun FFM insufficiente, la valutazione della composizione corporea potrebbe contribuire ad influenzare la decisione medica del continuo supporto nutrizionale che sarebbe stato interrotto in assenza di valutazione della composizione corporea.

In sintesi, la valutazione della composizione corporea è di grande interesse per il follow-up del supporto nutrizionale e il suo impatto sui compartimenti del corpo.

Valutazione della composizione del corpo per il trattamento dei trattamenti medici

Nelle situazioni cliniche in cui il peso e il BMI non riflettono il FFM, la valutazione della composizione corporea dovrebbe essere utilizzata per adattare le dosi di droga ai valori assoluti di FFM e / o FM in ogni paziente. Questo punto è stato recentemente illustrato nei pazienti oncologici con obesità sarcopenica. La perdita di FFM è stata determinata da CT come descritto in precedenza. Nei pazienti affetti da tumore, alcune terapie potrebbero influenzare la com- posizione del corpo inducendo sprechi muscolari [92]. Nei pazienti con carcinoma renale avanzato [92], sorafenib induce una perdita significativa della massa muscolare scheletrica 8 in mesi 12. A sua volta, la perdita di muscoli nei pazienti con BMI inferiore a 25 è stata associata in modo significativo alla tossicità di sorafenib nei pazienti con tumore renale metastatico [8]. Nei pazienti con carcinoma mammario metastatico che ricevono il trattamento con capecitabina e nei pazienti con tumore del colon-retto che ricevono 5-fluorouracile, utilizzando la convenzione di dosaggio per unità di superficie corporea, la perdita di FFM è stata determinante della tossicità della chemioterapia [9, 10] [10]. Nei pazienti con cancro del colon-retto somministrato 5-fluoruracil, il basso FFM è un predittore significativo della tossicità solo nei pazienti femminili [9]. La variazione della tossicità tra donne e uomini può essere parzialmente spiegata dal fatto che la FFM era più bassa nelle femmine. Infatti, il FFM rappresenta il volume di distribuzione della maggior parte dei farmaci chemioterapici citotossici. Nei pazienti affetti da tumore 2,115, le variazioni individuali in FFM potrebbero cambiare fino a tre volte il volume di distribuzione del farmaco per la chemioterapia per unità di area corporea [5]. Pertanto, somministrare le stesse dosi di farmaci chemioterapici a un paziente con un FFM basso rispetto a un paziente con un normale FFM aumenterebbe il rischio di tossicità della chemioterapia [5]. Questi dati suggeriscono che la perdita di FFM potrebbe avere un impatto diretto sull'esito clinico dei pazienti affetti da tumore. La diminuzione delle dosi di chemioterapia in caso di perdita di FFM potrebbe contribuire a migliorare il cancro del cancrola prognosi dei pazienti attraverso il miglioramento della tolleranzadi chemioterapia. Questi risultati giustificano la valutazione sistematica della composizione corporea in tutti i pazienti affetti da tumore al fine di rilevare la perdita di FFM, dosi di chemioterapia su misura secondo i valori di FFM e quindi migliorare i rapporti di tolleranza e rapporto di efficienza delle strategie terapeutiche [93]. La valutazione della composizione corporea dovrebbe essere utilizzata anche per adeguare le dosi di farmaci calcolati sulla base del peso dei pazienti, ad esempio corticosteroidi, immunosoppressori (infliximab, azatioprina o metotrexato) o sedativi (propofol).

In sintesi, la misurazione della FFM dovrebbe essere attuata nei pazienti affetti da tumore trattati con la chemioterapia. Studi clinici sono necessari per dimostrare l'importanza di misurare la composizione del corpo nei pazienti trattati con altri trattamenti medici.

Verso l'attuazione della valutazione della composizione del corpo nella pratica clinica

L'attuazione della valutazione della composizione corporea nell'assistenza di routine rappresenta una sfida per i prossimi decenni. Infatti, gli aumenti concomitanti di soggetti anziani e di pazienti con malattie croniche e di cancro e nella prevalenza di sovrappeso e obesità nella popolazione aumentano il numero di pazienti nutrizionalmente a rischio o malnutriti, in particolare quelli con obesità sarcopenica. La valutazione della composizione corporea dovrebbe essere utilizzata per migliorare lo screening della malnutrizione nei pazienti ricoverati. I risultati della composizione del corpo dovrebbero basarsi sullo stesso principio del calcolo del BMI, verso la normalizzazione sistematica per l'altezza del corpo di FFM (FFMI) e FM [FM (kg) / altezza (m) 2 = Indice FM] [94]. I risultati potrebbero essere espressi secondo i percentili precedentemente descritti di soggetti sani [95, 96]. La valutazione del comportamento corporeo deve essere effettuata nelle diverse fasi della malattia, nel corso dei trattamenti e nella fase di riabilitazione. Tali valutazioni ripetute della composizione corporea potrebbero consentire la valutazione dello stato nutrizionale, adeguando il calcolo delle esigenze energetiche come chilocalorie / chilogrammo FFM, a seguito dell'efficacia di sostegno nutrizionale, e sartoria terapie farmacologiche e nutrizionali. BIA, CT mirata a L3 e DEXA rappresentano le tecniche di scelta per valutare la composizione corporea nella pratica clinica (fig. 2). Nell'impostazione di un uso economico e pragmatico, queste tre tecniche dovrebbero essere scelte in alternativa. Nei pazienti affetti da tumore, malnutriti e nutrizionalmente a rischio, una CT addominale dovrebbe essere completata mediante l'analisi di immagini mirate a L3 per la valutazione della composizione corporea.

News Letter

In altre situazioni, il BIA sembra essere il metodo più semplice riproducibile e meno costoso, mentre DEXA, se possibile, rimane il metodo di riferimento per la pratica clinica. Permettendo una precedente gestione della sottoutilizzazione, la valutazione della composizione corporea può contribuire a ridurre la morbilità e la mortalità indotta dalla malnutrizione, migliorando la qualità della vita e, di conseguenza, aumentando i benefici medico-economici (fig. 1). Quest'ultimo deve essere dimostrato. Inoltre, sulla base di un approccio più scientifico, cioè di consentire la stampa di relazioni, di una valutazione iniziale oggettiva e di follow-up dello stato nutrizionale e dell'adeguamento delle dosi di farmaci, la valutazione della composizione corporea contribuirebbe ad un migliore riconoscimento delle attività relative alla valutazione nutrizionale e cura della comunità medica, delle strutture sanitarie e delle autorità sanitarie (fig. 2).

Conclusione

La screening della sottoutilizzazione è insufficiente per consentire un'ottimale cure nutrizionali. Ciò è in parte dovuto alla mancanza di sensibilità del BMI e della perdita di peso per la rilevazione della perdita di FFM nei pazienti con malattie croniche. I metodi di valutazione della composizione del corpo consentono una misurazione quantitativa dei cambiamenti del FFM durante il corso della malattia e possono essere utilizzati per rilevare la perdita di FFM nell'ambito di uno screening obiettivo, sistematico e precoce di undernutrition. La perdita di FFM è strettamente correlata agli esiti clinici compromessi, alla sopravvivenza e alla qualità della vita, nonché a una maggiore tossicità di terapia nei pazienti affetti da tumore. Pertanto, la valutazione della composizione corporea dovrebbe essere integrata nella pratica clinica per la valutazione iniziale, il follow-up sequenziale dello stato nutrizionale e la preparazione di terapie nutrizionali e malattie specifiche. La valutazione della composizione corporea potrebbe contribuire a rafforzare il ruolo e la credibilità dell'alimentazione nella gestione medica globale, riducendo l'impatto negativo della malnutrizione sull'esito clinico e sulla qualità della vita, aumentando così i benefici medico-economici complessivi.

Ringraziamenti

R. Thibault e C. Pichard sono sostenuti da borse di studio della fondazione pubblica Nutrition 2000 Plus.

Dichiarazione di divulgazione

Ronan Thibault e Claude Pichard non dichiarano alcun conflitto di interesse.

1 Pirlich M, Schutz T, Norman K, Gastell S,
Lübke HJ, Bischoff SC, Bolder U, Frieling
T, Güldenzoph H, Hahn K, Jauch KW,
Schindler K, Stein J, Volkert D, Weimann A,
Werner H, Lupo C, Zürcher G, Bauer P, Lochs
H: lo studio di malnutrizione ospedaliera tedesca.
Clin Nutr 2006; 25: 563-572.
2 Amaral TF, Matos LC, Tavares MM, Subtil
A, Martins R, Nazaré M, Sousa Pereira N:
L'impatto economico della malnutrizione legata alla malattia
all'ammissione ospedaliera. Clin Nutr
2007; 26: 778-784.
3 Pichard C, Kyle UG, Morabia A, Perrier A,
Vermeulen B, Unger P: Valutazione nutrizionale:
esaurimento della massa corporea in ospedale
l'ammissione è associata all'aumento
durata del soggiorno. Am J Clin Nutr 2004; 79: 613-
618.
4 Capuano G, Gentile PC, Bianciardi F, Tosti
M, Palladino A, Di Palma M: Prevalenza e
influenza della malnutrizione sulla qualità della vita
e lo stato delle prestazioni nei pazienti con localizzazione
avanzato cancro della testa e del collo prima
trattamento. Supporto Cancer 2010; 18:
433-437.
5 Prado CM, Lieffers JR, McCargar LJ, Reiman
T, Sawyer MB, Martin L., Baracos VE: Prevalenza
e implicazioni cliniche di sarcopeni
obesità nei pazienti con tumori solidi del
tratti respiratori e gastrointestinali: a
studio basato sulla popolazione. Lancet Oncol 2008;
9: 629-635.
6 Tan BHL, Birdsell LA, Martin L, Baracos VE,
Fearon KC: Sarcopenia in un sovrappeso o
il paziente obeso è un fattore prognostico avverso
nel cancro al pancreas. Clin Cancer Res 2009;
15: 6973-6979.
7 Baracos VE, Reiman T, Mourtzakis M,
Gioulbasanis I, Antoun S: Composizione corporea
nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule:
una visione contemporanea della cachexia del cancro
con l'utilizzo di immagini tomografiche computerizzate
analisi. Am J Clin Nutr 2010; 91 (suppl):
1133S-1137S.
8 Antoun S, Baracos VE, Birdsell L, Escudier
B, Sawyer MB: Basso indice di massa corporea e sarcopenia
associata a tossicità limitante dose
di sorafenib nei pazienti con carcinoma renale.
Ann Oncol 2010; 21: 1594-1598
9 Prado CM, Baracos VE, McCargar LJ,
Mourtzakis M, Mulder KE, Reiman T, Butts
CA, Scarfe AG, Sawyer MB: Composizione corporea
come determinante indipendente di 5-fluorouracile
tossicità di chemioterapia. clin
Cancro Res 2007; 13: 3264-3268.
10 Prado CM, Baracos VE, McCargar LJ, Reiman
T, Mourtzakis M, Tonkin K, Mackey JR,
Koski S, Pituskin E, Sawyer MB: Sarcopenia
come determinante della tossicità della chemioterapia
e il tempo per la progressione tumorale in metastasi
pazienti affetti da tumore al seno che riceve capecitabina
trattamento. Clin Cancro Res 2009; 15: 2920-
2926.
11 Hofhuis JG, Spronk PE, van Stel HF, Schrijvers
GJ, Rommes JH, Bakker J: L'impatto di
malattia critica sulla salute percepita
qualità della vita durante il trattamento dell'ICU, ospedale
soggiorno, e dopo la dispersione ospedaliera: un lungo termine
studio di follow-up. Cassa 2008; 133: 377-
385.
12 Ospite JF, Panca M, Baeyens JP, Uomo F,
Ljungqvist O, Pichard C, Attendere S, Wilson L:
Impatto economico della salute nella gestione dei pazienti
seguendo una diagnosi basata sulla comunità
di malnutrizione nel Regno Unito. Clin Nutr 2011;
30: 422-429.
13 Kyle UG, Morabia A, Slosman DO, Mensi N,
Unger P, Pichard C: Contributo del corpo
composizione alla valutazione nutrizionale a
l'ammissione all'ospedale nei pazienti 995: un controllo
studio della popolazione. Br J Nutr 2001; 86:
725-731.
14 Kondrup J, Allison SP, Elia M; Vellas B,
Plauth M: Educational e Clinical Practice
Comitato, Società Europea di Parenterale
e Enteral Nutrition (ESPEN): ESPEN
linee guida per lo screening nutrizionale 2002. clin
Nutr 2003; 22: 415-421.
15 Haute Autorité de Santé: IPAQSS: informazioni.
2010. http://www.has-sante.fr/portail/
jcms / c_970427 / ipaqss-informazioni.
16 Organizzazione Mondiale della Sanità: Obesità e
sovrappeso: scheda informativa n. 311. 2011. http: //
www.who.int/mediacentre/factsheets/fs311/
it / index.html.
17 Thibault R, Chikhi M, Clerc A, Darmon P,
Chopard P, Picard-Kossovsky M, Genton L,
Pichard C: Valutazione dell'assunzione di cibo in ospedale
pazienti: un confronto 10 anno
studio di un prospetto ospedale. clin
Nutr 2011; 30: 289-296.
18 Stenholm S, Harris TB, Rantanen T, Visser
M, Kritchevsky SB, Ferrucci L: Sarcopenico
obesità: definizione, causa e conseguenze.
Curr Opin Clin Nutr Metab Cura 2008; 11:
693-700.
19 Pichard C, Kyle UG: Misura della composizione corporea
durante le perdite di malattie. curr
Opin Clin Nutr Metab Cura 1998; 1: 357-361.
20 Wang ZM, Pierson RN Jr, Heymsfield SB:
Il modello a cinque livelli: un nuovo approccio all'organizzazione
ricerca di composizione corporea. Am J
Clin Nutr 1992; 56: 19-28.
21 Schols AM, Broekhuizen R, Weling-Scheepers
CA, Wouters EF: Composizione corporea e
mortalità in polmonare cronico ostruttivo
malattia. Am J Clin Nutr 2005; 82: 53-59.
22 Slinde F, Gronberg A, Engstrom CP, Rossander-Hulthen
L, Larsson S: Composizione corporea
da predisposizione dell'impedenza bioelettrica
mortalità in polmonare cronico ostruttivo
malati di pazienti. Respir Med 2005; 99: 1004-
1009.
23 Vestbo J, Prescott E, Almdal T, Dahl M, Nordestgaard
BG, Andersen T, Sorensen TI,
Lange P: massa corporea, massa corporea senza grasso e
prognosi nei pazienti con cronica ostruttiva
malattia polmonare da una popolazione casuale
campione: risultati della Copenaghen
City Heart Study. Am J Respir Crit Care
Med 2006; 173: 79-83.
24 Segall L, Mardare NG, Ungureanu S, Busuioc
M, Nistor I, Enache R, Marian S, Covic A:
Valutazione dello stato nutrizionale e sopravvivenza in
pazienti con emodialisi in un centro da
Romania. Nephrol Dial Transplant 2009; 24:
2536-2540.
25 Beddhu S, Pappas LM, Ramkumar N, Samore
M: Effetti della dimensione del corpo e della composizione del corpo
sulla sopravvivenza nei pazienti con emodialisi. J
Am Soc Nephrol 2003; 14: 2366-2372.
26 Fürstenberg A, Davenport A: Valutazione
della composizione corporea nella dialisi peritoneale
pazienti che utilizzano impedenza bioelettrica e
assorbimento a raggi X a doppia energia. Am J
Nephrol 2011; 33: 150-156.
27 Futter JE, Cleland JG, Clark AL: massa corporea
indici e risultati nei pazienti con cronica
insufficienza cardiaca. Eur J Heart Fail 2011; 13: 207-
213.
28 Marin B, Desport JC, Kajeu P, Jesus P, Nicolaud
B, Nicol M, Preux PM, Couratier P: Alterazione
dello stato nutrizionale alla diagnosi è
un fattore prognostico per la sopravvivenza dell'amyotrophic
pazienti della sclerosi laterale. J Neurol
Neurosurgo Psichiatria 2011; 82: 628-634.
29 Janiszewski PM, Oeffinger KC, Chiesa TS,
Dunn AL, Eshelman DA, Victor RG, Brooks
S, Turoff AJ, Sinclair E, Murray JC, Bashore
L, Ross R: L'obesità addominale, il grasso epatico, e
composizione muscolare nei sopravvissuti dell'infanzia
leucemia linfoblastica acuta. J Clin
Endocrinolo Metab 2007; 92: 3816-3821.
30 Wagner D, Adunka C, Kniepeiss D, Jakoby
E, Schaffellner S, Kandlbauer M, Fahrleitner-Pammer
A, Roller RE, Kornprat P, Müller
H, Iberer F, Tscheliessnigg KH: albumina del siero,
valutazione globale soggettiva, corpo
indice di massa e analisi di bioimpedenza in
la valutazione della malnutrizione nei pazienti in su
a 15 anni dopo il trapianto di fegato. clin
Trascinamento 2011; 25: E396-E400.
31 Kimyagarov S, Klid R, Levenkrohn S, Fleissig
Y, Kopel B, Arad M, Adunsky A: Corpo
indice di massa (BMI), composizione corporea e
mortalità dei residenti anziani della casa di cura.
Arco Gerontol Geriatr 2010; 51: 227-230.
32 Buffa R, Mereu RM, Putzu PF, Floris G,
Marini E: vettore di impedenza bioelettrica
l'analisi rileva la bassa massa cellulare e la disidratazione
nei pazienti con malattia di Alzheimer.
J Nutr Health Aging 2010; 14: 823-827.
33 Schols AM, Wouters EF, Soeters PB, Westerterp
KR: Composizione corporea mediante bioelectricalimpedance
analisi rispetto al deuterio
diluizione e anthropometry skinfold in
pazienti con polmonare cronico ostruttivo
malattia. Am J Clin Nutr 1991; 53: 421-424.
34 Thibault R, Le Gallic E, Picard-Kossovsky
M, Darmaun D, ​​Chambellan A: Valutazione
dello stato nutrizionale e della composizione del corpo
nei pazienti con BPCO: confronto di più
metodi (in francese). Rev Mal Respir
2010; 27: 693-702.
35 Kyle UG, Jansson JP, Rochat T, Raguso CA,
Pichard C: Composizione del corpo nei pazienti
con insufficienza respiratoria ipercapnica cronica.
Respir Med 2006; 100: 244-252.
36 Rieken R, van Goudoever JB, Schierbeek H,
Willemsen SP, Calis EA, Tibboel D, Evenhuis
HM, Penning C: Misurazione della composizione del corpo
e le spese energetiche nei bambini con
grave compromissione neurologica e intellettuale
disabilità. Am J Clin Nutr 2011; 94: 759-
766
37 Avram MM, Fein PA, Borawski C, Chattopadhyay
J, Matza B: Massa / corpo extracellulare
il rapporto di massa cellulare è un predittore indipendente di
sopravvivenza nei pazienti con dialisi peritoneale. Rene
Int Suppl 2010; 117: S37-S40.
38 Frisancho AR: Nuove norme di grasso superiore dell'arto
e aree muscolari per la valutazione della nutrizione
stato. Am J Clin Nutr 1981; 34: 2540-2545.
39 Caregaro L, Alberino F, Amodio P, Merkel C,
Bolognesi M, Angeli P, Gatta A: Malnutrizione
nella cirrosi alcolica e virale.
Am J Clin Nutr l996; 63: 602-609.
40 Alberino F, Gatta A, Amodio P, Merkel C, Di
Pascoli L, Boffo G, Caregaro L: Nutrizione e
sopravvivenza nei pazienti con cirrosi epatica. Nutrizione
2001; 17: 445-450.
41 Liu E, Spiegelman D, Semu H, Hawkins C,
Chalamilla G, Aveika A, Nyamsangia S,
Mehta S, Mtasiwa D, Fawzi W: nutrizionale
lo stato e la mortalità tra i virus infetti
pazienti che ricevono terapia antiretrovirale in
Tanzania. J infettare Dis 2011; 204: 282-290.
42 Soler-Cataluna JJ, Sanchez-Sanchez L, Martinez-Garcia
MA, Sanchez PR, Salcedo E,
Navarro M: L'area del muscolo mid-arm è meglio
predittore della mortalità rispetto all'indice di massa corporea
nella BPCO. Cassa 2005; 128: 2108-2115.
43 Marquis K, Debigaré R, Lacasse Y, LeBlanc P,
Jobin J, Carrier G, Maltais F: Mezzo alti muscoli
la sezione trasversale è un migliore predittore
della mortalità rispetto all'indice di massa corporea nei pazienti
con polmonare cronico ostruttivo
malattia. Am J Respir Crit Cure Med 2002; 15;
166: 809-813.
44 Kyle UG, Pirlich M, Lochs H, Schuetz T, Pichard
C: Maggiore durata del soggiorno in ospedale
pazienti sottopeso e sovrappeso in ospedale
ammissione: una popolazione controllata
studia. Clin Nutr 2005; 24: 133-142.
45 Kyle UG, Boseo I, De Lorenzo AD, Deurenberg
P, Elia M, Gómez JM, Heitmann
BL, Kent-Smith L, Melchior JC, Pirlich M,
Scharfetter H, Schols AM, Pichard C, Composizione
del gruppo di lavoro ESPEN. bioelettrica
analisi dell'impedenza. 1. Recensione di
principi e metodi. Clin Nutr 2004; 23:
1226-1243.
46 Santarpia L, Marra M, Montagnese C, Alfonsi
L, Pasanisi F, Contaldo F: Prognostico
significato dell'impedenza bioelettrica
angolo di fase nel cancro avanzato: preliminare
osservazioni. Nutrizione 2009; 25: 930-931.
47 Gupta D, Lammersfeld CA, Vashi PG, Re
J, Dahlk SL, Grutsch JF, Lis CG: Bioelettrico
angolo di fase dell'impedenza nella pratica clinica:
implicazioni per la prognosi nella fase IIIB e
IV carcinoma polmonare non a piccole cellule. Cancer BMC
2009; 9: 37.
48 Gupta D, Lis CG, Dahlk SL, Vashi PG,
Grutsch JF, Lammersfeld CA: Bioelettrico
angolo di fase dell'impedenza come indicatore prognostico
nel cancro al pancreas avanzato. Br J
Nutr 2004; 92: 957-962.
49 Gupta D, Lammersfeld CA, Burrows JL,
Dahlk SL, Vashi PG, Grutsch JF, Hoffman S,
Lis CG: angolo di fase dell'impedenza bioelettrica
nella pratica clinica: implicazioni per la prognosi
nel cancro del colon-retto avanzato. Am J Clin
Nutr 2004; 80: 1634-1638.
50 Paiva SI, Borges LR, Halpern-Silveira D, Assunção
MC, Barros AJ, Gonzalez MC: Standardizzato
angolo di fase dall'impedenza bioelettrica
analisi come fattore prognostico per
sopravvivenza nei pazienti con cancro. Supporto
Cura del cancro 2010; 19: 187-192.
51 Schwenk A, Beisenherz A, Römer K, Kremer
G, Salzberger B, Elia M: Angolo di fase da
l'analisi dell'impedenza bioelettrica rimane un
marcatore predittivo indipendente in HIV-infetto
pazienti nell'era di antiretrovirali altamente attivo
trattamento. Am J Clin Nutr 2000;
72: 496-501.
52 Desport JC, Marin B, Funalot B, PM Preux,
Couratier P: L'angolo di fase è un fattore prognostico
per la sopravvivenza nella sclerosi laterale amiotrofica.
Amiotrof Sclerale laterale 2008; 9: 273-
278.
53 Wirth R, Volkert D, Rösler A, Sieber CC,
Bauer JM: angolo di fase dell'impedenza bioelettrica
è associata alla mortalità ospedaliera di
pazienti geriatrici. Arch Gerontol Geriatr
2010; 51: 290-294.
54 Mushnick R, Fein PA, Mittman N, Goel N,
Chattopadhyay J, Avram MM: Relazione
di parametri di impedenza bioelettrica all'alimentazione
e la sopravvivenza nei pazienti con dialisi peritoneale.
Kidney Int Suppl 2003; 87: S53-S56.
55 Selberg O, Selberg D: Norme e correlati
dell'angolo di fase di bioimpedenza nell'uomo sano
soggetti, pazienti ricoverati e pazienti
con cirrosi epatica. Eur J Appl Physiol
2002; 86: 509-516.
56 Shah S, Whalen C, Kotler DP, Mayanja H,
Namale A, Melikian G, Mugerwa R, Semba
RD: gravità dell'immunodeficienza umana
l'infezione da virus è associata con diminuzione
angolo di fase, massa grassa e massa corporea in
adulti con infezione da tubercolosi polmonare
in Uganda. J Nutr 2001; 131: 2843-2847.
57 Barbosa-Silva MC, Barros AJ: Impedenza bioelettrica
e caratteristiche individuali come
fattori prognostici per complicazioni postoperatorie.
Clin Nutr 2005; 24: 830-838.
58 Durnin JV, Womersley J: Grasso corporeo valutato
dalla densità totale del corpo e dalla sua stima
da spessore cutaneo: misurazioni su
481 uomini e donne di età compresa tra 16 e 72
anni. Br J Nutr 1974; 32: 77-97.
59 Hill GL: Ricerca della composizione corporea: implicazioni
per la pratica dell'alimentazione clinica.
JPEN J Parenter Inserisci Nutr 1992; 16: 197-218.
60 Pierson RN Jr, Wang J, Thornton JC, Van
Itallie TB, Colt EW: potassio corporeo da fourpi
Conteggio 40K: una correzione antropometrica.
Am J Physiol 1984; 246: F234-F239.
61 Sohlström A, Forsum E: variazioni in totale
grasso corporeo durante il ciclo riproduttivo umano
come valutato dalla risonanza magnetica,
diluizione dell'acqua corporea e spessore della pelle:
un confronto dei metodi. Am J Clin
Nutr 1997; 66: 1315-1322.
62 Leonard CM, Roza MA, Barr RD, Webber
CE: Riproducibilità delle misure DXA
della densità minerale ossea e della composizione del corpo
nei bambini. Pediatr Radiol 2009; 39: 148-
154.
63 Genton L, Karsegard VL, Zawadynski S, Kyle
UG, Pichard C, Golay A, Hans DB: confronto
del peso corporeo e della composizione misurata
da due diverse assorbenti a raggi X a doppia energia
dispositivi e tre acquisizioni
modalità nelle donne obese. Clin Nutr 2006; 25:
428-437.
64 Jaffrin MY: Determinazione della composizione corporea
da bioimpedenza: un aggiornamento. Curr Opin
Clin Nutr Metab Cura 2009; 12: 482-486.
65 Kyle UG, Pichard C, Rochat T, Slosman DO,
Montaggio JW, Thiebaud D: Nuovo bioelettrico
formula di impedenza per i pazienti con respiro
insufficienza: confronto con la doppia energia
Assorbimento di raggi X. Eur Respir J 1998;
12: 960-966.
66 Kyle UG, Boseo I, De Lorenzo AD, Deurenberg
P, Elia M, Manuel Gómez J, Lilienthal
Heitmann B, Kent-Smith L, Melchior
JC, Pirlich M, Scharfetter H, Schols AMWJ,
Pichard C, ESPEN: Impedenza bioelettrica
analisi. 2. Utilizzo nella pratica clinica.
Clin Nutr 2004; 23: 1430-1453.
67 Mourtzakis M, Prado CM, Lieffers JR, Reiman
T, McCargar LJ, Baracos VE: pratico
e approccio preciso alla quantificazione di
composizione corporea nei pazienti affetti da tumore
immagini tomografiche acquisite durante la
routine di cura. Appl Physiol Nutr Metab
2008; 33: 997-1006.
68 Bolton CE, Ionescu AA, Shiels KM, Pettit RJ,
Edwards PH, Stone MD, Nixon LS, Evans
WD, Griffiths TL, Shale DJ: perdita associata
della massa grassa e della densità minerale ossea in
broncopneumopatia cronica ostruttiva. am
J Respir Crit Care Med 2004; 170: 1286-1293.
69 Kyle UG, Genton L, Karsegard L, Slosman
DO, Pichard C: equazione di previsione singola
per l 'analisi di impedenza bioelettrica in
adulti di età 20-94 anni. Nutrizione 2001; 17:
248-253.
70 Kyle UG, Genton L, Slosman DO, Pichard C:
Percentili di massa grassa e grassa in 5,225
soggetti sani di età 15 a 98 anni. Nutrizione
2001;17(7–8):534–541.
71 Kotler DP, Burstero S, Wang J, Pierson RN
Jr: Predizione della massa delle cellule corporee, prive di grassi
massa e acqua totale corpo con bioelectrical
analisi dell'impedenza: effetti della razza, del sesso e
malattia. Am J Clin Nutr 1996; 64: 489S-497S.
72 Kyle UG, Genton L, Mentha G, Nicod L, Slosman
DO, Pichard C: Bioelettrico affidabile
stima dell'analisi dell'impedenza della massa senza grassi
nei pazienti con trapianto di fegato, polmone e cuore.
JPEN J Parenter Enteral Nutr 2001; 25: 45-51.
73 Mattar L, Godart N, Melchior JC, Falissard
B, Kolta S, Ringuen D, Vindreau C, Nordon
C, Blanchet C, Pichard C: sottopeso
pazienti con anoressia nervosa: confronto
di analisi di impedenza bioelettrica usando
cinque equazioni alla doppia assorbimento a raggi X.
Clin Nutr 2011, E-pub prima della stampa.
74 Genton L, Karsegard VL, Kyle UG, Hans DB,
Michel JP, Pichard C: confronto di quattro
formule di analisi dell'impedenza bioelettrica in
sani soggetti anziani. Gerontologia 2001;
47: 315-323.
75 Robert S, Zarowitz BJ, Hyzy R, Eichenhorn
M, Peterson EL, Popovich J Jr: Bioelettrico
valutazione dell'impedenza dello stato nutrizionale
in pazienti critici malati. Am J Clin Nutr 1993;
57: 840-844.
76 Pichard C, Kyle UG, Slosman DO, Penalosa
B: spese energetiche in anoressia nervosa:
può la massa senza grassi misurata da bioelectrical
impedenza prevedere la spesa energetica in
pazienti ricoverati? Clin Nutr 1996; 15:
109-114.
77 Kreymann KG, Berger MM, Deutz NE, Hiesmayr
M, Jolliet P, Kazandjiev G, Nitenberg
G van den Berghe G, Wernerman J, DGEM
(Società tedesca per la medicina nutrizionale),
Ebner C, Hartl W, Heymann C, Spies C, ESPEN:
Linee guida ESPEN sull'alimentazione enterale:
terapia intensiva. Clin Nutr 2006; 25: 210-223.
78 Singer P, Berger MM, van den Berghe G, Biolo
G, Calder P, Forbes A, Griffiths R, Kreyman
G, Leverve X, Pichard C, ESPEN: ESPEN
linee guida sull'alimentazione parenterale: intensiva
cura. Clin Nutr 2009; 28: 387-400.
79 Magnuson B, Peppard A, Auer Flomenhoft
D: Considerazioni ipocaloriche nei pazienti
con malattia potenzialmente ipometabolica
stati. Nutr Clin Pract 2011; 26: 253-260.
80 Rigaud D, Boulier A, Tallonneau I, Brindisi
MC, Rozen R: Trattamento del liquido corporeo e corpo
cambiamento di peso nei pazienti anoressia nervosa
durante il ripieno. Clin Nutr 2010; 29: 749-
755.
81 Kyle UG, Chalandon Y, Miralbell R, Karsegard
VL, Hans D, Trombetti A, Rizzoli R,
Helg C, Pichard C: follow - up longitudinale di
composizione corporea in cellule staminali ematopoietiche
pazienti trapiantati. Trapianto di midollo osseo
2005; 35: 1171-1177.
82 Pison CM, Cano NJ, Cherion C, Caron F,
Court-Fortune I, Antonini M, GonzalezBermejo
J, Meziane L, Molano LC, Janssens
JP, Costes F, Wuyam B, Similowski T, Melloni
B, Hayot M, Augustin J, Tardif C,
Lejeune H, Roth H, Pichard C, i ricercatori IRAD:
Riabilitazione nutrizionale multimodale
migliora i risultati clinici di malnutriti
pazienti con respiro cronico
fallimento: un trial randomizzato controllato. Torace
2011; 66: 953-960.
83 Pichard C, Kyle U, Chevrolet JC, Jolliet P,
Slosman D, Mensi N, Temler E, Ricou B: mancanza
degli effetti dell'ormone di crescita ricombinante
sulla funzione muscolare nei pazienti che richiedono
ventilazione meccanica prolungata: una prospettiva,
randomizzato, controllato. Crit
Cura Med 1996; 24: 403-413.
84 Pichard C, Kyle UG, Jolliet P, Slosman DO,
Rochat T, Nicod L, Romand J, Mensi N,
Chevrolet JC: Trattamento della cachexia con ricombinante
ormone della crescita in un paziente prima
trapianto di polmoni: un caso di relazione. Crit
Cura Med 1999; 27: 1639-1642.
85 Leslie WD, Miller N, Rogala L, Bernstein
CN: La massa e la composizione del corpo influenzano l'osso
densità in infiammatori di recente diagnosi
malattia intestinale: il gruppo IBD di Manitoba
Studia. Inflamm Bowel Dis 2009; 15: 39-46.
86 van der Meij BS, Langius JA, Smit EF,
Spreeuwenberg MD, von Blomberg BM,
Heijboer AC, Paul MA, van Leeuwen PA:
Integratori alimentari orali contenenti (n-
3) acidi grassi polinsaturi influenzano la nutrizione
stato dei pazienti con stadio III nonsmall
cancro polmonare cellulare durante la multimodalità
trattamento. J Nutr 2010; 140: 1774-1780.
87 Ryan AM, Reynolds JV, Healy L, Byrne M,
Moore J, Brannelly N, McHugh A, McCormack
D, Flood P: L'alimentazione enterale è arricchita
con acido eicosapentaenoico (EPA) conserva
massa corporea magra dopo cancro esofageo
chirurgia: i risultati di un doppio cieco randomizzato
controllato. Ann Surg 2009; 249:
355-363.
88 Ndekha MJ, Oosterhout JJ, Zijlstra EE, Manary
M, Saloojee H, Manary MJ: Supplementare
alimentazione con fortificazione pronta per l'uso
la diffusione o la miscela di soia di mais in spreco
adulti che iniziano la terapia antiretrovirale in Malawi:
randomizzato, investigatore blindato, controllato
prova. BMJ 2009; 338: b1867-b1875.
89 Ha L, Hauge T, Iversen PO: composizione corporea
nei pazienti affetti da ictus più anziani dopo il trattamento
con integrazione individualizzata e nutrizionale
mentre in ospedale. Geriatria BMC
2010; 10: 75.
90 Genton L, Karsegard VL, Chevalley T, Kossovsky
MP, Darmon P, Pichard C: Corpo
cambiamenti della composizione durante 9 anni
sani soggetti anziani e impatto fisico
attività. Clin Nutr 2011; 30: 436-442.
91 Reid CL, Murgatroyd PR, Wright A, Menon
DK: Quantificazione della ripetizione di tessuto magro e grasso
a seguito di una malattia critica: un rapporto di caso.
Crit Care 2008; 12: R79.
92 Antoun S, Birds Ll, ​​Sawyer MB, Venner P,
Escudier B, Baracos VE: Associazione di scheletri
spreco muscolare con trattamento con
sorafenib nei pazienti con renale avanzata
carcinoma cellulare: risultati da un placebo-controllato
studia. J Clin Oncol 2010; 28: 1054-
1060.
93 Prado CM, Antoun S, Sawyer MB, Baracos
VE: Due facce della terapia farmacologica nel cancro:
la perdita di tessuto magro legato alla droga e la sua avversione
conseguenze per la sopravvivenza e la tossicità. curr
Opin Clin Nutr Metab Cura 2011; 14: 250-
254.
94 Schutz Y, Kyle UG, Pichard C: massa priva di grassi
indice e indici di massa di grassi percentuale nei caucasici
invecchiato 18-98 y. Int J Obes 2002; 26:
953-960.
95 Kyle UG, Schutz Y, Dupertuis YM, Pichard
C: interpretazione della composizione corporea: contributi
dell'indice di massa senza grassi e dell'indice di massa grasso
indice di massa grassa del corpo. Nutrizione 2003; 19: 597-
604.
96 Kyle UG, Piccoli A, Pichard C: composizione corporea
misurazioni: interpretazione infine
reso facile per l'uso clinico. Curr Opin Clin
Nutr Metab Care 2003; 6: 387-393.

Post Recenti

Dieta e autoimmunità: il protocollo Wahls

Dr. Terry Wahls è il creatore e autore del protocollo Wahls. Dopo un personale ... Leggi di più

Maggio 15, 2020

Cancro: integratori olistici e cambiamenti nello stile di vita dopo il trattamento

Dopo la diagnosi e il completamento del trattamento del cancro, molte persone sono fortemente motivate a rimanere ... Leggi di più

Maggio 15, 2020

Depressione: una visione olistica

La depressione è abbastanza comune, infatti l'11% degli americani è attualmente in trattamento con un antidepressivo. Antidepressivi ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Aiuta a proteggerti dal cancro naturalmente

Il cancro è quando un gruppo di cellule inizia a crescere fuori mano. Apoptosi cellulare ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Sensibilità alimentari

Il modo in cui i nostri corpi reagiscono al cibo che mangiamo è ciò che determina l'antigene ... Leggi di più

Maggio 14, 2020

Come i test possono aiutarti

Il sistema immunitario funziona meglio quando è in grado di ripararsi e difendersi correttamente ... Leggi di più

Maggio 13, 2020