Sindrome da Band Iliotibiale & Corridori di Distanza

Condividi

Chiropratico, il Dr. Alexander Jimenez guarda al modo in cui questa pregiudizio comune si mostra.

Introduzione

Sindrome da banda Iliotibiale (ITBS) tra le ginocchia è spesso diagnosticata in cliniche di lesioni sportive. ITBS presenta un tasso di incidenza di circa il 22% nella maggior parte delle lesioni correlate alla corsa degli arti inferiori (1) e si dice che sia la seconda lamentela più comune tra i corridori a distanza (2). A ITBS è stata data l'espressione "ginocchio da corridore".

Istruttori come i corridori di resistenza che eseguono la flessione e l'estensione combinata con il carico sono sottoposti a questa malattia. ITBS presenta durante le prime due o tre miglia in esecuzione senza alcun meccanismo di lesioni, che può rendere più interessante l'identificazione della causa. Considerato che molti fattori sono stati presi in considerazione nella letteratura, i cambiamenti sono spesso intesi come causa di ITBS. Ma alcuni fattori biomeccanici sono stati studiati e si è scoperto che hanno poco o nessun effetto all'inizio di ITBS. Quindi il punto di questo testo sarebbe esaminare i cambiamenti biomeccanici che possono indurre un individuo all'inizio di ITBS. La ricerca pubblicata è ampiamente basata su una revisione sistematica corrente pubblicata in Physical Therapy in Sport in 2014 (3).

Anatomia e funzione

La banda ileotibiale (ITB) incapsula la tensore fascia latae (TFL) che si presenta con attaccamenti di fibre sia profonde che superficiali alla pelvi (4). Oltre ad attaccarsi al TFL, circa i tre quarti del tendine del gluteo massimale si congiungono anche con l'ITB (4). L'ITB si estende lungo l'aspetto laterale dell'anca e passa al grande trocantere. L'ITB mantiene un attacco sulla cresta posteriore del femore mentre si attacca alla fascia. L'ITB ha un attacco fisso sul condilo femorale laterale dove si divide poi in tre segmenti con il primo è la rotula laterale (3). I rimanenti due segmenti attraversano l'articolazione del ginocchio per inserirsi alla testa del perone e più distalmente al tubercolo infrapatellare noto anche come tubercolo di Gerdy sulla tibia (3). La figura 1 illustra la posizione dell'ITB.

L'ITB funziona passivamente per resistere all'addizione all'anca, alla rotazione interna dell'anca e alla rotazione interna del ginocchio in conformità ai suoi attacchi al bacino, femore e tibia (3). Il gluteus maximus funziona, tramite il suo attaccamento, per aumentare la stabilità attraverso il complesso dell'anca e del ginocchio aumentando la tensione dell'ITB (4). E 'possibile vedere, in base ai suoi attaccamenti sia al ginocchio che all'anca, come le modifiche potrebbero portare all'insorgenza di ITBS.

Gli studi hanno proposto che, mentre il ginocchio si flette e si estende 'scivoli o gesti' ITB 'sopra il condilo laterale del ginocchio femorale causando un'irritazione al di sotto. Questa idea è stata discussa da Falvey e colleghi (5), i quali hanno affermato che era altamente improbabile che l'ITB si muovesse o scivolasse sull'osso durante la flessione del ginocchio a causa del fatto che non si trattava di una struttura allentata. Ma gli autori concordano sul fatto che l'impatto della compressione sul cuscinetto adiposo riccamente innervato sia la causa del dolore, ma il ceppo della ITB in cui il dolore si presenta attraversando il condilo femorale laterale. Il tasso di deformazione e l'entità della deformazione sono stati misurati in uno studio prospettico che coinvolge corridori di sesso femminile (6). I risultati hanno indicato che la frequenza di sforzo dell'ITB sul condilo femorale laterale era maggiore rispetto all'entità della deformazione. Ciò implica che un corridore potrebbe avere la capacità di correre per un breve periodo, ma poi incorrere in un dolore al ginocchio laterale a causa della tensione verso l'ITB.

Le scansioni MRI hanno accertato che l'angolo di flessione del ginocchio di 30 ° ha suscitato la massima compressione dell'ITB nel punto di colpo del tallone, mentre altri hanno affermato che la compressione massima si verifica tra 20-30 ° (2,6). Un angolo di flessione del ginocchio al punto dello sciopero del tallone è risultato essere significativamente diverso da 20.6 ° nei pazienti ITBS rispetto a 15.3 ° nel controllo (7). La corsa in discesa produce un angolo di flessione maggiore del ginocchio al punto dello sciopero del tallone che genera un carico di strain più grande all'ITB e quindi questo è spesso un precursore principale di ITBS (6). Anche se un elevato angolo di flessione al ginocchio al punto di colpo del tallone è stato considerato come contributo a ITBS, è essenziale esaminare anche l'estremità inferiore dagli aerei frontali e trasversali e non solo dal piano sagittale (2).

Eversione posteriore

È possibile immaginare come l'eversione del piede posteriore possa contribuire all'ITBS causando la rotazione interna della tibia, con conseguente attacco distale in uno sforzo maggiore dell'ITB. Al contrario, Ferber e colleghi (2) hanno indicato che non vi era alcuna differenza significativa nell'angolo di eversione di picco dei soggetti di sesso femminile, che erano stati precedentemente diagnosticati con ITBS ma che ora erano privi di sintomi, rispetto ai controlli. In uno studio simile sono state riscontrate differenze non significative tra i pazienti ITBS sintomatici e i controlli per l'eversione del piede posteriore (8).

Louw & Deary (3) ha scoperto che i pazienti ITBS hanno talvolta dimostrato diminuiti angoli di eversione, accompagnati da una diminuzione della rotazione interna del ginocchio, al punto del colpo sul tallone. Ferber e colleghi (2) hanno notato un momento di inversione aumentato nel gruppo ITBS che è stato suggerito per controllare e limitare il momento di eversione. In confronto, i pazienti ITBS attualmente sintomatici hanno dimostrato una differenza sostanziale rispetto ad un gruppo di controllo con due volte il movimento del piede posteriore durante la corsa (9).

Rotazione interna del ginocchio

Il picco dell'angolo di rotazione interno del ginocchio è risultato essere significativamente maggiore nei pazienti ITBS rispetto ai controlli nel punto di colpo del piede (2). Questa ricerca è stata sostenuta da altri studi che hanno anche trovato un effetto significativo per aumentare la rotazione interna del ginocchio dopo una corsa di intensità moderata all'esaurimento fisico (7). Con eccessiva rotazione viene compressa a causa di una maggiore deformazione dell'ITB all'attacco.

Una spiegazione di una maggiore rotazione interna del ginocchio è stata attribuita a un'eccessiva rotazione esterna del femore forse dovuto all'incremento della piriformis, gemellus inferior e superiore e l'obturatore externus (8). Gli autori hanno aggiunto che l'eccessiva rotazione all'anca potrebbe derivare dall'attività muscolare dei rotatori che erano l'anca come medius, minimus e il fascia latae del tensore. Questi studi (2,7) sono stati retrospettivi nel design in quanto hanno testato i corridori sani con una storia di dolore ITB, mentre (8) è stato uno studio prospettico di pazienti con ITBS al punto di test.

Angolo di adduzione dell'anca e resistenza all'abrasione dell'anca

L'angolo di adduzione dell'anca durante la fase di posizione è stato suggerito di essere più grande. Ferber e colleghi (2) hanno scoperto che l'angolo di adduzione dell'anca di picco è stato significativamente maggiore nella coorte di ITBS e ha dichiarato che con la fiducia di 95%. L'aumento dell'angolo provoca una maggiore stress all'ITB e conseguentemente una maggiore compressione al condile femorale laterale combinata con una maggiore rotazione interna della tibia.

La Figura 2 illustra, quando si combinano l'adduzione dell'anca di picco e la rotazione interna, come questo possa comportare una maggiore compressione dell'ITB al condile femorale laterale. Louw e Deary (3), tuttavia, hanno dichiarato che è rimasto inconcludente se l'angolo di adduzione dell'anca di picco fosse un elemento sostanziale. Sono necessarie ulteriori ricerche per supportare i risultati iniziali di Ferber e dei colleghi (2), poiché questo studio è stato uno studio retrospettivo condotto su corridori femminili sani con una storia di ITBS.

Forza Abductor dell'anca

È stato proposto che un aumento dell'angolo di adduzione del picco dell'anca possa coincidere con l'attività dell'abduttore dell'anca che coinvolge il gluteo medio in questo gruppo. Durante la fase di appoggio dell'andatura il gluteo funziona per mantenere la stabilità. La ricerca ha indicato che durante l'appoggio le forze di adduzione possono superare il triplo del peso corporeo individuale (3). Inoltre, è stato affermato che queste forze erano al di là della capacità metabolica del gluteo medio alla stabilità pelvica principale durante la fase di appoggio usando solo questo muscolo da solo (3).

Louw e Deary (3) non sono stati in grado di identificare un momento di abductor dell'anca allargata nei pazienti ITBS con angoli adductor di picco di picco e suggerì che era più un problema di timing rispetto alla dimensione degli abductor dell'anca. Louw e Deary (3) hanno dichiarato che la ricerca deve ancora esaminare i movimenti del tronco e del pelvico nei pazienti ITBS ed è plausibile suggerire che i cambiamenti biomeccanici dal livello superiore della catena cinetica possano essere un elemento contributivo nell'etologia ITBS.

Uno studio di 24 (14 femminile, 10 maschio) pazienti con ITBS ha intrapreso un programma di riabilitazione di sei settimane per aumentare la resistenza degli abductor d'anca (10). Dopo sei settimane di abductor dell'anca che rafforzava l'esecuzione dei pazienti 22 riferito che era senza dolore e era tornato. I pazienti di sesso femminile hanno riportato un aumento medio della coppia di abductor dell'anca di 34.9% ei pazienti maschi hanno trovato un aumento di 51.4%. Tuttavia questo studio ha utilizzato un dinamometro a mano per misurare la resistenza isometrica e quindi i risultati di Fedricson (10) devono essere osservati con cautela.

Uno studio più recente ha valutato la resistenza abductor dell'anca di pazienti attualmente sintomatici con controlli sani in una posizione fissa (11). I risultati indicavano che non esistevano differenze sostanziali per la forza statica e dinamica dell'abduzione dell'anca tra i gruppi. Ulteriori ricerche dovrebbero esaminare l'EMG e la forza degli abductor d'anca nel ruolo della gestione di ITBS. Tabella 1 mostra di significato nelle varie variabili degli studi utilizzati in questo testo.

I programmi di riabilitazione, dopo periodi di immobilizzazione e durante, dovrebbero includere esercizi glutei per fornire stabilità alla gamba coinvolta. Se gli esercizi attivi per i muscoli glutei sono forniti in modo sicuro ed efficace, questo può influenzare il periodo di transizione dal non peso. È prudente basarsi sulla ricerca fornita fino ad oggi per sviluppare la funzione, sebbene manchi la ricerca in termini di qualità e volume delle influenze biomeccaniche sull'eziologia di ITBS. Ciò garantisce che, una volta che il carico inizia, la gamba coinvolta abbia la stabilità e il controllo attivi per mantenere l'inizio del carico dell'ITB.

sommario

La recente rassegna pubblicata da Louw and Deary (3) indica che gran parte della ricerca pubblicata in letteratura a seconda dell'etiologia di ITBS è inconcludente. Il livello di ricerca è relativamente basso e si basa su prove retrospettive. La ricerca indica che la biomeccanica del ginocchio e l'anca anormale sono coinvolti nel verificarsi di ITBS. Gli autori accerti che la forza muscolare è coinvolta come è la biomeccanica del piede che sono anormali. Si raccomanda che la ricerca futura dovrà misurare i movimenti cinematici dell'anca e del ginocchio durante la discesa, in quanto questa è una denuncia dell'insorgenza di ITBS.

Referenze
1.Clini J di Sports Med, maggio 2006,16, (3), 261-268
2.J di Sports Phys Therap, febbraio, 2010, 40, 2, 52-58.
3.Phys Therap in Sport, 2014, 15, 64 e75.
4. Anatomia radiologica e radiologica (Dec) 2004; 26, (6), 433 - 446
5.Scand J di Med & Sci in Sport, agosto 2010, 20 (4), 580-587.
6.Clini Biomech, 2008, 23, 1018-1025.
7.Gait postura. 2007 Sep, 26 (3), 407-13
8.Clini Biomech, Nov 2007, 22 (9), 951-956.
9.Med Sci in Sport e Ex, 1995, 27, 951-960.
10.Clini J di Sports Med, 2000, 10: 169-175.
11. Int J di Sports Med, Jul, 2008, 29 (7), 579-583.

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘