Benefici della dieta di eliminazione | El Paso, TX Dottore in chiropratica
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Il cibo che mangiamo ha un effetto importante sulla nostra salute. A volte sintomi come depressione, eczema, sbalzi d'umore, mal di testa, problemi digestivi, dolori articolari, aumento di peso e drenaggio cronico del seno possono colpire un paziente senza sapere che questi sono sintomi innescati dal cibo che mangia. Cos'è una dieta di eliminazione? Come può avvantaggiarmi? Fondamentalmente, la dieta Eliminazione ti aiuta a diminuire i sintomi menzionati in precedenza rimuovendo temporaneamente dalla dieta cibi comuni. Ha diverse fasi; nella fase di reintroduzione, può aiutarti a riconoscere gli alimenti che possono scatenare i sintomi. In entrambe le fasi, la dieta di eliminazione fornisce al nostro organismo cibi antinfiammatori per curare il tessuto intestinale e favorire la risposta immunitaria.

Alcuni degli alimenti che vengono evitati nella dieta di eliminazione sono:

Alimenti da evitare nella dieta di eliminazione
alcol
Manzo
Cioccolato
Mais
Latticini
Cereali contenenti glutine (orzo, segale, farro e grano)
Arachidi
Carne di maiale
Carni lavorate
Mollusco
Soia e prodotti a base di soia
Zucchero (zucchero bianco, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, zucchero di canna, saccarosio)
Muesli casalingo salutare arrostito con fiocchi d'avena o porridge senza glutine, noci e semi tritati e sciroppo d'acero. Una porzione di muesli e kefir o yogurt in una ciotola di cocco
I 1 Passi

Periodo di eliminazione: Periodo di tre settimane per evitare gli alimenti precedentemente arruolati. In questa fase di eliminazione, l'obiettivo principale è diminuire il carico immunitario innescato da alcuni alimenti.

I 2 Passi

Reintroduzione del cibo: Dopo il periodo di tre settimane della dieta di eliminazione, il paziente avrà un'ampia conoscenza di diversi cibi sani e antinfiammatori che possono fornire una dieta ricca di nutrienti. Inoltre, con la reintroduzione degli alimenti, uno alla volta, il paziente può aumentare la consapevolezza dei sintomi innescati da ogni nuovo alimento che viene lentamente reintrodotto nella propria dieta.

Benefici di una dieta di eliminazione
Identifica i trigger alimentari I pazienti spesso non si rendono conto che il cibo è gradito ai sintomi ricorrenti e prolungati. Quando alcuni alimenti vengono eliminati dalla dieta ei sintomi scompaiono, il collegamento può essere notato dal paziente. Queste reazioni avverse al cibo possono essere considerate un alimento allergia, cibo sensibilità, o intolleranze alimentari.
riduce l'infiammazione Le reazioni avverse al cibo possono innescare l'infiammazione nel buona. Questo può influenzare la permeabilità intestinale e causare reazioni immunitarie squilibrate. Ciò può consentire a batteri, lieviti o sostanze chimiche di penetrare nel nostro flusso sanguigno e l'infiammazione può esacerbarsi. L'eliminazione degli alimenti associati all'infiammazione può ridurre la risposta immunitaria, mentre l'introduzione di cibi antinfiammatori può aiutare il rivestimento intestinale a diventare più forte e più sano.
Supporta un microbioma sano Le intestino immunologico risposta può influenzare il microbiota che abita il nostro tratto Gi. È noto che il nostro microbioma gioca un ruolo importante nelle nostre risposte immunitarie. Se il nostro equilibrio del microbioma, comunemente chiamato simbiosi, è compromesso, le nostre reazioni immunitarie saranno gravi.
Senza latticini, senza glutine I latticini possono causare dolore digestivo, gonfiore e gas in quei pazienti privi di lattasi, l'enzima ha bisogno di elaborare il lattosio presente nei latticini.

Il glutine è una proteina presente in cereali come orzo, segale e grano. La gliadina, una proteina presente nel glutine, è nota per i suoi effetti dannosi sui microvilli che ricoprono il nostro tratto Gi, favorendo la permeabilità intestinale. La dieta di eliminazione evita questi alimenti sulla base della crescente evidenza che li collega a processi proinfiammatori.

Fitonutrienti per curare l'intestino Si tratta di prodotti vegetali naturali con specifiche attività biologiche e varie funzioni: antimicrobica, antiossidante, antinfiammatoria, epatoprotettiva, stimolanti del SNC e immunomodulatore. Questi nutrienti presenti nelle verdure colorate possono aiutare ad alcalinizzare il corpo e migliorare l'escrezione delle tossine; svolgono un ruolo chiave nella disintossicazione e nella riduzione dell'infiammazione.
Riduce il carico tossico Il nostro cibo è comunemente lavorato e mantenuto fresco con l'aiuto di conservanti; può contenere additivi, coloranti, pesticidi, insetticidi o persino essere ingegnerizzato. Con l'introduzione di alimenti biologici, possiamo abbassare il numero di tossine che entrano nel nostro corpo.

Fattori che promuovono il carico tossico:

· Genetica - Bassa produzione di enzimi di disintossicazione.

· Esposizione a tossine (interne o esterne).

· L'introduzione di cibi ricchi di fitonutrienti può favorire la disintossicazione.

Nessuna restrizione calorica Anche se si verifica la perdita di peso, non è l'obiettivo principale della dieta di eliminazione. Può essere restrittivo per alcuni tipi di cibo, ma promuove una dieta ricca di nutrienti e densa di energia.
Promuove la consapevolezza corporea del cibo Dopo la prima fase di “sfida”, il paziente diventa consapevole dei sintomi innescati quando un determinato alimento viene consumato nella fase di reintroduzione. La dieta di eliminazione aiuta il paziente a entrare in contatto con la risposta del proprio corpo al cibo.

Cosa mostra la ricerca.

Una dieta priva di glutine e caseina è stata utilizzata in precedenti ricerche per studiarne gli effetti sui pazienti con ADHD con anomalie gastrointestinali. I risultati hanno riportato un leggero miglioramento comportamentale, determinato dai genitori e dagli insegnanti del soggetto. Tuttavia, non ci sono stati risultati positivi durante la misurazione del funzionamento fisiologico, dei problemi comportamentali o dei sintomi associati Disturbo dello spettro autistico. Durante i test con un approccio diverso, escludendo gli additivi alimentari, sono stati riscontrati piccoli miglioramenti nei test neurocognitivi dell'attenzione.

Sindrome del colon irritabile è un gruppo di sintomi gastrointestinali tradizionalmente trattati con una dieta a basso contenuto di FODMAP. Questa dieta consiste nell'eliminare i carboidrati fermentabili e il grasso per ridurre i sintomi dell'IBS. Recentemente è stato sfidato con una versione modificata, una dieta priva di glutine combinata con bassi FODMAP. Attualmente non ci sono informazioni o studi sufficienti che dimostrino la superiorità di ogni trattamento. La ricerca mostra un effetto positivo della dieta di eliminazione se combinata con i probiotici in pazienti con emicrania associata a IBS e permeabilità intestinale.

Nel complesso una dieta di eliminazione può essere estremamente vantaggiosa per i pazienti che soffrono di reazioni avverse al cibo o sensibilità al cibo. Se hai già provato di tutto e i sintomi fastidiosi continuano a influenzare la tua qualità di vita, chiedi al tuo medico se una dieta di eliminazione fa bene. Entra in contatto con il tuo corpo; nota gli effetti che alcuni cibi hanno sul tuo organismo e sii aperto a nuovi trattamenti.

In qualità di nutrizionista, utilizzo spesso questo approccio per trattare i bambini con allergie o sensibilità alimentari. La dieta di eliminazione è uno strumento utile per ottenere migliori risultati in materia di allergie alimentari o test di screening IgE. Allo stesso tempo, riduce sintomi e segni di allergia; come diminuzione delle eruzioni cutanee o eczema, miglioramento dei problemi respiratori e delle mucose, gonfiore e gas. Quest'ultima parte è ciò che fornisce un senso di sollievo ai genitori del bambino, migliorando così la qualità della vita di tutta la famiglia. - Ana Paola Rodríguez Arciniega. Master in nutrizione clinica.

Singh, Rajdeep, et al. "Il ruolo della dieta nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile: una revisione sistematica". Gastroenterol Clin North Am (2018): 107-137.

Xie, Yangzhi, et al. "Effetti della dieta basata sull'eliminazione delle IgG combinata con i probiotici sull'emicrania più la sindrome dell'intestino irritabile". Ricerca e gestione del dolore, 2019 (2019).

Gupta, Charu e Dhan Prakash. "Fitonutrienti come agenti terapeutici". Journal of Complementary and Integrative Medicine 11.3 (2014): 151-169.

Ly, Verena, et al. "L'efficacia e i meccanismi delle diete di eliminazione nel disturbo da deficit di attenzione e iperattività e nel disturbo dello spettro autistico". Psichiatria europea dell'infanzia e dell'adolescenza 26.9 (2017): 1067-1079.

L'Istituto di Medicina Funzionale. "Guida completa alla dieta di eliminazione". IFM (2020)

Storia funzionale online di Medicince
ESAME DI MEDICINA FUNZIONALE ONLINE 24 • 7

Storia in linea
STORIA ONLINE 24 /7
PRENOTA ONLINE 24/7