Risultati sorprendenti dal trattamento precoce del disco erniato | El Paso, TX

Condividi

L'ernia del disco è in genere una condizione molto dolorosa, soprattutto se la sostanza interna gelatinosa del disco intervertebrale, noto come nucleo polposo, spinge attraverso l'anello esterno spesso della cartilagine e mette sotto pressione i nervi sensibili della colonna vertebrale. I dischi sono cuscinetti morbidi e gommosi che si trovano tra le vertebre della colonna vertebrale che agiscono come ammortizzatori, consentendo alla colonna vertebrale di flettersi e / o flettersi. Un disco intervertebrale può iniziare a rompersi a causa di usura e lacerazione oa causa di un infortunio improvviso. Fortunatamente, la maggior parte delle persone che hanno sofferto di un'ernia discale può trovare sollievo da una varietà di trattamenti non operativi prima di prendere in considerazione un intervento chirurgico. Il seguente articolo evidenzia l'impatto del trattamento precoce per ernie discali nella colonna lombare o nella regione lombare.

L'impatto del recupero precoce sugli esiti a lungo termine in una coorte di pazienti sottoposti a trattamento prolungato non operatorio per l'ernia del disco lombare: articolo clinico

Astratto

Oggetto

Gli autori hanno studiato approfonditamente il recupero dei singoli pazienti sottoposti a trattamento per ernia del disco lombare. L'obiettivo principale era quello di ottenere una visione approfondita della variabilità dei singoli punteggi di utilità del paziente all'interno di una coorte di trattamento. L'obiettivo secondario era quello di determinare in che modo le percentuali e la variabilità del recupero del paziente nel tempo, rappresentate dal miglioramento dei punteggi di utilità, influivano sugli esiti dei pazienti a lungo termine.

Metodi

I punteggi EuroQol Group-5 Dimension (EQ-5D) sono stati ottenuti al basale e in 2, 4, 8, 12, 26, 38 e 52 settimane per i pazienti 93 trattati con un protocollo di conservazione conservativa prolungato per ernia del disco lombare. Le densità del kernel gaussiano sono state utilizzate per stimare la distribuzione dei punteggi di utilità in ciascun punto temporale. Regressione logistica e modelli Markov multistato sono stati utilizzati per caratterizzare il miglioramento individuale del paziente nel tempo. Sono stati utilizzati test esatti di Fisher per confrontare la distribuzione dei punteggi dei domini EQ-5D.

risultati

La distribuzione dei punteggi di utilità era bimodale a 1 anno ed efficacemente suddivisa i pazienti in un gruppo di utilità "superiore" (EQ-5D = 1; 43% di coorte) e un gruppo di utilità "inferiore" (EQ-5D ≤ 0.86; 57% di coorte). I test esatti di Fisher hanno rivelato che il dolore / disagio, la mobilità e le normali attività differivano significativamente tra i gruppi di utilità 2 (p «0.001). I gruppi di utilità sono emersi alle settimane 8 ed erano stabili per il resto del periodo di trattamento. Utilizzando i punteggi delle utility di 8 settimane, i modelli di regressione hanno predetto risultati 1-anno con accuratezza di 62%.

Conclusioni

Questo studio è il primo a considerare in modo completo il recupero dell'utilità dei singoli pazienti all'interno di una coorte di trattamento per l'ernia del disco lombare. I risultati suggeriscono che la maggior parte dell'utilità viene recuperata durante il periodo di trattamento precoce. Inoltre, i risultati suggeriscono che il miglioramento iniziale è fondamentale per l'esito a lungo termine di un paziente: i pazienti che non sperimentano un significativo recupero iniziale sembrano improbabili farlo in un secondo momento con lo stesso protocollo di trattamento.

Abbreviazioni utilizzate in questo documento: AUC = area sotto una curva operativa del ricevitore; EQ-5D = Dimensione EuroQol Gruppo-5. Corrispondenza per indirizzo a: Matthew C. Cowperthwaite, Ph.D., Università del Texas ad Austin, Texas Advanced Computing Center, JJ Pickle Research Campus, ROC 1.101, 10100 Burnet Rd., Austin, TX 78758. email: mattccowp@mac.com.

Pubblicato in giugno giugno 28, 2013; DOI: 10.3171 / 2013.5.SPINE12992.

Introduzione

L'ernia del disco lombare è una delle cause più comuni di dolore lombare e radicolopatia. [4] Il trattamento per i pazienti con ernia del disco lombare inizia di solito con cure conservative come analgesici, iniezioni di steroidi epidurali e terapia fisica, [1,5] con chirurgia riservata ai pazienti con grave disfunzione della radice del nervo o della cauda equina o se la terapia conservativa non ha successo nel controllo dei sintomi.

Diversi studi recenti hanno confrontato l'efficacia dei protocolli di cura conservativa e di trattamento chirurgico per il trattamento dei dischi erniati e sono arrivati ​​a conclusioni diverse. [2,3,9,10,15-18] Tuttavia, questi studi hanno generalmente considerato i risultati su un periodo di anni, che è significativo periodo di tempo per i pazienti che stanno aspettando che la loro qualità della vita migliori. Nella pratica clinica, questo porta spesso al seguente dilemma: la maggior parte dei pazienti, in particolare quelli con sintomi moderati, preferirebbe evitare l'intervento chirurgico, ma non è disposta ad aspettare un periodo indefinito di tempo per la risoluzione dei sintomi. Non sorprende che la discectomia lombare sia la procedura chirurgica più frequentemente eseguita negli Stati Uniti. [17,18]

Inoltre, gli studi sopra menzionati hanno tipicamente confrontato la differenza media tra i gruppi di trattamento, senza riguardo per il recupero individuale all'interno della coorte. Inoltre, questo approccio presuppone che il recupero dei protocolli da confrontare proceda in modo simile tra gli intervalli di osservazione. Per comprendere meglio le risposte al trattamento dei singoli pazienti e le scadenze delle loro risposte, abbiamo analizzato in modo completo una coorte di pazienti sottoposti a un protocollo di trattamento conservativo prolungato per ottenere informazioni sulle dinamiche del recupero individuale del paziente nel tempo e se queste dinamiche di recupero influenzino risultati a lungo termine.

Metodi

Set di dati di studio

Il set di dati conteneva pazienti 142 randomizzati a un protocollo di cura conservativa prolungata come parte dello studio prognostico di Leiden-The Hague Spine Intervention. [10,15] Il trial di Sciatica è stato rivisto e approvato dal Medical Ethics Committee del Leiden University Medical Center. [11 ] I pazienti sono stati arruolati nel processo di Sciatica interamente nei Paesi Bassi.

Nel trial di Sciatica, tutti i pazienti di età compresa tra 18 e 65 anni, con dolore radicolare persistente nel dermatomo L-4, L-5 o S-1 (con o senza deficit neurologico lieve), grave dolore invalidante alle gambe (sindrome lombosacrale radicolare) Le durate 6-12 settimane e l'ernia del disco confermata radiologicamente (MRI) sono state considerate idonee per l'iscrizione allo studio. Sindrome di Cauda equina o paresi severa, precedenti disturbi della sindrome lombosacrale radicolare nei precedenti mesi di 12, storia di chirurgia discale monolaterale di pari livello, stenosi del canale spinale e spondilolistesi degenerativa o litica erano tutti criteri di esclusione. I dati demografici di coorte e le caratteristiche di base sono stati precedentemente descritti; tutti i pazienti hanno riferito dolore alla schiena e alle gambe, ma il dolore alle gambe è stato generalmente più grave (dolore alla gamba medio 67.2 ± 27.7 vs dolore alla schiena 33.8 ± 29.6, misurato su un punto 100, scala analogica visiva orizzontale). [15]

La prova di Sciatica utilizzava un progetto di studio pragmatico: la gestione della terapia conservativa era influenzata il meno possibile ed era supervisionata dal medico di ogni paziente. L'uso di analgesici e terapia fisica è stato determinato dal medico curante. In questa coorte, i pazienti 46 (32%) hanno scelto di sottoporsi a un intervento chirurgico prima della fine dell'anno 1st; il tempo medio di intervento è stato 12.6 settimane dopo l'inizio del trattamento. I pazienti chirurgici e i soggetti 3 addizionali con più di 2 mancano misure di utilità dal campione, risultando in una coorte di pazienti 93 considerati nel presente studio; i pazienti crossover saranno discussi in uno studio separato (manoscritto in preparazione). I nostri risultati sono rimasti qualitativamente invariati quando i pazienti esclusi sono stati trattenuti nelle analisi (dati non mostrati).

Nello studio preliminare di Leiden-The Hague Spine Prognostic lo strumento EQ-5D è stato utilizzato per misurare l'utilità del paziente al basale e in 2, 4, 8, 12, 26, 38 e 52 alcune settimane dopo l'arruolamento nello studio. La durata media della sciatica prima dell'iscrizione era di 9.5 settimane. [10,15] L'utilità è una valutazione della qualità della vita di un paziente su una scala tra 0 (grave come morto) e 1 (perfetta salute). Per stimare l'utilità, l'EQ-5D valuta l'indebolimento funzionale di un paziente nei domini 5: mobilità, auto-cura, attività abituali, dolore e ansia. [6] Per ciascun dominio, i pazienti riferiscono autonomamente i punteggi di 1 (nessun problema) , 2 (alcuni problemi) o 3 (problemi estremi). I punteggi delle utenze sono stati calcolati utilizzando il modello di valutazione statunitense [12] che distingue chiaramente i pazienti che non segnalano problemi di salute (EQ-5D = 1) da quelli che hanno segnalato almeno alcuni problemi di salute (EQ-5D ≤ 0.86). I nostri risultati sono indipendenti dal particolare modello di valutazione (non mostrato). La completezza delle misurazioni EQ-5D durante il follow-up variava da 98% a 2 settimane a 90% a 38 settimane.

Analisi statistica

Tutte le analisi statistiche sono state condotte utilizzando l'ambiente statistico R (versione 2.9.2; http://www.rproject.org/) con i pacchetti aggiuntivi "msm", [8] "ROCR," [14] e "rms" [7] (tutto disponibile gratuitamente su http://cran.rproject.org). Le variabili continue sono presentate come medie (± SEM) e sono state confrontate usando i t-test di Student 2-tailed. Il significato è stato valutato ad un livello di significatività α ≤ 0.05, se non diversamente indicato. Le misure EQ-5D mancanti sono state imputate usando la media delle misure nei punti temporali adiacenti; i nostri risultati sono qualitativamente simili sotto schemi di imputazione forward o backward (non mostrati).

Le stime della densità del kernel gaussiana sono state calcolate per stimare la distribuzione dei punteggi di utilità. Le stime di densità del kernel sono state stimate utilizzando una larghezza di banda "fedelta" di Silverman e un kernel di smoothing gaussiano. [13] I punti left e right sono stati impostati sui valori teorici minimo e massimo EQ-5D, rispettivamente, così che l'area sotto la curva di densità è stata sommata a 1.

Per determinare se specifici domini EQ-5D differiscono tra gruppi di utilità, i test esatti di Fisher sono stati condotti su tabelle di contingenza del numero di pazienti in ciascun gruppo di utilità che hanno riportato punteggi di 1, 2 o 3. Il significato è stato valutato utilizzando un valore p corretto di Bonferroni di 0.01.

Sono stati usati modelli Markov a tempo continuo a due stati per studiare i modelli e le probabilità di transizione dei pazienti tra un'utilità "inferiore" (EQ-5D ≤ 0.86) e un gruppo di utilità "superiore" (EQ-5D = 1). Il valore dell'utilità di soglia che definisce i gruppi è rimasto fisso nel tempo ed è stato utilizzato per assegnare ciascun paziente a un gruppo di utilità in ciascun momento di osservazione. I modelli sono stati adattati usando il pacchetto "msm" [14] con matrici di intensità di transizione costante a tratti (Qt) stimate per ciascun intervallo di tempo tra i punti t = 0, 4, 8, 12, 26, 38, 52 (t = 2 è stato omesso perché c'erano transizioni insufficienti per produrre un modello robusto). Le intensità di transizione sono state autorizzate a cambiare tra gli intervalli di osservazione successivi, ma sono rimaste omogenee all'interno di ciascun intervallo di osservazione. Le intensità di transizione iniziali erano basate sulle frequenze osservate delle transizioni nel set di dati e sono state calcolate utilizzando la formula

in cui nij è il numero osservato di transizioni dal Gruppo i al Gruppo j per la durata del periodo di studio (T), e nj è il numero iniziale di pazienti nel Gruppo j. I modelli adattati erano robusti per la scelta di iniziare le intensità di transizione e hanno prodotto stime di parametri qualitativamente simili su un intervallo di parametri di partenza (non mostrati). La funzione di verosimiglianza è stata massimizzata utilizzando un algoritmo Nelder-Mead e la convergenza è stata verificata visivamente e in genere si è verificata ben prima del numero massimo di iterazioni.

I modelli di regressione logistica sono stati utilizzati per verificare se le misurazioni dell'utilità da precedenti punti temporali potevano prevedere risultati a lungo termine. Questi modelli includevano solo i valori di utilità fino a un determinato punto temporale come predittori, con la variabile di risposta che rappresenta il risultato 1 dell'anno del paziente (gruppo di utilità superiore o inferiore) modellato come variabile dicotomica; non sono state incluse covariate cliniche o demografiche aggiuntive nei modelli. I modelli sono stati montati utilizzando il pacchetto "rms" [7] e l'adattamento è stato valutato utilizzando test chi-quadrato (α ≤ 0.05). Sono stati creati modelli di regressione separati per tutte le misurazioni di utilità fino ae comprese quelle per 2, 4, 8, 12 e 26 settimane; ad esempio, il modello 8-settimana includerebbe misurazioni di utilità nelle settimane 0, 2, 4 e 8. La statistica AUC è stata utilizzata per valutare le prestazioni dei modelli ed è stata calcolata utilizzando il pacchetto ROCR. [14]

risultati

Delineazione di gruppi di utilità superiori e inferiori

Le distribuzioni dei punteggi di utilità del paziente sono cambiate notevolmente nel corso dell'anno 1 di cura conservativa (Fig. 1). Al basale, la maggior parte dei pazienti ha riportato una qualità della vita relativamente scarsa; il punteggio medio EQ-5D era 0.55 (mediana 0.60). Due gruppi di utilità distinti erano presenti al basale: un gruppo di utilità "inferiore" (EQ-5D ≤ 0.86) e un gruppo di utilità "superiore" (EQ-5D = 1). A 6 mesi, il gruppo di utilità inferiore (n = 62, 67%) era maggiore del gruppo di utilità superiore (n = 31, 33%); nell'anno 1, il gruppo di utilità inferiore (n = 53, 57%) era diminuito, ma rimaneva più grande del gruppo di utilità superiore (n = 40, 43%).

Figura 1: Distribuzione delle utilità per pazienti EQ-5D al basale, 6 mesi e 1 anno. Le linee continue rappresentano stime gaussiane della densità del kernel (asse destro) di ciascuna distribuzione. Le linee grigie delineano l'istogramma con l'altezza di ciascuna barra che rappresenta la frequenza dei pazienti (asse sinistro) nei bin di larghezza uguale (0.05) con un'utilità maggiore del limite inferiore e minore o uguale al limite superiore. I limiti di entrambe le distribuzioni sono impostati sul minimo teorico e sul massimo dello strumento di utilità EQ-5D.

EQ-5D Punteggio del dominio tra i gruppi

I punteggi medi in ciascun dominio dell'EQ-5D (Tabella 1) hanno suggerito che il dolore / disagio (punteggio basso = 1.9, punteggio alto = 1.0), mobilità (punteggio basso = 1.4, punteggio alto = 1.0) e attività abituali ( punteggio basso = 1.5, punteggio alto = 1.0) i domini differivano significativamente tra i gruppi di utilità alta e bassa (p «0.001). L'ansia (punteggio basso = 1.2, punteggio alto = 1.0) e di auto-cura (punteggio basso = 1.1, punteggio elevato = 1.0) dominava molto meno tra i gruppi di utilità 2, sebbene fossero anche significativi (p <0.01).

Traiettoria dell'utilità del paziente nel tempo

Le serie di punteggi di utilità del paziente misurati durante il periodo di studio sono indicate come "traiettorie" di utilità, che sono state studiate per comprendere come i pazienti hanno recuperato durante il periodo di studio. Nella coorte di studio, tutti i pazienti hanno presentato miglioramenti durante almeno il periodo di osservazione di 1; solo 19.3% (n = 18) non ha mai registrato un calo durante il recupero. Il recupero era variabile: 49.5% dei pazienti (n = 46) ha sperimentato almeno inversioni di 2, che sono state definite come miglioramenti (declini) immediatamente seguiti da declini (miglioramenti) alla successiva osservazione. Inoltre, solo il 29% dei pazienti (n = 27) aveva traiettorie stabili senza inversioni. Nel complesso, gli incrementi di utilità sono stati i tempi di 4 più comuni di quelli di utilità ridotta.

L'utilità dell'intera coorte è aumentata di 0.296 (51.8% sopra la baseline; p «0.001, Wilcoxon Mann-Whitney test) durante l'anno (Fig. 2), ma è stato nettamente più veloce durante i primi 2 mesi (0.022 / settimana) rispetto al ultimi mesi 3 (0.005 / settimana). Nello stesso intervallo di tempo, i punteggi delle utility sono migliorati da 0.178 (35.2% sopra la media della linea di base) nei primi 2 mesi e da 0.063 (1.3% sopra la media 9-mese) durante i mesi 3 finali. I punteggi medi di utilità differivano significativamente tra i gruppi di utilità finali 2 nelle settimane 8 e rimanevano significativi per il resto dell'anno (p <0.01, t-test dello studente; Fig. 2).

Figura 2: Grafico delle utilità medie del paziente in ciascun punto temporale della misurazione. Le barre di errore rappresentano gli EC 95% sulla media. Il gruppo di utilità alta e bassa fa riferimento al gruppo finale in cui il paziente appartiene al punto temporale dell'anno 1.

Modellizzazione del recupero del paziente

Dato che i gruppi di utilità 2 erano presenti durante il periodo di studio, i modelli Markov sono stati utilizzati per studiare la robustezza di questi gruppi stimando la probabilità che i pazienti passassero da un gruppo all'altro. I modelli suggerivano che la probabilità media che un paziente rimanesse all'interno del loro gruppo di utilità era 97.9% e 97.6% per i pazienti attualmente nei gruppi di utilità bassa e alta, rispettivamente (Fig. 3). La probabilità che un paziente passasse dal gruppo di utilità basso a quello alto era 2.1%; la probabilità corrispondente per le transizioni dal gruppo di utilità alto a quello basso era 2.3%.

Figura 3: Grafici delle probabilità di transizione di Markov (a settimana) per le transizioni all'interno (inferiore) e tra i gruppi di utilità (superiore). Ogni punto è centrato a metà di ciascun intervallo di tempo e rappresenta la stima di massima probabilità della probabilità di transizione per settimana durante l'intero intervallo. Le barre di errore (larghezza media dell'95% CI era 1.8) sono state omesse per chiarezza perché le differenze non erano significative.

I modelli hanno anche suggerito che la probabilità che un paziente si trasferisse in un altro gruppo di utilità diminuisse durante il periodo di studio. Durante le prime settimane 8, 2.8% e 3.5% di pazienti hanno avuto rispettivamente transizioni da basso ad alto e da alto a basso; negli ultimi 3 mesi, 1.6% e 1.3% dei pazienti hanno avuto rispettivamente transizioni di gruppo da basso ad alto e da alto a basso.

Previsione del risultato individuale del paziente

Alle settimane 8, i modelli di regressione logistica potevano prevedere l'esito di un paziente (gruppo di utilità finale) con una precisione modesta (AUC = 0.62 o 62%). L'accuratezza dei modelli aumentava costantemente man mano che venivano inclusi i dati di punti temporali successivi; la performance del modello 26-week è stata buona con una AUC di 0.78 (Fig. 4). Anche la quantità di miglioramento nei punteggi di utilità dal basale alle settimane 8 è stata valutata come un predittore di un buon risultato (gruppo di utilità superiore). I pazienti con punteggi EQ-5D che sono migliorati almeno di 0.30 durante le prime settimane di trattamento con 8 hanno mostrato che 60% ha più probabilità di avere un buon risultato.

Figura 4: Grafico che mostra l'accuratezza dei classificatori in base alle utilità del paziente. La linea orizzontale viene tracciata in 0.50, al di sopra della quale i modelli si comporterebbero meglio dell'assegnazione casuale di pazienti a gruppi di utilità.

Insight di Dr. Alex Jimenez

L'ernia del disco si sviluppa comunemente nella colonna lombare o nella regione lombare. Conosciuto anche come disco scivolato o disco rotto, un disco erniato si verifica quando il centro morbido, simile a gel di un disco intervertebrale spinge attraverso una lacrima nel suo anello esterno circostante, noto come l'anello fibroso. I sintomi di un'ernia del disco sono generalmente specifici per il livello esatto della colonna vertebrale dove si verifica l'ernia del disco e se il tessuto nervoso è stato irritato dal materiale del disco intervertebrale che fuoriesce dall'interno del disco. I sintomi più comuni di un'ernia del disco includono dolore, intorpidimento, debolezza e sensazioni di formicolio, oltre a causare sintomi radianti lungo gli arti superiori o inferiori. A seconda della gravità dei sintomi, il trattamento del disco erniato può includere farmaci e / o farmaci, iniezioni epidurali, terapia fisica, chiropratica e chirurgia, tra gli altri. Secondo il seguente articolo, un trattamento precoce può aiutare a promuovere e gestire un recupero del disco erniato più veloce da metodi di trattamento prolungato non operatorio.

Discussione

Diversi studi hanno cercato di confrontare l'efficacia relativa della chirurgia e la cura conservativa per il trattamento di un'ernia del disco lombare. [4-9,11] In generale, questi studi hanno confrontato le differenze "medie" tra le coorti di studio, mentre le singole traiettorie da cui l'utilità del paziente i cambiamenti nel tempo hanno ricevuto meno attenzione. A nostra conoscenza, questo studio fornisce la prima analisi statistica completa dei dati di utilità individuali a livello di paziente da un'ampia coorte di pazienti randomizzati a un protocollo di trattamento conservativo prolungato per l'ernia del disco lombare. [9]

La decisione di procedere con la chirurgia è semplice nei pazienti con sintomi gravi o disabilitanti o deficit neurologici. Allo stesso modo, la decisione di continuare la cura conservativa è semplice per i pazienti con sintomi lievi o coloro che si accontentano di vivere con i loro sintomi indefinitamente. Tuttavia, i pazienti con sintomi moderati presentano spesso una sfida maggiore perché la maggior parte dei pazienti preferirebbe evitare l'intervento chirurgico, se possibile, ma non si accontentano di attendere indefinitamente che il dolore si risolva. Questi pazienti spesso richiedono più della semplice probabilità generale che miglioreranno alla fine; di solito vogliono sapere quando si riprenderanno. Inoltre, di solito sono interessati a capire se i loro sintomi e progressi attuali influenzano la probabilità e l'entità del loro miglioramento futuro.

Per i pazienti con sintomi moderati, le seguenti osservazioni del nostro studio possono essere utili. In primo luogo, i punteggi di utilità per i singoli pazienti divergevano nettamente a 8 settimane e successivamente erano facilmente classificati come quelli che non segnalavano problemi di salute (utilità superiore, EQ-5D = 1) o quelli che riportavano almeno alcuni problemi di salute (utilità inferiore, EQ-5D ≤ 0.86). Tra il gruppo di utilità inferiore, i domini "dolore / disagio", "mobilità" e "attività abituale" dell'EQ-5D differivano in modo significativo dal gruppo di utilità superiore, che potenzialmente poteva rappresentare la radiculopatia trattata in modo incompleto. In secondo luogo, la maggior parte dei miglioramenti si è verificata presto: quasi un terzo del miglioramento complessivo dell'utilità è stato registrato nei primi 2 mesi, mentre solo il 1% si è verificato negli ultimi 3 mesi. Terzo, il recupero è variabile, con la maggior parte dei pazienti (80%) che presenta almeno un intervallo di deterioramento 1 e solo 19% in continuo miglioramento senza contrattempi. Ciò potrebbe fornire qualche rassicurazione ai pazienti con un recupero generalmente buono per "mantenere il corso" senza ricorrere a misure più invasive come la chirurgia semplicemente a causa di quella che potrebbe essere una breve diminuzione transitoria della qualità della vita. Infine, la probabilità di spostarsi in un altro gruppo era piuttosto bassa (2%), che può essere presa in considerazione quando si consiglia un paziente che non sta migliorando con il suo attuale regime di trattamento.

Notiamo le seguenti limitazioni inerenti a questo studio di coorte. Innanzitutto, questo è uno studio osservazionale, e quindi non possiamo dedurre la causalità per l'emergere dei gruppi di utilità 2, e poiché i piani di trattamento individuali ci erano sconosciuti, non possiamo commentare alcun tipo specifico di terapia conservativa. Tuttavia, anche se si considerano i pazienti del gruppo di utilità basso come non responder alla terapia conservativa (che è probabile almeno in parte errata), lo studio non implica che la chirurgia sarebbe necessariamente vantaggiosa in questi pazienti. In secondo luogo, l'EQ-5D valuta lo stato di salute generale di un paziente e pertanto le condizioni comorbose sconosciute rappresentano probabilmente almeno alcuni dei pazienti residenti nel gruppo di utilità inferiore e per parte delle fluttuazioni di utilità. Tuttavia, nel contesto clinico, dovrebbe essere ovvio se i sintomi di un paziente derivano da radiculopatia non risolta o da preesistenti comorbidità. Infine, abbiamo escluso i pazienti crossover dalla nostra analisi. I pazienti crossover sono probabilmente quelli con i sintomi più gravi e quindi i nostri risultati possono essere limitati a pazienti con sintomi da lievi a moderati. Tuttavia, riteniamo che questa esclusione sia appropriata perché, come menzionato sopra, la decisione di operare è abbastanza semplice quando un paziente ha sintomi gravi. Da un punto di vista clinico, i pazienti con sintomi moderati e senza deficit neurologici dopo le 8 settimane hanno bisogno della maggior parte delle informazioni sul possibile periodo di tempo e sull'entità del loro recupero non operatorio per prendere una decisione informata sul trattamento.

L'obiettivo del presente studio è il recupero di utilità individuale all'interno di una coorte di pazienti piuttosto che il confronto della risposta media a diversi protocolli di trattamento. L'obiettivo era quello di ottenere informazioni sulle dinamiche del recupero di utilità tra i singoli pazienti trattati in modo conservativo, ma il nostro approccio potrebbe essere applicato a quasi tutti i protocolli di trattamento. Gli studi sui cambiamenti (miglioramenti o declinazioni) nell'utilità individuale nel tempo sono utili perché possono fornire intuizioni sulla percezione del paziente del loro attuale protocollo di trattamento (per esempio, i pazienti nel gruppo di utilità basso probabilmente segnalerebbero una scarsa risposta al trattamento), e anche per identificare un punto in cui è improbabile che continuare lo stesso trattamento possa migliorare la qualità della vita di un paziente. I pazienti che entrano in un protocollo di trattamento conservativo avranno probabilmente un periodo iniziale di rapido recupero, seguito da una fase più lunga di recupero più modesto. I nostri risultati suggeriscono che, una volta iniziata la fase di recupero a lungo termine, è improbabile che i pazienti modifichino spontaneamente il loro recupero in meglio o in peggio secondo lo stesso protocollo di trattamento. Infine, i punteggi di utilità del paziente all'inizio del processo di trattamento sono stati ragionevoli fattori predittivi di risultati a lungo termine. Questo studio è una caratterizzazione completa del recupero dell'utilità sanitaria dei singoli pazienti da un'ernia del disco lombare e fornisce un'immagine unica per i medici che si prendono cura di questi pazienti. I nostri risultati suggeriscono che la maggior parte del recupero si verifica all'inizio del trattamento e questo periodo di recupero precoce è importante per i risultati a lungo termine.

Conclusioni

In una coorte di pazienti sottoposti a prolungata terapia conservativa per il trattamento dell'ernia del disco lombare, 57% dei pazienti presentava problemi di salute persistenti nell'anno 1. L'utilità è stata recuperata più rapidamente all'inizio del processo di trattamento e anche la maggior parte dell'utilità è stata recuperata nel periodo iniziale di trattamento. Dopo il periodo iniziale di recupero, abbiamo potuto identificare con ragionevole accuratezza quei pazienti che si sarebbero completamente ripresi e quelli che non l'avrebbero fatto. Nel corso dell'anno, si è osservato che il recupero era altamente variabile, sebbene la maggior parte delle fluttuazioni fossero relativamente piccole e solo transitorie. Questi risultati suggeriscono che i pazienti che non rispondono inizialmente al loro protocollo di trattamento dovrebbero prendere in considerazione altre opzioni perché è improbabile che rispondano in un secondo momento. Tuttavia, i pazienti e i medici devono anche essere consapevoli delle diminuzioni transitorie della qualità della vita e considerare attentamente eventuali cambiamenti nel loro piano di trattamento.

Rivelazione

Questo lavoro è stato parzialmente supportato da una donazione di beneficenza dal Fondo di Impatto della St. David's Foundation al Dr. Cowperthwaite, e non rappresenta necessariamente le opinioni del Fondo di Impatto o della Fondazione di San David.

I contributi degli autori allo studio e alla preparazione dei manoscritti includono quanto segue. Ideazione e design: tutti gli autori. Acquisizione di dati: Cowperthwaite, van den Hout. Analisi e interpretazione dei dati: tutti gli autori. Redazione dell'articolo: Cowperthwaite. Revisione critica dell'articolo: tutti gli autori. Revisione della versione del manoscritto presentata: tutti gli autori. Approvata la versione finale del manoscritto a nome di tutti gli autori: Cowperthwaite. Analisi statistica: Cowperthwaite, van den Hout. Supporto amministrativo / tecnico / materiale: Cowperthwaite. Supervisione dello studio: Cowperthwaite.

In conclusione, il trattamento precoce non chirurgico dell'ernia del disco lombare può migliorare efficacemente e gestire i risultati del recupero in pazienti con questa condizione. È importante per i pazienti con ernie del disco nella colonna lombare per comprendere la fonte del loro problema prima di ricevere un trattamento appropriato per i loro sintomi. Inoltre, il trattamento non operatorio è efficace nella maggior parte dei pazienti, gli interventi chirurgici possono essere considerati in base al risultato di recupero dell'individuo. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Andersson GB, Brown MD, Dvorak J, Herzog RJ, Kambin P, Malter A, et al .: Sintesi di consenso sulla diagnosi e sul trattamento dell'ernia del disco lombare. Spine (Phila Pa 1976) 21: 24 Suppl75S-78S, 1996 Medline
2. Atlas SJ, Deyo RA, Keller RB, Chapin AM, Patrick DL, Long JM, e altri: The Maine Lumbar Spine Study, Part II. Risultati 1-anno della gestione chirurgica e non chirurgica della sciatica. Spine (Phila Pa 1976) 21: 1777-1786, 1996 Crossref, Medline
3. Atlas SJ, Deyo RA, Keller RB, Chapin AM, Patrick DL, Long JM, et al .: The Maine Lumbar Spine Study, Parte III. Risultati 1-anno della gestione chirurgica e non chirurgica della stenosi spinale lombare. Spine (Phila Pa 1976) 21: 1787-1795, 1996 Crossref, Medline
4. Baldwin NG: malattia del disco lombare: la storia naturale. Neurosurg Focus 13: 2E2, 2002
5. Dawson E, Bernbeck J: Il trattamento chirurgico della lombalgia. Phys Med Rehabil Clin N Am 9: 489-495, x, 1998
6. EuroQol Group: EuroQol: una nuova struttura per la misurazione della qualità della vita correlata alla salute. La politica sanitaria del Gruppo EuroQol 16: 199-208, 1990 Crossref, Medline
7. Harrell FE: Strategie di modellazione della regressione: con applicazioni a modelli lineari, regressione logistica e analisi di sopravvivenza New York, Springer, 2001
8. Jackson CH, Sharples LD, Thompson SG, Duffy SW, Couto E: modelli Markist multistato per la progressione della malattia con errore di classificazione. Lo statistico 52: 193-209, 2003
9. Keller RB, Atlas SJ, cantante DE, Chapin AM, Mooney NA, Patrick DL, e altri: The Maine Lumbar Spine Study, Parte I. Background e concetti. Spine (Phila Pa 1976) 21: 1769-1776, 1996 Crossref, Medline
10. Peul WC, van den Hout WB, Brand R, Thomeer RTWM, Koes BW: prolungata cura conservativa rispetto alla chirurgia precoce in pazienti con sciatica causata da ernia del disco lombare: due anni di risultati di uno studio controllato randomizzato. BMJ 336: 1355-1358, 2008 Crossref, Medline
11. Peul WC, van Houwelingen HC, van der Hout WB, marca R, Eekhof JA, Tans JT, et al .: trattamento prolungato conservativo o intervento chirurgico "precoce" nella sciatica causato da un'ernia del disco lombare: logica e progettazione di uno studio randomizzato [ ISRCT 26872154]. Disturbo muscoloscheletrico BMC 6: 8, 2005 Crossref, Medline
12. Shaw JW, Johnson JA, Coons SJ: valutazione USA degli stati di salute di EQ-5D: sviluppo e test del modello di valutazione D1. Med Care 43: 203-220, 2005 Crossref, Medline
13. Silverman BW: stima della densità per statistiche e analisi dei dati London, Chapman & Hall, 1986
14. Canta T, Sander O, Beerenwinkel N, Lengauer T: ROCR: visualizzazione delle prestazioni del classificatore in R. Bioinformatics 21: 3940-3941, 2005
15. van den Hout WB, Peul WC, Koes BW, Brand R, Kievit J, Thomeer RTWM, et al .: Prolungata cura conservativa versus chirurgia precoce in pazienti con sciatica da ernia del disco lombare: analisi dell'utilità di costo a fianco di uno studio controllato randomizzato. BMJ 336: 1351-1354, 2008 Crossref, Medline
16. Weber H: ernia del disco lombare. Uno studio controllato e prospettico con dieci anni di osservazione. Spine (Phila Pa 1976) 8: 131-140, 1983 Crossref, Medline
17. Weinstein JN, Lurie JD, Tosteson TD, Skinner JS, Hanscom B, Tosteson ANA, et al .: Trattamento chirurgico vs non operatorio per ernia del disco lombare: la coorte osservativa della sperimentazione clinica Spine Patient Outcomes (SPORT). JAMA 296: 2451-2459, 2006 Crossref, Medline
18. Weinstein JN, Tosteson TD, Lurie JD, Tosteson ANA, Hanscom B, Skinner JS, et al .: Trattamento chirurgico vs non operatorio per ernia del disco lombare: il trial di ricerca sui pazienti della colonna vertebrale (SPORT): uno studio randomizzato. JAMA 296: 2441-2450, 2006 Crossref, Medline

1. Anurekha Ramakrishnan, MS, K. ​​Michael Webb, MD, e Matthew C. Cowperthwaite, PhD. (2017) Esiti a un anno di pazienti con crossover precoce in una coorte che riceve cure non chirurgiche per ernia del disco lombare. Journal of Neurosurgery: Spine 27: 4, 391-396. . Data di pubblicazione online: 1-Oct-2017. Estratto | Testo completo | PDF (2037 KB)
2. Kimberly A Plomp, Una Strand Viðarsdóttir, Darlene A Weston, Keith Dobney, Mark Collard. (2015) L'ipotesi della forma ancestrale: una spiegazione evolutiva per il verificarsi dell'ernia del disco intervertebrale negli esseri umani. Biologia evolutiva BMC 15: 1. . Data di pubblicazione online: 1-Dec-2015. [Crossref]

Argomenti aggiuntivi: Dolore al collo

Il dolore al collo è un disturbo comune che può derivare da una varietà di lesioni e / o condizioni. Secondo le statistiche, le lesioni da incidente automobilistico e le lesioni da colpo di frusta sono alcune delle cause più frequenti per il dolore al collo tra la popolazione generale. Durante un incidente automobilistico, l'impatto improvviso dall'incidente può far sobbalzare bruscamente la testa e il collo in qualsiasi direzione, danneggiando le complesse strutture che circondano il rachide cervicale. Il trauma ai tendini e ai legamenti, così come quello di altri tessuti del collo, può causare dolore al collo e irradia sintomi in tutto il corpo umano.

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: A Healt You!

ALTRI IMPORTANTI ARGOMENTI: EXTRA: infortuni sportivi? | Vincent Garcia | Paziente | Chiropratico di El Paso, TX

Post Recenti

Non tutti gli alimenti sono utili per la salute delle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Ci sono alcuni alimenti che, sebbene sani, per le persone che cercano di prevenire l'osteoporosi, potrebbero ... Leggi di più

7 Agosto 2020

Esercizio di nuoto senza impatto per mal di schiena, lesioni e riabilitazione

Gli studi rivelano che il nuoto e gli esercizi acquatici possono aiutare ad alleviare il mal di schiena. Fatto correttamente ... Leggi di più

6 Agosto 2020

Opzioni di trattamento per fratture da compressione spinale

Le procedure chirurgiche mininvasive possono essere utilizzate per trattare le fratture da compressione spinale. Queste procedure sono ... Leggi di più

5 Agosto 2020

Qual è il ruolo del glutatione nella disintossicazione?

Antiossidanti come resveratrolo, licopene, vitamina C e vitamina E possono essere trovati in molti alimenti ... Leggi di più

4 Agosto 2020

Piano di prevenzione dell'osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi può essere realizzata anche con una diagnosi di osteoporosi. Ci sono passaggi insieme a ... Leggi di più

4 Agosto 2020
Nuova registrazione paziente
Chiamaci oggi 🔘