Active Release Technique (ART) per Chronic Neck Pain a El Paso, TX

Condividi

Active Release Technique (ART) è un trattamento per i tessuti molli per legamenti, tendini, muscoli e nervi. È il principale trattamento dei tessuti molli ampiamente utilizzato nel trattamento delle lesioni e delle condizioni dei tessuti molli tra gli atleti professionisti e la popolazione generale. Nell'istanza di cronico dolore al collo, insieme al dolore alla spalla e al sottoscapolare, l'ART implica che la pressione guidata venga applicata a un muscolo accorciato nella regione superiore del collo o del rachide cervicale. Più comunemente, un professionista sanitario sposterà la testa del paziente in una direzione che allunga il muscolo. Durante il movimento il medico mantiene uno sforzo sul muscolo, mentre scivola fuori da sotto le dita del dottore.

La tecnica di rilascio attivo fa un po 'male (molti pazienti la descrivono come una "buona ferita"), e sembra un tratto di cui hai bisogno ma che non puoi fare da solo. Quando un muscolo è stretto la procedura funziona aumentando la tolleranza del sistema nervoso per estendere il muscolo. L'ART è utilizzata per curare le lesioni da sforzi ripetitivi e viene spesso utilizzata in una varietà di altre pratiche mediche. Questo perché può offrire risultati rapidi nel trattamento di disturbi come: gomito del tennista, spalla congelata, lesioni della cuffia dei rotatori delle spalle e fascite plantare. L'ART consente al medico di isolare il trattamento per ogni singolo piccolo muscolo del collo e trattarlo attraverso la sua completa selezione di movimento. I muscoli del collo sono stratificati, e anche per isolarli durante la terapia richiede un'attenzione particolare.

Effetti della tecnica di rilascio attivo su dolore e range di movimento in pazienti con dolore cronico al collo

Astratto

  • Scopo: Per confrontare le influenze della tecnica di rilascio attivo (ART) e mobilizzazione articolare (JM) sul punteggio del dolore della scala analogica visiva (VAS), soglia del dolore pressorio (PPT) e range di movimento del collo (ROM) dei pazienti con dolore cronico al collo .
  • Soggetti: Ventiquattro individui con dolore cronico al collo sono stati assegnati in modo casuale ed equamente ai gruppi 3: un gruppo ART, un gruppo di mobilizzazione articolare (JM) e un gruppo di controllo. Prima e dopo l'intervento, il grado di dolore, PPT e ROM del collo sono stati misurati usando un VAS, un algometro e un goniometro, rispettivamente.
  • risultati: Il gruppo ART e il gruppo JM hanno dimostrato cambiamenti significativi in ​​VAS e ROM tra pre e post intervento, mentre nessun cambiamento significativo è stato osservato nel gruppo di controllo. Nel gruppo ART sono state riscontrate differenze significative nel PPT di tutti i muscoli, mentre nel gruppo JM sono state riscontrate differenze significative in tutti i muscoli diversi dal trapezio. Nessuna differenza significativa nella PPT è stata osservata in nessun muscolo del gruppo di controllo. Il test post-hoc non ha indicato differenze statisticamente significative tra il gruppo ART e JM, ma le differenze di variazione in VAS, PPT e ROM erano maggiori nel gruppo ART rispetto al gruppo JM e ai gruppi di controllo.
  • Conclusione: L'ARTE per il trattamento del dolore cronico al collo può essere utile per il dolore e il movimento del collo.
  • Parole chiave: Tecnica di rilascio attivo, tessuti molli, dolore al collo cronico

Introduzione

Le persone hanno una probabilità di 70% di sviluppare dolore al collo durante la loro vita; quindi, il dolore al collo è una questione importante che influenza la produttività economica nella società moderna [1]. Il dolore al collo è un disturbo muscolo-scheletrico correlato al lavoro che può verificarsi quando una persona lavora per lungo tempo o ad alta intensità. Un numero crescente di pazienti visita anche ospedali lamentandosi di dolore che si verifica non solo nel collo ma anche negli arti superiori e la testa come risultato di una tensione eccessiva prolungata [2]. Anche se il problema del dolore al collo sta diventando sempre più comune e importante, la ricerca sul trattamento ottimale dei fotoni [3].

Una causa comune di dolore al collo è la disfunzione meccanica, che causa movimenti anormali delle articolazioni, poiché un'anomala mobilità dell'articolazione cervicale all'interno della capsula articolare può limitare il movimento del collo [4, 5]. Inoltre, i tessuti molli squilibrati attorno alla testa e alla struttura del collo possono porre dei limiti al raggio di movimento (ROM) della testa e causare dolore al collo [6]. Pertanto, molti trattamenti vengono eseguiti allo scopo di ripristinare la funzionalità dei tessuti molli o la mobilità delle articolazioni nei pazienti con dolore cronico al collo. La mobilizzazione articolare (JM) e la manipolazione articolare sono i metodi più utilizzati per aumentare la mobilità all'interno della capsula articolare. Questi metodi sono stati segnalati per aumentare la ROM e alleviare il dolore [7, 8]. Tuttavia, la JM e la manipolazione articolare eseguite all'estremità della ROM direttamente sulle articolazioni delle vertebre cervicali possono causare tensione nei muscoli del collo del paziente, poiché le vertebre cervicali sono la parte più sensibile della colonna vertebrale e questa tensione protegge i nervi e vasi sanguigni [9].

La tecnica di rilascio attivo (ART) è una terapia manuale per il recupero della funzionalità dei tessuti molli che comporta la rimozione del tessuto cicatriziale, che può causare dolore, rigidità, debolezza muscolare e sensazioni anormali compresa la disfunzione meccanica nei muscoli, miofascia e tessuto [10]. L'efficacia di ART è stata segnalata per sindrome del tunnel carpale, tendinite di Achille e gomito del tennista, che coinvolgono tutti i tessuti molli vicino alle articolazioni nelle parti distali del corpo [11]. L'ART è anche efficace nel ridurre il dolore e aumentare la ROM nei pazienti con una lesione parziale del tendine sovraspinato [12]. La maggior parte dei pazienti con dolore al collo cronico sperimenta dolore e limitazione del movimento a causa della compromissione del tessuto molle nel collo [13]. Di conseguenza, è necessaria una maggiore ricerca sull'ART per il trattamento dei tessuti molli del collo. Tuttavia, nessuno studio precedente ha valutato come la ART possa migliorare la ROM in pazienti con dolore al collo.

Pertanto, lo scopo di questo studio era di confrontare l'influenza di ART e JM sul punteggio della scala analogica visiva (VAS), soglia del dolore pressorio (PPT) e ROM del collo dei pazienti con dolore cronico al collo, con l'obiettivo di chiarire ulteriori informazioni sui loro effetti e sull'identificazione di trattamenti più efficaci che possono essere utilizzati in contesti clinici.

Materie e metodi

I soggetti dello studio erano i pazienti 24 ricoverati nell'ospedale A di Gangnamgu che avevano avuto un mese 3 o una storia più lunga di dolore al collo e presentavano lieve invalidità basata sull'indice di disabilità del collo (NDI; punti 5-14). La dimensione del campione di questo studio era basata su quella di Hyun [14], considerando il tasso di abbandono del soggetto e tenendo conto del livello di significatività (5%), potenza del test (0.8) e dimensione dell'effetto (f = 0.7) . I pazienti con anomalie strutturali che coinvolgono fratture o nervi ossei sono stati esclusi dallo studio quelli che avevano subito un intervento chirurgico per ernia o avevano pressione sanguigna alta, spondiloartrite, stenosi spinale lombare o scoliosi. I pazienti partecipanti hanno compreso lo scopo dello studio e le informazioni associate e hanno fornito il loro consenso scritto alla partecipazione. Questo studio è stato condotto utilizzando una procedura eticamente adatta alla ricerca umana in conformità con la Dichiarazione di Helsinki.

Abbiamo usato il VAS per valutare il grado di dolore al collo. Il VAS è un metodo di punteggio soggettivo per registrare il grado di dolore presente da 0 (nessun dolore) a 10 (il dolore più grave mai sperimentato) su una scala 10-cm. Il VAS è difficile da confrontare tra i pazienti a causa della natura soggettiva del dolore, ma la sua riproducibilità è stata riconosciuta in singoli pazienti (ICC = 0.97) [15].

La misurazione del PPT è stata eseguita da un investigatore utilizzando un algometro. Il trapezio superiore destro e sinistro e lo sternocleidomastoideo (SCM) sono stati pressati a una velocità costante. Al soggetto è stato chiesto di rispondere immediatamente quando la pressione è cambiata in dolore e la pressione meccanica è stata registrata. È stato utilizzato il valore medio di due misurazioni; l'aumento dei valori di PPT indica una soglia di dolore a più alta pressione. Un algometro è particolarmente utile per misurare il punto trigger nella sindrome del dolore miofasciale, perché può determinare la posizione precisa del dolore sorgente e quantificare la sensibilità alla pressione dei muscoli (ICC = 0.78-0.93) [16, 17].

La ROM passiva è stata misurata fissando la spalla del soggetto in modo che non fosse influenzato dalle altre parti del tronco. Quindi, sono state misurate la flessione del collo, l'estensione, la flessione del lato destro, la flessione del lato sinistro, la rotazione destra e la rotazione sinistra. L'intervallo dell'angolo è stato misurato con un terapista che ha valutato passivamente la ROM del collo del paziente senza dolore [18].

I soggetti 24 con dolore al collo cronico inclusi nello studio sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi seguendo un gruppo di controllo equivalente pre-test / progettazione post-test. Per le settimane 3, i gruppi ART e JM hanno ricevuto il trattamento due volte a settimana per i minuti 20. Dopo che tutti gli interventi sono stati completati, il punteggio VAS, PPT e ROM sono stati nuovamente misurati. Nel gruppo ART, l'ART è stata utilizzata per trattare i muscoli che dimostrano il tessuto cicatriziale, tra i muscoli coinvolti nel movimento del collo. Dopo accorciamento basato sulla trama delle fibre nella direzione longitudinale, la mobilizzazione dei tessuti molli è stata eseguita con stretching attivo o passivo per allungare il tessuto che era stato accorciato [12].

JM è stato eseguito utilizzando le tecniche di trazione e di volo a vela di Kaltenborn. Al fine di alleviare il dolore con movimenti fisiologici tra cui flessione, estensione, flessione laterale e rotazione, è stata eseguita una trazione di Grado I o II per 10 secondi. Inoltre, al fine di recuperare l'ipomobilità, la trazione e il volo a vela sono stati eseguiti a livello 3 e mantenuti per 7 secondi. Entrambi i trattamenti includevano 2-3 secondi di riposo e sono stati ripetuti i tempi 10 [19]. I soggetti nel gruppo di controllo non hanno ricevuto alcun trattamento per il dolore cronico al collo.

SPSS 18.0 per Windows è stato utilizzato per analizzare i risultati. Per confermare l'omogeneità delle caratteristiche generali dei soggetti e delle variabili dipendenti, sono state utilizzate le statistiche descrittive e il test di Kruskal-Wallis. Il test di classificazione Wilcoxon è stato eseguito per valutare la differenza tra i valori pre e post trattamento in ciascun gruppo e il test U di Mann-Whitney è stato utilizzato per identificare differenze significative tra i gruppi. La soglia per la significatività statistica è stata scelta come 0.05.

risultati

L'entità del cambiamento nel punteggio VAS, PPT e ROM è stata confrontata tra i pazienti con dolore cronico al collo sottoposti a ART o JM. Ventiquattro pazienti con un mese 3 o una storia più lunga di dolore cronico al collo hanno partecipato a questo studio. I tre gruppi non hanno dimostrato differenze significative nei punteggi NDI, età, altezze o pesi (p> 0.05) (Tabella 1).

I gruppi ART e JM hanno entrambi dimostrato miglioramenti significativi nei punteggi del dolore VAS (p <0.05), ma non sono stati osservati cambiamenti significativi nel gruppo di controllo (p> 0.05). Il PPT è aumentato significativamente (p <0.05), in ogni muscolo misurato nel gruppo ART e in tutti i muscoli tranne il trapezio superiore destro nel gruppo JM. La PPT muscolare non ha mostrato cambiamenti significativi nel gruppo di controllo (p> 0.05) (Tabella 2).

Dopo il trattamento, i gruppi ART e JM hanno entrambi dimostrato aumenti significativi (p <0.05) in ciascun parametro ROM dell'articolazione del collo, mentre non sono stati osservati cambiamenti significativi nel gruppo di controllo (p> 0.05) (Tabella 2).

L'entità del cambiamento nel punteggio del dolore VAS e nel PPT tra pre- e post-trattamento differiva significativamente tra i tre gruppi (p <0.05). Il test post-hoc indicava che i cambiamenti nei punteggi VAS differivano significativamente tra l'ART e i gruppi di controllo, e tra il JM ei gruppi di controllo (p <0.05), ma non tra i gruppi ART e JM (p> 0.05). Le variazioni nei PPT del trapezio superiore destro e dell'SCM sinistro erano significativamente diverse tra i gruppi ART e JM (p <0.05); tuttavia non sono state osservate differenze significative negli altri muscoli (p> 0.05). Tra JM e gruppi di controllo, la modifica del PPT destro SCM ha dimostrato una differenza significativa (p <0.05); tuttavia, nessuna differenza è stata osservata in altri muscoli (p> 0.05). Tra l'ART e il gruppo di controllo, la variazione di PPT era significativamente diversa per tutti i muscoli misurati (p <0.05). I cambiamenti nel punteggio VAS e PPT erano maggiori nel gruppo ART rispetto al gruppo JM, ma queste differenze non erano statisticamente significative (Tabella 3).

L'entità del cambiamento nella ROM dopo i trattamenti differiva significativamente tra i tre gruppi (p <0.05). Il test post-hoc indicava che la variazione della ROM differiva significativamente tra i gruppi ART e JM solo nella flessione del collo (p <0.05), ma non in altre misurazioni della ROM (p> 0.05). Non c'era alcuna differenza significativa nella ROM di flessione del collo tra JM e gruppi di controllo (p> 0.05), ma tutti gli altri parametri della ROM differivano significativamente tra questi gruppi (p <0.05). I gruppi ART e di controllo differivano significativamente in termini di variazione della ROM per tutti i parametri misurati (p <0.05). La variazione della ROM è stata maggiore nel gruppo ART rispetto al gruppo JM, ma questa differenza non è stata raggiunta in modo statisticamente significativo (Tabella 3).

Insight di Dr. Alex Jimenez

Il seguente studio ha confrontato l'uso della tecnica di rilascio attivo (ART) all'uso della mobilizzazione articolare per determinare il metodo migliore per il trattamento dei sintomi cronici del dolore al collo. Come sarà correttamente descritto di seguito, lo studio di ricerca ha concluso che l'ART e le mobilizzazioni articolari sono entrambe efficaci come trattamento per i pazienti con dolore cronico al collo, tuttavia, la tecnica di rilascio attivo ha dimostrato una maggiore efficacia per il dolore al collo associato alle lesioni dei tessuti molli. Si ritiene che l'ART sia un'opzione di trattamento migliore per il dolore cronico del collo, soprattutto perché si ritiene che le lesioni dei tessuti molli siano la causa dei sintomi dolorosi nella percentuale di 87.5 dei casi, in cui l'ART viene eseguita direttamente sull'area del danno.

Discussione

Movimenti ripetitivi e l'uso di smartphone e tablet in posizioni anormali della testa possono stressare la testa, il collo e le spalle. Inoltre, una postura anormale della testa può causare disfunzione meccanica dell'articolazione cervicale, che può portare a dolore, fibrosi dei tessuti molli, accorciamento adattivo, perdita di flessibilità e deformazione meccanica che riflette la condizione di ipomobilità, dove non c'è movimento all'interno dell'articolazione normale capsula [20, 21]. Quando la disfunzione meccanica è presente in una vertebra, la terapia manuale viene tipicamente eseguita e può essere un metodo efficace per alleviare il dolore al collo correlato a tale disfunzione [22]. JM è usato per trattare le articolazioni con ipomobilità o progressiva limitazione della mobilità, identificando un segmento cervicale con mobilità anormale e irritando i recettori sensoriali che percepiscono il dolore, provocando così effetti sul muscolo, che a sua volta stimolano i muscoli ad applicare forza nell'apposito direzione [8].

Dopo 3 settimane di JM, i valori VAS, ROM e PPT dei muscoli diversi dal trapezio superiore destro hanno mostrato miglioramenti significativi rispetto ai valori pre-test. Anche il PPT è aumentato nel trapezio superiore destro, ma la differenza non era statisticamente significativa. Il trapezio è particolarmente suscettibile al danno da movimenti ripetitivi della mano e del braccio durante l'esecuzione di lavori come l'uso di un computer [23]. La maggior parte dei partecipanti allo studio erano destrorsi e quindi hanno eseguito più movimenti dell'arto superiore destro rispetto a quello sinistro, il che potrebbe spiegare perché il miglioramento del PPT trapezio superiore destro non è stato raggiunto statisticamente significativo.

L'ART è un metodo per il trattamento dei tessuti molli come tendine, nervi e miofascia e viene eseguito per lesioni da sforzi ripetitivi, lesioni acute e danni alla fissazione funzionale dovuti a posture anormali mantenute a lungo termine. Inoltre, l'ART è un efficace nel risolvere l'adesione del tessuto cicatriziale e del tessuto molle che causa dolore, spasmo, debolezza muscolare, formicolio e altri sintomi [11].

Robb et al. [24] hanno dimostrato un immediato miglioramento della PPT muscolare quando l'ART è stata utilizzata per il trattamento di pazienti con ceppo adduttore. Inoltre, in uno studio di Tak et al. [10], il trattamento ART per le settimane 3 sul gluteo medio di un paziente con dolore lombare per le settimane 3 ha portato a un miglioramento del punteggio VAS e della PPT del paziente. Sebbene la nostra area target differisse dagli studi di Tak et al. [10] e di Robb et al. [24], è stato osservato un miglioramento significativo nel punteggio VAS, PPT e ROM dopo l'uso di ART per trattare i muscoli del collo nel presente studio . Riteniamo che questi miglioramenti nel punteggio VAS e PPT dopo il trattamento siano il risultato di una diminuzione del tono muscolare dopo la rimozione del tessuto cicatriziale aderente ai tessuti molli.

In uno studio di James [25] che coinvolge i giovani 20 senza lesioni degli arti inferiori, la flessibilità dei muscoli posteriori della coscia è aumentata immediatamente dopo l'applicazione della ART. Allo stesso modo, nel presente studio, la ROM è aumentata significativamente dopo che l'ART è stata applicata sul collo per le settimane 3. Questa scoperta indica che il tessuto cicatriziale, che può limitare la mobilità dei tessuti molli, può essere rimosso con l'ART e quindi alleviare i limiti di movimento [12].

Sebbene in molti casi non sia stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa, la variazione del punteggio VAS, PPT e ROM ha dimostrato una tendenza consistente ad essere maggiore nel gruppo ART rispetto al gruppo JM. Questo effetto maggiore può essere correlato all'osservazione che la lesione dei tessuti molli è la causa del dolore nel 87.5% dei casi di dolore al collo e l'ART viene eseguita direttamente sul tessuto molle ferito [13], mentre JM tratta l'area limitata dell'articolazione. Questo studio ha confrontato l'effetto del trattamento su un breve periodo di 3 settimane e, quindi, non è chiaro per quanto tempo la sua efficacia viene mantenuta. Sono necessarie indagini di follow-up a più lungo termine dopo la cessazione del trattamento. Inoltre, è difficile generalizzare i risultati, poiché le dimensioni del campione erano piccole. Per rafforzare questi risultati, sono necessarie ulteriori ricerche.

In conclusione, questo studio ha confrontato il punteggio VAS, PPT e ROM tra i soggetti 24 con dolore al collo cronico che ha ricevuto ART, JM o nessun trattamento. Ha rivelato che ART e JM hanno entrambi influenzato positivamente il punteggio VAS, PPT e ROM e che i due metodi hanno dimostrato alcune differenze significative nei loro effetti. Pertanto, ART e JM sono entrambi efficaci per il trattamento di pazienti con dolore cronico al collo, ma l'ART ha dimostrato una tendenza verso una maggiore efficacia per i pazienti con dolore al collo che coinvolgono lesioni dei tessuti molli. Pertanto, l'ARTE sembra essere un'opzione migliore per il trattamento di pazienti con dolore cronico al collo in ambito clinico. Sono necessarie ricerche di follow-up che coinvolgano numeri maggiori e diversità di soggetti con termini più lunghi per ampliare questi risultati.

Lo scopo dell'articolo sopra è quello di presentare l'efficacia della tecnica di rilascio attivo, o ART, verso la gestione e il miglioramento del dolore cronico del collo in ambito clinico. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Chung SH, Her JG, Ko TS, et al. : Effetti dell'esercizio sui flessori cervicali profondi in pazienti con dolore al collo cronico. J Phys Ther Sci, 2012, 24: 629 – 632.
2. Hwangbo G: Analisi del cambiamento della soglia del dolore della pressione del collo negli utenti di computer a lungo termine. Int J Sommario, 2008, 8: 151 – 158.
3. Sarig-Bahat H: prove della terapia fisica nei disturbi meccanici del collo. Man Ther, 2003, 8: 10 – 20. [PubMed]
4. Hyung IH, Kim SS, Lee SY: l'effetto del dolore immediato e della ROM cervicale dei pazienti con dolore cervicale sullo stretching e sulla manipolazione. J Coreano Soc Phys Ther, 2009, 21: 1 – 7.
5. Oh SG, Yu SH: Cambiamenti biomeccanici nel quadrante inferiore dopo la manipolazione di pazienti con lombalgia con disfunzione dell'articolazione sacroiliaca. J Coreano Soc Phys Ther, 2001, 8: 167 – 180.
6. Jull GA, Falla D, Vicenzino B, et al. : Effetto dell'esercizio terapeutico sull'attivazione dei muscoli flessori cervicali profondi nelle persone con dolore al collo cronico. Man Ther, 2009, 14: 696 – 701. [PubMed]
7. Ko TS, Jeong UC, Lee KW: Effetti dell'inclusione della mobilizzazione toracica nell'esercizio del flessore cranio-cervicale in pazienti con dolore al collo cronico. J Phys Ther Sci, 2010, 22: 87 – 91.
8. Kim DD: Gli effetti della manipolazione e della mobilizzazione su NDI e CROM nei giovani adulti con disabilità del collo lieve. J Coreano Acad Orthop Man Phys Ther, 2010, 16: 53 – 60.
9. Jun YW: Gli effetti della tecnica di mobilizzazione dell'articolazione toracica superiore usando il concetto di Kaltenborn-Evjenth sulla ROM cervicotoracica e il dolore nei pazienti con dolore al collo cronico. Scuola di specializzazione Korea University Master, 2012.
10. Tak SJ, Lee YW, Choi W, et al. : Gli effetti della tecnica di rilascio attivo sul gluteo medio per alleviare il dolore nelle persone con lombalgia cronica. Scienza della riabilitazione di terapia fisica, 2013, 2: 27 – 30.
11. Brian A, Kamali A, Michael Leahy P: rilascia il tuo dolore: risoluzione di lesioni da sforzo ripetitivo con tecniche di rilascio attivo. Pub Group West, 2005, 15 – 29.
12. Lee SJ, Park JH, Nam SH, et al. : Due casi clinici di tecnica di rilascio attivo con trattamento di medicina coreana per lo strappo parziale del tendine sopraspinato. J CHUNA Man Med Spine Nerves, 2014, 9: 89 – 101.
13. Dvord J, Valach L, Schmdt S: lesioni alla colonna cervicale nella Swizerland. Man Med, 1989, 4: 7 – 16.
14. Hyun SW: gli effetti della mobilizzazione articolare e della terapia fisica conservativa sulla gamma di movimento e dolore nei pazienti con dolore cervicale. Scuola di specializzazione Kookmin University Master, 2003.
15. Bijur PE, Silver W, Gallagher EJ: affidabilità della scala analogica visiva per la misurazione del dolore acuto. Acad Emerg Med, 2001, 8: 1153 – 1157. [PubMed]
16. Kim SH, Kwon BA, Lee WH: Effetti dell'allenamento della stabilizzazione spinale cervicale in sicurezza privata su dolore al collo cronico e funzione cervicale, dolore al collo, ROM. Coreano Secur Sci Rev, 2010, 25: 89 – 107.
17. Cho SH: l'effetto della tecnica di rilascio miofasciale e l'esercizio di correzione della postura della testa in avanti sul mal di testa cronico di tipo tensivo. Scuola di specializzazione Università Cattolica del Pusan ​​Doctor's Degree, 2014.
18. Jang HJ: Effetti del programma di esercizi combinati sul dolore e sulla funzione e gamma di movimento e affaticabilità nel dolore cronico al collo. Scuola di specializzazione Università Sahmyook Master, 2011.
19. Kim HJ, Bae SS, Jang C: Gli effetti della mobilizzazione articolare sul dolore al collo. J Coreano Soc Phys Ther, 2003, 15: 65 – 90.
20. Côté P, Cassidy JD, Carroll LJ, et al. : L'incidenza annuale e il decorso del dolore al collo nella popolazione generale: uno studio di coorte basato sulla popolazione. Dolore, 2004, 112: 267 – 273. [PubMed]
21. Lee JH, Lee YH, Kim HS, et al. : Gli effetti della mobilizzazione cervicale combinati con la mobilizzazione toracica sulla postura della testa in avanti dei pazienti con dolore al collo. J Phys Ther Sci, 2013, 25: 7 – 9.
22. Ferreira LA, Santos LC, Pereira WM, et al. : Analisi della manipolazione della spinta della colonna vertebrale toracica per ridurre il dolore al collo. J Phys Ther Sci, 2013, 25: 325 – 329.
23. Seo HK: l'effetto del rilascio miofasciale, della mobilizzazione articolare e della mckenzina sull'attività dei muscoli cervicali. Scuola di specializzazione Daegu University Doctor's Degree, 2008.
24. Robb A, Pajaczkowski J: Effetto immediato sulle soglie del dolore usando la tecnica di rilascio attivo sui ceppi adduttori: studio pilota. J Bodyw Mov Ther, 2011, 15: 57 – 62. [PubMed]
25. George JW, Tunstall AC, Tepe RE, et al. : Gli effetti della tecnica di rilascio attivo sulla flessibilità del tendine del ginocchio: uno studio pilota. J Manipulative Physiol Ther, 2006, 29: 224 – 227. [PubMed]

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

Sciatica viene indicato come una raccolta di sintomi, piuttosto che una singola lesione e / o condizione. I sintomi del dolore del nervo sciatico, o della sciatica, possono variare in frequenza e intensità, tuttavia, è più comunemente descritto come un dolore improvviso, affilato (simile a coltello) o elettrico che si irradia dalla bassa schiena ai glutei, fianchi, cosce e gambe nel piede. Altri sintomi di sciatica possono includere, formicolio o bruciore sensazioni, intorpidimento e debolezza lungo la lunghezza del nervo sciatico. La sciatica colpisce più frequentemente individui di età compresa tra 30 e 50. Può spesso svilupparsi a causa della degenerazione della colonna vertebrale a causa dell'età, tuttavia, la compressione e l'irritazione del nervo sciatico causate da un rigonfiamento o Disco erniato, tra gli altri problemi di salute spinale, può anche causare dolore al nervo sciatico.

Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020