Un fuoco sulla fibromialgia nelle donne

Share

Si stima che 6 - 10 per cento delle persone negli Stati Uniti hanno fibromialgia. Questo disturbo del dolore cronico colpisce milioni di uomini e donne di tutte le età e delle diverse etnie in tutto il mondo, ma la fibromialgia è decisamente più diffusa nelle donne, come avviene in numerosi altri disturbi del dolore, come il disturbo dell'articolazione del temperomandibolare, mal di testa e sindrome dell'intestino irritabile.

Gli studi in entrambi gli uomini e gli animali hanno dimostrato che il dolore è sperimentato diversamente da maschi e femmine. In generale, le femmine (sia animali che umane) sono più sensibili al dolore sperimentale e le donne hanno più condizioni cliniche legate al dolore, tra cui l'osteoartrosi, l'artrite reumatoide e la fibromialgia.

Inoltre, gli studi hanno suggerito che anche i fattori culturali possono svolgere un ruolo. Ad esempio, è generalmente pensato che la sensazione di dolore è "giusta" o addirittura attesa tra le donne, e che una risposta emotiva è socialmente accettabile. D'altra parte, i ruoli maschi tradizionali della società dettano il stoicismo di fronte a dolore, che a sua volta può tradursi in una risposta ansiosa, piuttosto che depressiva, al dolore.

Gli studi hanno mostrato importanti differenze di genere nelle varie caratteristiche cliniche della fibromialgia. Ad esempio, le donne presentano una stanchezza più comune, una stanchezza di mattina, un danneggiamento totale, una sindrome dell'intestino irritabile, il totale e il numero di sintomi. Anche le donne hanno tipicamente punti più teneri. D'altra parte, la gravità generale del dolore, la gravità globale e il funzionamento fisico non sono significativamente diversi tra i sessi, né sono fattori psicologici come l'ansia, lo stress e la depressione. I meccanismi di differenza di genere nella fibromialgia non sono pienamente compresi, ma, come afferma il noto Dr. Mohamed Yunus, il ricercatore della fibromialgia prominente, è probabile che coinvolgano interazioni tra la biologia, la psicologia ei fattori socioculturali.

Mentre gli ormoni femminili (es. Estrogeni e progesterone) sono principalmente considerati in termini di ruolo che svolgono nella riproduzione, essi hanno anche dimostrato di avere profondi effetti sul sistema nervoso centrale e, di conseguenza, sul dolore. Tuttavia, i dati sono mescolati a quanto questi effetti riguardano il dolore, specialmente per l'estrogeno. In generale, l'estrogeno è eccitatorio al sistema nervoso centrale, tanto che alcuni con disturbi di crisi hanno un peggioramento dei sintomi al momento nei loro cicli mestruali quando l'estrogeno è più alto, una condizione conosciuta come "crisi catameniali".

Al contrario, il progesterone inibisce l'attività del sistema nervoso centrale. L'effetto di diversi livelli ormonali sul dolore può quindi essere analogo al loro effetto sull'umore: avere troppo di uno o troppo poco dell'altro può produrre un problema. Troppo l'estrogeno potrebbe esprimere l'iperattività dei nervi legati al dolore o delle aree del cervello, mentre troppo poco potrebbe provocare un inadeguamento delle aree del cervello che fanno parte del sistema naturale di controllo del dolore. Parte del nostro problema nella comprensione del ruolo degli ormoni è che la scienza degli effetti di genere sulla biologia del dolore è ancora nella sua infanzia.

Molte donne presentano anche variazioni nei livelli di dolore durante i loro cicli mestruali. Sembra quindi probabile che gli ormoni femminili svolgano un ruolo nella percezione del dolore. Ad esempio, alcune condizioni di dolore variano con il ciclo mestruale. Le soglie di dolore sono più alte nella fase follicolare (basso estrogeno) e più basse nella fase luteale (alto estrogeno). L'emicrania, per esempio, è una condizione più prevalente nelle femmine, che peggiora durante il ciclo mestruale e migliora la post-menopausa. Allo stesso modo, le emicranie si migliorano spesso durante la gravidanza.

I dati del recente sondaggio epidemiologico sponsorizzato dall'NFA hanno indicato che il 26.5% delle donne intervistate (età media 47.3 anni) non aveva mai avuto figli rispetto alla media nazionale di circa il 18% delle donne di età compresa tra 40 e 44 anni (cioè alla fine del anni cuscinetto). La ragione per la statistica apparentemente più alta tra le donne con fibromialgia non è chiara. Può essere dovuto a scelte fatte come risultato di convivere con un dolore cronico debilitante, o potrebbe esserci una connessione biologica ancora indeterminata.

Come altri cosiddetti "disturbi invisibili", la fibromialgia rappresenta una sfida al di là della gestione dei sintomi per coloro a cui viene diagnosticata: la lotta per la credibilità. È fin troppo facile per chi non ha sofferto il dolore della fibromialgia respingerlo poiché non offre segni visibili; ed è stato, sfortunatamente, fin troppo facile per gli operatori sanitari ignorare le descrizioni dei sintomi delle persone con fibromialgia poiché, ad esempio, non esiste alcun esame del sangue che possa rivelare se una persona ce l'ha o meno. Un recente articolo del New York Times ha portato in primo piano questa sfida con il suo titolo: "Farmaco approvato. La malattia è reale? " (14 gennaio 2008).

Fortunatamente, i risultati della ricerca dimostrano che la fibromialgia è tutta reale e la prova è facile anche per i più increduli non credenti. Le MRI mostrano differenze nei cervelli delle persone con fibromialgia rispetto ai cervelli delle persone che non hanno il disturbo cronico, per esempio.

La consapevolezza della fibromialgia è cresciuta drammaticamente nel pubblico, nei media e nella comunità medica negli ultimi 10 anni, ma resta ancora molto da fare.

Coloro che sono stati diagnosticati con fibromialgia possono fare la loro parte educando i loro amici, familiari, colleghi e supervisori di questo disturbo cronico del dolore, i milioni di americani che impatti, i sintomi che si sforzano di gestire e ciò che richiedono nel modo di sostegno dai loro cari.

Sourced tramite Scoop.it da: www.fmaware.org

Tra l'ampio numero di individui diagnosticati con fibromialgia, le donne più spesso sviluppano la condizione che gli uomini. Sono stati condotti diversi studi di ricerca per cercare di capire meglio questa condizione dolorosa. Vari studi hanno concluso che le donne percepiscono sintomi di dolore diversi dagli uomini, quindi, rendendoli più suscettibili allo sviluppo della fibromialgia.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattare il dottor Jimenez o contattarci 915-850-0900

Post Recenti

Incidenti motociclistici, lesioni e riabilitazione chiropratica

Gli incidenti in moto sono molto diversi dagli incidenti automobilistici. Nello specifico è quanto i ciclisti ... Leggi

5 aprile 2021

Marcatori infiammatori di analisi dell'angolo di fase

Valutazione antropometrica La misurazione antropometrica gioca un ruolo fondamentale nella valutazione dello stato di salute del paziente. Misure antropometriche ... Leggi

5 aprile 2021

Vitamina D per la salute delle ossa e la prevenzione delle lesioni

La vitamina D, nota anche come pillola del sole, può aiutare a mantenere sano il sistema muscolo-scheletrico ... Leggi

5 aprile 2021

Iperostosi scheletrica idiopatica diffusa

L'iperostosi scheletrica idiopatica diffusa, nota anche come DISH, è una fonte fraintesa e spesso mal diagnosticata ... Leggi

30 Marzo 2021

Cause di incidenti motociclistici, lesioni e trattamento chiropratico

Gli incidenti in moto sono molto diversi dagli incidenti automobilistici. Nello specifico è quanto i ciclisti ... Leggi

29 Marzo 2021

Marcatori ad angolo di fase e infiammatori

Valutazione antropometrica La misurazione antropometrica gioca un ruolo fondamentale nella valutazione dello stato di salute del paziente. Misure antropometriche ... Leggi

29 Marzo 2021

Specialista in lesioni, traumi e riabilitazione spinale

Cronologia e registrazione in linea 🔘
Chiamaci oggi 🔘