Terapia McKenzie per lombalgia acuta non specifica | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Terapia McKenzie per lombalgia acuta non specifica

Hai mai avuto lombalgie? Se non lo hai già fatto, c'è un'alta probabilità che tu possa presentare almeno un caso di mal di schiena durante la tua vita. Il mal di schiena è uno dei problemi di salute della colonna vertebrale più diffusi tra la popolazione degli Stati Uniti, che colpisce fino al 80 per cento degli americani a un certo punto della loro vita. Il mal di schiena non è una malattia specifica, piuttosto è un sintomo che può svilupparsi a seguito di una varietà di lesioni e / o condizioni. Sebbene la maggior parte dei casi di solito risolva da sola, il trattamento efficace della lombalgia acuta è essenziale per prevenire la lombalgia cronica.

Chiropratici e fisioterapisti utilizzano frequentemente una serie simile di metodi di trattamento, come regolazioni spinali e manipolazioni manuali, nonché massaggi e terapia fisica, per aiutare a trattare i sintomi della schiena e della lombalgia. Molti operatori sanitari, tuttavia, hanno iniziato a utilizzare il metodo McKenzie per gestire il mal di schiena acuto. Lo scopo del seguente articolo è quello di educare i pazienti sull'efficacia del metodo McKenzie per la lombalgia acuta non specifica.

Il metodo McKenzie per la gestione della lombalgia acuta non specifica: progetto di una sperimentazione controllata randomizzata

astratto

sfondo

Lombalgia (LBP) è un grave problema di salute. Il trattamento efficace del LBP acuto è importante perché impedisce ai pazienti di sviluppare LBP cronico, lo stadio di LBP che richiede un trattamento costoso e più complesso.

I fisioterapisti usano comunemente un sistema di diagnosi ed esercizio prescritto chiamato il metodo McKenzie per gestire i pazienti con LBP. Tuttavia, non vi sono prove sufficienti a sostegno dell'uso del metodo McKenzie per questi pazienti. Abbiamo progettato uno studio controllato randomizzato per valutare se l'aggiunta del metodo McKenzie alla cura del medico generico porti a risultati migliori rispetto alla sola terapia generica per i pazienti con LBP acuto.

Metodi / Design

Questo documento descrive il protocollo per uno studio che esamina gli effetti del metodo McKenzie nel trattamento del LBP acuto non specifico. Centoquarantotto partecipanti che presenteranno a medici generici con un nuovo episodio di LBP acuto non specifico saranno randomizzati a ricevere cure di medicina generale o di medicina generale più un programma di cura basato sul metodo McKenzie. Gli esiti primari sono il dolore medio durante la settimana 1, il dolore alla settimana 1 e 3 e l'effetto globale percepito alla settimana 3.

Discussione

Questo studio fornirà il primo test rigoroso dell'efficacia del metodo McKenzie per il LBP acuto non specifico.

sfondo

In Australia, la lombalgia (LBP) è la condizione muscolo-scheletrica più frequentemente osservata nella pratica generale e il settimo motivo più frequente per consultare un medico [1,2]. Secondo l'Australian National Health Survey, la percentuale di 21 degli australiani ha riportato dolore alla schiena in 2001; inoltre, l'Indagine 1998 sulla disabilità, l'invecchiamento e gli accompagnatori del Bureau of Statistic australiano ha stimato che oltre un milione di australiani soffrono di una qualche forma di disabilità associata a problemi alla schiena [1].

LBP rappresenta un enorme onere economico per la società in paesi come USA, Regno Unito e Paesi Bassi [3]. Nel più grande stato dell'Australia, nel Nuovo Galles del Sud, le lesioni arretrate rappresentano il 30% del costo degli infortuni sul lavoro, con un costo lordo sostenuto di $ 229 milioni in 2002 / 03 [4]. Si prevede che la maggior parte delle persone con un episodio acuto di LBP migliorerà rapidamente, ma una percentuale di pazienti svilupperà livelli più bassi di dolore e disabilità persistenti [5,6]. Quei pazienti con disturbi cronici sono responsabili della maggior parte dei costi [6]. Il trattamento efficace del LBP acuto è importante perché impedisce ai pazienti di sviluppare LBP cronico, lo stadio di LBP che richiede un trattamento costoso e più complesso.

Vi è una crescente preoccupazione per l'efficacia dei trattamenti per LBP, come si evince dal gran numero di revisioni sistematiche pubblicate negli ultimi anni 5 che affrontano questo problema. [7-12]. Nonostante la grande quantità di prove sulla gestione della LBP, una conclusione definitiva su cui è l'intervento più appropriato non è ancora disponibile. Un confronto tra le linee guida internazionali di pratica clinica 11 per la gestione della LBP ha mostrato che la fornitura di consulenza e informazioni, insieme ad analgesici e FANS, è l'approccio costantemente raccomandato per i pazienti con un episodio acuto [13]. La maggior parte delle linee guida non raccomandano esercizi specifici per il LBP acuto perché gli studi fino ad oggi hanno concluso che non è più efficace di altri trattamenti attivi, o di trattamenti inattivi o placebo [8]. Tuttavia, alcuni autori hanno suggerito che i risultati negativi osservati in prove di esercizi sono una conseguenza dell'applicazione della stessa terapia di esercizio a gruppi eterogenei di pazienti. [14-16]. Questa ipotesi ha il supporto di un recente trial randomizzato di alta qualità in cui il trattamento basato su un sistema di classificazione diagnostica ha portato a maggiori riduzioni della disabilità e ha promosso un più rapido ritorno al lavoro nei pazienti con LBP acuta rispetto alla terapia raccomandata dalle linee guida cliniche [17] .

In 1981, McKenzie ha proposto un sistema di classificazione e un trattamento basato sulla classificazione per LBP denominato Diagnosi e terapia meccanica (MDT) o semplicemente Metodo McKenzie [18]. Tra il gran numero di schemi di classificazione sviluppati negli ultimi anni 20 [19-26], il metodo McKenzie ha il più grande supporto empirico (es. Validità, affidabilità e generalizzabilità) tra i sistemi basati su caratteristiche cliniche [27] e sembra quindi essere il sistema di classificazione più promettente per l'implementazione nella pratica clinica.

I fisioterapisti adottano comunemente il metodo McKenzie per il trattamento di pazienti con LBP [28,29]. Un sondaggio dei fisioterapisti 293 in 1994 ha rilevato che 85% di loro ha percepito il metodo McKenzie come moderatamente molto efficace [28]. Tuttavia, una recente revisione sistematica ha concluso che non vi sono prove sufficienti per valutare l'efficacia del metodo McKenzie per i pazienti con LBP [30]. Una preoccupazione critica è che la maggior parte delle prove fino ad oggi non hanno implementato il metodo McKenzie in modo appropriato. Il difetto più comune è che a tutti i partecipanti allo studio viene dato lo stesso intervento indipendentemente dalla classificazione, un approccio contraddittorio rispetto ai principi della terapia McKenzie.

Il dott. Jimenez lavora sul trattamento per la schiena a Push crossfit competition_preview

L'obiettivo principale di questo studio è valutare se l'aggiunta del metodo McKenzie alla cura del medico generico (GP) porti a risultati migliori rispetto alla sola cura della GP per i pazienti con LBP acuta non specifica quando l'effetto è misurato in termini di dolore, disabilità, globale effetto percepito e sintomi persistenti.

Metodi

Il Comitato etico per la ricerca umana dell'Università di Sydney ha ottenuto l'approvazione per questo studio.

Campione di studio

Centoquarantotto partecipanti con un nuovo episodio di LBP acuto non specifico che si presentano ai medici di base saranno reclutati per lo studio. Un nuovo episodio di LBP sarà definito come un episodio di dolore che dura più a lungo di 24 ore, preceduto da un periodo di almeno un mese senza LBP e in cui il paziente non ha consultato un operatore sanitario [31]. I partecipanti saranno sottoposti a screening per l'idoneità al primo appuntamento con il medico di base in base ai criteri di inclusione ed esclusione.

Criterio di inclusione

Per essere eleggibili per l'inclusione, i partecipanti devono avere dolore che si estende in un'area tra la dodicesima costola e la piega del gluteo (questo può o non può essere accompagnato da dolore alle gambe); dolore della durata di almeno 24 ore; dolore inferiore alla durata di 6 settimane; e hanno bisogno di essere idonei per il riferimento a pratiche di fisioterapia privata entro le ore 48.

Criteri di esclusione

I partecipanti saranno esclusi se hanno una delle seguenti condizioni: compromissione della radice nervosa (definita come test positivo 2 per sensazione, potenza e riflessi per la stessa radice del nervo spinale); patologia spinale grave nota o sospetta; chirurgia spinale nei precedenti mesi 6; gravidanza; grave malattia cardiovascolare o metabolica; o incapacità di leggere e capire l'inglese.

I medici di reclutamento registreranno il numero di pazienti che sono invitati a partecipare, il numero che rifiuta di partecipare e il numero di pazienti sottoposti a screening che non sono idonei e le loro ragioni per il rifiuto di partecipazione o di ineleggibilità. Il consenso scritto sarà ottenuto per ogni partecipante.

I soggetti che si offrono volontari per partecipare e soddisfare i criteri di ammissibilità riceveranno un trattamento di base e saranno assegnati in modo casuale a uno dei gruppi di studio. Per garantire gruppi di trattamento di uguale dimensione, verranno utilizzati blocchi permutati casuali di partecipanti 4-8 [32]. La randomizzazione sarà stratificata in base allo stato di compensazione del Workcover. Il programma di allocazione casuale stratificata sarà generato da una persona che non è altrimenti coinvolta nel reclutamento, nella valutazione o nel trattamento dei soggetti e la sequenza di randomizzazione sarà collocata in buste sigillate numerate sequenzialmente. Il flusso dei partecipanti attraverso lo studio è dettagliato in Figura 1.

Figura flusso 1 dei partecipanti attraverso lo studio
Figura 1: flusso dei partecipanti attraverso lo studio. Legenda: GP - Medico generico; NRS - Scala di valutazione del dolore numerico; PSFS - Scala funzionale specifica del paziente; Questionario RMQ - Roland-Morris; GPE - Effetto globale percepito; LBP - Lombalgia.

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

Nella gestione della lombalgia, le attitudini, le credenze e le preferenze di trattamento dei chiropratici, così come quella dei fisioterapisti, possono determinare le misure di outcome più efficaci nella cura dei pazienti con diversi tipi di problemi di salute spinale. Secondo i seguenti studi di ricerca basati sull'evidenza, il metodo McKenzie è stato considerato uno degli approcci terapeutici più utili per la gestione dei sintomi nei pazienti con lombalgia e lombalgia. L'esercizio fisico e l'attività fisica sono anche una delle preferenze di trattamento più comuni per migliorare la forza, la mobilità e la flessibilità di un individuo. Ogni professionista sanitario varia in base alle sue specifiche preferenze di trattamento. Queste variazioni sottolineano la necessità di identificare l'approccio terapeutico più efficace per garantire un trattamento adeguato della LBP.

Misure di uscita

Si pensa che il protocollo McKenzie promuova un rapido miglioramento dei sintomi nei pazienti con LBP [33,34] e questo è uno dei motivi per cui i terapeuti scelgono questa terapia. Pertanto è importante concentrare la valutazione sui risultati a breve termine. I risultati principali saranno:

  1. Intensità del dolore usuale nelle ultime ore 24 registrate ogni mattina in un diario del dolore durante la prima settimana. Il dolore sarà misurato su una scala di valutazione numerica 0-10 (NRS). L'unità di analisi sarà la media delle misure 7 [35];
  2. Intensità del dolore usuale nelle ultime 24 ore (0-10 NRS) registrate nelle settimane 1 e 3 [35];
  3. Effetto percepito globale (0-10 GPE) registrato alle settimane 3.

I risultati secondari saranno:

  1. Effetto percepito globale (0-10 GPE) registrato alla settimana 1;
  2. Misurazione della disabilità generata dal paziente (scala funzionale specifica per il paziente, PSFS) registrata nelle settimane 1 e 3 [36];
  3. Misura della disabilità specifica per la condizione (Roland Morris Questionnaire; RMQ) registrata nelle settimane 1 e 3 [37];
  4. Numero di pazienti che hanno riportato dolore lancinante persistente a 3 mesi.

Dopo la consultazione di screening in cui vengono valutati i criteri di inclusione ed esclusione, il medico di base supervisionerà la misurazione di base del dolore. Tutti i pazienti riceveranno quindi un opuscolo di valutazione e una busta pre-pagata in cui tutte le altre misure di esito auto-valutate devono essere registrate e sigillate. Un membro del team di ricerca contatterà i pazienti per telefono entro 24 ore dalla consultazione con il medico di famiglia per fornire spiegazioni sulla forma appropriata di compilazione del libretto di valutazione. A questo punto, verranno registrati altri risultati di riferimento e il paziente verrà randomizzato per studiare i gruppi. Si consiglia al paziente di conservare l'opuscolo a casa, di sigillarlo nella busta pre-pagata dopo la valutazione finale e spedire la busta sigillata al team di ricerca. Per garantire l'uso corretto del libretto di valutazione e per evitare la perdita di dati a causa di opuscoli non restituiti, un valutatore cieco contatterà tutti i pazienti per telefono 9 e 22 giorni dopo la consultazione con il medico generico per raccogliere le risposte dei pazienti dalla settimana 1st e Valutazioni della settimana 3rd, rispettivamente.

La procedura per ottenere i risultati sarà seguita per tutti i partecipanti, indipendentemente dalla conformità con i protocolli di prova. A 3 mesi, i dati relativi alla presenza di sintomi persistenti (cronici) saranno raccolti per telefono. Ai partecipanti verrà chiesto di rispondere alla seguente domanda sì-no: "In passato 3 mesi sei mai stato completamente privo di lombalgie? Con questo non intendo assolutamente lombalgia e questo periodo senza dolore è durato per un mese intero ". Quelli che rispondono no saranno considerati avere LBP persistente. Le informazioni sul trattamento addizionale e sui costi diretti con la gestione del dolore lombare saranno raccolte anche nei mesi 3.

Un'analisi secondaria verrà eseguita sui predittori di risposta al trattamento di McKenzie e alla predizione della cronicità. Ciò comporterà la misurazione dell'aspettativa dei partecipanti circa l'utilità di entrambi i trattamenti oggetto dell'inchiesta nonché le informazioni sull'occorrenza del fenomeno di centralizzazione. L'aspettativa verrà registrata prima della randomizzazione secondo le procedure descritte da Kalauokalani et al [38].

trattamenti

Tutti i partecipanti riceveranno cure GP come richiesto dalla linea guida NHMRC per la gestione del dolore muscoloscheletrico acuto [2]. La cura della GP basata sulle linee guida consiste nel fornire informazioni su una prognosi favorevole del LBP acuto e nel consigliare ai pazienti di rimanere attivi, insieme alla prescrizione di paracetamolo. I pazienti randomizzati al gruppo sperimentale saranno indirizzati alla fisioterapia per ricevere il metodo McKenzie. Un assistente di ricerca non coinvolto nella valutazione o nel trattamento dei soggetti sarà responsabile del processo di randomizzazione e contatterà terapeuti e pazienti per organizzare la prima sessione di fisioterapia. Il trattamento con McKenzie sarà fornito da fisioterapisti accreditati che seguiranno i principi di trattamento descritti nel libro di testo di McKenzie [18]. Tutti i terapeuti avranno completato i quattro corsi base tenuti dal McKenzie Institute International. Per garantire l'implementazione appropriata dell'algoritmo di classificazione di McKenzie, verrà condotta una sessione di formazione con un membro del programma educativo di McKenzie prima dell'inizio dello studio. La frequenza del trattamento sarà a discrezione del terapeuta con un massimo di sessioni 7 su 3 settimane. Abbiamo scelto di limitare il trattamento con McKenzie ad un massimo di sessioni 7 basate sullo studio di Werneke e colleghi [39], che ha concluso che non sono previste ulteriori riduzioni del dolore e della funzione se non sono presenti cambiamenti favorevoli nella localizzazione del dolore fino al settimo trattamento visita. Le procedure di trattamento del metodo McKenzie sono riassunte nell'appendice.

I partecipanti randomizzati al gruppo di controllo continueranno come al solito la cura della loro GP. Tutti i partecipanti, indipendentemente dal gruppo di intervento, saranno avvisati di non cercare altri trattamenti per la loro lombalgia durante il periodo di trattamento. Ai fisioterapisti verrà chiesto di trattenere i co-interventi durante lo svolgimento del processo.

Verranno utilizzati diversi meccanismi per garantire che il protocollo di prova sia applicato in modo coerente. Verranno sviluppati manuali di protocollo e tutti i ricercatori coinvolti (medici di base, fisioterapisti, valutatori e statistici) saranno formati per garantire che le procedure di screening, valutazione, assegnazione casuale e trattamento siano condotte secondo il protocollo. Un campione casuale di sessioni di trattamento verrà controllato per verificare che il trattamento venga somministrato secondo il protocollo.

Dr Jimenez aiuta l'uomo stretch_preview

Analisi dei dati

La potenza è stata calcolata in base alle misure di esito primarie (intensità del dolore e effetto globale percepito). Una dimensione del campione di partecipanti 148 fornirà il potere di 80% per rilevare una differenza di unità 1 (15%) su una scala del dolore 0-10 (SD = 2.0) tra i gruppi sperimentali e di controllo, assumendo alfa di 0.05. Ciò consente la perdita del follow-up di 15%. Questa dimensione del campione consente anche il rilevamento di una differenza di unità 1.2 (12%) su una scala di effetti percepiti globali 0-10 (SD = 2.4).

I dati saranno analizzati da un membro della ricerca in cieco per lo stato di gruppo. L'analisi primaria sarà con l'intenzione di trattare. Per stimare gli effetti del trattamento, saranno calcolate le differenze medie tra gruppi (95% CI) per tutte le misure di outcome. Nell'analisi primaria questi saranno calcolati utilizzando modelli lineari che includono valori di base delle variabili di risultato come covariate per massimizzare la precisione.

Discussione

Abbiamo presentato il razionale e il progetto di un RCT che valuta gli effetti del metodo McKenzie nel trattamento del LBP acuto non specifico. I risultati di questa prova verranno presentati non appena disponibili.

Interessi conflittuali

Gli autori dichiarano di non avere interessi in gioco.

Contributi degli Autori

LACM, CGM e RDH erano responsabili della progettazione dello studio. HC era responsabile del reclutamento dei terapisti McKenzie e parteciperà anche come clinico al processo. LACM e JMc fungeranno da coordinatori di prova. Tutti gli autori hanno letto e approvato il manoscritto finale.

appendice

Principi di immagine clinica e di trattamento secondo il metodo McKenzie

Questa tabella riassume le procedure coinvolte nel metodo McKenzie (Tabella 1). Per una descrizione dettagliata di tutte le procedure e le progressioni, fare riferimento al libro di testo di McKenzie. Ciò è particolarmente importante per la sindrome da Derangement poiché il trattamento è estremamente variabile e complesso e la descrizione completa delle procedure non sarebbe appropriata ai fini del presente documento.

Tabella 1 Riepilogo delle procedure coinvolte nel metodo McKenzie

Storia pre-pubblicazione

La storia della pre-pubblicazione per questo documento è accessibile qui: http://www.biomedcentral.com/1471-2474/6/50/prepub

Ringraziamenti

Gli autori ringraziano i fisioterapisti credenziali nel metodo McKenzie per la loro partecipazione a questo progetto.

Gestione del dolore lombare: attitudini e preferenze di trattamento di terapisti fisici e chiropratici

astratto

Sfondo e scopo: I ricercatori hanno esaminato i fisioterapisti in merito ai loro atteggiamenti, credenze e preferenze di trattamento nella cura dei pazienti con diversi tipi di problemi di lombalgia.

Materie e metodi: I questionari sono stati inviati a tutti i terapeuti 71 impiegati da una grande organizzazione di manutenzione sanitaria a Washington occidentale e ad un campione casuale di altri terapeuti 331 autorizzati nello stato di Washington.

risultati: Le risposte sono state ricevute da 293 (74%) dei terapeuti intervistati e 186 di questi ha affermato di praticare in ambienti in cui trattano pazienti che hanno mal di schiena. È stato stimato che il mal di schiena contava il 45% delle visite dei pazienti. Il metodo McKenzie è stato considerato l'approccio più utile per la gestione dei pazienti con dolore alla schiena, e l'educazione nella meccanica del corpo, stretching, esercizi di rafforzamento ed esercizi aerobici erano tra le preferenze di trattamento più comuni. Ci sono state variazioni significative tra i terapeuti nella pratica privata, nell'ospedale e nelle strutture per la manutenzione della salute per quanto riguarda le preferenze di trattamento, la disponibilità a trarre vantaggio dall'effetto placebo e il numero medio di visite per i pazienti con dolore alla schiena.

Conclusioni e discussione: Queste variazioni enfatizzano la necessità di ulteriori ricerche sui risultati per identificare gli approcci terapeutici più efficaci e per guidare la pratica clinica.

In conclusione, il trattamento efficace della lombalgia acuta è essenziale perché può potenzialmente aiutare a prevenire lo sviluppo di lombalgia cronica. Un numero crescente di chiropratici e fisioterapisti, compresi altri operatori sanitari, ha utilizzato il metodo McKenzie per aiutare a gestire la lombalgia acuta non specifica nei pazienti. Secondo lo studio, sono necessarie ulteriori prove a supporto dell'uso del metodo McKenzie per il LBP, tuttavia, le misure di esito dello studio di ricerca sull'efficacia del metodo McKenzie per la lombalgia sono promettenti. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

Istituto australiano per la salute e il benessere. Salute australiana 2004. 1st. Camberra, AIHW; 2004.
Linee guida sul dolore muscoloscheletrico acuto australiano Gruppo Gestione basata sull'evidenza del dolore muscoloscheletrico acuto. . 2003. http://www.nhmrc.gov.au
Maetzel A, Li L. L'onere economico della lombalgia: una rassegna degli studi pubblicati tra 1996 e 2001. Best Pract Res Clin Rheumatol. 2002; 16: 23-30. doi: 10.1053 / berh.2001.0204. [PubMed] [Cross Ref]
WorkCover Authority NSW. Bollettino Statistico. Compensazione lavoratori NSW 2002 / 03. Sydney, The WorkCover Authority NSW; 2003.
Pengel LH, Herbert RD, Maher CG, Kathryn RM. Lombalgia acuta: revisione sistematica della sua prognosi. BMJ. 2003; 327: 1-5. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
Thomas E, Silman AJ, Croft PR, Papageorgiou AC, Jayson M, Macfarlane GJ. Predire chi sviluppa la lombalgia cronica nelle cure primarie: uno studio prospettico. BMJ. 1999; 318: 1662-1667. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
Guzmán J, Esmail R, Karjalainen K, Malmivaara A, Irvin E, Bombardier C. Riabilitazione multidisciplinare per lombalgia cronica: revisione sistematica. BMJ. 2001; 322: 1511-1516. doi: 10.1136 / bmj.322.7301.1511. [Articolo gratuito PMC] [PubMed] [Cross Ref]
van Tulder M, Malmivaara A, Esmail R, Koes B. Esercizio terapeutico per la lombalgia. Una revisione sistematica nell'ambito del Cochrane Collaboration Back Review Group. Colonna vertebrale. 2000; 25: 2784-2796. doi: 10.1097 / 00007632-200011010-00011. [PubMed] [Cross Ref]
van Tulder M, Ostelo R, Vlaeyen JWS, Linton SJ, Morley SJ, Assendelft WJJ. Trattamento comportamentale per lombalgia cronica. Una revisione sistematica nell'ambito del Cochrane Back Review Group. Colonna vertebrale. 2000; 25: 2688-2699. doi: 10.1097 / 00007632-200010150-00024. [PubMed] [Cross Ref]
Jellema P, van Tulder MW, van Poppel MN, Nachemson AL, Bouter LM. Supporti lombari per la prevenzione e il trattamento della lombalgia. Una revisione sistematica nell'ambito del Cochrane Back Review Group. Colonna vertebrale. 2001; 26: 377-386. doi: 10.1097 / 00007632-200102150-00014. [PubMed] [Cross Ref]
Ferreira ML, Ferreira PH, Latimer J, Herbert RD, Maher CG. La terapia manipolativa spinale aiuta le persone con lombalgia cronica? Aust J Physiother. 2002; 48: 277-284. [PubMed]
Pengel HM, Maher CG, Refshauge KM. Revisione sistematica degli interventi conservativi per la lombalgia subacuta. Clin Rehabil. 2002; 16: 811-820. doi: 10.1191 / 0269215502cr562oa. [PubMed] [Cross Ref]
Koes BW, van Tulder MW, Ostelo R, Burton K, Waddell G. Linee guida cliniche per la gestione della lombalgia nelle cure primarie: un confronto internazionale. Colonna vertebrale. 2001; 26: 2504-2514. doi: 10.1097 / 00007632-200111150-00022. [PubMed] [Cross Ref]
Borkan J, Koes B, Reis S, Cherkin DC. Una relazione del Secondo forum internazionale per la ricerca di cure primarie sulla lombalgia: priorità di riesame. Colonna vertebrale. 1998; 23: 1992-1996. doi: 10.1097 / 00007632-199809150-00016. [PubMed] [Cross Ref]
Bouter LM, van Tulder MW, Koes BW. Problemi metodologici nella ricerca sulla lombalgia in cure primarie. Colonna vertebrale. 1998; 23: 2014-2020. doi: 10.1097 / 00007632-199809150-00019. [PubMed] [Cross Ref]
Leboeuf-Yde C, Lauritsen JM, Lauritzen T. Perché la ricerca di cause di lombalgia è stata in gran parte non conclusiva? Colonna vertebrale. 1997; 22: 877-881. doi: 10.1097 / 00007632-199704150-00010. [PubMed] [Cross Ref]
Fritz JM, Delitto A, Erhard RE. Confronto tra terapia fisica basata sulla classificazione e terapia basata su linee guida di pratica clinica per pazienti con lombalgia acuta. Colonna vertebrale. 2003; 28: 1363-1372. doi: 10.1097 / 00007632-200307010-00003. [PubMed] [Cross Ref]
McKenzie R, maggio S. La colonna lombare. Diagnosi e terapia meccanica. 2nd. Vol. 1. Waikanae, Spinal Publications New Zealand Ltd; 2003. p. 374.
van Dillen LR, Sahrmann SA, Norton BJ, Caldwell CA, McDonnell MK, Bloom NJ. Categorie basate sul deterioramento del sistema di movimento per la lombalgia: validazione dello stadio 1. J Orthop Sports Phys Ther. 2003; 33: 126-142. [PubMed]
BenDebba M, Torgerson WS, Long DM. Una procedura di classificazione validata e pratica per molti pazienti persistenti di lombalgia. Dolore. 2000; 87: 89-97. doi: 10.1016 / S0304-3959 (00) 00278-5. [PubMed] [Cross Ref]
Delitto A, Erhard RE, Bowling RW, DeRosa CP, Greathouse DG. Un approccio di classificazione basato sulla terapia per la sindrome lombare: identificare e stadiare i pazienti per un trattamento conservativo. Fisico 1995; 75: 470-485. [PubMed]
Klapow JC, Slater MA, Patterson TL, Doctor JN, Atkinson JH, Garfin SR. Una valutazione empirica dell'esito clinico multidimensionale nei pazienti con lombalgia cronica. Dolore. 1993; 55: 107-118. doi: 10.1016 / 0304-3959 (93) 90190-Z. [PubMed] [Cross Ref]
Laslett M, van Wijmen P. Lombalgia e dolore riferito: diagnosi e proposta di un nuovo sistema di classificazione. NZJ Physiother. 1999; 27: 5-14.
Maluf KS, Sahrmann SA, van Dillen LR. Uso di un sistema di classificazione per guidare la gestione non chirurgica di un paziente con lombalgia cronica. Fisico 2000; 80: 1097-1111. [PubMed]
Petersen T, Laslett M, Thorsen H, Manniche C, Ekdahl C, Jacobsen S. Classificazione diagnostica della lombalgia aspecifica. Un nuovo sistema che integra categorie patho-anatomiche e cliniche. Pratica di teoria fisica. 2003; 19: 213-237.
Stiefel F, deJonge P, Huyse F, al INTERMED - Un sistema di valutazione e classificazione per la complessità del caso: risultati in pazienti con lombalgia. Colonna vertebrale. 1999; 24: 378-384. doi: 10.1097 / 00007632-199902150-00017. [PubMed] [Cross Ref]
McCarthy CJ, Arnall FA, Strimpakos N, Freemont A, Oldham JA. La classificazione biopsicosociale della lombalgia aspecifica: una revisione sistematica. Phys Ther Rev. 2004; 9: 17-30. doi: 10.1179 / 108331904225003955. [Cross Ref]
Battié MC, Cherkin DC, Dunn R, Ciol MA, Wheeler KJ. Gestione della lombalgia: atteggiamenti e preferenze di trattamento dei fisioterapisti. Fisico 1994; 74: 219-226. [PubMed]
Li LC, Bombardier C. Gestione della terapia fisica della lombalgia: un'indagine esplorativa sugli approcci terapeutici. Fisico 2001; 81: 1018-1028. [PubMed]
Machado LAC, de Souza MS, Ferreira PH, Ferreira ML. Il protocollo McKenzie per la lombalgia: una revisione sistematica della letteratura con un approccio di meta-analisi. Spine (in corso di stampa) 2005. [PubMed]
de Vet HCWPD, Heymans MWMS, Dunn KMMP, Pope DPPD, van der Beek AJPD, Macfarlane GJPD, Bouter LMPD, Croft PRPD. Episodi di lombalgia: una proposta di definizioni uniformi da utilizzare nella ricerca. Colonna vertebrale. 2002; 27: 2409-2416. doi: 10.1097 / 00007632-200211010-00016. [PubMed] [Cross Ref]
Pocock SJ. Test clinici. Un approccio pratico. 1st. Chichester, John Wiley & Sons; 1984.
Delitto A, Cibulka MT, Erhard RE, Bowling RW, Tenhula JA. Prova dell'uso di una categoria di mobilizzazione di estensione nella sindrome lombare acuta: uno studio pilota di convalida prescrittivo. Fisico 1993; 73: 216-228. [PubMed]
Schenk RJ, Jozefczyk C, Kopf A. Uno studio randomizzato che confronta gli interventi in pazienti con derangement posteriore lombare. J Manual Manip Ther. 2003; 11: 95-102.
Farrar J, Young J, LaMoreaux L, al Clinical importanza dei cambiamenti nell'intensità del dolore cronico misurati su una scala di valutazione del dolore numerico a punti 11. Dolore. 2001; 94: 149-158. doi: 10.1016 / S0304-3959 (01) 00349-9. [PubMed] [Cross Ref]
Stratford P, Gill C, Westaway M, Binkley J. Valutazione della disabilità e cambiamento sui singoli pazienti: una relazione su una misura specifica del paziente. Physiother Can. 1995; 47: 258-263.
Roland M, Morris R. Uno studio sulla storia naturale del mal di schiena. Parte I: sviluppo di una misura affidabile e sensibile della disabilità nel dolore lombare. Colonna vertebrale. 1983; 8: 141-144. [PubMed]
Kalauokalani D, Cherkin D, Sherman K, Koepsell T, R D. Lezioni da una prova di agopuntura e massaggio per la lombalgia. Colonna vertebrale. 2001; 26: 1418-1424. doi: 10.1097 / 00007632-200107010-00005. [PubMed] [Cross Ref]
Werneke M, Hart DL, Cook D. Uno studio descrittivo del fenomeno di centralizzazione. Un'analisi prospettica. Colonna vertebrale. 1999; 24: 676-683. doi: 10.1097 / 00007632-199904010-00012. [PubMed] [Cross Ref]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

La sciatica è indicata come una raccolta di sintomi piuttosto che un singolo tipo di lesione o condizione. I sintomi sono caratterizzati da dolore radiante, intorpidimento e sensazioni di formicolio dal nervo sciatico nella parte bassa della schiena, giù per i glutei e le cosce e attraverso una o entrambe le gambe e nei piedi. La sciatica è comunemente il risultato di irritazione, infiammazione o compressione del nervo più grande del corpo umano, generalmente a causa di un'ernia del disco o dello sperone osseo.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: Trattamento del dolore della sciatica