Terapia McKenzie ed esercizi di resistenza per la lombalgia | El Paso, TX Doctor Of Chiropractic
Il dottor Alex Jimenez, il chiropratico di El Paso
Spero che tu abbia apprezzato i nostri post sui blog su vari argomenti relativi alla salute, al nutrizione e alla lesione. Non esitate a chiamarci oa noi se avete domande quando nasce la necessità di cercare assistenza. Chiamami l'ufficio o me stesso. Office 915-850-0900 - Cella 915-540-8444 Cordiali saluti. Dr. J

Terapia McKenzie ed esercizi di resistenza per la lombalgia

La lombalgia è una lamentela comune che generalmente va via da sola, tuttavia, che cosa dovrebbe fare una persona se il suo LBP diventa cronico e / o persistente? Come viene influenzata la qualità della vita di un individuo e in che modo l'intensità del dolore influisce sulla capacità fisica? Esiste qualche tipo di trattamento che può aiutare a migliorare la lombalgia? Molti tipi diversi di opzioni di trattamento possono essere utilizzati per trattare in modo sicuro ed efficace la lombalgia. Lo scopo del seguente studio di ricerca è determinare l'influenza del metodo McKenzie e gli esercizi di resistenza sulla lombalgia. L'articolo dimostra informazioni evidence-based sul miglioramento della qualità della vita dei pazienti con LBP dopo aver ricevuto il protocollo di trattamento menzionato di seguito.

Influenza del protocollo Mckenzie e due modalità di esercizi di resistenza sulla qualità della vita correlata alla salute dei pazienti con dolore lombare meccanico a lungo termine

astratto

Introduzione

Il lombalgia meccanico a lungo termine (LMLBP) ha un impatto negativo sulla capacità fisica e sulla qualità della vita dei pazienti. Questo studio ha esaminato la relazione tra qualità della vita correlata alla salute (HRQoL) e intensità del dolore e l'influenza degli esercizi di resistenza dell'estensore posteriore statici e dinamici su HRQoL in pazienti nigeriani con LMLBP trattati con il protocollo McKenzie (MP).

Metodi

È stato condotto uno studio controllato in singolo cieco che ha coinvolto pazienti 84 che hanno ricevuto tre volte il trattamento ogni settimana per otto settimane. I partecipanti sono stati assegnati a MP Group (MPG), MP plus Gruppo di esercizi statici di resistenza alla schiena (MPSBEEG) o MP più gruppo di esercizi di resistenza dinamica (MPDBEEG) utilizzando la randomizzazione permutata. HRQoL e dolore sono stati valutati utilizzando rispettivamente il questionario Short-Form (SF-36) e la scala quadrupla di Visual Analogue.

risultati

Sessantasette partecipanti di età 51.8 ± 7.35 hanno completato lo studio. Nello studio è stato osservato un tasso di abbandono totale di 20.2%. Confronto all'interno del gruppo per settimane 0-4, 4-8 e 0-8 dello studio hanno rivelato differenze significative nei punteggi HRQoL (p <0.05). I punteggi degli effetti del trattamento (TES) tra i gruppi erano significativamente differenti (p = 0.001). MPSBEEG e MPDBEEG erano comparabili in TES su General Health Perception (GHP) alla settimana 4; e GHP e Physical Functioning alla settimana 8 rispettivamente (p> 0.05). Tuttavia, MPDEEG aveva TES significativamente più alto negli altri domini di SF-36 (p = 0.001).

Conclusione

HRQoL in pazienti con LMLBP diminuisce con gravità del dolore. Ciascuno di MP, esercizi di resistenza degli estensori posteriori statici e dinamici ha migliorato significativamente l'HRQoL in LMLBP. Tuttavia, l'aggiunta dell'esercitazione di resistenza dinamica degli estensori posteriori a MP ha comportato un miglioramento maggiore della HRQoL.

parole chiave: Protocollo di McKenzie, esercizi di resistenza, qualità della vita, mal di schiena

sfondo

Il dolore lombo-sacrale (LBP) è descritto come la costellazione di sintomi di dolore o disagio originati da menomazioni nelle strutture nella regione lombare [1-2]. LBP è uno dei disturbi più comuni che affliggono l'umanità [3]. È una condizione complicata che influenza gli aspetti fisiologici e psicosociali del paziente [4, 5]. Rapporti epidemiologici indicano che 70 a 85% di tutte le persone ha LBP in qualche momento della loro vita [1, 6]. L'Organizzazione mondiale della sanità ha previsto che i maggiori aumenti della prevalenza di LBP nel prossimo decennio saranno nei paesi in via di sviluppo [7]. In linea con questo, una revisione sistematica di Louw et al [8] ha concluso che l'onere globale e la prevalenza di LBP tra gli africani è in aumento.

Si stima che 80-90% dei pazienti con LBP si riprenderà entro sei settimane, indipendentemente dal trattamento [9]. Tuttavia, 5-15% di tutte le persone che hanno LBP svilupperà LBP a lungo termine (cioè LBP di 12 settimane e più a lungo) [10, 11]. Il sottogruppo di pazienti con conti LBP a lungo termine per 75-90% del costo socioeconomico di LBP [12] e oltre 30% di questi pazienti con LBP a lungo termine cercano assistenza sanitaria per i loro disturbi alla schiena. LBP a lungo termine ha un impatto significativo sul funzionamento fisico [13] dei pazienti, sul funzionamento psicologico e sociale [14] e può influenzare il benessere e la qualità della vita [15]. La ridotta qualità della vita nei pazienti con LBP a lungo termine è associata a prognosi sfavorevole [16], episodi intermittenti o ricorrenti di LBP [17], disabilità [18] e disfunzione psicosociale [19, 20].

La valutazione della qualità della vita correlata alla salute (HRQoL) in relazione a LBP è stata raccomandata nella gestione della LBP [21, 22]. Diversi strumenti HRQoL sono stati sviluppati per valutare lo stato di salute generale auto-percepito [21, 22]. Il questionario sullo stato di salute SF-36, sebbene sia uno strumento generico, è stato raccomandato nella valutazione della HRQoL dei pazienti con LBP a lungo termine [22] e valuta otto domini come il funzionamento fisico, limiti di ruolo dovuti a problemi fisici, dolore fisico , percezione generale della salute, vitalità, funzionamento sociale, limitazione dei ruoli dovuta a problemi emotivi e salute mentale generale [23, 24].

Conseguentemente a quanto sopra, l'intervento terapeutico che può aiutare a migliorare la HRQoL dei pazienti con LBP a lungo termine è stato sostenuto. Sebbene la fisioterapia svolga un ruolo importante nella gestione dei pazienti con LBP, l'approccio tradizionale basato sul modello biomedico, incentrato sul trattamento delle menomazioni e delle variabili patofisiologiche, potrebbe non affrontare completamente la gamma più ampia di fattori, inclusi i disturbi psicosociali associati con LBP a lungo termine [25, 26]. Tuttavia, il LBP a lungo termine è considerato un problema bio-psicosociale multifattoriale che ha un impatto sulla vita sociale [27, 28] e sulla qualità della vita [29] e richiede quindi un approccio multidimensionale basato su una bio - modello psicosociale (un modello che include elementi fisici, psicologici e sociali) nella sua valutazione e trattamento [30, 31].

Il dott. Jimenez lavora sul trattamento per la schiena al concorso Push crossfit_01 BW_preview

Sulla base di raccomandazioni empiriche della ricerca, negli ultimi decenni sono stati registrati enormi progressi nella gestione preventiva, farmacologica e fisioterapica per un numero limitato di pazienti con LBP, specialmente nei paesi sviluppati. Tuttavia, il miglioramento dei risultati sanitari osservato in molti paesi occidentali negli ultimi decenni non è stato raggiunto in Africa [32] e quindi, la salute degli africani è di interesse globale [8]. Rispetto agli australiani [33], agli europei [34] e ai nord americani [35], l'uso dell'esercizio fisico come medicina negli africani è scarso. L'esercizio fisico è l'elemento centrale nella gestione della terapia fisica dei pazienti con LBP a lungo termine [9, 36]. L'esercizio spesso non richiede strumenti costosi e probabilmente l'intervento più economico e quello in cui il paziente ha una certa misura di controllo diretto [37]. Nondimeno, rimane inconcludente quale regime di esercizio influenzerà significativamente la qualità della vita dei pazienti con LBP a lungo termine. Il protocollo McKenzie (MP) è uno degli interventi di terapia fisica più comunemente usati nel LBP meccanico a lungo termine con efficacia documentata [38-41]. Tuttavia, vi è una carenza di studi che hanno studiato l'influenza del MP su HRQoL in pazienti con LBP meccanico a lungo termine. Pertanto, questo studio era destinato a rispondere alle seguenti domande: (1). L'intensità del dolore influenzerà significativamente la HRQoL? (2) Gli esercizi di resistenza degli estensori posteriori statici e dinamici influenzeranno significativamente la HRQoL nei pazienti nigeriani con LBP meccanico (LMLBP) a lungo termine trattati con MP?

Metodi

Ottantaquattro pazienti con LMLBP hanno partecipato a questo studio randomizzato a singolo cieco. I partecipanti sono stati reclutati consecutivamente dal reparto di fisioterapia, dal complesso didattico degli ospedali Obafemi Awolowo University (OAU) e dal centro sanitario dell'OAU, Ile-Ife, in Nigeria. Il Lumbar Spine Assessment Format (MILSAF) [3] del McKenzie Institute è stato utilizzato per determinare l'idoneità a partecipare allo studio. Sulla base del MILSAF, i pazienti che hanno dimostrato la preferenza direzionale (DP) solo per l'estensione sono stati reclutati per garantire l'omogeneità dei campioni. DP è descritto come la postura o il movimento che riduce o centralizza il dolore radiante che emana dalla colonna vertebrale. I criteri di esclusione erano bandiere rosse indicative di grave patologia spinale con segni e sintomi di compromissione della radice nervosa (con almeno due di perdita sensoriale dermatomale, debolezza muscolare miotomiale e riflessi degli arti inferiori ridotti), individui con qualsiasi evidente deformità spinale o malattia neurologica; gravidanza; precedente chirurgia spinale; precedente esperienza di esercizio di resistenza statica e dinamica e con DP per flessione, laterale o senza DP. Il dolore lombare a lungo termine è stato definito come una storia di LBP non inferiore ai mesi 3 [42].

Personal Trainer Incoraggiare il paziente ad impegnarsi in esercizi di resistenza

Basato sulla tabella delle dimensioni del campione di Cohen [43] con livello alfa impostato su 0.05, grado di libertà su 2, dimensione dell'effetto su 0.25 e potenza su 80, lo studio ha rilevato una dimensione minima del campione di 52. Tuttavia, al fine di tener conto di possibili attriti o perdite durante lo studio, è stato incluso un totale di pazienti 75 (25 per gruppo). I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi di trattamento utilizzando la randomizzazione a blocchi permutati; il gruppo McKenzie Protocol (MP) (MPG) (n = 29), MP più gruppo di esercizi di resistenza statica per la schiena (MPSBEEG) (n = 27) e gruppo di esercizi di resistenza dinamica posteriore MP (MPDBEEG) (n = 28). Sessantasette partecipanti (32 maschi (47.8%) e 35 femmine (52.2%) hanno completato lo studio di otto settimane: venticinque partecipanti hanno completato lo studio in MPG, 22 in MPSBEEG e 20 in MPDBEEG. Un tasso di abbandono totale di 20.2% è stato osservato il 14% dei partecipanti in MPG sono stati persi al follow-up.Il 19% dei partecipanti a MPSBEEG abbandonato (di questi, 40% sono stati persi per il follow-up mentre 60% è scappato a causa del miglioramento della loro salute condizione). Nel MPDBEEG, 28.6% dei partecipanti si è ritirato (37.5% è stato perso al follow-up mentre 62.5% è scomparso a causa del miglioramento delle loro condizioni di salute).

Il trattamento è stato somministrato tre volte alla settimana per otto settimane e gli esiti sono stati valutati alla fine della quarta e dell'ottava settimana di studio. Il comitato etico e di ricerca dell'Obafemi Awolowo University Teaching Hospitals Complex e l'Università congiunta di Ibadan / University College Hospital hanno ricevuto l'approvazione per lo studio.

Strumenti

Un metro di altezza calibrato da 0-200cm è stato utilizzato per misurare l'altezza di ogni partecipante al più vicino 0.1cm. Una bilancia è stata utilizzata per misurare il peso corporeo dei partecipanti in chilogrammi al più vicino 1.0Kg. È calibrato da 0 - 120kg. Un metronomo (sistema Wittner Metronom Maelzel, Made in Germany) è stato utilizzato per impostare un tempo uniforme per il test di resistenza dinamica dei muscoli di resistenza alla schiena, che comporta una contrazione ripetuta o movimenti per un periodo di tempo eseguiti in modo sincrono al ritmo del metronomo. I pazienti poggiano su un plinto per l'esercizio di resistenza alla schiena MP, statico e dinamico rispettivamente.

Questionario sullo stato di salute generale - Short Form -36 (SF-36) è stato utilizzato per valutare la qualità della vita dei partecipanti. L'SF-36 è stato raccomandato nella valutazione di pazienti con LBP a lungo termine [24, 44, 45]. Una versione tradotta in Yoruba del questionario sullo stato di salute (SF-36) è stata utilizzata per i partecipanti che erano alfabetizzati nella lingua yoruba e hanno preferito la versione yoruba. La traduzione è stata effettuata presso il dipartimento di linguistica e lingue africane dell'Università Obafemi Awolowo, Ile Ife. Il coefficiente di correlazione del momento del prodotto Pearson (r) di 0.84 è stato ottenuto per la validità del criterio della traduzione posteriore della versione di Yoruba. Per valutare l'intensità del dolore dei partecipanti è stato utilizzato il quadruplo Visual Analogue Scale (QVAS). QVAS è un metodo affidabile e valido per la misurazione del dolore [46, 47]. Una versione tradotta Yoruba del QVAS è stata utilizzata per i partecipanti che erano alfabetizzati nella lingua Yoruba e preferiscono la versione Yoruba. La traduzione è stata effettuata presso il dipartimento di linguistica e lingue africane dell'Università Obafemi Awolowo, Ile Ife. Il coefficiente di correlazione del momento del prodotto Pearson (r) di 0.88 è stato ottenuto per la validità del criterio della traduzione posteriore della versione di Yoruba.

Trattamento

Il trattamento per i diversi gruppi (MPG, MPSBEEG e MPDBEEG) comprendeva tre fasi tra cui riscaldamento, esercizio principale e raffreddamento. Prima del trattamento, i partecipanti sono stati istruiti nei dettagli sulle procedure di studio. Questa è stata seguita da una fase di riscaldamento a bassa intensità della durata di cinque minuti comprendente uno stiramento attivo degli arti superiori e della parte bassa della schiena e una passeggiata a ritmo auto-determinato attorno al luogo della ricerca. Anche il trattamento si è concluso con una fase di defaticamento comprendente lo stesso esercizio a bassa intensità del riscaldamento per circa cinque minuti.

Allenatore che dimostra esempi di esercizi di resistenza

L&#39;uomo anziano fa esercizi con la band Mike_01_preview

Il protocollo McKenzie (MP) comportava un decorso di specifici movimenti lombosacrali ripetuti in estensione che causavano la centralizzazione, la diminuzione o l'abolizione dei sintomi. La determinazione della preferenza di direzione per l'estensione è stata seguita dalle principali attività dei MP, tra cui "L'estensione prono prono", "Extension In Prone" e "Extension in standing". Il parlamentare comprendeva anche una serie di istruzioni per l'educazione alla schiena che comprendevano una guida didattica per gli articoli 9 su come stare in piedi, seduti, sollevare e altre attività della vita quotidiana per l'esercizio a casa per tutti i partecipanti (Appendice).

Donna che esegue il metodo McKenzie su un paziente

Oltre a completare la MP (cioè esercizi di estensione posteriore più l'educazione alla schiena), esercizio di resistenza degli estensori posteriori statici che includeva cinque diversi esercizi statici differenziati dall'alterazione delle posizioni degli arti superiori e inferiori con il paziente sdraiato su un plinto è stato eseguito [48]. I partecipanti hanno iniziato il programma di allenamento con la prima posizione di esercizio, ma sono passati agli esercizi successivi al loro ritmo quando potevano mantenere una data posizione per 10 secondi. Raggiunta la quinta progressione, hanno proseguito con la quinta progressione fino alla fine del programma di esercizi [48, 49]. Le seguenti sono state le cinque progressioni di esercizio:

  1. Il partecipante giaceva in posizione prona con entrambe le braccia lungo i fianchi del corpo e sollevando la testa e il tronco dal plinto da neutro ad estensione;
  2. Il partecipante giaceva in posizione prona con le mani intrecciate all'occipite in modo che le spalle fossero rapite a 90 ° e i gomiti flessi, e sollevando la testa e il tronco dal basamento dalla neutra all'estensione;
  3. Il partecipante giaceva in posizione prona con entrambe le braccia alzate in avanti e sollevando la testa, il tronco e le braccia sollevate dal basamento da neutrale a prolungamento;
  4. Il partecipante giace in posizione prona e sollevando la testa, il tronco e il braccio e la gamba controlaterale dal basamento dalla neutra all'estensione; e
  5. Il partecipante giace in posizione prona con entrambe le spalle abdotte e i gomiti flessi su 90 ° e sollevando la testa, il tronco e entrambe le gambe (con le ginocchia distese) dal basamento.

Se il dolore è stato aggravato durante l'esercizio, al partecipante è stato chiesto di fermarsi. Se il dolore diminuiva entro 5 minuti dopo l'esercizio, gli è stato chiesto di continuare l'esercizio ma di mantenere la posizione dell'esercizio solo per 5 secondi. Al partecipante è stato chiesto di passare a 10 secondi se non ci sono state reazioni avverse. Ogni esercizio è stato ripetuto x volte 9. Dopo le ripetizioni 10, il partecipante è stato istruito a riposare tra 30 secondi e 1 minuti. Il tempo di mantenimento statico nella posizione di esercizio è stato gradualmente aumentato a 20 secondi per fornire uno stimolo di allenamento maggiore [50, 51]. Il dosaggio di serie di ripetizioni 10 è stato adottato da un protocollo precedente per partecipanti con LBP sub-acuto [52].

Oltre a completare l'MP, è stato eseguito un esercizio di resistenza dinamico degli estensori del dorso che comprendeva cinque diversi esercizi isocinetici differenziati dall'alterazione delle posizioni degli arti superiori e inferiori con il paziente in posizione sdraiata su un plinto. L'esercizio dinamico di resistenza alla schiena era una replica esatta del protocollo di esercizio di resistenza degli estensori posteriori statici in termini di posizioni, progressioni e durata dell'esercizio. Tuttavia, invece di postura statica del tronco nella posizione sdraiata prono e tenendo le posizioni degli arti superiori e inferiori sospese nell'aria durante tutte le cinque progressioni di esercizio per i secondi 10, al partecipante è stato chiesto di muovere il tronco e la sospensione arti 10 volte.

Se il dolore è stato aggravato durante l'esercizio, al partecipante è stato chiesto di fermarsi. Se il dolore diminuiva entro 5 minuti dopo l'esercizio, al partecipante è stato chiesto di continuare l'esercizio, ma di eseguire solo i movimenti 5 nella posizione di esercizio. Al partecipante è stato chiesto di passare ai movimenti 10 se non ci sono reazioni avverse. Ogni esercizio è stato ripetuto x volte 9. Dopo le ripetizioni 10, i partecipanti sono stati istruiti a riposare tra 30 secondi e 1 minuti. Il numero di movimenti del tronco nella posizione di esercizio è stato gradualmente aumentato a 20 secondi per fornire un maggiore stimolo di allenamento.

Al fine di ottenere un adeguato effetto di allenamento basato sulla raccomandazione di studi precedenti, una durata di esercizio di 30 a 45, tre volte l'esercizio settimanale e otto settimane; e il carico di allenamento di 10 secondi di mantenimento statico o ripetizioni 10 per posizione di esercizio è stato adottato [53, 54].

I ricercatori (CEM e OA) sono stati credenziali nel metodo McKenzie e hanno supervisionato gli esercizi. I ricercatori sono stati accecati dalle procedure di reclutamento, randomizzazione e valutazione che sono state eseguite da un assistente che era cieco ai protocolli di trattamento dei diversi gruppi. L'assistente di ricerca era anche credenziale nel metodo McKenzie. I questionari utilizzati in questo studio erano auto-somministrati.

Analisi dei dati

I dati sono stati analizzati utilizzando descrittivo di media e deviazione standard; e statistiche inferenziali. L'ANOVA monodirezionale è stata utilizzata per confrontare le caratteristiche generali dei partecipanti e l'intensità del dolore per gruppi di trattamento. L'analisi di correlazione del momento prodotto di Pearson è stata utilizzata per testare la relazione tra HRQoL e intensità del dolore. Il test Kruskal Wallis è stato utilizzato per confrontare i risultati del trattamento (variazione media) su HRQoL attraverso il gruppo alla settimana quattro e otto dello studio rispettivamente. L'ANOVA di Friedman e Wilcoxon hanno firmato test classificati per confronti multipli sono stati usati per confrontare all'interno di cambiamenti di gruppo in tutti e tre i punti del tempo di studio. Il livello di Alpha era fissato a p = 0.05. Le analisi dei dati sono state eseguite utilizzando il software di versione SPSS 13.0 (SPSS Inc., Chicago, Illinois, USA).

Dr Jimenez White Coat

Insight di Dr. Alex Jimenez

In che modo il metodo McKenzie può migliorare la qualità della vita di un individuo? Con anni di esperienza di lavoro al fianco dei pazienti per aiutarli a riprendersi da una serie di problemi di salute della colonna vertebrale, ho visto quanto può essere una debilitante lombalgia se non trattata per un periodo di tempo più lungo. Sebbene le regolazioni spinali e le manipolazioni manuali possano contribuire efficacemente a migliorare i sintomi della lombalgia, altre opzioni di trattamento alternative possono aiutare i pazienti a recuperare più velocemente. Il metodo McKenzie e gli esercizi di resistenza sono utilizzati da molti professionisti del settore sanitario per riabilitare in modo sicuro ed efficace i pazienti con LBP. I risultati dello studio di ricerca dimostrano infine come il protocollo di trattamento può aiutare a migliorare la qualità della vita di un individuo.

risultati

L'età media, l'altezza, il peso e il BMI di tutti i partecipanti erano 51.8 ± 7.35 anni, 1.66 ± 0.04m, 76.2 ± 11.2 Kg e 27.2 ± 4.43 kg / m2 rispettivamente. Il confronto delle caratteristiche generali dei partecipanti per gruppi di trattamento ha rivelato che i partecipanti nei diversi gruppi erano comparabili nelle loro caratteristiche generali (p> 0.05) (Tabella 1).

Tabella 1 One Way ANOVA Confronto delle informazioni dei partecipanti
Tabella 1: Confronto ANOVA unidirezionale delle caratteristiche generali dei partecipanti e dell'intensità del dolore per gruppi di trattamento

Il punteggio medio di intensità del dolore (VAS) riportato dai partecipanti era 6.55 ± 1.75. La relazione tra ciascuno degli otto domini di HRQoL e intensità del dolore (punteggio VAS) è presentata in Tabella 2.

Tabella 2 Relazione tra qualità della vita correlata alla salute e intensità del dolore
Tabella 2: Rapporto tra qualità della vita correlata alla salute e intensità del dolore (punteggio VAS) (n = 67)

Dal risultato, il coefficiente di correlazione (r) varia tra-0.603 a-0.878 a p = 0.001. La tabella 3 mostra il confronto della misura di base dei partecipanti di HRQoL.

Tabella 3 Kruskal Wallis Confronto delle informazioni dei partecipanti
Tabella 3: Confronto Kruskal Wallis della valutazione di base dei partecipanti di HRQoL

I risultati indicano che i partecipanti ai diversi gruppi di trattamento erano comparabili in tutti i domini di HRQoL (p> 0.05). Il confronto all'interno del gruppo di HRQoL in MPG, MPSBEEG e MPDBEEG attraverso i punti temporali 3 (settimane 0-4, 4-8 e 0-8) dello studio ha mostrato che c'erano miglioramenti significativi (p <0.05) (Tabella 4). Il confronto dei risultati del trattamento (punteggio medio del cambiamento (MCS) alla settimana quattro e otto dello studio è presentato nella Tabella 5. C'erano differenze significative nei punteggi SF-36 nel gruppo (p> 0.05) alla fine della settimana 4th e 8th dello studio rispettivamente. L'analisi post-hoc di confronti multipli di Tukey è stata utilizzata per chiarire dove si trovano le differenze tra i gruppi. Il risultato indicava che MPSBEEG e MPDBEEG avevano MCS significativamente più alto su tutti i domini di SF-36 rispetto a MPG alla settimana quattro e otto rispettivamente (p <0.05). Non vi era alcuna differenza significativa tra MPSBEEG e MPDBEEG nel dominio MCS di General Health Perception di SF-36 alla quarta settimana; e su General Health Perception e Physical Functioning Domains di SF-36 alla settimana otto rispettivamente. Tuttavia, MPDBEE ha avuto effetti di trattamento significativamente più alti su altri domini di HRQoL (p = 0.001).

Tabella 4 Friedman&#39;s ANOVA e Wilcoxon hanno firmato test comparativi multipli
Tabella 4: L'ANOVA e Wilcoxon di Friedman hanno firmato numerosi test comparativi di HRQoL tra MPG, MPSBEEG e MPDBEEG attraverso i punti temporali 3 dello studio.

Tabella 5 Kruskal Wallis Confronto dei risultati del trattamento dei partecipanti
Tabella 5: Confronto Kruskal Wallis dei risultati del trattamento dei partecipanti (cambiamento medio) alla quarta settimana dello studio.

Discussione

Questo studio ha valutato la relazione tra HRQoL e intensità del dolore e l'influenza degli esercizi di resistenza dell'estensore posteriore statici e dinamici su HRQoL in pazienti nigeriani con LMLBP trattati con MP. L'età media dei pazienti in questo studio era di 51.8 ± 7.35 anni. Questa età rientra nella fascia d'età durante la quale il LBP è segnalato come un problema più comune [55]. Dal risultato di questo studio, nessuna differenza significativa nelle caratteristiche fisiche e intensità del dolore è stata trovata nei diversi gruppi di trattamento al basale. Si ritiene che le caratteristiche di base siano predittori di risposta al trattamento negli studi clinici per LBP [56]. È stato riportato che la comparabilità delle misure di base negli studi clinici riduce le possibilità di co-fondatori oltre all'intervento nel predire i risultati. Pertanto, è implicito che i risultati ottenuti in un punto diverso nel corso di questo studio potrebbero essere stati in gran parte dovuti agli effetti dei vari regimi di trattamento.

Questo studio ha studiato la relazione tra HRQoL e l'intensità del dolore. Dal risultato sono state rilevate relazioni inverse significative da moderate ad alte tra intensità del dolore e diversi domini di HRQoL. La percezione generale della salute ha mostrato la minima correlazione (r = -0.603; p = 0.001) mentre il funzionamento sociale ha la più alta correlazione con l'intensità del dolore (r = -0.878; p = 0.001). Dal risultato dello studio si deduce che l'HRQoL dei pazienti con LBP a lungo termine diminuisce con la gravità del dolore. Studi precedenti hanno riportato un'associazione tra LBP e fattori psicosociali [26, 57]. Nello specifico, è stata riportata correlazione inversa significativa tra gravità del dolore e qualità della vita in pazienti con LBP cronica [57-59]. Si ritiene che il dolore abbia un profondo effetto su HRQoL [59] e il grado, a cui i pazienti credono di essere disabilitato da esso, è un fattore potente nella misura della loro qualità di danno alla vita [60]. Pertanto, la qualità della vita è un indicatore del livello di resistenza delle persone al dolore [61].

Dr. Jimenez aiuta un client PushasRx client_01 BW_preview

Confronto all'interno di gruppo di ciascuno degli esercizi MP, MP più Static Back Endurance (MPSBEE) e MP plus Dynamic Back Endurance Exercise (MPDBEE) attraverso i punti di tempo 3 (settimane 0-4, 4-8 e 0-8) del studio ha rivelato che ogni regime di trattamento ha portato a un miglioramento significativo della HRQoL. I pazienti in questo studio hanno mostrato valori basali di SF-36 paragonabili a quelli descritti in altri studi sul LBP cronico [62]. I valori di base di tutti i domini dell'SF-36 osservati in questo studio erano inferiori a quelli dei dati normativi degli adulti riportati da Jenkinson et al [63] lasciando spazio per qualsiasi miglioramento accrescitivo ai regimi di trattamento da valutare. Da questo studio, tutti gli otto domini di SF-36 sono migliorati significativamente alla valutazione della settimana 4th e 8th. Tuttavia, nella valutazione finale, il funzionamento sociale, la percezione generale della salute e il dolore corporeo sono migliorati rispetto agli altri domini di SF-36 nel MPG. La percezione generale della salute, il funzionamento fisico, il funzionamento sociale, il dolore corporeo e la vitalità energetica migliorarono più degli altri domini di SF-36 nel MPSBEEG mentre la percezione generale della salute, il funzionamento fisico, il funzionamento sociale, il dolore corporeo e la vitalità energetica migliorarono più degli altri domini di SF-36 in MPDBEEG. Ruolo fisico, ruolo emotivo e salute mentale sono stati i domini meno migliorati del SF-36 tra i gruppi di trattamento. Sebbene siano stati osservati significativi miglioramenti nei diversi domini da parte dei gruppi di trattamento sulla valutazione finale, i valori erano ancora inferiori ai dati normativi degli adulti per lo stato di salute generale valutati utilizzando il questionario SF-36 [63]. Uno studio precedente di Smeets e colleghi [64] ha rilevato che un regime di terapia fisica attivo progettato principalmente per migliorare gli aspetti fisiologici del LBP come il livello di fitness aerobico, la forza muscolare bassa e la resistenza può anche ridurre l'impatto dei fattori psicosociali che non ha deliberatamente . Alla luce delle prove attuali, Hill e Fritz [57] suggeriscono che potrebbe non necessariamente seguire che uno psicologo è in una posizione migliore per migliorare i risultati del trattamento rispetto a un fisioterapista, anche quando un obiettivo del trattamento è la mediazione di un fattore psicosociale. Hill e Fritz [57] sostengono inoltre che i fattori psicosociali tra cui la paura del movimento, l'ansia, una strategia di coping difettosa e la qualità della vita hanno una forte influenza sul successo del trattamento per i pazienti con mal di schiena a livello di gruppo. La letteratura suggerisce che l'esercizio in generale ha un potenziale beneficio sull'aspetto psicosociale del paziente con LBP a lungo termine. LBP a lungo termine porta al decondizionamento [65] e si ritiene che molti problemi associati al decondizionamento siano reversibili attraverso regimi di esercizi generali e specifici [66]. Harding e Watson [66] osservano che il miglioramento della funzione fisica generale è legato al miglioramento della funzione psicosociale. Sfortunatamente, vi è una carenza di studi sull'effetto degli esercizi di resistenza degli estensori MP e back estensivi su HRQoL in pazienti con LBP meccanico a lungo termine.

Dal risultato di questo studio, il confronto dei diversi regimi di trattamento indica che MPSBEE e MPDBEE avevano un effetto di trattamento significativamente più alto su tutti i domini di HRQoL rispetto a MP alla settimana quattro e otto rispettivamente. MPSBEE e MPDBEE erano comparabili nel loro effetto sul dominio generale di percezione della salute alla quarta settimana; e sulla percezione della salute e sui domini di funzionamento fisico della HRQoL alla settimana otto. Tuttavia, MPDBEE ha avuto effetti di trattamento significativamente più alti su altri domini di HRQoL. In generale, l'esercizio sembra portare a un miglioramento del benessere e della qualità della vita. Tuttavia, non sembra esserci un consenso di opinione sul programma più efficace progettato per mantenere i benefici di esercizio. Il metodo McKenzie è un trattamento popolare e promettente basato sulla classificazione per LBP tra i fisioterapisti [3] oltre a fornire informazioni teoriche al fine di educare i pazienti sulla loro condizione, in modo che i pazienti siano maggiormente in grado di capire le loro condizioni e come cambiarle. comportamento verso un episodio di LBP [67]. Tuttavia, pochi studi hanno studiato l'effetto del MP su HRQoL in pazienti con LMLBP. Udermann et al [68] hanno riscontrato miglioramenti significativi nelle misure HRQoL in pazienti con LBP cronica trattati con MP, ma hanno riferito che l'aggiunta di allenamento di resistenza per gli estensori lombari non ha apportato ulteriori benefici. Negli ultimi tempi, l'allenamento di resistenza degli estensori lombari mirati a migliorare le prestazioni fisiche e la salute psicosociale nei pazienti con LBP è aumentato di popolarità [69, 48, 52, 70], ma la loro efficacia nel migliorare la qualità della vita rimane poco chiara [71 ].

L'efficacia osservata di MP, MPSBEE e MPDBEE in questo studio potrebbe essere dovuta al fatto che ciascun regime conteneva esercizio attivo svolto in posizioni di estensione. L'esercizio attivo può essere descritto come esercizio funzionale eseguito dal paziente o dal cliente. Precedenti studi hanno dimostrato che l'esercizio attivo, indipendentemente dal tipo, è più efficace nella gestione dei pazienti con LBP a lungo termine rispetto alla terapia passiva [72, 73]. L'MP utilizza un sistema di forza auto-generata dal paziente per mobilizzare o manipolare la colonna vertebrale attraverso una serie di movimenti ripetuti attivi o posizionamento statico e si basa sulla risposta del dolore del paziente a determinati movimenti e posture durante la valutazione [3]. Allo stesso modo, gli esercizi di resistenza sono esercizi attivi che richiedono posture statiche o movimenti ripetuti per iniziare gli stimoli di sovraccarico sulla muscolatura. Il diverso regime di trattamento in questo studio aveva componenti di movimento, sia dal MP che è il trattamento di base per tutti i gruppi o dai protocolli di esercizio di resistenza degli estensori posteriori. È stato postulato dai risultati di questo studio che l'esito significativo del trattamento più alto di MPDBEE potrebbe essere dovuto agli effetti combinati dei movimenti e dello stimolo di sovraccarico sui muscoli estensori posteriori. MPDBEE sembra contenere gli ingredienti del movimento, in primo luogo, dal MP, che è il trattamento di base per questo gruppo e ha comportato una serie di movimenti ripetuti attivi. In secondo luogo, l'esercizio di resistenza dinamica degli estensori della schiena comportava anche movimenti ripetuti del tronco e degli arti nel piano sagittale. Sembra che l'esercizio di estensione con elementi di movimento eseguiti in modelli simili ai movimenti dei compiti quotidiani possa aiutare a migliorare gli aspetti psicosociali del LBP a lungo termine come osservato in questo studio.

Limitazioni dello studio

La generalizzabilità dei risultati di questo studio è limitata dal fatto che uno strumento di qualità della vita generico è stato impiegato a causa della scarsità di strumenti HRQoL standard con proprietà psicometriche documentate specifiche per i pazienti con LBP. Teoricamente, le misure HRQoL specifiche sono ritenute più reattive rispetto alle misure generiche HRQL [74]. Come tutte le altre valutazioni autovalutate, è possibile che i pazienti in questo studio abbiano dato risposte esagerate o sovrastimato l'effetto dell'esercizio sulla loro HRQoL. Inoltre, si ritiene che la percezione individuale del costrutto psicosociale come HRQoL sia influenzata dall'interpretazione soggettiva e dal pregiudizio culturale [75, 76]. L'alto tasso di abbandono osservato in questo studio è anche una potenziale limitazione e fonte di pregiudizi che possono limitare l'interpretazione e la generalizzabilità dei risultati dello studio. Infine, gli esiti del trattamento dei diversi regimi sono stati misurati solo su un periodo di tempo così breve di otto settimane.

Conclusione

La qualità della vita correlata alla salute dei pazienti con LBP a lungo termine diminuisce con la gravità del dolore. Il protocollo McKenzie, gli esercizi di resistenza degli estensori posteriori statici e dinamici hanno avuto un significativo effetto terapeutico sulla HRQoL nei pazienti con LMLBP. Tuttavia, l'aggiunta di esercizi di resistenza dinamici degli estensori posteriori a MP ha comportato un miglioramento più elevato di HRQoL. Si raccomanda di combinare l'esercizio di resistenza statica o dinamica con MP nei pazienti con LMLBP per ottenere il massimo miglioramento dello stato di salute generale.

Ringraziamenti

Questa ricerca è stata finanziata da un premio per la borsa di studio di dottorato di ricerca africana offerto dall'African Population and Health Research Center (APHRC) in collaborazione con l'International Development Research Center (IDRC). Vorremmo ringraziare il management e i clinici del dipartimento di fisioterapia OAUTHC, Ile-Ife, Nigeria per il loro supporto nello svolgimento dello studio. Vorremmo anche ringraziare tutti i pazienti che hanno partecipato a questo studio.

Interessi conflittuali

Gli autori non dichiarano alcun interesse in competizione.

Contributi degli autori

Tutti gli autori hanno contribuito a questo studio in modi conformi ai criteri di paternità ICMJE. Tutti gli autori hanno letto e approvato la versione finale del manoscritto.

In conclusione, la qualità della vita dei pazienti con dolore lombare cronico e / o persistente è migliorata e l'intensità del dolore dei sintomi della LBP sembra diminuire con l'uso della terapia McKenzie e degli esercizi di resistenza, secondo lo studio. Inoltre, secondo il protocollo di trattamento McKenzie, sono stati registrati esercizi di resistenza dell'estensore posteriore statici e dinamici per migliorare significativamente i sintomi rispetto agli esercizi di resistenza da soli. Informazioni riferite dal Centro nazionale per le informazioni sulle biotecnologie (NCBI). Lo scopo delle nostre informazioni è limitato alla chiropratica e alle lesioni e condizioni spinali. Per discutere l'argomento, non esitate a chiedere al Dr. Jimenez o contattaci a 915-850-0900 .

A cura di Dr. Alex Jimenez

1. Waddell G. London: Churchill Livingstone; 1998. La rivoluzione della mal di schiena.
2. Burton AK, Balague F, Cardon G, Eriksen HR, Henrotin Y, Lahad A, et al. A nome del gruppo di lavoro COST B13 sulle linee guida per la prevenzione della lombalgia. Linee guida europee per la prevenzione della lombalgia - Novembre 2004. Eur Spine J. 2006; 15: s136-168. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
3. Mckenzie RA. Waikanae, Nuova Zelanda: Spinal Publication Limited; 1990. Tratta la tua schiena. Pubblicazione spinale. Pu.
4. Sikorski JM, Stampfer HG, Cole RM, Wheatley AE. Aspetti psicologici della lombalgia cronica. Aust N Zeal J Surg. 1996; 66 (5): 294-7. [PubMed]
5. Filho IT, Simmonds MJ, Protas EJ, Jones S. Mal di schiena, funzione fisica e stime della capacità aerobica: quali sono le relazioni tra metodi e misure? Am J Phys Med Rehabil. 2002; 81 (12): 913-20. [PubMed]
6. Anderson GBJ. Caratteristiche epidemiologiche del dolore cronico alla parte bassa della schiena. Lancetta. 1999; 354 (9178): 581-585. [PubMed]
7. Gruppo scientifico dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sull'onere delle condizioni muscoloscheletriche dell'inizio del nuovo millennio. Ginevra: OMS; 2003. Il peso delle condizioni muscolo-scheletriche all'inizio del nuovo millennio. [PubMed]
8. Louw QA, Morris LD, Grimmer-Somers K. La prevalenza della lombalgia in Africa: una revisione sistematica. Disturbo muscoloscheletrico BMC. 2007; 8: 105. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
9. van Tulder MW, Koes BW, Bouter LM. Trattamento conservativo della lombalgia acuta e cronica non specifica. Una revisione sistematica di studi randomizzati e controllati sugli interventi più comuni. Colonna vertebrale. 1997; 22 (18): 2128-56. [PubMed]
10. Quittan M. Gestione del mal di schiena. Disabilire la riabilitazione. 2002; 24 (8): 423-34. [PubMed]
11. Bigos SJ, McKee J, Holland JP, Holland CL, Hildebrandt J. Mal di schiena; lo scomodo paradigma della sicurezza della verità e dell'attività. Der Schmertz. 2001; 15 (6): 430-434. [PubMed]
12. Deyo RA, Tsui-Wu YJ. Disabilità funzionale dovuta a dolore lombare: uno studio basato sulla popolazione che indica l'importanza dei fattori socioeconomici. Artrite Rheum. 1987; 30 (11): 1247-1253. [PubMed]
13. Coste J, Delecoeuillerie G, Cohen de Lara A, Le Parc JM, Paolaggi JB. Decorso clinico e fattori prognostici del dolore lombare acuto: uno studio di coorte iniziale nella pratica di cure primarie. BMJ. 1994; 308 (6928): 577-80. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
14. Picavet HS, Schouten JS. Dolore muscoloscheletrico nei Paesi Bassi: prevalenze; conseguenze e gruppi a rischio; lo studio DMC 3. Dolore. 2003; 102 (1-2): 167-78. [PubMed]
15. Tuzun EH. Qualità della vita nel dolore muscoloscheletrico cronico. Best Pract Res Clin Rheumatol. 2007; 21 (3): 567-579. [PubMed]
16. Ultimo AR, dolore lombare cronico di Hulbert K.: valutazione e gestione. Sono un medico di famiglia. 2009 http://www.vertebrologi.ru/biblio/chronic_back.pdf. Accesso 4th dicembre 2013. [PubMed]
17. Linton SJ. Una revisione dei fattori di rischio psicologici nel dolore alla schiena e al collo. Colonna vertebrale. 2000; 25 (9): 1148-56. [PubMed]
18. Scholich SL, Hallner D, Wittenberg RH, Hasenbring MI, Rusu AC. La relazione tra dolore, disabilità, qualità della vita e fattori cognitivo-comportamentali nel mal di schiena cronico. Disabilire la riabilitazione. 2012; 34 (23): 1993-2000. [PubMed]
19. Geisser ME, Robinson ME, Miller QL, Bade SM. Fattori psicosociali e valutazione della capacità funzionale tra le persone con dolore cronico. J Occup Rehabil. 2003; 13 (4): 259-76. [PubMed]
20. Lamé IE, Peters ML, Vlaeyen JW, Kleef M, Patijn J. La qualità della vita nel dolore cronico è più associata alle credenze sul dolore che all'intensità del dolore. Eur J Pain. 2005; 9 (1): 15-24. [PubMed]
21. Deyo RA, Andersson G, Bombardier C, Cherkin DC, Keller RB, Lee CK, et al. Misure di outcome per lo studio dei pazienti con lombalgia. Colonna vertebrale. 1994; 19 (Suppl 18): 2032S-6. [PubMed]
22. Bombardier C. Valutazioni di esito nella valutazione del trattamento dei disordini spinali. Colonna vertebrale. 2000; 25 (24): 3100-3. [PubMed]
23. Ware JE, Snow KK, Kosinski M, Gandek B. SF-36 Health Survey - Manuale e Guida all'interpretazione. Boston: The Health Institute; New England Medical Center. 1993; 4: 3.
24. Ware JE, Jr, Sherbourne CD. Il sondaggio sulla salute delle forme brevi MOS 36 (SF-36) I. Quadro concettuale e selezione degli oggetti. Cura medica. 1992; 30 (6): 473-483. [PubMed]
25. Main CJ, George SZ. Influenze psicosociali sulla lombalgia: perché dovrebbe interessarti? Fisico 2011; 91 (5): 609-13. [PubMed]
26. Vlaeyenm JWS, Kole-Snijders AM, Boeren RG, van Eek H. Paura di movimento / (ri) ferita nella lombalgia cronica e la sua relazione con le prestazioni comportamentali. Dolore. 1995; 62: 363-372. [PubMed]
27. Gatchel RJ, Polatin PB, Mayer TG. Il ruolo dominante dei fattori di rischio psicosociale nello sviluppo della disabilità cronica da lombalgia. Colonna vertebrale. 1995; 20 (24): 2702-2709. [PubMed]
28. George SZ, Joel E Bialosky, Julie M Fritz. Credenze Dolore lombare acuto ed elevata terapia per evitare il timore Fear Therapy Gestione di un paziente con. Fisico 2004; 84 (6): 538-549. [PubMed]
29. Hägg O, Burckhardt C, Fritzell C, Nordwall A. Qualità della vita nella lombalgia cronica: un confronto con la fibromialgia e la popolazione generale. J Muscoskel Pain. 2003; 11 (1): 31-38.
30. Woby SR, Watson PJ, Roach NK, Urmston M. I cambiamenti nelle credenze di evitamento della paura, catastrofiche e valutazioni del controllo, predittivo dei cambiamenti nella lombalgia cronica e nella disabilità? Eur J Pain. 2004; 8 (3): 201-210. [PubMed]
31. Weiner BK. Aggiornamento della colonna vertebrale: il modello biopsicosociale e la cura della colonna vertebrale. Colonna vertebrale. 2008; 33 (2): 219-223. [PubMed]
32. Lopez A, Mathers C, Ezzati M, Jamison D, Murray J. Fascicolo globale e regionale di malattia e fattori di rischio,: Analisi sistematica dei dati sulla salute della popolazione 2001. Lancetta. 2006; 367 (9524): 1747-57. [PubMed]
33. Australian Bureau of Statistics (ABS) Canberra: ABS; 2006. Attività fisica in Australia: un'istantanea, 2004-05. Gatto ABS no. 4835.0.55.001.
34. Cavill N, Kahlmeier S, Racioppi F. Attività fisica e salute in Europa: prove per l'azione. http://www.euro.who.int/en/publications/abstracts/physical-activity-and-health-in-europe-evidence-for-action. Accesso a 22 / 12 / 2012.
35. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDCP) Esercizio o attività fisica. 2013 http://www.cdc.gov/nchs/fastats/exercise.htm Accesso 12th Gennaio 2013.
36. Hayden JA, van Tulder MW, Tomlinson G. Revisione sistematica: strategie per l'utilizzo della terapia fisica per migliorare i risultati nel dolore cronico alla parte bassa della schiena. Ann Int Med. 2005; 142 (9): 776-785. [PubMed]
37. Brukner P, Khan K. Sydney: McGraw-Hill; 1993. Medicina sportiva clinica.
38. Cherkin DC, Deyo RA, Battla MC, Street JH, Hund M, Barlow W. Un confronto tra la manipolazione chiropratica della terapia fisica o un opuscolo educativo per il trattamento della lombalgia. New Eng J Med. 1998; 339 (15): 1021-1029. [PubMed]
39. McKenzie R, maggio S. Diagnosi e terapia meccanica. 2nd edizione. Vol. 1. Waikanae, Nuova Zelanda: Spinal Publications New Zealand Ltd .; 2003. La colonna lombare.
40. Machado LA, de Souza MS, Ferreira PH, Ferreira ML. Il metodo McKenzie per la lombalgia: una revisione sistematica della letteratura con un approccio di meta-analisi. Colonna vertebrale. 2006; 31: 254-262. [PubMed]
41. Ayanniyi O, Lasisi OT, Adegoke BOA, Oni-Orisan MO. Gestione della lombalgia: atteggiamenti e preferenze di trattamento dei fisioterapisti in Nigeria. Afr J Biomed Res. 2007; 10 (1): 41-49.
42. Mbada CE, Ayanniyi O, Ogunlade SO. Effetto dei muscoli statici e dinamici degli estensori della schiena esercizio di resistenza sull'intensità del dolore, limitazione dell'attività e limitazione della partecipazione nei pazienti con dolore lombare meccanico a lungo termine. Med Rehabil. 2011; 15 (3): 11-20.
43. Cohen J. In Analisi del potere statistico per Scein Behavioral 2nd Ed Chapter 8. New Jersey: Lawrence Erlbaum Associates; 1988. Analisi della varianza e della covarianza: tabelle delle dimensioni del campione.
44. Bronfort G, Bouter LM. Reattività dello stato di salute generale nella lombalgia cronica: un confronto tra i grafici COOP e l'SF-36. Dolore. 1999; 83 (2): 201-9. [PubMed]
45. Taylor SJ, Taylor AE, Foy MA, Fogg AJB. Reattività delle misure di outcome comuni per i pazienti con lombalgia. Colonna vertebrale. 2001; 24 (17): 1805-1812. [PubMed]
46. MP di Jensen, McFarland CA. Aumentare l'affidabilità e la validità della misurazione dell'intensità del dolore nei pazienti con dolore cronico. Dolore. 1993; 55 (2): 195-203. [PubMed]
47. Von Korff M, Deyo RA, Cherkin D, Barlow SF. Mal di schiena in cure primarie: risultati nell'anno 1. Colonna vertebrale. 1993: 55-862. [PubMed]
48. Moffroid MT, Haugh LD, Haig AJ, Henry SM, Pope MH. Allenamento di resistenza dei muscoli estensori del tronco. Fisico 1993; 73: 10-17. [PubMed]
49. Adegoke BOA, Babatunde FO. Effetto di un protocollo di esercizio sulla resistenza dei muscoli estensori del tronco: un RCT. Hong Kong Physiother J. 2007; 25: 2-9.
50. Petrofsky JS, Lind AR. Invecchiamento, forza isometrica e resistenza; e risposte cardiovascolari allo sforzo statico. J Appl Physiol. 1975; 38 (1): 91-95. [PubMed]
51. Bonde-Petersen F, Mork AL, Nielsen E. Flusso sanguigno muscolare locale e contrazioni sostenute del braccio umano e dei muscoli della schiena. Eur J Appl Physiol Occup Physiol. 1975; 34 (1): 43-50. [PubMed]
52. Chok B, Lee R, Latimer J, Beng Tan S. Allenamento di resistenza dei muscoli estensori del tronco nelle persone con lombalgia sub acuta. Fisico 1999; 79 (11): 1032-1042. [PubMed]
53. Fox EL, Bowers RW, Foss ML. 4th Ed. Philadelphia: Saunders College; 1988. Le basi fisiologiche dell'educazione fisica e dell'atletica.
54. Liddle SD, Baxter GD, Gracey JH. Esercizio fisico e lombalgia cronica - cosa funziona? Dolore. 2004; 107 (1-2): 176-190. [PubMed]
55. Leboeuf-Yde C, Kyvik KO. A che età la lombalgia diventa un problema comune? Uno studio su 29; 4 24 individui di età 12-41 anni. Colonna vertebrale. 1998; 23 (2): 228-34. [PubMed]
56. Underwood MR, Morton V, Farrin A, gruppo di prova UK BEAM Le caratteristiche basali prevedono la risposta al trattamento per la lombalgia? Analisi secondaria del set di dati BEAM del Regno Unito. Reumatologia. 2007; 46 (8): 1297-1302. [PubMed]
57. Hill JC, Fritz JM. Influenze psicosociali sulla lombalgia; disabilità; e risposta al trattamento. Fisico 2011; 91 (5): 712-21. [PubMed]
58. Sengul Y, Kara B, Arda MN. La relazione tra il luogo di controllo della salute e la qualità della vita nei pazienti con lombalgia cronica. Turk Neurosurg. 2010; 20 (2): 180-185. [PubMed]
59. Tavafian SS, Eftekhar H, Mohammad K, Jamshidi AR, Montazeri A, Shojaeezadeh D, Ghofranipour F. Qualità della vita nelle donne con diversa intensità di lombalgia. Iran J Salute pubblica. 2005; 34 (2): 36-39.
60. Turner JA, Jensen MP, Romano JM. Fede, convinzioni e catastrofiche predicono in modo indipendente il funzionamento nei pazienti con dolore cronico. Dolore. 2000; 85 (1-2): 115-25. [PubMed]
61. Lyons RA, Lo SV, Littlepage BNC. Stato di salute comparativo dei pazienti con malattie comuni 11 in Galles. J Epidemiol Community Health. 1994; 48 (4): 388-390. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
62. Lurie J. Una revisione delle misure generiche sullo stato di salute in pazienti con lombalgia. Colonna vertebrale. 2000; 25 (24): 3125-9. [PubMed]
63. Questionario di indagine sulla salute Jenkinson C, Coulter A, Wright L. Short form 36 (SF 36): dati normativi per adulti di età lavorativa. BMJ. 1993; 306 (6890): 143740. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
64. Smeets RJ, Vlaeyen JW, Kester AD, Knottnerus JA. La riduzione del dolore catastrofico media l'esito del trattamento sia fisico che cognitivo-comportamentale nella lombalgia cronica. J Pain. 2006; 7: 261-271. [PubMed]
65. Verbunt JA, Seelen HA, Vlaeyen JW, van de Heijden GJ, Heuts PH, Pons K, Knottnerus JA. Disuso e decondizionamento nella lombalgia cronica: concetti e ipotesi sui meccanismi contributivi. Eur J Pain. 2003; 7 (1): 9-21. [PubMed]
66. Harding VR, Watson PJ. Aumento dell'attività e miglioramento della funzione nella gestione del dolore cronico. Fisioterapia. 2000; 86 (12): 619-630.
67. Garcia AN, Gondo FLB, Costa RA, Cyrillo FN, Silva TM, Costa LCM, Costa LOP. Efficacia delle tecniche di back school e McKenzie in pazienti con lombalgia cronica aspecifica: un protocollo di uno studio controllato randomizzato. Disturbo muscoloscheletrico BMC. 2011; 12: 179. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
68. Udermann BE, Mayer JM, Donelson RG, Graves JE, Murray SR. Combinazione dell'allenamento lombare con la terapia McKenzie: effetti sul dolore; disabilità; e funzionamento psicosociale nei pazienti cronici di lombalgia. GLMJ. 2004; 3 (2): 7-12.
69. Kovascs FM, Abraira V, Zamora J, Fernandez C. Il passaggio dalla lombalgia acuta a quella subacuta e cronica: uno studio basato sui determinanti della qualità della vita e sulla predizione della disabilità cronica. Colonna vertebrale. 2005; 30: 1786-1792. [PubMed]
70. Johnson OE, Adegoke BOA, Ogunlade SO. Confronto di quattro regimi di fisioterapia nel trattamento della lombalgia meccanica a lungo termine. JJPTA. 2010; 13 (1): 9-16. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
71. Shaughnessy M, Caulfield B. Uno studio pilota per studiare l'effetto dell'allenamento della stabilizzazione lombare sull'abilità funzionale e sulla qualità della vita nei pazienti con lombalgia cronica. Int J Rehabil Res. 2004; 27 (4): 297-301. [PubMed]
72. Kankäänpää M, Taimela S, Airaksien OJ, Hannnien O. L'efficacia della riabilitazione attiva nella lombalgia cronica. Effetto sull'intensità del dolore; invalidità autodidatta e affaticabilità lombare. Colonna vertebrale. 1999; 24 (10): 1034-42. [PubMed]
73. Rainville J, Hartigan C, Martinez E, Limke J, Jouve C, Finno M. Esercizio come trattamento per lombalgia cronica. Spine J. 2004; 4 (1): 106-115. [PubMed]
74. Guyatt Gordon. Approfondimenti e limiti della ricerca sulla qualità della vita correlata alla salute. Gen Intern Med. 1997; 12 (11): 720-721. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]
75. Kleinman A, Eisenberg L, Good B. Cultura, malattia e cura: lezioni cliniche dalla ricerca antropologica e interculturale. Ann Intern Med. 1978; 88: 251-258. [PubMed]
76. Carr AJ, Higginson IJ. Le misure di qualità della vita sono centrate sul paziente? BMJ. 2001; 322 (7298): 1357-1360. [Articolo gratuito di PMC] [PubMed]

Green-Call-Now-Button-24H-150x150-2-3.png

Argomenti aggiuntivi: Sciatica

La sciatica è indicata come una raccolta di sintomi piuttosto che un singolo tipo di lesione o condizione. I sintomi sono caratterizzati da dolore radiante, intorpidimento e sensazioni di formicolio dal nervo sciatico nella parte bassa della schiena, giù per i glutei e le cosce e attraverso una o entrambe le gambe e nei piedi. La sciatica è comunemente il risultato di irritazione, infiammazione o compressione del nervo più grande del corpo umano, generalmente a causa di un'ernia del disco o dello sperone osseo.

foto di blog di cartone animato grande notizie

ARGOMENTO IMPORTANTE: EXTRA EXTRA: Trattamento del dolore della sciatica