Categorie: DieteFitness

Etichette a basso contenuto di grassi e zuccheri possono confondere i consumatori

Condividi

Le etichette degli alimenti che affermano che "basso contenuto di sale" o "nessun grasso" possono essere fuorvianti, suggeriscono un nuovo studio.

Queste affermazioni "a basso contenuto" si basano su confronti con altri alimenti e non sono definizioni standard. Fare una simile affermazione non significa necessariamente che il cibo sia più nutriente di altre marche, affermano gli autori.

I consumatori dovrebbero "girare la confezione e guardare l'intero profilo nutrizionale, nonché l'elenco degli ingredienti, al fine di capire meglio se il prodotto nel complesso è più sano o meno sano", Lindsey Smith Taillie dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill ha detto a Reuters Health in una telefonata.

Smith Taillie e colleghi hanno analizzato i dati su oltre 80 milioni di acquisti di alimenti e bevande effettuati negli Stati Uniti dalle famiglie 40,000 da 2008 a 2012.

"Abbiamo scoperto che le famiglie ad alto reddito tendevano ad avere maggiori probabilità di acquistare prodotti con questo tipo di richieste, il che è coerente con le ricerche precedenti che suggeriscono che le richieste tendono ad essere più utilizzate da persone con livelli di istruzione più elevati", ha affermato Smith Taillie.

Come riportato nel Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, 13 percento degli alimenti e 35 percento degli acquisti di bevande includevano prodotti con un tipo di reclamo a basso contenuto. Gli acquisti a basso contenuto di grassi sono stati i più comuni, seguiti da indicazioni a basso contenuto calorico, a basso contenuto di zucchero e a basso contenuto di sodio.

In media, gli alimenti confezionati con indicazioni a basso contenuto di nutrienti avevano il 32 percento in meno di calorie, l'11 percento in meno di zucchero e circa la metà del grasso e del sodio rispetto agli alimenti che non contenevano alcun reclamo sulla confezione.

Tuttavia, alcuni prodotti con indicazioni a basso contenuto di nutrienti in realtà avevano più di quella sostanza rispetto agli alimenti senza tali affermazioni.

Inoltre, Smith Taillie ha affermato che, quando un prodotto presenta un'affermazione a basso contenuto di zucchero, ad esempio, potrebbe avere meno zucchero di un prodotto di riferimento o di un prodotto simile, "ma ciò non significa che abbia una qualità nutrizionale complessivamente migliore".

Oppure, “potrebbe essere un alimento ricco di zuccheri ma con pochi grassi, quindi dirà basso contenuto di grassi sull'etichetta. Ciò non significa che sia salutare ", ha detto.

"Fondamentalmente, può essere un po 'fuorviante prendere una decisione su un prodotto sulla base di un reclamo", ha aggiunto.

La Food and Drug Administration statunitense regola ciò che i prodotti possono rivendicare, ha affermato Smith Taillie.

"Non è che i prodotti siano tecnicamente sbagliati nel presentare un reclamo a basso contenuto, è solo che le regole che consentono loro di fare questo tipo di reclamo variano in base al reclamo e alla categoria di alimenti", ha detto.

Le etichette degli alimenti possono essere fonte di confusione, concordano Melissa Rifkin, dietista del Montefiore Medical Center di New York City che non è stata coinvolta nello studio.

Capire cosa significa un'etichetta di fatto nutrizionale è più importante che concentrarsi sulle affermazioni di marketing ", Rifkin ha detto a Reuters Health via e-mail.

Gli elementi chiave su cui concentrarsi sono la porzione, la quantità per contenitore, le calorie, il grasso, il sodio e lo zucchero, ha detto.

Rifkin ha affermato che è in fase di sviluppo una nuova e rinnovata etichetta dei fatti nutrizionali.

"Lentamente inizieremo a vedere tutte le etichette prendere le nuove informazioni", ha detto.

Post Recenti

Alcuni modi per gestire il mal di schiena cronico durante l'estate

Il mal di schiena cronico non deve rovinare la stagione estiva. L'approccio migliore è ... Leggi di più

Giugno 26, 2020

Bretelle al collo, collari cervicali: tipi di rinforzi spinali

Un individuo potrebbe aver bisogno di indossare un tutore per il collo o un collo cervicale dopo la colonna cervicale ... Leggi di più

Giugno 25, 2020

La meningite spinale può colpire la colonna vertebrale: cosa sapere

La meningite spinale non colpisce solo il cervello. La maggior parte pensa alla meningite come a un cervello ... Leggi di più

Giugno 24, 2020